Come collegare una bicicletta indoor standard a Zwift

5/5 - (1 vote)

Zwift è un incredibile simulatore di ciclismo che ti permette di sperimentare un programma di allenamento simile a un gioco che non solo è molto divertente, ma è garantito per farti arrivare in ottima forma!

Se il vostro obiettivo è perdere peso, migliorare la resistenza o aumentare il tono muscolare delle gambe, Zwift vi aiuterà sicuramente.

Ora, Zwift si rivolge principalmente a chi ha una bicicletta da esterno da collegare a un turbo trainer, a uno smart trainer o a un set di rulli.

Collegando una bici outdoor a uno di questi dispositivi, la funzionalità Bluetooth o ANT+ al loro interno trasmette i dati di ciclismo a Zwift, dove l’utente può vedere tutte le informazioni sul proprio ciclismo sullo schermo.

Ma cosa succede se non si dispone di questa attrezzatura e si ha a disposizione solo la bici da corsa?

Ci sono due modi principali per collegare una normale indoor bike a Zwift.

  • Sensore di velocità e cadenza
  • Pedali con misuratore di potenza

Per quanto riguarda la mia configurazione Zwift, sto usando la mia bici Joroto X2 Indoor. Questa bici non ha connettività Bluetooth o ANT+ interna.

Si tratta di una bici standard che presenta il meglio delle caratteristiche chiave che si desiderano in una indoor bike – tutto ciò che si deve fare è collegare alcuni altri dispositivi per essere configurati con Zwift.

Potete consultare la mia recensione completa della Joroto X2 qui.

Quindi, come possiamo collegarci a Zwift con questa configurazione standard?

Per prima cosa:

Sensore di velocità e cadenza

Se il prezzo o il budget sono un problema, questa è la configurazione che fa per voi.

I sensori di velocità e cadenza possono essere acquistati a un prezzo molto conveniente.

Quello che consiglio è il Wahoo Speed & Cadence Combo. ( Clicca per controllare su Amazon )

Quindi c’è un modo particolare per installarli.

Come installare

Per prima cosa è necessario installare il sensore di velocità sul volano della bicicletta da corsa. Fissarlo il più vicino possibile al mozzo (la parte interna del volano) come si può.

Questo misurerà la vostra velocità.

È preferibile che sia il più vicino possibile al centro, in quanto è qui che si riflette realmente lo sforzo che si compie sulla bicicletta. Assicuratevi che sia libero da qualsiasi ostacolo, come un bullone o un dado che sporge, dove il sensore potrebbe impigliarsi ed eventualmente rompersi.

Passiamo ora al sensore di cadenza.

Questo sensore misura le variazioni della pedalata (la velocità e la lentezza della pedalata).

È possibile fissarlo al braccio della pedivella con l’apposito cuscinetto o fissarlo con le fascette in dotazione.

Scopri anche:   Recensione Motosumo

In alternativa, è possibile fissarlo semplicemente alla scarpa e misurarlo in modo molto efficace.

Una volta collegati entrambi, è sufficiente caricare Zwift sul computer, sul tablet o sullo smartphone.

Assicurarsi che il Bluetooth sia attivato.

Accoppiamento dei dispositivi su Zwift
  • Iniziare a pedalare
  • Fare clic sui sensori per la cadenza e la velocità e si dovrebbero vedere i sensori visualizzati qui.
Accoppiamento dei sensori su Zwift
  • Clicca su ognuno di essi per accoppiarli e ora sei pronto per Zwift!

Il prossimo,

Pedali del misuratore di potenza

Se state cercando il modo più efficace per trasmettere i vostri dati ciclistici a Zwift, questa è la configurazione che fa per voi.

Questa è la configurazione che ho personalmente.

Uso questo modo per connettermi a Zwift attraverso la mia indoor bike, perché fornisce un risultato molto più preciso del mio sforzo ciclistico rispetto al sensore di velocità e cadenza.

Sì, il sensore di velocità e cadenza è un’ottima opzione, ma poiché il sensore di velocità è attaccato al volano in modo molto improvvisato, può produrre una lettura imprecisa dello sforzo reale.

I pedali con misuratore di potenza sono dotati di un algoritmo che calcola la velocità e la cadenza in base alla velocità o alla lentezza della pedalata, producendo così i watt e mostrando un risultato molto veritiero e preciso dello sforzo effettivo.

I pedali misuratori di potenza che uso sono i Favero Assioma Uno. ( Clicca per controllare su Amazon )

Favero Assioma Pedali Misuratore di Potenza

Il modello Uno presenta un sensore nel pedale sinistro. Tuttavia, è possibile acquistare anche il set DUO con due sensori in ciascun pedale.

Il motivo per cui ho scelto il pedali Favero Assioma è la scienza che li sostiene. La maggior parte dei pedali misuratori di potenza utilizza la velocità angolare media stimata per rotazione, mentre i Favero utilizzano il valore della velocità angolare istantanea.

Questo modo di analizzare i dati del ciclismo è molto più efficace, in quanto legge qualsiasi movimento rapido o brusco e può effettivamente garantire un’accuratezza del +/-1%. , mentre altri possono avere un errore fino al 4,5%.

È tutto molto tecnico, lo so, ma credetemi, funziona incredibilmente bene!

Come installare

L’installazione dei pedali misuratori di potenza è in realtà molto semplice!

  • Per prima cosa è necessario rimuovere i pedali attuali dalla bicicletta. (che siano clipless o a gabbia).). Con una chiave o una chiave inglese è sufficiente girare la vite del pedale fino a quando si stacca dal braccio della pedivella.
  • Ora con i pedali del misuratore di potenza, in questo caso i pedali Favero Assisoma, è necessario allineare la vite al foro della pedivella stessa. Con una chiave a brugola, andate dietro al pedale e fatelo scattare in posizione con l’interno della vite.
  • Basta ruotare finché il pedale non è fissato
  • Assicurarsi di non stringere troppo o si potrebbe danneggiare il sensore nel pedale.
  • Una volta installati entrambi, iniziare a pedalare. Il sensore dovrebbe lampeggiare in arancione/rosso. Ciò significa che sta trasmettendo. (Come si vede nell’immagine precedente)
  • È quindi necessario scaricare l’applicazione Favero su Google Play o Apple Store e calibrare i pedali sulla bicicletta.
  • Una volta fatto, aprite Zwift sul vostro computer, tablet o smartphone, cliccate su Misuratore di potenza e toccate i pedali per iniziare subito a trasmettere i dati.
Scopri anche:   Resistenza magnetica Vs attrito per una bicicletta indoor
Collegare i pedali Power Meter a Zwift

Dopo aver cliccato sui pedali del misuratore di potenza e aver continuato a pedalare, si dovrebbe vedere la potenza e la cadenza trasmesse.

Pedali Favero Assioma collegati a Zwift

Dopo aver collegato tutti i pedali, è il momento di entrare in Zwift!

Zwift in gioco

Perché è necessario trasmettere i dati ciclistici a Zwift

A febbraio 2021 Zwift conta poco più di 3 milioni di utenti sulla piattaforma. Ognuno di questi utenti ha obiettivi di fitness diversi e le persone sulla piattaforma vogliono sapere che lo sforzo e il tempo che impiegano nelle loro sessioni di ciclismo sono accurati rispetto a ciò che viene visualizzato sullo schermo.

Altrimenti…. che senso ha?

Zwift è orgoglioso di essere in grado di fornire un ciclismo completo e accurato, con la potenza e lo sforzo che l’utente spinge attraverso la bicicletta e che può trasmettere efficacemente alla piattaforma.

Il modo migliore per trasmetterlo è tramite Bluetooth o ANT+.

In caso di variazioni improvvise della cadenza o della velocità, i sensori utilizzati sulla bicicletta dovrebbero cambiare automaticamente e istantaneamente per adattarsi a ciò che viene visualizzato sullo schermo.

In questo modo si ottiene una rappresentazione molto chiara e accurata dello sforzo che si sta compiendo sulla bicicletta.

Ecco come funziona.

Questi sono i due modi in cui è possibile collegare una normale indoor bike a Zwift.

Entrambi i modi vi permetteranno di inserire tutti i vostri sforzi sulla bici in Zwift, ma se volete davvero ottenere la migliore esperienza e vedere le vostre prestazioni ciclistiche EFFETTIVE , vi consiglio i pedali Favero Assioma Power Meter.

Li uso da poco più di un anno e non mi hanno mai deluso!

Molto facili da collegare a Zwift e incredibilmente precisi con il mio sforzo ciclistico.

Se avete domande, fatemi un commento e vi risponderò.

Simone
Simone Rogini

Appassionato di avventura e sport all'aria aperta. La sua bicicletta, una Graziella modificata e fatta in casa. Una bicicletta versatile che, come il suo proprietario, trascende ogni tipo di attività. Viaggiatore di lungo corso (Parigi-Città del Capo, Great Divide, tour delle Dolomiti...), Simone può anche essere visto sulle strade della pianura Padana con i panni dell'avventuriero urbano. Giornalista e autore, su questo blog condivide le sue esperienze e il suo punto di vista sulle molteplici sfaccettature della cultura ciclistica.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *