Il Giro del 2023 sarà pazzesco

Il percorso del Giro d’Italia 2023, svelato lunedì in una cerimonia a Milano, è un percorso selvaggio e stravagante che abbandona la piacevole formula di alcune edizioni recenti per spingersi un po’ troppo oltre. E io sono d’accordo.

Ci sono già molte analisi in giro, e molte di esse si concentrano su chi frequenterà o meno il corso e su chi ne trarrà beneficio. Non voglio concentrarmi su questo aspetto ora, né voglio iniziare ad analizzare gli stadi. Ma ecco alcuni temi che emergono dalla presentazione del corso.

Siamo sicuri che questo Giro sia diverso?

Hm, beh, escludendo la Vuelta, gli altri due grandi giri hanno una certa somiglianza di anno in anno: il Tour ha le sue due fasi di montagna che determinano il vincitore, di solito, proprio come il Giro ha due settimane di baldoria prima di passare agli affari più seri su al nord. I corridori e le squadre investono ingenti somme di denaro ed energie per perfezionare le loro possibilità di vincere i grandi premi, quindi le corse più importanti non possono semplicemente fregarli con un percorso che non ha nulla a che vedere con le ultime 100 edizioni.

Per certi versi, questo Giro corrisponde alla realtà. La distanza (3.448 km) e i metri di dislivello totali sono più o meno gli stessi del 2022 – 51k metri verticali totali da scalare sono infatti 1k in meno rispetto all’anno scorso. Ma si tratta comunque di cifre enormi, se si considera che il 2021 ne contava 47k, il 2020 44k e le altre edizioni più recenti si attestavano tutte intorno alla metà dei 40 metri. Quindi sì, attenzione a ciò che mangiate la prossima primavera, ragazzi. Magari fate qualche buco nella sella. Ogni grammo conterà.

Ciclismo : 94° Giro Italia 2011/ Tappa 14

Foto di Tim de Waele/Corbis via Getty Images

E poi c’è lo stress. Per me, questo percorso è caratterizzato dalla mancanza di recupero (se così si può dire) lungo il tragitto. Le otto tappe di montagna sono il numero più alto dell’anno scorso per tutti i percorsi del decennio precedente, quando il numero tipico di queste tappe è di cinque o sei. E le otto non includono la cronometro di montagna, che si potrebbe tranquillamente definire una nona giornata di montagna, un numero eguagliato solo una volta (2011) in questo millennio. Sommando le tappe di montagna + le cronometro per calcolare il totale delle tappe ad alto stress, si arriva a 11 – anche in questo caso, un numero eguagliato solo nel 2011 e ben al di sopra di molte edizioni (tra sei e otto). Questi percorsi anomali – 2011, 2022 e 2023 – tendono a sostituire l’alta montagna con la media montagna, elencando solo due tappe di questo tipo rispetto alle otto del 2016 e 17. Questo è il Giro che dice: se dobbiamo avere una giornata dura in sella, non scherziamo e non lasciamo che la tappa cada in una pausa. Facciamo azione vera.

Dove si esagera?

L’esempio più evidente di come il percorso di quest’anno si sia liberato della sua comoda pelle è il piano di cronometro. Non mi riferisco ai km totali da percorrere con l’orologio – 70,6 in totale – ma al fatto che cinque di questi km avranno una pendenza media del 15%, seguiti da tre km finali di terreno variabile, compresi due diversi punti in cui il profilo raggiunge il 22%. Il tutto nella penultima tappa verso il Monte Lussari. Se anche un solo velocista arriverà a Roma, avrà versato più di qualche lacrima.

Gli oltre 70 km di cronometro individuale sono certamente degni di nota, la maggior parte dal 2015, quando la corsa accumulò 77 km contro l’orologio. Nel 2017 ce ne sono stati poco meno di 70 km, vinti da Dumoulin, e Contador ha vinto l’edizione del 15. Quindi, anche se non è da in-Giro avere molte cronometro, tende a far pendere la gara verso gli assi della crono. Ma il menu dell’anno prossimo varia dai classici chilometri ITT pianeggianti alla mostruosità descritta sopra, quindi gli assi della crono dovrebbero stare attenti a ciò che desiderano.

Lo spagnolo Carlos Sastre (Cervelo) in sella a

Le cronometro di montagna possono essere molto belle
Il titolo della foto dovrebbe essere Luk Beines/AFP via Getty Images

In generale, la lunghezza non è una sorpresa, per due motivi. Uno è che la corsa del 2022 comprendeva un comico 26,6 km, il totale più basso che sono riuscito a trovare (ho smesso di cercare prima degli anni di Pantani), quindi il Giro era destinato a far oscillare il pendolo indietro. L’altro fattore è chi attrae un percorso del genere, e vengono in mente nomi come Evenepoel e Roglic. Probabilmente RCS aveva abbozzato questo percorso prima dei Mondiali, quindi non si tratta solo di un palese tentativo di attirare una stella belga vestita di arcobaleno e 400.000 dei suoi amici più cari (o comunque i loro portafogli). Ma se funziona così, tanto meglio.

OK Ma sarà divertente?

Ah, ecco la parte importante. Ci piacerà questo Giro? Si tratta di una domanda in due parti, in cui entrambe le parti devono essere soddisfatte in qualche misura. Una è la battaglia per la gloria rosa, e poiché un Giro super-duro può talvolta far crollare la competizione, il dramma può finire presto e far sì che il nostro attaccamento alla corsa si affievolisca rapidamente. Non c’è molto altro da dire a riguardo, a parte le speculazioni sulla lista dei partenti, quindi speriamo per il meglio. Evenepoel sembra abbastanza sicuro di presentarsi, ma per quanto sia stato grande quest’autunno, non lo considero assolutamente un favorito, anche se le altre stelle passano tutte. Incrociamo le dita.

L’altro aspetto divertente è se i palcoscenici hanno carattere. Ecco alcuni elementi che saltano all’occhio:

  • La prima settimana è una celebrazione del Sud, che si addentra in zone del Mezzogiorno che non ricevono molta attenzione (rispetto al resto d’Italia). La costa abruzzese ospita la Grande Partenza e per un paio di giorni illuminerà le spiagge dell’Adriatico. Poi la corsa si inoltrerà nelle zone più misteriose della Basilicata e della Campania, dove il Giro cercherà di dare lustro a queste aree.
  • Da qui in poi le cose si fanno più sfarzose, con una spettacolare sesta tappa che inizia e finisce a Napoli e attraversa la Costiera Amalfitana.

Giro d'Italia Tappa 4

Costa Amalfitana
Foto di Lars Ronbog/FrontzoneSport via Getty Images

  • La gara vera e propria inizia nella settima tappa, quando la corsa torna in Abruzzo. Molti Giri passano da qui in direzione nord, poiché l’alternativa – la provincia del Lazio – è più affollata e meno divertente, ma la tipica tappa abruzzese è una battaglia di media montagna che non influisce molto sui favoriti. Quando il Giro vuole fare una tappa importante così presto, va sul Blockhaus o a Passo Lanciano. Questa volta, invece, si torna a Campo Imperatore, e non solo in modo turistico come in passato, ma fino al Gran Sasso d’Italia sopra L’Aquila, a 1000 metri in più rispetto ai precedenti arrivi. Gli ultimi 5 km superano l’8%, quindi sarà una vera e propria battaglia per il rosa. E un evento visivamente straordinario attraverso il Campo spazzato dal vento.

Ciclismo: 101° Giro d'Italia 2018 / Tappa 9

Campo Imperatore
Foto di Justin Setterfield/Getty Images

  • La cronometro di Cesena genererà un sacco di discussioni su Pantani, per quelli di voi che sono ancora divertiti da questo in qualche modo.
  • Altri gioielli nell’undicesima tappa, quando attraverseremo le Cinque Terre, nel caso in cui aveste in programma una vacanza e Amalfi non fosse abbastanza costosa per voi.
  • La tappa 15 renderà omaggio al Giro di Lombardia, il che è molto bello.
  • Poi l’alta montagna, compresa una puntata in Svizzera, sempre che la neve non impedisca alla corsa di raggiungere i quasi 2500 metri di altitudine. Poi altre montagne, tra cui il Monte Bondone e le Tre Cime di Lavaredo, due vecchie mete che non si vedono spesso. La maggior parte dei passi alpini tipici del Giro sono fuori dalla lista nel 2023, il che rende questo menu di salite rinfrescante per chi si annoia delle solite cose Gavia-Morirolo-Giau ecc.
  • E infine… OMG! Una gara conclusiva cronometro gara in circuito a Roma! Non sono ancora pronto a descrivere il percorso, ma noto che passerà accanto ad almeno tre chiese diverse che ospitano dipinti di Caravaggio, che non ho visto l’ultima volta che sono stato lì perché i miei figli erano stufi di guardare l’arte.

La chiamata di San Matteo di Caravaggio

Tappa 21 del Giro
Foto di Leemage/Corbis via Getty Images

Ecco come si presenta. Complessivamente lo definirei un percorso insolitamente creativo che potrebbe finire per essere anche super eccitante, anche se con il Giro non si può mai essere troppo sicuri di questo. Non c’è nulla di cui lamentarsi. Che ne dite?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *