Unearthing the Myotragus Dorothea Enduro and DH Bikes

Alla scoperta delle Myotragus Dorothea Enduro e DH Bikes

Valuta post

Myotragus, un marchio emergente di mountain bike maiorchino che prende il nome da un mammifero estinto noto solo per aver abitato le isole Baleari di Maiorca e Minorca, è molto vicino al rilascio dei suoi telai di debutto; la Dorothea 20 DH Bike e la Dorothea 17 Enduro Bike. Abbastanza appropriatamente, le Myotragus Bikes prendono il nome da Dorothea Bate, la paleontologa gallese che scoprì la creatura nel 1909. Riferimenti storici a parte, il prototipo Dorothea DH ha rubato la nostra attenzione con la sua insolita esecuzione di una piattaforma di sospensione virtuale a doppio collegamento a perno alto che offre un quasi percorso rettilineo dell’asse posteriore.

Roger Pisà, un ciclista maiorchino di DH ed Enduro, è la mente dietro il sistema brevettato OLS Suspension Linkage. Ha lavorato a stretto contatto con l’ingegnere di Barcellona, ​​Joan Bujosa, per realizzare le sue idee e trasformare in realtà le moto dei suoi sogni. Il telaio è ancora in fase di sviluppo mentre il team attende i primi campioni del prototipo V4. Sebbene i telai del cambio siano mostrati ovunque, la produzione finale porterà sul mercato anche un’opzione di trasmissione tradizionale. Abbiamo fatto una telefonata con Joan Bujosa per saperne di più su queste nuove entusiasmanti bici.

Miotrago Dorothea

myotragus dorothea dh bici pignone cambio percorso dell'asse posteriore a perno alto virtuale
Le bici Myotragus Dorothea Enduro e DH utilizzeranno la stessa piattaforma del telaio modulare ma con diversi collegamenti inferiori, linguette degli ammortizzatori e dimensioni dell’ammortizzatore per offrire rispettivamente 175 mm e 200 mm di escursione della ruota posteriore

L’idea del Myotragus Dorothea è nata oltre 10 anni fa quando il fondatore, Roger Pisà, ha intrapreso un viaggio esplorativo per progettare una piattaforma di sospensione per mountain bike che fornisse un percorso dell’asse rettilineo, tramite una disposizione a doppio collegamento in cui il collegamento inferiore ruotato in senso antiorario poiché la ruota posteriore è stata spostata da un urto. Non solo, ma voleva che il percorso rettilineo dell’asse si spostasse solo all’indietro.

Notando che un percorso dell’asse posteriore si tradurrebbe in una lunghezza del centro posteriore crescente e, quindi, in una crescita della catena, Roger si è reso conto che l’uso di una puleggia folle sarebbe stato necessario per gestire l’anti-squat e il contraccolpo del pedale. Ha ragionato che il posto migliore per posizionare la puleggia folle sarebbe stato sul collegamento inferiore, in modo tale che la sua posizione si spostasse di concerto con il movimento del forcellone mentre la bici veniva spinta in compressione.

myotragus dorothea dh bike ols sospensione lato non guida superiore perno asse eccentrico

A questo punto, con le sue idee che non si erano ancora materializzate al di là dei suoi stessi pensieri, Roger decise di aver bisogno del consiglio di un ingegnere che fosse in grado di spiegare matematicamente perché il percorso teorico rettilineo dell’asse posteriore avrebbe offerto vantaggi in termini di prestazioni sul sentiero. È intuitivo che un percorso dell’asse che si muove in linea con la direzione delle forze applicate alla ruota posteriore, piuttosto che in opposizione ad esse (si pensi a un perno singolo basso), sarebbe più efficace nell’assorbire e smorzare quelle forze, ma Roger voleva fare affidamento su qualcosa di più della semplice intuizione.

Entra Joan Bujosa, un’amica di Roger che si era da poco laureata in Ingegneria. Anche se non è un motociclista, Joan ci dice che “l’idea di Roger aveva un vero senso, un vero senso fisico; le cose che diceva, ho scoperto che potevano essere supportate dalla fisica o dalla meccanica”. Da quel momento in poi (intorno al 2015), Joan ha iniziato a lavorare con Roger per trasformare in realtà la bici dei suoi sogni.

All’inizio, i due pensarono di produrre le bici Myotragus con alette in titanio e tubi in carbonio, proprio come le bici di Robot Bike Co, ma furono scoraggiati dal prezzo incredibilmente alto di produzione. Volevano produrre telai più convenienti, quindi hanno invece collaborato con il produttore di telai in alluminio, Campmajó Bikes (noto per i loro tandem a sospensione completa), un marchio di biciclette catalano che opera a Tarragona.

Sospensione OLS

Dopo aver prodotto, convalidato e brevettato il suo design delle sospensioni, la piattaforma di sospensione OLS di Roger si è concretizzata sulla Myotragus Dorothea 17 Enduro Bike (V3) dove offre 175 mm di escursione della ruota posteriore (200 mm sulla bici DH). Vede un layout twin-link ad alto pivot virtuale, ma la sua esecuzione è piuttosto fuori dal comune. Ciò che ha attirato la nostra attenzione su questa bici in primo luogo è stato l’asse eccentrico attorno al quale si articola la parte superiore del forcellone. Sebbene possa sembrare complesso, funziona in modo molto simile a un collegamento molto breve.

Scopri anche:   Cambiare la corona di una bicicletta: procedura passo passo

myotragus dorothea dh bike drive side ols piattaforma di sospensione

Quando la ruota posteriore viene spostata, il collegamento inferiore ruota in senso antiorario per guidare la compressione dell’ammortizzatore, mentre il collegamento superiore ruota eccentricamente attorno a un cuscinetto molto grande alloggiato tra il tubo verticale e il tubo orizzontale. Il perno superiore del forcellone si sposta inizialmente in avanti e in alto, quindi nuovamente in basso e all’indietro man mano che l’ammortizzatore viene spinto più in profondità nella compressione. In questo modo, Joan e Roger sono stati in grado di controllare l’arco del percorso dell’assale posteriore in modo che fosse molto vicino a una linea retta.

Il risultato? L’assale posteriore si sposta solo all’indietro. La notevole crescita della catena associata a un tale design richiede non solo una puleggia folle sul collegamento inferiore, ma anche, dato che questa bici utilizza una trasmissione Pignone, un tendicatena a braccio molto lungo dietro la corona.

Ti sento. Vuoi un video al rallentatore dell’articolazione della sospensione. Ecco qui!

Detto questo, Joan ci dice che Myotragus eliminerà questo design del perno superiore sul V4 per facilitare la fabbricazione e per assicurarsi che sarà più semplice eseguire la manutenzione e trovare parti di ricambio quando sarà il momento di cambiare i cuscinetti del telaio . Il rendering qui sotto mostra la forma che probabilmente assumerà la produzione Dorothea, con un collegamento corto che sostituisce il perno dell’asse eccentrico sul triangolo anteriore. Joan dice che il percorso dell’asse è leggermente influenzato da questo cambiamento, ma non in modo significativo.

myotragus dorothea v4 prototipo percorso assale posteriore twin link
Telaio Myotragus Dorothea V4. Da notare l’aggiunta della SRAM UDH su questo telaio progettato per un cambio; questo fornirà un punto di montaggio per un guidacatena stampato in 3D per evitare che la catena cada dal pignone posteriore.

Il percorso dell’asse della Dorothea è davvero molto diverso dai percorsi dell’asse posteriore che abbiamo visto su altre bici a perno alto più tradizionali. Questi sono più arcuati, in modo tale che la lunghezza del centro posteriore cresca più presto nella corsa, ma ricominci ad arcuarsi in avanti verso il fondocorsa. Un’eccezione notevole sarebbe il Forbidden Dreadnought. Poiché il percorso dell’asse è più vicino a quello di una linea retta, la lunghezza del centro posteriore della Dorothea cresce più gradualmente, ma l’arco molto poco profondo significa che non inizia mai a seguire la marcia in avanti. Sulla bici DH da 200 mm di escursione, la lunghezza del centro posteriore aumenta di ben 57 mm.

myotragus dorothea dh bike percorso dell'asse posteriore quasi rettilineo
c. Joan Bujosa di Myotragus Bikes

In effetti, il percorso dell’assale posteriore è più simile al percorso dell’assale anteriore di una normale forcella telescopica, come mostrato nel grafico sopra fornito da Joan. L’interasse della bici si accorcia ancora durante le compressioni che coinvolgono contemporaneamente le ruote anteriori e posteriori, poiché l’angolo del tubo sterzo di 62° sulla bici da DH è molto più lento dell’angolo effettivo di ~74° dello spostamento dell’asse posteriore.

Come puoi immaginare, un tale percorso dell’asse si traduce in alcuni insoliti grafici anti-rialzo e anti-squat.

In particolare, mentre l’anti-rialzo inizia a un 130% abbastanza standard (per le bici con perno alto) attorno alla zona di abbassamento, in realtà aumenta quanto più la ruota posteriore viene spostata nella sua corsa. Questo è esattamente l’opposto di quello che vediamo su altre bici a perno alto in cui l’anti-rialzo diminuisce man mano che avanzi nel viaggio.

Cosa significa questo per le prestazioni di Dorothea sul sentiero? Teoricamente, la bici avrà una maggiore tendenza a comprimersi nella corsa delle sospensioni durante gli eventi di frenata che si verificano più in profondità nella corsa. Probabilmente, non è così rilevante, dal momento che la maggior parte dei ciclisti sta comunque effettuando la maggior parte delle frenate significative intorno alla zona di sag.

Scopri anche:   Come mantenere i freni a disco della tua bici sempre puliti
myotragus dorothea anti-squat high pivot virtual

I valori anti-squat sono più costanti durante l’escursione di 200 mm sul telaio Dorothea DH, attestandosi intorno al 100% attraverso la zona di abbassamento, per poi diminuire successivamente. Pertanto, intorno all’abbassamento, il contraccolpo del pedale dovrebbe essere ridotto al minimo.

E la curva della leva finanziaria?

curva di leva del miotrago dorothea

Offrendo maggiori informazioni su come la bici può comportarsi sul sentiero è la curva della leva. La piattaforma di sospensione OLS di Myotragus Dorothea ha una progressione complessiva del 58%. È molto progressivo all’inizio della corsa finché non raggiunge un rapporto di 3,05-2,66 intorno alla zona di abbassamento. Da qui, il supporto a metà corsa si trova intorno a 2,55 finché non diventa di nuovo molto progressivo verso il fondo. Joan ci dice che a loro non importa che la bici non utilizzi mai, ad esempio, gli ultimi 3 mm di escursione, se ciò significa che il ciclista non sperimenta mai un duro evento dal basso.

La curva di leva sopra si riferisce alla bicicletta Dorothea 20 DH. La curva di leva della Dorothea 17 Enduro Bike da 175 mm di escursione non sarà dissimile nella forma; Joan afferma che la corsa iniziale e finale altamente progressiva sarà ridotta per produrre una curva con una progressione complessiva molto inferiore (41%).

geometria bici da enduro myotragus dorothea
Il telaio prototipo Myotragus Dorothea V3 con asse, serie sterzo e puleggia folle (senza ammortizzatore e cambio) pesa circa 4,1 kg; una bici completa può facilmente pesare intorno ai 18 kg. L’obiettivo è che il V4 (telaio di produzione) pesi circa 4 kg. Per il contesto, sarebbe circa 100 g più pesante di una RAAW Madonna V2.2.

Detto questo, Myotragus ha in programma di rendere la progressione regolabile sul V4 con due possibili posizioni di montaggio dell’ammortizzatore sul collegamento inferiore. Rispetto alla curva della leva vista sopra, la posizione di montaggio dell’ammortizzatore alternativo fornirà una curva con una progressione complessiva inferiore. Il team sta anche valutando due potenziali posizioni di montaggio per l’ammortizzatore superiore.

Geometria Myotragus Dorothea

myotragus dorothea dh bike 200mm corsa angolo sterzo 62 gradi
La Myotragus Dorothea 20 DH Bike ha un angolo del tubo sterzo di 62°, mentre la Dorothea 17 Enduro Bike dovrebbe essere di circa 63,5°

Myotragus prevede di offrire due taglie standard per la Dorothea; una portata di ~ 450 mm e una portata di ~ 480 mm. Detto questo, il marchio di due uomini è disposto a lavorare con ogni cliente e un montatore di biciclette per offrire un’opzione di misura personalizzata per coloro che ne hanno bisogno. Inoltre, a seconda del peso del cliente, dello stile di guida e dell’intenzione per la Dorothea (DH o Enduro), Myotragus può personalizzare un set di tubi più leggero, più conforme o un set di tubi più pesante e rigido. Joan ci dice che la bici di serie sarà in grado di utilizzare una ruota posteriore da 29 “o 27.5”, con regolazioni disponibili per annullare il suo impatto sulla geometria.

myotragus dorothea forcellini a 4 posizioni lunghezza del fodero regolabile

Saranno offerte quattro posizioni di fodero orizzontale; due per una ruota posteriore da 29″ e due per una ruota posteriore da 27.5″. Per il primo sono disponibili foderi orizzontali di 435 mm e 450 mm. Per quest’ultimo sono disponibili foderi orizzontali di 435 mm e 420 mm. Vale la pena ricordare ancora una volta che la lunghezza del centro posteriore crescerà di 57 mm durante l’intera corsa della sospensione, se non altro per rendersi conto che il fodero orizzontale da 450 mm crescerà fino a un effettivo 507 mm dal basso verso l’esterno!

Quando posso acquistarne uno?

Joan e Roger al momento non sono sicuri dei tempi, dato che dovranno ancora testare e convalidare il Myotragus Dorothea V4 attualmente fabbricato da Campmajó Bikes. Successivamente, passerà ai test ISO prima che sia disponibile per il preordine. I due puntano a vendere la Dorothea a circa 2.700-3.000 € per un telaio senza ammortizzatore.

www.myotragusbikes.com

Luca
Luca Sarletti

Sono un appassionato di bici che ha praticato quasi tutti i tipi di ciclismo. Ama il vento tra i capelli, il sole sulle spalle e forse anche gli insetti tra i denti. No, sto scherzando su quest'ultimo punto. Non vado matto nemmeno per le ustioni da strada, ma riconosco che per avere il meglio bisogna fare qualche occasionale capitombolo. Sento che la mia bici è il mezzo su cui può rilassarmi, lasciare i problemi sulla strada, incontrare nuove persone, andare in posti nuovi e vivere una vita avventurosa. Sono pronto a condividere il viaggio con voi.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *