Recensione di un libro: Le Fric, di Alex Duff

Valuta post

Titolo: Le Fric – Famiglia, potere e denaro: Il bel business del Tour de France
Autore: Alex Duff
Editore: Conestabile
Pagine: 314
Anno: 2022
Ordine: Hachette
Che cos’è: Una storia (finanziaria) del Tour de France con un’enfasi sui tentativi di formare una lega in fuga un decennio fa.
Punti di forza: Si muove a passo di marcia senza fiato
Debolezze: Se si tolgono gli ormai troppo noti aneddoti sulle corse, si tratta di una pappa piuttosto magra, che rivela ben poco di nuovo nonostante le iperboliche affermazioni dell’autore e dell’editore.

Le Fric - Famiglia, potere e denaro: The Beautiful Business of the Tour de France, di Alex Duff. Una storia simile a Succession ambientata nel mondo del ciclismo? Difficile.

Le Fric – Famiglia, potere e denaro: Il bel business del Tour de France, di Alex Duff. A Successione-una storia simile a quella del mondo del ciclismo? Difficile.
fmk

Quando la seconda guerra mondiale volgeva al termine, la Francia era in fase di ricostruzione fisica e psicologica. Il Paese doveva fare i conti con un’occupazione che aveva visto molti collaborare con le forze tedesche di invasione. Una conseguenza di ciò fu la chiusura dei media che avevano continuato a operare durante l’occupazione e il sequestro dei loro beni da parte dello Stato.

Dalle ceneri, alcuni ex operatori dei media risorsero come fenici, come Jacques Goddet, che creò il quotidiano sportivo L’Équipe dalle braci di L’Auto. Goddet era stato l’erede designato di Henri Desgrange a L’Auto prima della guerra, figlio minore del socio d’affari di Desgrange, Victor Goddet.

Altri sono cresciuti come gli oligarchi che si sono arricchiti dopo il crollo dell’Unione Sovietica, come Émilien Amaury. Dalle ceneri di Le Petit Parisien – il giornale in cui, nel 1924, Albert Londres non chiamò i corridori del Tour de France forçats de la route – Amaury ha creato Le Parisien Libéré, che divenne la pietra miliare di un impero familiare che oggi è giunto alla terza generazione. L’impero Amaury non comprende più Le Parisienil cui fiore all’occhiello è oggi il Tour de France, un tempo di proprietà di L’Auto.

Émilien Amaury, Marie-Odile Amaury e Philippe Amaury

Émilien Amaury (a sinistra) morì nel 1977 in seguito a un incidente mentre era a cavallo. Il testamento di Amaury Snr lasciò la maggior parte del suo impero mediatico e sportivo alla figlia Francine, ma il testamento fu contestato dal figlio Philippe (a destra). Dopo diversi anni di lotte in tribunale, alla fine i due fratelli si accordarono su come dividere l’eredità: Philippe ottenne il controllo di Le Parisien Libéré, L’Équipe e il Tour de France. Alla morte di Amaury Jnr, nel 2006, il controllo dell’azienda di famiglia è passato alla vedova, Marie-Odile Amaury (al centro), che oggi è la persona più potente del ciclismo, ma che è appena conosciuta da molti osservatori dello sport.
(a sinistra) AFP / Getty; (al centro) Alexandre Marchi / Gamma-Rapho / Getty; (a destra) Michel Artault / Gamma-Rapho / Getty

Come ormai tutti sanno, il Tour de France fu sognato nel 1902 da un giornale in crisi diretto da Henri Desgrange. L’Auto era stata fondata due anni prima dal presunto antisemita Jules-Albert de Dion (della Dion-Bouton Cycles & Automobiles) insieme a Gustave Adolphe Clément (della Clément Cycles & Automobiles) e a una manciata di altri industriali francesi. Tra loro De Dion e Clément possedevano oltre il 60% delle azioni della nuova impresa. Come siamo arrivati a possedere le azioni di De Dion e Clément L’Auto e la corsa in bicicletta che ha portato Jacques Goddet a rivendicarle entrambe alla fine della guerra è una storia che merita di essere analizzata.

Alex Duff Le Fric – Famiglia, potere e denaro: Il bel business del Tour de France è descritto dal suo editore come “la storia sconosciuta del rapporto in continua evoluzione del Tour de France con il denaro e il potere”. Invece di cominciare dall’inizio, il libro ignora tutto ciò che è stato fatto in precedenza e si tuffa nella storia più di quattro decenni dopo la creazione del Tour, con Jacques Goddet che si rivolge a Émilien Amaury per avere assistenza nel rivendicare il suo diritto al successo. L’Auto e il Tour alla fine dell’occupazione.

La storia di Amaury è raramente raccontata nei libri sul Tour de France in lingua inglese sfornati dai soliti noti. Il favolista Pierre Chany non l’ha raccontata in nessuno dei suoi libri. istoires fabuleuse e quindi l’esercito di storici incapaci per i quali tradurre pezzi di Chany conta come ricerca ha poco su cui lavorare. Questo non significa che sia una storia non raccontata. Più di dieci anni fa scrissi una serie di articoli per un sito web ora scomparso, analizzando come la famiglia Amaury fosse arrivata a controllare il Tour. Non era un argomento molto difficile da ricercare: esisteva una biografia di Amaury Snr, scritta da Guy Vadepied, che è diventata una fonte fondamentale per molti articoli francesi sugli Amaury. È diventata anche una fonte fondamentale per le storie che Duff racconta sul fondatore dell’impero Amaury.

La storia di Amaury Snr è una tipica storia di stracci alla ricchezza. Nato a Étampes nel 1909, si trasferì a Parigi nella prima adolescenza in cerca, se non di fama e fortuna, certamente di una vita migliore di quella che gli si prospettava a casa. Trovò lavoro nella cucina di un ristorante, lavando i piatti e facendo il garzone. Si imbatte in uno dei clienti del ristorante che lo prende sotto la sua ala e lo introduce nel mondo dell’editoria. Terminato il servizio militare obbligatorio, torna a Parigi e nel giro di pochi anni avvia una piccola agenzia pubblicitaria, producendo annunci che appaiono su vari periodici.

Quando gli anni Trenta volgono al termine e lo spettro della guerra cresce, Amaury viene richiamato nell’esercito. Quando i tedeschi invadono il paese, si trova in azione nelle Ardenne. Al momento dell’occupazione fu coinvolto nel governo di Vichy di Philippe Pétain, producendo manifesti e opuscoli che consigliavano alla popolazione di coltivare le proprie verdure. Amaury si impegnò anche con il resistenza movimento, procurandosi la carta da giornale e l’accesso alle macchine da stampa su cui venivano prodotti notiziari clandestini e altra propaganda.

Alla fine dell’occupazione, il background di Amaury nella resistenza, insieme alle sue connessioni mediatiche e politiche, lo vedevano in una posizione ideale per sfruttare le opportunità che gli si presentavano davanti. Quando Jacques Goddet si rivolse a lui per chiedere assistenza nella creazione di L’Équipe e di riconquistare il controllo del Tour de France Amaury fu ben felice di aiutarlo. A un prezzo. Quando il Tour tornò nel 1947, Amaury possedeva il 50% della corsa.

Jacques Goddet

L’uomo che ha venduto il Tour: Jacques Goddet si era cimentato per un breve periodo nel ciclismo prima di entrare come cronista nel giornale che suo padre aveva contribuito a fondare. Divenne il braccio destro di Desgrange, responsabile della gestione del Tour quando la malattia mise da parte il padre del Tour negli anni Trenta. Con L’Auto chiuso dal governo creato da Goddet L’Équipe e sotto la sua direzione divenne uno dei giornali sportivi più influenti d’Europa, contribuendo alla creazione di quella che oggi è la Champions League. Ma ha anche portato le finanze del giornale al collasso e negli anni Sessanta ha dovuto essere salvato da Amaury, portando il giornale e il pieno controllo del Tour nell’impero in espansione di Amaury.
James Andanson / Sygma / Getty

C’è una grande storia da raccontare sul ritorno del Tour nel 1947, sulla lotta tra Goddet/Amaury da una parte e altri due diari -. Ce Soir e Sport – dall’altra. Questa lotta era un microcosmo della più grande lotta che era allora in corso per l’anima della Francia stessa: era una lotta tra la sinistra e la destra. Ce Soir e Sport erano giornali di sinistra. Amaury era gollista, mentre Goddet era, se non proprio gollista, saldamente di destra. La lotta prefigura anche gli eventi degli ultimi anni, con i tentativi da parte delle squadre e di varie società di private equity di strappare il controllo effettivo dello sport all’impero di Amaury.

Questa storia non viene raccontata in Le Fric, l’intera vicenda racchiusa in un paio di paragrafi. Duff è troppo interessato a cercare di sbrigare la storia a un ritmo che lascerebbe Dan Brown senza fiato, non ha tempo per i dettagli. Poiché gran parte della storia di come l’impero Amaury sia cresciuto negli ultimi otto decenni è ricca di dettagli, Duff è costretto a imbottire la storia di dettagli. Le Fric con un sacco di colori che sono a malapena in relazione con la storia che viene raccontata.

Così, ad esempio, ci viene dedicata una pagina o poco più alla storia molto colorata del pugile francese Marcel Cerdan e della sua relazione con la cantante Edith Piaf. Oppure ci sono diverse pagine in cui si racconta la storia di come Jean Robic abbia frustato il maillot jaune alle spalle di Pierre Brambilla nell’ultima tappa del Tour del 1947. In tutto Le FricOgni volta che Duff ritiene che la storia si stia afflosciando, abbandona i dettagli e ricorre ad aneddoti già noti negli oltre cento libri che raccontano la storia del Tour.

Félix Lévitan

Quando Amaury Snr assunse il 50% del Tour nel 1947, installò Félix Lévitan – un ex L’Auto che all’epoca era il responsabile dello sport di Le Parisien Libéré – come suo uomo all’interno della corsa, incaricando Lévitain di trasformare il Tour in un business e non solo in una trovata per aumentare le vendite. Nel 1973 Lévitan creò la Société du Tour de France, l’organizzazione ombrello sotto la quale furono riunite tutte le corse di Amaury, tra cui la Parigi-Roubaix e il Tour de l’Avenir. Due anni dopo portò il Tour sugli Champs Élysées. Lévitan fu licenziato dall’impero Amaury nel 1987 dopo che furono scoperte perdite in una corsa in America sepolte nei libri contabili del Tour.
Michel Baret / Gamma-Rapho / Getty

Le Fric non è il primo libro a considerare l’aspetto finanziario del Tour. Ignorando il libro accademico di Daam van Reeth L’economia del ciclismo professionistico su strada e Oliver Duggan Tabella di marcia di Rapha, che riguardano più che altro il modello economico del ciclismo, c’è il libro di Eric Reed Vendere la maglia gialla che fa molta più luce sulla storia del rapporto del Tour con il denaro e il potere di quanto non faccia Duff.

Non è che Duff non ci stia provando. Ha intervistato molte persone, ha letto molti libri e ha guardato alcuni video. Ma pochi dei suoi intervistati aggiungono qualcosa che non fosse già noto. È solo quando si addentra nella storia recente e nei tentativi falliti di formare leghe separate che la ricerca di Duff aggiunge qualcosa. Il che, per un libro che gli editori definiscono “ricco di ricerche” e che racconta “la storia sconosciuta del rapporto in continua evoluzione del Tour de France con il denaro e il potere”, è più che deludente.

Per quanto riguarda la rigorosità delle sue ricerche… in realtà non è così. Questa è solo una frase che gli editori vogliono far passare nella speranza che altri la ripetano (come hanno già fatto diversi recensori di Amazon: “Eccezionalmente ben studiato, secondo le mie limitate conoscenze”, afferma uno; “Incredibilmente ben studiato”, proclama un altro).

Quanto è falsa l’affermazione che il libro è “studiato con cura”? Beh, parlando dell’edizione 1976 della Parigi-Roubaix – quella filmata da Jørgen Leth e interrotta dallo sciopero dei lavoratori della stampa di Le Parisien Libéré – Duff nota che il vincitore “ha ricevuto in premio un sampietrino montato”. Si tratterebbe del sampietrino montato che fu introdotto solo l’anno successivo. Altre affermazioni sono altrettanto contestate dal punto di vista temporale, come il fatto che l’ASO sia proprietaria del Critérium du Dauphiné Libéré nel 2008 (è stato acquisito solo nel 2010). Si tratta di piccoli errori banali e se l’editore non avesse cercato di far gridare alla genialità della ricerca del libro non avrei sentito il bisogno di dargli un calcio karmico. Sono gli errori di battitura del libro che mi preoccupano di più della sua storia insoddisfacente. Ricerca accurata, correzione scadente.

Più importanti di questi sono le cose che Duff ha tralasciato nella sua corsa affannosa alla storia. Prendiamo il periodo tra il 1987 e il 1989. I diciotto mesi che seguirono il licenziamento di Félix Lévitan furono uno dei periodi più difficili della storia del Tour, con tre uomini diversi che presero il comando della corsa nel giro di un anno e mezzo. Per ragioni a lui ben note, Duff sceglie di citare solo uno di questi uomini, ignorando completamente gli altri due, uno dei quali è stato l’uomo responsabile della creazione di ASO e della sua espansione nel mondo dello sport.

O considerare dettagli importanti come la collocazione del Tour all’interno dell’impero sportivo di Amaury. Nel 2022 ASO ha organizzato 30 eventi ciclistici, tra cui le proprie gare maschili e femminili, le gare che organizza per altri, come la Volta a Catalunya e la Eschborn-Frankfurt, le gare sportive come l’Étape du Tour e le gare di esibizione come il Saitama Criterium. Per quanto riguarda gli sport motoristici, il paese ospita il Rally Dakar e alcune altre gare. Ha un paio di eventi di golf e diversi eventi di massa come la maratona di Parigi. In totale, ASO dichiara di organizzare 250 giorni di gare distribuite in 90 eventi in 30 Paesi. Poco o nulla di tutto ciò viene spiegato da Duff, che a malapena si accorge di menzionare di sfuggita il Rally Dakar e la maratona di Parigi, nonché la Parigi-Nizza e il Critérium du Dauphiné. Per lui ASO è il Tour, il Tour è ASO.

Ci sono ancora meno dettagli sulla collocazione di ASO all’interno dell’impero Amaury, con Duff che a un certo punto afferma che ASO è “la holding giornalistica della famiglia”. Credo che non abbia colto l’indizio nel nome completo: Amaury Sport Organisation.

Le finanze di ASO, 2004-2021

Le entrate e i profitti di ASO derivano da una serie di eventi, non solo dal Tour de France. L’impatto della cancellazione del Rally Dakar nel 2008 illustra l’importanza di eventi diversi dal Tour. ASO è solo una parte del gruppo Amaury e i suoi profitti si mescolano con i profitti e le perdite delle altre società Amaury, comprese le operazioni sui media.
fmk

E poi ci sono i numeri finanziari. Dato che si tratta di una storia su “famiglia, potere e denaro” (un giorno compilerò un elenco completo di tutti i libri di ciclismo che nei sottotitoli utilizzano un raggruppamento di tre sostantivi), a un certo punto si deve entrare nel merito dei numeri finanziari, per quanto si voglia far scorrere la storia senza fiatare. Ma Duff non lo fa. I pochi che cita sono quasi privi di significato.

In una delle due prime pagine del libro, Duff afferma che gli introiti del Tour derivanti dalle sponsorizzazioni televisive e delle gare “si avvicinano ai 100 milioni di dollari all’anno” (queste due paroline, “si dice che”, fanno un bel po’ di fatica). All’altra estremità del libro fa eco a questa affermazione dicendo che il Tour ha entrate annuali stimate di 100 milioni di euro (anche in questo caso, le travi che sostengono la parola “stima” sono molto sollecitate – il semplice fatto è che gli Amaury sono molto prudenti quando si tratta delle loro finanze, lasciando che la gente spunti numeri dal nulla).

Altrove apprendiamo che sulla scia del Festina affare Il Credit Lyonnais – che fornisce quei teneri leoni distribuiti alla fine di ogni tappa del Tour – ha pensato di ritirare 35 milioni di franchi di finanziamenti. È una cifra che è stata lasciata lì, non tradotta in euro o in dollari (sono poco più di 5 milioni di euro), né abbinata ai vari eventi ASO che la banca sosteneva all’epoca.

Più preoccupanti sono le affermazioni secondo cui ASO avrebbe pagato alla famiglia Amaury dividendi per 30 milioni di euro in un periodo di tre anni all’inizio del millennio. Più avanti nel libro questa cifra diventa di 20 milioni di euro all’anno dal 1999. Ignorando la differenza tra le due affermazioni, ASO è una società interamente controllata dal gruppo Amaury. Tutti i dividendi che distribuisce risalgono la catena alimentare e si mescolano con i profitti e le perdite di altre parti del gruppo. È il dividendo pagato dalla società madre che conta davvero.

Inoltre, all’inizio del millennio gli Amaury possedevano solo il 75% del gruppo Amaury, avendo Philippe Amaury venduto il 25% dell’azienda dopo aver trascorso sei anni a impugnare il testamento del padre in tribunale. Fino al 2013 – quando gli Amaury hanno pagato 91 milioni di euro per rilevare il loro azionista di minoranza – un quarto di tutti i dividendi distribuiti dal gruppo non è andato alla famiglia. Quel 25% di minoranza, tra l’altro, era detenuto dalla famiglia Lagardère, proprietaria di Hachette, la casa editrice di Le Fric. Duff cita la famiglia solo due volte, senza menzionare i tentativi di Lagardère di acquistare la Tour.

Duff prende in considerazione l’ammontare delle entrate dell’ASO ogni anno, e dove si colloca, nel grande schema delle cose, il presunto introito annuale del Tour di 100/ 100 milioni di dollari? Certo che no, sarebbe un dettaglio e preferirebbe spendere tre pagine per parlare di Simon Mottram – il fondatore di Rapha, ora dipendente dei ragazzi di Wallmart – che non credo si sia unito alla lista crescente di Mark McCormack di IMG, Arnaud Lagardère, Wang Jianlin del gruppo Wanda e gli altri che hanno gentilmente chiesto se la corsa fosse in vendita. Ma produce abbigliamento estremamente costoso.

Dopo aver chiuso la storia trentennale di Émilien Amaury in poco più di 80 pagine, i tre decenni in cui Philippe Amaury ha preso, o ha cercato di prendere, il timone dell’azienda di famiglia sono finiti in un altro centinaio di pagine. Le ultime cento pagine riguardano l’ultimo decennio e mezzo. Immaginate se Channel 4 realizzasse un programma sui più grandi spettacoli comici degli ultimi 75 anni e più di un terzo di essi fosse stato realizzato nell’ultimo decennio e mezzo.

Duff si sofferma con dovizia di particolari su un gruppo di imprenditori della Silicon Valley, sostenuto da Lance Armstrong, che ha cercato di mettere insieme un consorzio per acquistare il Tour (pur avendo letto Le Fric Non sono ancora sicuro che questa storia tanto chiacchierata si sia mai tradotta in un’offerta reale). Segue il tentativo di Wouter Vandenhoute, sostenuto dalla CVC, di formare una lega in fuga (che si svolgeva contemporaneamente al tentativo di acquisizione di Armstrong). E poi c’è la World Series Cycling, una lega in fuga sostenuta da Rothschild, che ha trascorso gran parte del 2011 e del 2013 a caccia di patate.

A questo punto dovrei forse far notare che il lavoro diurno di Duff in quel periodo era al desk sportivo di Bloomberg news, che è diventato uno sbocco propagandistico fondamentale per Jonathan Vaughters quando si trattava di convincerci che gli Amaury dovevano essere rovesciati dal loro trono in cima allo sport (uno dei miei preferiti è l’articolo in cui Duff ripeteva credulamente l’affermazione di Vaughters secondo cui “ASO può ottenere fino a 200 milioni di dollari dai diritti televisivi, mentre le 22 squadre del Tour de France hanno tipicamente un budget annuale di 10 milioni di dollari ciascuna dalle sponsorizzazioni”).

Nessuno di questi progetti è mai stato realizzato, ma ciò non significa che non abbiano avuto alcun valore. Mentre quello sostenuto da Armstrong sembra essere stato solo un’idea velleitaria e quello sostenuto da Rothschild si è trasformato nell’inefficace gruppo di squadre Velon una volta che i banchieri se ne sono andati, il progetto di Vandenhoute si è trasformato in Flanders Classics, l’astro nascente del gioco dell’organizzazione delle corse, un gruppo emergente di grandi classiche che ha mostrato all’ASO come si dovrebbe giocare, soprattutto quando si tratta di espandere l’arena delle corse femminili. Purtroppo, Duff ha poco da dire sulle classiche delle Fiandre e sull’impatto che hanno avuto sul business del ciclismo e soprattutto sull’impatto che hanno avuto su ASO (non è certo che oggi avremmo la Parigi-Roubaix donne senza che il Flanders Classic faccia vergognare l’ASO di seguire il programma).

Aurore Amaury e Jean-Étienne Amaury.

Aurore Amaury e Jean-Étienne Amaury. A più di dieci anni e mezzo dalla morte del padre, la nuova generazione dell’impero familiare aiuta oggi la madre a guidare ASO e il resto del gruppo Amaury di aziende sportive e mediatiche verso il futuro.
(a sinistra) Frederic Souloy / Gamma-Rapho / Getty; (a destra) Alexandre Marchi / Gamma-Rapho / Getty

Troppo di Le Fric è un’interpretazione un po’ superficiale della storia, ricca di colori e povera di contenuti. Detto questo, se non sapete come gli Amaury siano diventati la potente famiglia che sono oggi, questo è almeno un inizio. E se volete rivivere la gloria cruenta degli anni della fuga, il libro è ricco di dettagli. Devo solo immaginare che libro sarebbe potuto essere se Duff non avesse riempito così tante pagine con storie irrilevanti, come quella di Chris Froome che si è fatto male sull’Alpe d’Huez, e avesse invece trovato qualcosa di nuovo da dire sulla famiglia che dovrebbe essere il cuore del libro.

Le Fric - Famiglia, potere e denaro: The Beautiful Business of the Tour de France di Alex Duff (2022, 314 pagine) è pubblicato nel Regno Unito da Constable.

Le Fric – Famiglia, potere e denaro: Il bel business del Tour de France di Alex Duff (2022, 314 pagine) è pubblicato nel Regno Unito da Constable

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *