Come scegliere la lunghezza dell’attacco manubrio: 3 fattori da considerare

Valuta post

Se la guardi dal punto di vista dell’intera bici, la lunghezza dell’attacco manubrio è una misura fondamentale che ti consente di apportare le necessarie modifiche alla tua bici. Può influenzare molti fattori diversi come la maneggevolezza e la sensazione della bici.

La lunghezza dello stelo non è sempre stata regolabile o flessibile come il reggisella della bicicletta. Tutto è iniziato quando Marshall Taylor ha inventato il primo attacco manubrio regolabile al mondo alla fine del 19th secolo.

Lo ha fatto attraverso l’uso di un morsetto scorrevole che potrebbe essere utilizzato per spostare il manubrio lontano dalla persona che guida la bici a velocità singola. Ora, la lunghezza dello stelo è abbastanza flessibile e può arrivare fino a 50 mm e persino a 150 mm.

È importante tenere presente che ogni componente della tua bici è interconnesso, quindi cambiare l’attacco manubrio può rivoluzionare completamente altri aspetti della tua bici, incluso cambiare la sensazione della bici.

Come scegliere la migliore lunghezza dell’attacco manubrio della bici

Ecco alcune considerazioni importanti da fare quando si ottimizza la lunghezza dell’attacco manubrio della bici e si esegue un adattamento della bici:

1. Peso della ruota anteriore

La lunghezza dell’attacco manubrio gioca un ruolo enorme nel determinare il peso della ruota anteriore, che giocherebbe un ruolo nella scelta del portabici. Uno stelo più lungo si traduce in genere in un peso aggiuntivo nella parte anteriore delle barre.

Scopri anche:   Lopez correrà per la squadra colombiana a livello continentale nel 2023

In questo modo è più facile mantenere la stabilità quando si sfreccia ad alta velocità. Tuttavia, può anche portare a una sensazione meno reattiva.

2. Sterzo bici

Lo sterzo della bici è influenzato anche dall’inclinazione del percorso e della testa o dagli specchietti della bici che potresti aver attaccato al manubrio. Tuttavia, la lunghezza dello stelo può attenuare o aiutare questi effetti.

Gli steli corti in genere portano a una sensazione di volante che è incredibilmente responsabile ma può anche sembrare nervosa.

Un attacco manubrio più lungo si traduce in una manovrabilità più lenta, il che rende difficile ottenere una sterzata a bassa velocità, ma sarai comunque in grado di raggiungere la stabilità della bici ad alte velocità.

3. Inversione dello stelo

È anche importante capire come invertire l’attacco manubrio quando si decide come scegliere la lunghezza dell’attacco manubrio di una bici da strada.

L’inversione dell’attacco manubrio deve essere uno dei modi migliori per migliorare il fattore comfort della tua bici perché ti consente di godere di una posizione di guida più comoda dove il manubrio è più alto del solito.

Da un lato hai una posizione angolata che ti permette di mantenere una posizione eretta mentre dall’altro è piatta e aggressiva.

Per ottenere i migliori risultati, ti consigliamo di controllare lo stelo per assicurarti di trovarti in una posizione meno stressante per la schiena. La buona notizia è che gli steli ad inclinazione elevata sono abbastanza flessibili da poter essere invertiti per consentire una posizione di guida più confortevole.

Conclusione

Come puoi vedere, non ci vuole molto per imparare a scegliere la lunghezza dell’attacco manubrio da mountain bike.

Scopri anche:   Il miglior lucchetto a cavo per bici

La cosa più importante è assicurarti di avere una bici comoda che non metta a dura prova la parte bassa della schiena. Fortunatamente, la lunghezza dello stelo è modificabile, quindi la posizione che scegli di adottare dipende davvero da te. Può andare da 50 mm fino a 150 mm e oltre.

Influirà anche sulla potenza e sull’abilità dello sterzo della bici, nonché sulla distribuzione del peso della bici.

Martina
Martina Voletti

Appassionata di ciclismo su strada e mountain bike, scrivo articoli sul ciclismo (notizie, allenamento, attrezzature, consigli e opinioni) per i nostri lettori. Sono anche una fotografa in erba e ogni volta che esco in bici, cerco di catturare i migliori scatti... con la macchina fotografica.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *