Peter Sagan si ritirerà dal WorldTour, focus sulle Olimpiadi di mountain bike

Valuta post

Peter Sagan, uno dei corridori più prolifici e popolari della sua generazione, ha confermato che la stagione 2023 sarà il suo ultimo anno di gare nel WorldTour maschile d’élite.

Sagan, che ha compiuto 33 anni giovedì, ha detto che correrà in questa stagione con TotalEnergies per poi passare alla mountain bike e tentare di correre ai Giochi Olimpici del 2024 a Parigi.

“È giunto il momento di far sapere a tutti che questo è il mio ultimo anno sulle bici da strada come professionista”, ha detto Sagan giovedì in una conferenza stampa. “Rimarrò con TotalEnergies e mi piacerebbe concentrarmi di più sulla qualificazione per le Olimpiadi di mountain bike.”

L’annuncio è arrivato nel giorno del suo compleanno durante un giorno di riposo al suo debutto stagionale alla Vuelta a San Juan.

I funzionari del team hanno affermato che la decisione di abbandonare le corse su strada è stata presa “qualche tempo fa” e la decisione arriva dopo alcune stagioni al di sotto della media rovinate dalle infezioni da COVID.

Sagan ha detto che continuerà a correre, comprese alcune gare su strada nel 2024, ma ha sottolineato che la stagione 2023 sarà la sua ultima completamente dedicata a un calendario completo a livello di WorldTour.

“Questo non è il mio addio”, ha detto Sagan. “Intraprenderò una nuova avventura e tutti mi vedranno ancora in questi nuovi progetti”.

Sagan ha già partecipato alle Olimpiadi di mountain bike nel 2016, e sta rimettendo al centro delle sue ambizioni il fuoristrada e il sogno di una medaglia olimpica.

Sagan ha ringraziato la sua vasta cerchia di amici, compagni di squadra, membri dello staff e sponsor che lo hanno sostenuto da quando è entrato in scena più di un decennio fa.

Scopri anche:   8 migliori biciclette ibride sotto i 1000 euro nel 2023

Sagan è uno dei protagonisti della classe 1990 e ha vinto tre titoli mondiali, sette maglie verdi, oltre al Giro delle Fiandre e alla Parigi-Roubaix.

Luca
Luca Sarletti

Sono un appassionato di bici che ha praticato quasi tutti i tipi di ciclismo. Ama il vento tra i capelli, il sole sulle spalle e forse anche gli insetti tra i denti. No, sto scherzando su quest'ultimo punto. Non vado matto nemmeno per le ustioni da strada, ma riconosco che per avere il meglio bisogna fare qualche occasionale capitombolo. Sento che la mia bici è il mezzo su cui può rilassarmi, lasciare i problemi sulla strada, incontrare nuove persone, andare in posti nuovi e vivere una vita avventurosa. Sono pronto a condividere il viaggio con voi.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *