Recensione Quick Hit: Il percorso del Tour de France diventa … Creativo?

L’annuncio di giovedì del percorso del Tour de France per il 2023 non è stato privo di curiosità. Probabilmente ne avrete già sentito parlare – l’assenza di cronometro, la varietà delle salite – ma se si scava un po’ più a fondo si può capire quanto questo percorso si discosti dalle… aspettative? Negli ultimi anni il Tour ha fatto un buon lavoro per rendere il percorso più vario rispetto a 20 anni fa, e questo non ha fatto eccezione. Anzi, si è spinto ancora più in là del solito.

Ovviamente raccoglieremo tutti i dettagli l’estate prossima, e di sicuro visiteremo l’account Twitter di Will J (@cyclingalps) per avere un po’ di colore sulle salite. Per ora, però, vediamo alcuni punti che, a mio avviso, raccontano la storia del Tour.

39a Clasica Ciclista San Sebastian 2019

Sulle colline di San Sebastian
Foto di David Ramos/Getty Images

1. Le Grand Départ è extra cool

Il Tour parte dal Pays Basque, come viene chiamato il versante francese del confine moderno, anche se l’azione si svolgerà sul versante spagnolo con due tappe molto belle e divertenti, che rappresentano il weekend di apertura più cool che si possa avere a poca distanza dalla Francia. Si inizia con una tappa costiera intorno a Bilbao, che sarà spettacolare e presenterà alcune piccole salite sulla via del ritorno in città, lasciandoci tutto il giorno a chiederci che tipo di finale avremo.

Mappa della prima tappa del Tour 2023

La seconda tappa non è decisamente una tappa per velocisti ed è anzi un’ottima occasione per gli scalatori più agguerriti di tentare di conquistare la maglia gialla. Il percorso è un’ode tronca e piuttosto smorzata al bellissimo terreno della Klasikoa Donostia, alias Clasica San Sebastian – il che non è una critica, è il modo in cui il Tour gestisce sempre i percorsi delle Classiche prese in prestito. E di sicuro non sarà una giornata per velocisti.

Mappa della seconda tappa del Giro 2023

Da lì il Tour attraverserà il confine verso un arrivo in volata a Bayonne, facendo calare il sipario sulle tappe basche e ricordando che questa zona è talvolta chiamata Paesi Baschi francesi. Un inizio piuttosto divertente e senza lunghi trasferimenti!

2. Le prime fasi della montagna cambiano le cose?

Un effetto collaterale della partenza in Spagna è che, a meno che non si voglia allungare il percorso a nord di Bayonne e rimandare le tappe di montagna per un po’ (ciao ai lunghi trasferimenti), si dovrà affrontare le tappe di montagna più importanti prima del solito.

Quanto prima? Per un percorso tipico come quello del 2022, il Tour ha affrontato le Alpi in una serie di tappe dal 9 al 12, anche se ha inserito la Planche des Belles Filles nella settima tappa. Una sequenza tipica quando è coinvolto un Grand Départ francese potrebbe portare alle principali tappe di montagna entro il secondo fine settimana, cioè le tappe 8 e 9, mentre i Tour che iniziano nel Nord Europa potrebbero vedere le grandi montagne solo più tardi. Persino nel 2009, quando il Tour iniziò a Monaco, si riuscì a fare un po’ di strada in alcune tappe a cronometro e a costeggiare le Alpi, rinviando le grandi salite alla settima tappa. Ancora più strano, nel 1992 la corsa iniziò a San Sebastian e saltò completamente i Pirenei, inserendo delle cronometro supplementari.

CICLISMO-FRANCIA-HINAULT-ZOETEMELK

Hinault vs Zoetemelk, 1979
Foto di -/AFP via Getty Images

Bisogna risalire al 1981 per trovare un’edizione del Tour in cui un’importante tappa di montagna dalle Alpi o dai Pirenei si sia svolta già nella quinta tappa. E anche in quel caso, se si vuole essere tecnici, la “tappa 5” avveniva solo dopo la partenza da Nizza con un prologo e una doppia giornata di tappa il “giorno 1”, quindi al momento del via della tappa 5 si erano già disputate tre cronometro e tre innocue tappe su strada. Ma il numero 5 è solo un costrutto umano. Può significare qualsiasi cosa. Bernard Hinault ha vinto il suo terzo Tour in quattro anni, concedendo un po’ di tempo a Lucien Van Impe nella prima tappa pirenaica prima di distruggere le sue speranze nella sesta tappa, la quarta a cronometro della corsa, dove il Tasso (sorpresa!) ha imposto la sua autorità sull’evento e ha conquistato la vittoria.

Nel 1979 il Tour stabilì un precedente che non si sarebbe mai più rivisto per quanto riguarda le prime tappe di montagna, partendo da Fleurance con un breve prologo… per poi disputare tre veri e propri eventi pirenaici (due veri e propri giri di montagna e un TT a Superbagnères). Hinault ha vinto il TT e l’ultima tappa in salita, ha duellato un po’ con Joop Zoetemelk e poi ha conquistato una vittoria di 13 minuti.

Quindi, non essendoci praticamente alcun precedente utile, il fatto che le montagne inizino così presto rischia di cambiare l’esito del Tour 2023? Direi… probabilmente no, almeno non nel senso che i migliori corridori non saranno pronti a scavare a fondo. I tempi in cui si partiva piano e si arrivava in forma alla terza settimana sono ormai lontani. Il Tour si vince tanto prima di metà percorso quanto dopo, e i corridori sono meglio attrezzati per gestire i loro sforzi durante le tre settimane in modo da non trovarsi impreparati in nessun momento. Ora, c’è il rischio che le tappe iniziali – sempre nervose e piene di incidenti – possano lasciare alcuni dei corridori di punta a terra e ammaccati all’inizio delle salite più importanti, ma terremo le dita incrociate.

109° Tour de France 2022 - Tappa 20

Foto di Tim de Waele/Getty Images

3. La corsa contro la corsa contro l’orologio

Sapete quanto impegno c’è nella preparazione delle prove a cronometro? Per i corridori, si tratta di un certo numero di ore per affinare la forma fisica e prendere confidenza con la bicicletta da crono. Questo processo inizia in inverno, quando i piloti e le squadre contattano i loro sponsor per pianificare la produzione di assetti personalizzati, almeno per i piloti di punta. Prendiamo questo corpo e realizziamo un abitacolo che si adatti alla perfezione, in modo che in una gara di 45 minuti non venga sprecato nemmeno un secondo. Si va avanti e indietro, si fa un po’ di moto in primavera, magari si fanno altre regolazioni, finché il pilota non si sente pronto. Sono necessari molto tempo, sforzi e denaro.

E per soli 22 km di gara.

Ok, i migliori troveranno probabilmente qualche altro giorno di TT in calendario per mettere a frutto questo buon lavoro, ma il quadro è chiaro. Perché questo Tour de France odia improvvisamente la cronometro? Sto scherzando, o lo farei se la verità non fosse… un po’ strana. Ecco una carrellata di cose che Christian Prudhomme ha detto sul motivo per cui ha tralasciato le cronometro.

“Le prove a tempo hanno la tendenza a paralizzare la corsa”.

“Preferisco vedere i campioni spalla a spalla fin dal primo weekend. Lo sapete bene anche voi. Una battaglia spalla a spalla è molto meglio che i piloti prendano i loro tempi uno dopo l’altro”.

“Quando ero piccolo, c’era un dualismo tra scalatori e cronoman, una contrapposizione di stili. C’era un Jacques Anquetil che era un super rouleur ma che soffriva in montagna, e poi L’Aquila di Toledo, Federico Bahamontes, che ha avuto un impatto in montagna ma ha perso tempo contro il tempo. È allora che bisogna inserire le prove a cronometro, perché gli stili si bilanciano. Ora siamo tornati a un ciclismo d’attacco, con corridori in grado di vincere quasi ovunque”.

Hmmm… Non ho idea di cosa stia parlando. Ma ho visto la sua posizione descritta come quella di chi ritiene che le prove a cronometro non siano importanti perché i migliori scalatori sono abbastanza omogenei anche nelle prove a cronometro, quindi che senso ha? Suppongo che questo sia vero per gli ultimi tre vincitori, ma posso citare una lista molto più lunga di ragazzi che hanno bruciato le loro speranze al Tour o al Giro o alla Vuelta contro l’orologio.

Potrebbe esserci un sottotesto sullo status di Remco Evenepoel, che non dovrebbe provare il Tour fino al 2024. Evenepoel è il tipo di corridore che può rievocare i ricordi d’infanzia di Prudhomme, cedendo tempo a super scalatori come Vingegaard e Pogacar ma recuperandolo in parte o del tutto in una ITT pianeggiante. Quella gara è prevista tra due estati. Passiamo quindi la prossima estate a fare qualcosa di molto diverso.

Oh, ed ecco il profilo ITT, tutti i 22 km e circa un terzo in salita:

Profilo ITT

4. Colmare le lacune… con disinvoltura

La caratteristica principale di questo percorso è il modo in cui il Tour cerca di riempire gli spazi intorno alle montagne insolitamente precoci e all’assetto insolitamente carente di crono. Con arrivi in cima alle montagne non tradizionali che sono unici, raramente visitati dal Tour e destinati a essere molto difficili.

Johnny Weltz - Riprese sul Puy de Dome

Le Puy de Dôme
Foto di David Caudery/rivista di motociclismo via Getty Images

La prima di queste è nel Massiccio Centrale, la regione vulcanica della Francia, dove la tappa 9 si concluderà in cima al Puy de Dôme, dalla forma vistosamente conica. Vivendo a Seattle, posso apprezzare una montagna che esplode come chiunque altro. Ma quel giorno la storia non sarà la lava e la cenere, bensì l’esplosione delle gambe di molte persone.

Profilo del Puy de Dôme

Siamo al km 184 di una giornata in cui il gruppo sarà apparentemente sempre in salita. La cosa più bella che sentirete dire da un corridore su questa tappa è che avviene alla vigilia del primo giorno di riposo (credo).

Comunque, da lì si passa alla fase alpina, in cui la corsa si aggira intorno alla periferia delle salite più grandi (anche se, per essere chiari, le salite sono salite), prima di salire finalmente ai 2300 metri della 17a tappa attraverso il Col de la Loze, con una discesa a Courcheval. Una sorta di tappa regina, da cui ci si aspetterebbe un regolamento di conti.

E ci si sbaglia. Ecco la tappa 20, una piccola deviazione assolutamente sadica sulla via del ritorno a Parigi attraverso i Vosgi:

Tappa dei Vosgi Le Markstein

Con un’altezza dimezzata e un chilometraggio generalmente inferiore ai 10 km, queste salite non dovrebbero spaventare i ragazzi che arrivano dalle Alpi. Ma le tre salite finali, per un totale di 20 km, avranno una media superiore all’8%. Questo avverrà il 22 luglio, 17 giorni dopo l’inizio dei Pirenei.

Il Giro di Francia 2014 - Decima tappa

Foto di Doug Pensinger/Getty Images

Questi due giorni si combinano per sfidare le nostre aspettative sul Tour come un panino fatto di cronometro e terreno ondulato come carne incastrata tra due fasi di montagna. Questo percorso assomiglia più a una Vuelta a España che ad altro, con il ritmo della corsa che può prendere ogni sorta di direzione interessante. Anche il Giro ha una certa simmetria nei suoi percorsi, che culminano nella terza settimana indipendentemente da ciò che è accaduto prima.

Questa è la mia caratteristica preferita del percorso del 2023. Sarà bello e interessante, e probabilmente sconvolgerà alcune perle lungo il percorso. Dovremmo assistere a una gara entusiasmante, anche se aspettiamo il momento della resa dei conti per i giovani stalloni nel 2024.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *