Mountain Bike pericolosa

La mountain bike è pericolosa? È una domanda fondamentale da porsi se stai pensando di praticare la mountain bike come sport o anche come hobby.

Nel seguente post esploreremo gli aspetti positivi e negativi della mountain bike, concentrandoci soprattutto sui possibili rischi, in modo che tu possa avere un’idea di ciò a cui stai andando incontro.

Analizzeremo i diversi stili di mountain bike e i possibili rischi di ciascuno.

Quanto è pericoloso andare in mountain bike?

Sappiamo tutti che la mountain bike non è adatta ai deboli di cuore. È un’attività sportiva all’aperto pericolosa.

Ma può anche essere esilarante, divertente ed emozionante. Se vuoi provare la mountain bike, devi sapere che esiste in tre stili: downhill, all-mountain (noto anche come enduro) e cross-country.

La buona notizia è che ci sono delle misure che puoi adottare per garantire la sicurezza quando vai in mountain bike. Una volta fatto questo, potrai godere di tutti i benefici per il benessere che derivano dalla mountain bike, tra cui una migliore forma fisica che potrai monitorare con l’aiuto di un orologio da mountain bike e la possibilità di goderti la natura.

Ma è anche importante essere consapevoli dei rischi che la mountain bike comporta.

Quali sono i rischi della mountain bike?

La forma più rischiosa di mountain bike è quella in discesa. Questo perché tutto inizia con l’utilizzo di un impianto di risalita per raggiungere la cima della montagna.

Una volta lì, si scende con la bici dalla cima, mantenendo l’equilibrio e schivando tutti gli ostacoli pericolosi lungo il percorso.

Ecco alcuni dei principali pericoli a cui prestare attenzione quando si va in mountain bike.

Lesioni

Il rischio di infortuni è sempre presente quando si va in mountain bike se non si dispone di un casco con luci per MTB o di buone forcelle per sospensioni, indipendentemente dallo stile che si adotta. I percorsi più lunghi, però, offrono rischi ancora maggiori perché richiedono di fare acrobazie pazzesche.

Ma l’idea di rompersi una caviglia mentre ci si diverte non piace a nessuno, soprattutto se ci si trova nel bel mezzo di una foresta senza campo per i cellulari o assistenza medica.

Per ottenere i migliori risultati, vai sempre in gruppo o almeno con un’altra persona, perché andare in giro da solo può essere la situazione più pericolosa in cui tu possa trovarti.

Gli ostacoli

La maggior parte delle persone va in mountain bike nelle stazioni sciistiche, che sono famose per essere circondate da formazioni rocciose naturali e foreste di alberi.

Il problema del primo ostacolo è che non è sempre facile accorgersene quando si pedala a 60 km/h. Tuttavia, il vantaggio è che ti mettono in allerta e ti permettono di provare diverse acrobazie e trucchi nel freeride mountain biking.

Detto questo, dovresti attenerti a ciò che conosci ed evitare di provare acrobazie complicate.

La forza di gravità

Quando inizi a scendere dalla collina, noterai che il tuo piede inizierà ad avere l’impulso di togliere il piede dai freni della bicicletta.

È importante che tu eviti questo impulso e che cerchi di mantenere una velocità costante senza accelerare.

Buio

Fare un lungo giro in mountain bike con la tua bicicletta MTB può essere così divertente da farti perdere completamente la cognizione del tempo.

Ecco perché è sempre consigliabile informarsi sulla direzione e scoprire quanto tempo ci vorrà per arrivare a destinazione e tornare indietro. Lascia un margine di circa 30 minuti per l’andata e il ritorno, per essere sicuro.

Condizioni meteorologiche

Anche il tempo potrebbe essere un ostacolo, a seconda di come influisce sulla tua esperienza in bicicletta. Il modo migliore per evitare che il clima rallenti il tuo ruolo è indossare l’attrezzatura giusta per il tempo.

Stanchezza

Una cosa di cui gli appassionati di mountain bike non parlano spesso è quanto sia faticoso questo sport.

Come qualsiasi altra attività all’aria aperta, richiede molto impegno, soprattutto perché potresti essere in sella per diverse ore e non sentire nemmeno il tempo che passa grazie a tutti i bellissimi panorami e suoni che stai vivendo.

Tuttavia, puoi sforzarti di tenere conto del tempo e di controllare il tuo corpo di tanto in tanto durante la corsa, in modo da fare delle pause quando è necessario.

Idratazione

È sempre bene mantenersi idratati quando si pratica qualsiasi tipo di sport, soprattutto la mountain bike.

Se vuoi scoprire se la mountain bike è pericolosa, prova a fare un grande percorso ad anello senza acqua e vedi cosa succede. Beh, questo è ovviamente sarcastico, ma hai capito il senso.

È estremamente importante preparare il tuo corpo al viaggio con un’idratazione e un’alimentazione adeguate, procurandoti uno zaino di idratazione per MTB in modo da non sentire la sete che indica disidratazione.

La pressione delle ruote

Uno degli errori più grandi che puoi commettere quando vai in mountain bike è quello di cedere alla pressione delle ruote. Se ti capita, cerca di cogliere l’attimo e renditi conto che il divertimento non sta nella competizione, ma piuttosto nel divertirsi e nel godersi la corsa.

Quindi, cosa succede se i tuoi amici fanno salti di un metro e mezzo davanti a te? Se non sei a quel livello, fai il tifo per loro e rimani sulla tua corsia con i pantaloncini da mountain bike.

Non c’è bisogno di percorrere sentieri rocciosi se non vuoi. Conosci i limiti del tuo ritmo.

Conclusione

Quindi, qual è la conclusione? La mountain bike è pericolosa? La risposta breve è… sì e no. Come puoi vedere, tutto dipende da quanto sei preparato e da come ti approcci.

Finché metti in pratica le giuste misure di sicurezza, come indossare un casco da bici della giusta misura, e lo fai divertendoti senza cercare di spingerti inutilmente, allora dovresti essere a posto.

Di Simone Rogini

Appassionato di avventura e sport all'aria aperta. La sua bicicletta, una Graziella modificata e fatta in casa. Una bicicletta versatile che, come il suo proprietario, trascende ogni tipo di attività. Viaggiatore di lungo corso (Parigi-Città del Capo, Great Divide, tour delle Dolomiti...), Simone può anche essere visto sulle strade della pianura Padana con i panni dell'avventuriero urbano. Giornalista e autore, su questo blog condivide le sue esperienze e il suo punto di vista sulle molteplici sfaccettature della cultura ciclistica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *