Shirin van Anrooij brilla nel fango e sulla strada

Valuta post

Shirin van Anrooij ha solo 20 anni ma è già una delle atlete con una presenza costante nelle prime cinque gare di ciclocross femminili d’élite. È una delle 20 band in cui anche Puck Pieterse e Fem van Empel brillano fine settimana dopo fine settimana. Mentre Van Empel è già passata alla categoria elite, Van Anrooij punta ancora a una maglia iridata a U23, nel giorno del suo 21esimo compleanno, correndo a soli 20 chilometri da casa.

Van Anrooij è a casa dopo un altro fine settimana di ciclocross per questa intervista con CyclingTips. Vive nella provincia della Zelanda, nella punta sud-occidentale dei Paesi Bassi, con i suoi genitori, la sorella maggiore Lindy, il fratello Franklin e il loro cane.

“Adoro la stagione del ciclocross per molte ragioni, ma una è sicuramente che sono a casa più spesso che durante la stagione su strada”, afferma Van Anrooij. “Corro una gara nel fine settimana e poi il lunedì non tocco la moto. Martedì faccio qualche ora in bicicletta attraverso la foresta e poi mercoledì abbiamo l’allenamento specifico di ciclocross. Il giovedì riguarda anche le corse di resistenza più lunghe perché penso anche alla stagione su strada e poi il venerdì è breve, e il sabato è per prepararsi al giorno della gara. Può trattarsi di una ricognizione del percorso se sono già lì o di un’ora veloce dietro lo scooter.

Van Anrooij corre alla Coppa del Mondo Hoogerheide 2022.

Van Anrooij fa parte dei Baloise Trek Lions, una squadra guidata dal leggendario campione del mondo di ciclocross Sven Nys, con corridori come Lucinda Brand, Lars van der Haar, Thibau Nys e Pim Ronhaar costantemente nella top ten delle gare più importanti.

“È davvero una bella squadra”, dice Van Anrooij. “Il mercoledì ci alleniamo sempre insieme a Lichtaart [Belgium]. Facciamo alcune partenze e poi alcune salite e giri veloci. Di solito cerco di seguire la ruota di Lars van de Haar, seguire le sue linee, guardare la sua tecnica e per me questo è un allenamento super intensivo. Dopo mangiamo la pasta insieme. È molto ‘gezellig’”, sorride esprimendo la tipica parola olandese meglio descritta come intimità. “È quello che mi piace di più del ciclocross. Sembra una famiglia nella squadra e un affare di famiglia il giorno della gara quando c’è anche tutta la mia famiglia: mamma, papà, il cane, il mio ragazzo.

Tutto è iniziato molto presto per Shirin. Sua sorella maggiore Lindy aveva già seguito le orme della madre Mariëtta entrando nelle corse in bicicletta, e Shirin non voleva altro che copiare sua sorella.

“Ho ricevuto la mia primissima bici da corsa quando avevo sei anni e non appena ho potuto ho iniziato a fare gare. Adoro correre.

Van Anrooij è anche un abile cronometro con titoli nazionali ed europei nelle categorie junior e U23.

Ha continuato a vincere un titolo nazionale e uno mondiale di ciclocross, ed entrambi i titoli nazionali su strada da junior. Come pilota U23 ha vinto sia il titolo nazionale che quello europeo su strada e TT in questa stagione. Ai Campionati del mondo di ciclocross U23 di Fayetteville ha mancato di poco il titolo in volata con Puck Pieterse.

“A volte penso a quello sprint”, ammette Van Anrooij, prima di spiegare la sua decisione di ritardare il suo passaggio al livello elite, “mi sto preparando per i Campionati del mondo U23 [in Hoogerheide, the Netherlands] questa stagione di nuovo perché sono così vicini a casa e nel giorno del mio compleanno, ma forse se avessi vinto quel titolo U23 già la scorsa stagione, fare il passaggio alla categoria elite sarebbe più facile da decidere.

In trasferta, ora ha completato il gioco U23 con più titoli, ma nel ciclocross ce n’è ancora uno da vincere da aggiungere al conteggio. Van Anrooij è fermamente convinta che correrà i Mondiali U23, anche se ha già vinto un evento di Coppa del Mondo nella categoria elite a Beekse Bergen all’inizio di quest’anno, la sua prima vittoria in assoluto in Coppa del Mondo.

Scopri anche:   Come trasformarsi in un professionista del ciclismo

“Forse se vincessi qualche altra Coppa del Mondo la mia opinione potrebbe cambiare”, sorride. “Una maglia iridata d’élite vale molto di più, ma d’altra parte ho ancora molti anni davanti. Se lascio l’U23 ora, non posso tornare indietro”.

Alla Beekse Bergen World Cup, Van Anrooij ha attaccato un giro prima del traguardo ed è riuscito a mantenere un vantaggio di una manciata di secondi su Van Empel e Pieterse. Sven Nys l’ha allenata fino in fondo, ma soprattutto le ha dato fiducia.

Van Anrooij vince la sua prima Coppa del Mondo contro i suoi connazionali e compagni di 20 anni Van Empel e Pieterse.

“Certo, Sven ha tanta conoscenza ed esperienza di tecnica e tattica, ma penso che quello che lui e il resto della squadra mi danno di più sia la fiducia. A volte sulla linea di partenza guardo troppo alcuni piloti e sento di non avere quel livello. Sono le persone intorno a me che mi fanno credere in me stesso. È una curva di apprendimento e non solo sulla bici, ma sto anche imparando su me stesso. Divento sempre più sicuro di me a ogni gara”.

Van Anrooij non eccelle solo nel ciclocross ma anche su strada. L’anno prossimo sarà ancora una volta la più giovane ciclista del team Trek-Segafredo, ma è già arrivata al Tour de France Femmes dove è stata incoronata la migliore giovane ciclista. Combinare le due discipline è sempre un atto di equilibrio.

“Devo già pensare sempre alla stagione su strada durante la stagione del ciclocross. Mi concentro molto su quelle corse di resistenza per costruire una solida base. Dopo i Mondiali su strada in Australia, mi sono tolto due settimane dalla moto e poi ho ricominciato. In un campo di addestramento di dicembre, costruirò una buona base per la stagione su strada, ma questo mi aiuta anche nel ciclocross.

Van Anrooij ha mancato di poco il titolo mondiale U23 a Fayetteville.

Per un po’ le gare di ciclocross sono state più brevi di 50 minuti perché le categorie elite e U23 correvano insieme, e si pensava che avere gare più lunghe sarebbe stato svantaggioso per i giovani corridori. Ma con la banda di ventenni – Pieterse, Van Empel e Van Anrooij – e artisti del calibro del 21enne Blanka Vas che vince settimana dopo settimana, quel mito può ora essere messo a tacere.

“È vero che trarrei beneficio da gare più lunghe a causa della mia resistenza nelle corse su strada. Significherebbe che c’è meno enfasi sulla partenza, per esempio, ma se pedaliamo già 55 minuti, gli altri corridori [further back] farebbe più di un’ora settimana dopo settimana. Non credo che aggiungere più tempo farebbe molta differenza. Mi piace così com’è. Dipende anche dalla razza. Abbiamo così tanta varietà. Per me le gare sulla sabbia come Koksijde e Zonhoven sono l’obiettivo principale di gennaio. Spero di costruire un po ‘più di forma in questo momento e di essere al meglio alla fine di dicembre e all’inizio di gennaio.

Con il suo settimo posto a Tábor, l’unico dispari, Van Anrooij è salita sul podio in ogni gara, quindi costruire ancora più forma dovrebbe rendere la concorrenza più diffidente nei confronti della giovane pilota olandese.

Siamo oltre la metà della stagione del ciclocross e poi si torna al super team di Trek-Segafredo, secondo nella classifica a squadre UCI al termine della stagione 2022. A parte i titoli nazionali ed europei, oltre alle prove a cronometro a squadre, Van Anrooij non ha ancora vinto una gara individuale su strada, ma quel giorno non può essere lontano. Detto questo, come trovi un posto in una squadra di super star quando sei il più giovane?

Van Anrooij è stato il miglior giovane ciclista del Tour de France Femmes.

“Far parte di Trek-Segafredo è speciale, ma anche una sfida”, spiega. “Nel mio primo anno c’erano molte aspettative. Pensavano che sarei già arrivato in finale e hanno compreso appieno la partita. D’altra parte, c’è tanta esperienza nel team da cui imparare”.

Scopri anche:   Come regolare correttamente il manubrio della tua bicicletta

Van Anrooij ha già fatto parte della squadra in alcune delle gare a tappe più impegnative del Women’s WorldTour come Itzulia Women, Vuelta a Burgos, Ceratizit Challenge by La Vuelta e ovviamente Tour de France Femmes, ma sempre in un ruolo di supporto.

“Sono stata spesso l’operaia quest’anno per aiutare Elisa Balsamo o Elisa Longo Borghini. Di solito ero ancora lì in finale, ma non più al meglio. L’anno prossimo voglio provare a mettermi alla prova sempre di più e spero di ottenere un ruolo di leader o co-leader in una gara per ottenere quel risultato da solo.

Nella prima metà della prossima stagione, si concentrerà sulle Classiche delle Ardenne dove quest’anno si è distinta con un 13° posto alla Flèche Wallonne, 15° al Brabantse Pijl e piazzamenti tra i primi venti sia all’Amstel Gold Race che alla Liegi-Bastogne-Liegi. Anche la Strade Bianche, dove quest’anno è arrivata nona, è in cima alla lista. Dopodiché si torna alle corse a tappe e alle prove a cronometro.

“Spesso mi viene chiesto se la Parigi-Roubaix non andrebbe bene per me, e ovviamente rispondo di sì, ma abbiamo molti grandi piloti più anziani nel team per quella specifica gara in questo momento”.

Van Anrooij ha quasi ottenuto la sua prima vittoria d’élite ai Campionati Nazionali Olandesi sul VAM-berg. È uno sprint che la perseguita ancora, dice.

Van Anrooij ha recentemente firmato un’estensione del contratto di tre anni con la squadra americana. Ha fatto quel difficile salto dai ranghi junior, un salto che diventa sempre più grande, ma è ancora solo una professionista del terzo anno la prossima stagione. C’è ancora molto da desiderare e puntare. Van Anrooij e il team hanno in mente un chiaro percorso di sviluppo.

“Spero di tornare al Tour de France Femmes o fare il Giro Donne per la prima volta. Penso che i Grand Tour diventeranno la mia specialità, ma continuerò a concentrarmi anche sulle cronometro”, afferma. “Nei prossimi tre anni si tratta di diventare più forti fisicamente, tatticamente e mentalmente. Il grande sogno sono le Olimpiadi, ma forse le Olimpiadi di Parigi del 2024 sono ancora un po’ presto. Ci sono molti candidati per quel posto a cronometro che Annemiek van Vleuten ora lascia aperto. Ma essere ai Giochi una volta nella mia vita è un sogno”.

E poi la grande domanda: ciclocross o strada. Lei ride. E si rifiuta di rispondere.

“Sebbene, se davvero devo scegliere tra un titolo mondiale su strada e uno di ciclocross, penso che avere quella maglia iridata del Campionato del Mondo su strada sulle spalle sia solo un po’ più speciale. Ma non lascerò ‘cross e non puoi costringermi”, conclude con un sorriso.

Luca
Luca Sarletti

Sono un appassionato di bici che ha praticato quasi tutti i tipi di ciclismo. Ama il vento tra i capelli, il sole sulle spalle e forse anche gli insetti tra i denti. No, sto scherzando su quest'ultimo punto. Non vado matto nemmeno per le ustioni da strada, ma riconosco che per avere il meglio bisogna fare qualche occasionale capitombolo. Sento che la mia bici è il mezzo su cui può rilassarmi, lasciare i problemi sulla strada, incontrare nuove persone, andare in posti nuovi e vivere una vita avventurosa. Sono pronto a condividere il viaggio con voi.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *