Misuratore di potenza vs sensore di cadenza

Valuta post

Quando si tratta di ciclismo indoor, ci sono due tipi di ciclisti. Hai le persone che ci sono solo per piacere e si godono una bella sfida una volta ogni tanto, e poi hai gli irriducibili che sanno ogni trucco nel libro su come ottimizzare il tempo trascorso a pedalare.

Se ti stai chiedendo se c’è un posto tra i due, c’è, e di solito è la persona che sta passando dal ciclismo come hobby al ciclismo come sport per costruire forza e resistenza.

Quando arrivi al punto in cui stai guardando attrezzature diverse per migliorare la tua esperienza e darti informazioni sulle tue prestazioni, allora vorrai iniziare a guardare i misuratori di potenza e i sensori di cadenza.

Le principali differenze tra un misuratore di potenza e un sensore di cadenza si basano esclusivamente sul misuratore di potenza che misura la presa di corrente del tuo corpo e il sensore di cadenza viene utilizzato per ottimizzare la tua attrezzatura e migliorare la tua tecnica.

Continua a leggere per scoprire qual è il migliore per gli appassionati di ciclismo!

Cos’è un misuratore di potenza?

In poche parole, un misuratore di potenza viene utilizzato per misurare il tuo potere effettivo utilizzando estensimetri per tutti i dati e quindi convertendo tali dati in numeri misurabili e leggibili. Questo è ciò che misurano principalmente i misuratori di potenza:

Quando puoi acquisire questi dettagli da un misuratore di potenza, puoi personalizzare il tuo allenamento per lavorare su aree che necessitano di miglioramento e sarai anche in grado di migliorare i tuoi punti di forza sulla base di tutti i dati riportati. Elimina le congetture da come ti stai comportando E ti dà numeri reali con cui lavorare.

Cos’è un sensore di cadenza?

Un sensore di cadenza sostanzialmente fa esattamente quello che dice; Esso misura la cadenza del pedale. Ciò si ottiene in genere utilizzando un pod elettronico e quindi posizionando due magneti su entrambi i lati di esso. Questo dispositivo sarà in grado di registrare la tua rotazione in base ai magneti che entrano in contatto con il pod elettronico mentre pedali.

Se hai obiettivi RPM, questo è un modo per assicurarti di raggiungerli. La maggior parte dei ciclisti fa affidamento sui sensori di cadenza quando pedala in determinate condizioni, come in salita o in bicicletta contro un forte vento. L’obiettivo principale è cercare di mantenere una zona di cadenza confortevole in varie condizioni.

Nota: Sarai in grado di migliorare le tue prestazioni senza sacrificando qualsiasi del tuo ritmo.

Differenze tra sensori di velocità e cadenza

I sensori di velocità e cadenza offrono informazioni preziose quando si tratta di monitorare le prestazioni durante la pedalata. Tuttavia, entrambi hanno qualità uniche e dovrebbero essere decisi in base ai tuoi obiettivi personali.

Ecco le differenze tra i sensori di velocità e cadenza:

  • Sensore di velocità – Il sensore di velocità utilizzerà la circonferenza della ruota della bicicletta per determinare la velocità e la distanza percorsa durante ogni viaggio in bicicletta.
  • Sensore di cadenza – Il sensore di cadenza utilizzerà la pedivella per raccogliere i dati dalle tue rotazioni al minuto (RPM).

Infatti, entrambi questi sensori utilizzano diversi tipi di profili (ANT+) per determinare quale sensore viene utilizzato. Devi disporre di un profilo supportato da ANT+ per utilizzare un sensore di cadenza in grado di visualizzare tutti i tuoi numeri.

Scopri anche:   Recensione Motosumo

Che cos’è una combinazione di velocità e cadenza?

Molte persone optano per la combinazione velocità cadenza perché ti fornirà tutti i dettagli da entrambi gli aspetti. Tuttavia, nessuno di questi sarà in grado di fornirti i dettagli approfonditi che un misuratore di potenza può fornire.

Se sei un ciclista principiante o qualcuno che sta solo passando dall’essere un hobby a renderlo una vera forma di fitness, allora potresti voler iniziare con la combinazione O potresti persino farla franca usando solo un sensore di cadenza fino a quando non avrai familiarità con la cadenza del pedale.

Come si adattano alla tua bici indoor?

L’installazione di un misuratore di velocità o di un sensore di cadenza sulla bici indoor è abbastanza semplice. Tuttavia, esiste un modo corretto per farlo e, se non li installi correttamente, potresti finire per danneggiare la tua attrezzatura o i tuoi sensori potrebbero darti letture imprecise.

Ecco come installare il sensore di velocità o cadenza sulla bici indoor:

  • Sensore di velocità – Questo dovrebbe essere installato sul mozzo della ruota posteriore o sul volano davanti e, una volta in posizione, dovresti far girare la ruota per assicurarti che il sensore abbia il gioco corretto. Alcuni sensori di velocità verranno forniti con una luce LED che lampeggerà per dirti che funziona correttamente. Quindi associalo al tuo cycling computer o al dispositivo utilizzato per registrare i tuoi dati.
  • Sensore di cadenza – Il sensore di cadenza può essere facilmente installato all’interno della pedivella della bici (lato opposto alla guida), quindi dovresti far girare la pedivella per assicurarti che la catena non sia influenzata dal sensore. Non provare a installare il sensore di cadenza all’esterno della pedivella, altrimenti avrai problemi con le scarpe che lo colpiscono durante ogni rotazione dei pedali.

Mancia: Assicurati che il sensore di velocità o cadenza abbia una batteria funzionante prima di installarlo sulla bici indoor.

Qual è il migliore per risultati di ciclismo accurati?

Quando si confronta un misuratore di potenza con un sensore di cadenza, è come confrontare una Ferrari con una Volkswagen. Certo, la Volkswagen ti porterà dal punto A al punto B, ma potrebbe non darti tutte le prestazioni o i dettagli che desideri sul tuo viaggio.

I sensori di cadenza sono ottimi per le persone che sono interessate solo alla velocità con cui girano effettivamente le gambe, mentre il misuratore di potenza è per il ciclista hard-core che vuole il dettagli più accurati su tutto quello che stanno facendo.

Vedi un misuratore di potenza che misura il tuo watt mentre un sensore di cadenza misura solo il tuo RPM.

Quando stai solo imparando a usare il ciclismo come mezzo per costruire resistenza e migliorare il tuo livello di forma fisica, potresti non trarre tanto vantaggio da un misuratore di potenza come faresti quando capisci la tua efficienza e sai quali sono le tue statistiche sulle prestazioni rispetto ai tuoi obiettivi.

Molte persone commettono l’errore di andare all in e spendere un sacco di soldi per un costoso misuratore di potenza solo per scoprire che nessuna delle informazioni fornite ha senso per loro. Questa è la differenza tra andare in bicicletta per hobby o dedicare il proprio corpo a tutti i meravigliosi benefici che il mondo del ciclismo ha da offrire.

Non stiamo dicendo che non puoi beneficiare immensamente dei dati offerti da un misuratore di potenza; stiamo semplicemente dicendo che quando arriva il momento di aggiornare la tua attrezzatura, lo saprai.

Scopri anche:   Strava: cosa è, come funziona e vale la pena di pagare?

Io stesso volevo ottenere il massimo dalle mie prestazioni ciclistiche e vedere i miei risultati nel modo più accurato possibile. Vedi, adoro allenarmi tramite Zwift e volevo vedere il mio vero sforzo rappresentato sullo schermo in tempo reale. Per me, doveva essere il misuratore di potenza che avrei usato.

Ci sono alcune forme diverse di misuratori di potenza che possono entrare, ma quello che mi si addiceva di più erano i pedali del misuratore di potenza, in questo caso i pedali del misuratore di potenza Favero Assioma.

Puoi dare un’occhiata alla mia recensione completa qui.

Qual è la differenza di prezzo tra un misuratore di potenza e un sensore di cadenza?

Non mentiremo; c’è una differenza di prezzo significativa tra l’acquisto di un misuratore di potenza e un sensore di cadenza per la tua bici indoor. Ricordi il confronto usato sopra, la Ferrari rispetto alla Volkswagen? Ok, potrebbe non essere così estremo, ma è piuttosto sostanziale.

Vogliamo sottolineare che chiunque vada in bicicletta per hobby o stia solo effettuando il passaggio al lato “irriducibile” della bicicletta non deve necessariamente prendere in considerazione l’acquisto di un misuratore di potenza fino al momento giusto. È più importante lavorare sulla tua costanza e aumentare la tua forza prima di investire in quel tipo di attrezzatura.

Ecco un’idea di quanti soldi spenderai per un sensore di cadenza o un misuratore di potenza:

Costo del sensore di cadenza

I sensori di cadenza generalmente costano ovunque da $ 25 a $ 100 per un equipaggiamento decente. Tuttavia, puoi facilmente aumentare il costo nella gamma delle migliaia quando scegli di abbinarlo ad altre apparecchiature Garmin, come il loro smartwatch.

Costo del misuratore di potenza

Un buon misuratore di potenza per la tua bici indoor potrebbe farti funzionare ovunque tra $ 500 e $ 1000. Se vuoi andare in cima alla linea, allora dovresti essere pronto a sborsare un paio di dollari. Ancora una volta, è qui che entra in gioco il nostro confronto sui due diversi modelli di auto.

Indipendentemente dall’opzione che scegli di acquistare, assicurati di apprendere tutti gli aspetti dell’utilizzo della tua nuova attrezzatura. Non c’è alcun vantaggio nell’avere alcuni dei migliori strumenti disponibili nel settore del ciclismo se non hai idea di come utilizzare i dati per migliorare le tue sessioni in bicicletta.

Ti consigliamo di iniziare con un sensore di cadenza e di arrivare fino al misuratore di potenza se non ti consideri un ciclista avanzato. Acquisirai più sicurezza e aumenterai il tuo morale generale lavorando in sincronia con un sensore di cadenza.

Conclusione

Ora che conosci la differenza tra l’utilizzo di un misuratore di potenza o l’affidamento a un sensore di cadenza, sarai in grado di scegliere il dispositivo migliore per te. Tieni presente che puoi sempre passare a un misuratore di potenza una volta che le tue prestazioni migliorano costantemente utilizzando un sensore di cadenza.

C’è una differenza di prezzo piuttosto grande quando si guardano entrambi i dispositivi in ​​​​confronto, quindi se sei nuovo nel mondo del ciclismo, potresti voler iniziare dalla fascia bassa e farti strada fino al re della misurazione delle tue prestazioni ciclistiche.

Simone
Simone Rogini

Appassionato di avventura e sport all'aria aperta. La sua bicicletta, una Graziella modificata e fatta in casa. Una bicicletta versatile che, come il suo proprietario, trascende ogni tipo di attività. Viaggiatore di lungo corso (Parigi-Città del Capo, Great Divide, tour delle Dolomiti...), Simone può anche essere visto sulle strade della pianura Padana con i panni dell'avventuriero urbano. Giornalista e autore, su questo blog condivide le sue esperienze e il suo punto di vista sulle molteplici sfaccettature della cultura ciclistica.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *