Review: SRAM XPLR gravel group, from Fork to Wheels to Drivetrain

Recensione: gruppo gravel SRAM XPLR, dalla forcella alle ruote alla trasmissione

Valuta post

Se siamo onesti, l’incursione di SRAM nelle trasmissioni per bici gravel è stata un po’ confusa. A partire da una “frizione” idraulica su tutti i loro deragliatori per bici da strada eTap AXS, introducendo “Force Wide” per accogliere i pneumatici più grandi della ghiaia e un assortimento di deragliatori che richiedevano quasi uno schema per trovare cassette compatibili, è stato sufficiente per farti guardare via.

Quindi, finalmente, hanno introdotto un gruppo XPLR completo che include ruote Zipp e una forcella Rockshox Rudy. Se il prodotto ha XPLR su di esso, funziona insieme. Il che, quando si tratta di trasmissioni, si riferisce solo al deragliatore posteriore e alla cassetta 10-44. È compatibile solo con trasmissioni 1x, ma puoi utilizzare qualsiasi guarnitura e corona 1x a 12 velocità.

Quindi, mentre tutto può ancora essere combinato e abbinato, eseguendo un deragliatore e una cassetta per mountain bike Eagle a 12 velocità, leve del cambio a paletta o drop bar, ecc., Il “gruppo” XPLR ottimizza la lunghezza della gabbia, i rapporti del cambio e i passi del cambio per la stragrande maggioranza di situazioni di ghiaia.

E ora che lo digito, forse non lo semplifica davvero, ma segue l’apparente logica di SRAM di “ottimizziamo ogni componente per una gamma di rapporti specifica e relativamente ristretta in modo che funzioni nel modo più nitido possibile”. E con questo in mente, ecco la mia recensione…

Recensione della trasmissione SRAM XPLR

Recensione del gruppo di bici da ghiaia sram xplr e dettagli della trasmissione in primo piano

I gruppi SRAM XPLR offrono due cassette, la 1271 di livello superiore con piastra di supporto in lega mostrata qui e una 1251 con costruzione completamente bloccata. Entrambi sono 10-44 e usano il loro corpo ruota libera XDR.

La gamma è davvero il punto debole per la ghiaia. Dalle colline pianeggianti a quelle ondulate, offre la giusta diffusione, con la possibilità di scambiare facilmente le corone a montaggio diretto da 38 a 46 denti per adattarsi al corso del giorno. Se pedali abitualmente su grandi montagne e hai bisogno di più autonomia, scegli invece la configurazione Eagle AXS con un 10-50.

Per fare un confronto, i gruppi Shimano GRX (per ora) sono progettati per funzionare con cassette da strada e mountain bike a 11 velocità, con quest’ultimo che utilizza deragliatori MTB anziché il deragliatore GRX, come fa SRAM. Il gruppo Campagnolo Ekar a 13 velocità ha 9-36, 9-42 e 10-44, che aggiungono tutti un ulteriore ingranaggio per passi di marcia più fluidi all’estremità piccola della cassetta, ma la stessa gamma di rapporti sulla cassetta più grande.

Quindi, anche se SRAM XPLR ha un’unica cassetta, la realtà è che puoi mescolare e abbinare le parti per quasi tutte le marche, o per Campy, scegliere tra una varietà di cassette e corone per portarla dove ti serve. Da mele a mele, forse da Pink Lady a Red Delicious a Honeycrisp.

Oh, e anche i deragliatori XPLR sono compatibili con le cassette 10-36 di SRAM, ma quelle non sono marchiate XPLR.

Fatto? Bene.

Recensione del gruppo di bici da ghiaia sram xplr e dettagli della trasmissione in primo piano

Le bellezze del sistema SRAM sono i livelli di allestimento aggiuntivi e l’ammortizzatore idraulico Orbit del deragliatore che non è una frizione.

I deragliatori XPLR sono offerti in Rival ($ 269), Force ($ 369) e RED ($ 749). In combinazione con le due opzioni di cassetta, c’è qualcosa per la maggior parte dei budget.

Come i deragliatori per bici da strada, l’Orbit è un ammortizzatore fluido che rallenta semplicemente il movimento della gabbia per impedire il movimento selvaggio della catena su terreni accidentati. A differenza di una frizione caricata a molla, non aggiunge tensione al sistema (sebbene, come tutti i deragliatori, la gabbia sia ancora caricata a molla per mantenere adeguata tensione della catena).

Quindi, tecnicamente, non sta combattendo il motore (perché tutti i livelli di allestimento sono AXS, nessuna opzione meccanica offerta), ma è ridicolmente bravo a domare lo schiaffo della catena.

in sella al gruppo gravel SRAM XPLR per la revisione

Non importa se si tratta di radici, ghiaia grossa, gocce o grandi luppoli, la catena rimane silenziosa e in pista.

Scopri anche:   Cosa indossare in bicicletta con 50 gradi di temperatura

in sella al gruppo gravel SRAM XPLR per la revisione

Il gruppo è anche molto bravo nell’eseguire i turni sotto il potere, anche quando si affrontano cose difficili. Consegna regolare, turni facili e prestazioni affidabili sono i punti salienti.

Recensione del gruppo di bici da ghiaia sram xplr e dettagli della trasmissione in primo piano

I paddle del cambio più grandi e strutturati rendono le cose facili, anche con dita intere e guanti invernali, e l’ergonomia della frenata è piuttosto buona.

Fuori dagli schemi, le leve sono molto avanzate, quindi consiglio di dedicare del tempo alla regolazione della portata per la massima sicurezza e la migliore ergonomia. Una volta impostato, la frenata con un dito è sufficiente per l’arresto casuale e mettere due dita in posizione è abbastanza facile e fornisce una leva più che sufficiente per la maggior parte delle situazioni.

Preferisco ancora scendere nelle discese veloci, aggressive e ripide, e anche qui è fondamentale avere le leve a portata di mano (vedi la raccomandazione sopra). Fortunatamente, le leve della barra di caduta di SRAM hanno un ampio raggio di regolazione.

in sella al gruppo gravel SRAM XPLR per la revisione

Nel complesso, XPLR è un gruppo affidabile e performante con una cornucopia di opzioni per adattarsi a qualsiasi stile di bicicletta o guida.

Recensione Rockshox Rudy XPLR e Reverb AXS

recensione della forcella ammortizzata per bici gravel rockshox rudy xplr e dettagli in primo piano

Con quasi tutti i marchi di sospensioni che ora offrono una forcella gravel, il Rockshox Rudy XPLR (in particolare nel nero lucido) ha l’aspetto più elegante. Sembra sottile e minuscolo al confronto, con curve e linee sui forcellini e sull’arco che lo aiutano a scomparire sulla bici. Questa è una buona cosa.

I miei test finora sono stati sulla versione da viaggio da 30 mm, che aiuta a mettere in risalto le ruote Zipp (continua a leggere), ma in tutta onestà, prendi solo la versione da viaggio da 40 mm. A meno che tu non abbia assolutamente bisogno di mantenere l’avantreno più basso possibile, non c’è motivo per non viaggiare un po’ di più.

recensione della forcella ammortizzata per bici gravel rockshox rudy xplr e dettagli in primo piano

Lo spazio per pneumatici da 700×50 mm offre tutto lo spazio di cui chiunque avrebbe bisogno prima di utilizzare semplicemente una mountain bike. La gestione dei cavi senza attrezzi sembra pulita e non comporta stress per la perdita di una parte o l’estrazione di una minuscola vite.

recensione della forcella ammortizzata per bici gravel rockshox rudy xplr e dettagli in primo piano

I controlli sono semplici, basta girare la manopola per regolare lo smorzamento della compressione dell’ammortizzatore Race Day da aperto a chiuso. La regolazione dell’estensione della gamma completa è sul fondo con una manopola rimovibile.

recensione della forcella ammortizzata per bici gravel rockshox rudy xplr e dettagli in primo piano

I supporti del parafango dietro l’arco funzionano con un parafango Rockshox personalizzato, ma ci sono anche supporti nascosti sotto il forcellino per il fissaggio di un parafango a copertura totale di altre marche.

recensione della forcella ammortizzata per bici gravel rockshox rudy xplr e dettagli in primo piano

I freni a montaggio piatto provengono dalle loro bici da strada, non vengono offerti freni specifici per XPLR. Il Rudy posiziona le pinze in posizione per rotori da 160 mm senza adattatori; sono compatibili con rotori da 180 mm con un adattatore.

in sella alla forcella ammortizzata rockshox rudy su sentieri accidentati

Guidare il Rudy sembrava controllato e la sua escursione di 30 mm funzionava bene con la capacità della ruota Zipp Moto di adattarsi al terreno (continua a leggere). La parola migliore che mi viene in mente è “supporto” pur aprendo la bici (e me) a terreni più aggressivi.

Uso molto questo drop-in su tutte le mie bici gravel, ma il controllo fornito da questa configurazione mi consente di andare più veloce con maggiore sicurezza. Invece di raccogliere attentamente attorno a ciascuna radice, potrei semplicemente scorrerle, concentrandomi maggiormente sull’uscita.

Con una corsa così ridotta, non ho perso nessun controllo di smorzamento della compressione extra e l’ho lasciato sempre aperto. C’è un movimento minimo sotto gli sforzi energici in piedi perché, beh, c’è una corsa minima e gli ultimi design degli ammortizzatori e le molle ad aria di Rockshox fanno un ottimo lavoro nel fornire supporto a metà corsa. E sembra tutto “a metà corsa” su una forcella da viaggio così breve.

Le regolazioni del rimbalzo sono adeguate e una bella caratteristica. La molla pneumatica può essere regolata con distanziatori di volume, che vale sicuramente la pena giocherellare anche qui.

E il Reverb AXS XPLR?

Il Reverb AXS è probabilmente la cosa migliore che possa capitare ai reggisella telescopici… per le mountain bike. L’attivazione senza sforzo è l’uso migliore per il wireless e probabilmente ha triplicato il mio utilizzo del contagocce.

Per la ghiaia, mi piace di più l’idea che l’esecuzione, per due motivi. Innanzitutto, è più ingombrante di quanto sembri premere contemporaneamente i paddle del cambio sinistro e destro, ed è così che viene azionato il modello XPLR. Richiede solo abbastanza dita dai freni per farlo sentire a disagio nel migliore dei casi e insicuro nel peggiore.

Scopri anche:   La migliore bicicletta pieghevole per donne nel 2023

Mi sono ritrovato a dover anticipare l’utilizzo con largo anticipo o rallentare eccessivamente prima di usarlo durante una discesa. Le tradizionali leve contagocce meccaniche posizionate a metà curva sul manubrio mi sembrano più intuitive e comode in questo caso d’uso, e il fatto che possano essere utilizzate con una sola mano è ancora meglio. Sento che SRAM può risolvere questo problema, e spero che lo facciano, perché la funzione del riverbero stesso è fantastica.

In secondo luogo, però, la funzione di “sospensione” è difficile da usare. Richiede che il palo venga lasciato cadere nella sua corsa, anche di appena 1 mm, per offrire un po’ di ammortizzazione. Sembra geniale, ma farlo cadere solo di un paio di millimetri in modo tale da non alterare troppo la posizione seduta è quasi impossibile durante la guida normale. Ancora una volta, sento che questo è qualcosa per cui SRAM può trovare una soluzione migliore, si spera con un aggiornamento del firmware, ma così com’è, la funzione è davvero difficile da usare con successo.

Recensione ruote gravel ZIPP 101 XPLR

Recensione ruote bici gravel zipp moto xplr

Le ruote da ghiaia Zipp 101 XPLR sono una versione più stretta delle loro 3 ruote da mountain bike Zero MOTO, che sono fantastiche. Hanno lo stesso vantaggio nell’addomesticamento del terreno e lo stesso danno in termini di peso, il che le rende un set di ruote incredibilmente efficace… con un caso d’uso piuttosto ristretto.

Come le ruote da MTB, utilizzano un design a parete singola con “caviglia flessibile”, essenzialmente lasciandole ruotare lungo il piano del letto dei raggi per adattarsi al terreno sottostante. L’effetto non è così drammatico come le ruote MTB perché non sono così larghe (quindi meno leva da terra), ma c’è.

In combinazione con la forcella, c’era qualcosa nel guidare questa bici su cui era difficile mettere un dito, ma era semplicemente in grado di seguire il terreno. Radici? Rocce? Angoli croccanti? Nessun problema. La trazione, anche con i pneumatici Zipp a profilo piuttosto basso, era di livello superiore. Ha dato alla bici una nuova personalità che ha reso più interessanti gli stessi vecchi sentieri e strade e mi ha permesso di spingere un po’ più forte.

L’avvertenza è che sono più pesanti di qualsiasi altra ruota gravel di fascia alta, quindi le tirerei fuori solo per le gare giuste. Pensa a Grinduro, dove è quasi più gara di mountain bike che gravel. Il terreno nodoso è dove brillano e dove valgono i grammi extra.

Pensieri finali?

Ognuna di queste parti, tranne (e mi dispiace dirlo) per il Reverb AXS XPLR, è eccezionale da sola. Mettili tutti insieme (soprattutto Rudy e 101 Motos) e la somma è maggiore delle parti. La versatilità delle loro parti di trasmissione da mescolare e abbinare è maggiore rispetto a entrambe le collezioni dei loro concorrenti, anche se a volte richiedono una piccola ricerca in più per risolvere.

Ho guidato tutti questi dentro e fuori (Ho molte bici) per poco più di un anno, in condizioni umide, asciutte, fredde e calde e hanno resistito egregiamente. Generalmente non ho avuto problemi di durata indebiti con nessuna delle cose SRAM che ho testato e sospetto che continueranno a funzionare forte per gli anni a venire.

SRAM. com

Luca
Luca Sarletti

Sono un appassionato di bici che ha praticato quasi tutti i tipi di ciclismo. Ama il vento tra i capelli, il sole sulle spalle e forse anche gli insetti tra i denti. No, sto scherzando su quest'ultimo punto. Non vado matto nemmeno per le ustioni da strada, ma riconosco che per avere il meglio bisogna fare qualche occasionale capitombolo. Sento che la mia bici è il mezzo su cui può rilassarmi, lasciare i problemi sulla strada, incontrare nuove persone, andare in posti nuovi e vivere una vita avventurosa. Sono pronto a condividere il viaggio con voi.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *