Il Banzuke ciclistico – Podium Cafè

Valuta post

In questa stagione i soliti media del ciclismo penseranno a modi intelligenti per valutare la stagione e la squadra, alcuni dei quali erano già stati usati dieci anni fa e non hanno più voglia di farlo… ma probabilmente cadrò di nuovo in alcune di queste trappole quest’inverno. Ma per iniziare, voglio dare una visione completamente diversa, che spero abbia un senso alla fine.

SUMO-JPNAspettate, il Sumo Wrestling?

Tecnicamente la parola giapponese “Sumo” include la parte della lotta. E sì! Il sumo è uno sport incredibilmente bello una volta che lo si conosce e si supera la scioccante questione del tipo di corpo, al punto che diventa un’altra parte affascinante della strategia. Ma il mio scopo non è quello di convincervi a guardare il sumo. Voglio solo prendere in prestito il loro sistema di classificazione.

Perché dovremmo farlo?

La risposta rapida è che il sumo utilizza un sistema di classificazione che è un mix di ricorrenza e di risultati ottenuti nel corso della vita per vendere il prodotto. Le origini del sumo sono antiche quanto il Giappone stesso, e documenti risalenti al 712 d.C. descrivono la tradizione celeste giapponese secondo cui il controllo delle isole sarebbe stato deciso in un incontro di sumo tra due divinità, Takemikazuchi e Takeminakata, vinto dal primo con una tecnica di schiacciamento del braccio che gli avrebbe dato (?) il controllo della provincia di Izumo. Da questo e da gran parte della cultura giapponese, che tiene molto alle tradizioni in generale e valorizza l’età e l’esperienza in particolare (vedi chiunque abbia “sensei” attaccato al proprio nome), si deduce che lo sport moderno del sumo classificherebbe i propri atleti in base a qualcosa che va oltre i risultati del mese scorso.

Il ciclismo, invece, utilizza un sistema piuttosto rigido, cosa hai fatto per me quest’anno? sistema di classifica. Visto come funziona il fitness, non è un modo terribile di fare affari, ma forse questo esperimento di pensiero di cercare di imporre un sistema meritocratico a lungo termine sul ciclismo sarà illuminante in qualche modo.

35a Binche - Chimay - Binche / Memorial Frank Vandenbroucke 2022

Ok, va bene. Se lo facciamo, come funziona?

Venendo al dunque, spiegherò brevemente le classifiche del Grand Sumo in Giappone. Assomiglia all’UCI in quanto la competizione giapponese di alto livello non è l’unico sistema sul pianeta per chi pratica questo sport (al giorno d’oggi ci sono associazioni di sumo amatoriali ovunque), ma è di gran lunga il più importante, quindi le sue classifiche sono di fatto lo standard mondiale.

In Giappone esistono più divisioni. Il Makuuchi è praticamente il World Tour; il Juryo è simile al pro-continental (seconda classe, ma gli atleti possono andare avanti e indietro), e da lì discendono le divisioni Makushita, Sandanme, Jonidan e Jonokuchi, l’ultima delle quali è per i principianti che escono dai programmi amatoriali delle scuole superiori e dei college. La maggior parte di questo articolo si soffermerà sul livello Makuuchi.

Ogni Honbasho – i sei tornei in stile grand tour di due settimane che si tengono ogni anno – inizia con il Banzuke, la classifica di quel torneo. Con due eccezioni, i primi posti dei “campioni”, ogni atleta vede la sua posizione nel banzuke salire o scendere poco prima di ogni Basho in base alle sue prestazioni nell’ultimo torneo. Se l’ultima volta ha vinto 8 o più dei suoi 15 incontri, manterrà almeno la sua posizione nel torneo successivo e probabilmente salirà (con salti maggiori per i record migliori). Se scendete al di sotto della soglia di pareggio, la vostra classifica scenderà di conseguenza. Ma tutto è relativo agli altri, si può essere scavalcati da stelle di prima grandezza; oppure, se tutti intorno a voi hanno lo stesso record, il movimento verso l’alto o verso il basso del banzuke viene intasato dal traffico. Da notare che l’unico modo per mantenere la propria posizione in classifica è presentarsi e vincere. Ferito? Malato? Sospeso per cattiva condotta? Peccato. Se non si può salire sul ring, non si può mantenere la classifica, anche se il motivo viene preso in considerazione per decidere la gravità della retrocessione.

Banzuke tradizionale di tutte le divisioni

Scomponendo la divisione superiore, al vertice della classifica individuale del Makuuchi c’è lo Yokozuna (alcuni di questi termini li avrete già sentiti). Yokozuna significa grande campione e, una volta raggiunto questo livello, l’atleta detiene quel grado in ogni banzuke per il resto della sua carriera. Per diventare yokozuna, l’atleta deve prima raggiungere il grado successivo (Ozeki) e poi vincere due tornei consecutivi, o arrivare così vicino a farlo che il Consiglio di Deliberazione Yokozuna (YDC) si convinca che è degno di un titolo che lo consacrerà campione fino a quando non si taglierà il ciuffo e si ritirerà. Il voto può essere soggettivo, ma è un modo per dire “non smetteremo mai di pensare a te come a uno dei più grandi”. Come i dittatori e i giudici della Corte Suprema, tecnicamente potete ricoprire la carica a vita, ma se perdete la fiducia del popolo, sarete costretti a ritirarvi. Potete scommettere che il Consiglio cerca di eliminare coloro che non hanno la dignità di appendere la giacca al chiodo quando non riescono a soddisfare gli standard. Il sistema più o meno funziona.

Il livello successivo è, come ho detto, l’Ozeki: campione, ma soggetto a retrocessione dopo due sconfitte consecutive. Si può andare da 0 a 15 e poi da 8 a 7 e mantenere la posizione di Ozeki, ma se si va da 7 a 8 per due volte di fila, il grado di Ozeki viene meno. Ma come per lo Yokozuna, anch’esso viene deciso da un comitato di delibera e non viene assegnato a meno che non si sia dato prova di sé in due o tre tornei consecutivi, ottenendo record eccezionali contro i migliori avversari. Per darvi un’idea di quanto siano elitari i gradi più alti, in questo momento, dei circa 550 “rikishi” (lottatori di tutti i gradi) del grand sumo, c’è uno Yokozuna e un Ozeki, che ha appena visto altri due Ozeki essere respinti.

Seguono Sekiwake e Komusubi. Insieme a Ozeki e Yokozuna, questi sono i gradi sanyaku, quelli con nomi speciali. Ma i Sekiwake e i Komusubi non sono immuni da retrocessioni: la loro classifica va e viene in base ai risultati ottenuti nell’ultimo torneo, ma un Sekiwake o un Komusubi che si classifica 7-8 potrebbe non scendere di molto: si tratta pur sempre di vincitori comprovati. Inoltre, i sanyaku lottano tutti tra loro, più qualche altro ragazzo del livello successivo di classifica. Il che significa che hanno il percorso più difficile per ottenere un record vincente.

Il resto del makuuchi è classificato come #1 maegashira, #2 maegashira, #3 e così via. Ci sono due maegashira ciascuno, fino al 16° o al 17°, e questo è tutto per la divisione superiore. I maegashira dal n. 1 al n. 4 vengono inseriti nel “Joi” con i sanyaku per combattere contro i lottatori di punta. Tutti i maegashira dal n. 5 in giù combattono per lo più contro atleti di rango inferiore. Se un maegashira numero 8 arriva a 12-3, va bene, ma non può aspettarsi di passare nel Joi chi è arrivato a 9-6, perché quei ragazzi hanno combattuto contro i migliori e lui no. Perciò questi punti di interruzione sono importanti. Se un ragazzo viene spostato dal Maegashira 7 al n. 3, si tratta di un’audizione al livello più alto per vedere se è materiale da Joi, o meglio. Di solito la risposta è negativa e, se non riesce a ottenere l’ottava vittoria, può aspettarsi di tornare al livello inferiore.

In fondo ai makuuchi ci sono ragazzi che, se hanno un record negativo, vengono retrocessi a Juryo, come nel calcio europeo, mentre i primi classificati di Juryo vengono fatti salire a makuuchi se fanno bene. Lo stesso vale per le altre divisioni, ognuna delle quali è solo una classifica numerica (juryo 1, juryo 2…). Da metà makuuchi al gradino più basso, i ragazzi salgono e scendono senza alcuna considerazione speciale al di là del loro grado precedente e delle prestazioni nei tornei. Si vince e si avanza, o si perde e si retrocede.

Scopri anche:   Come pulire lo zaino da bici in 3 passi

E ora… Il Banzuke ciclistico del 2023!

Congratulazioni per essere arrivati fino a questa parte del post! O se siete arrivati al punto “tl;dr”, buon lavoro per essere andati avanti. Iniziamo la classifica. Ancora una volta, la domanda è questa: se dovessimo sovrapporre questo tipo di sistema di classifiche a breve e lungo termine allo sport del ciclismo, come si configurerebbero le classifiche stesse in vista della stagione ciclistica 2023? Così…

Montecarlo-Bechino 2021Yokozuna

Ci dovrebbero essere almeno due, forse tre, Yokozuna attivi nel ciclismo in questo momento: Tadej Pogačar, Chris Froome e credo Mark Cavendish. Inoltre, salutiamo uno Yokozuna che si ritira, Vincenzo Nibali.

  • Pogačar avrebbe sicuramente raggiunto il rango di Yokozuna con la vittoria del Tour de France 2021. La Vuelta a España del 2019 lo avrebbe proiettato nella Joi, dopo un anno di grandi prestazioni. Questo rapido avanzamento può essere molto complicato, perché il banzuke è affollato di grandi atleti e la YDC deve essere sicura di un ragazzo prima di dargli il biglietto d’oro. Ma non è una cosa inaudita e i notevoli risultati di Pogs avrebbero meritato un provino al livello superiore. Nel 2020 sarebbe diventato facilmente Ozeki dopo aver vinto il Tour de France. Certo, è stato un anno strano, ma non si può sminuire questo risultato, ottenuto contro un grande corridore come il suo connazionale Roglič. Dopo la seconda vittoria al Tour sarebbe stato promosso a Yokozuna, in parte grazie alla sua continua eccellenza nei primi mesi del 2021, che comprendeva le vittorie all’UAE Tour, alla Tirreno-Adriatico e alla Liegi-Bastogne-Liegi. Al termine della sua seconda vittoria al Tour, non c’erano dubbi sulla sua grandezza, nonostante l’età.
  • Froome sarebbe stato promosso a Yokozuna nel 2015. La vittoria al Tour de France del 2013, dopo una stagione 2012 in cui è stato secondo in Francia e quarto alla Vuelta, gli sarebbe valsa facilmente la promozione a Ozeki. Nel 2013 ha vinto anche il Delfinato e potrebbe esserci stata la tentazione di farlo salire direttamente in cima alla classifica, ma ne dubito, soprattutto in considerazione della sua ascesa piuttosto improvvisa nel 2012, che lo avrebbe fatto partire dal basso. Inoltre, la caduta al Tour 2014 avrebbe interrotto la sua campagna di Yokozuna – che deve essere sostenuta per un certo periodo di tempo per avere successo – anche se il secondo posto alla Vuelta 2014 e le prestazioni dominanti nel 2015 lo avrebbero rimesso rapidamente in carreggiata verso la vetta, sancita senza alcun dubbio dalla seconda vittoria al Tour.

E Froome manterrebbe ancora il primato, anche se il ghiaccio sotto di lui si starebbe rapidamente assottigliando. Gli Yokozuna sono soggetti a lunghi periodi di stop per gli infortuni, in parte a causa dell’incredibile tributo che i loro corpi devono sopportare per raggiungere il rango: anni di combattimenti e di trascinamento di tutto il peso possibile, a discapito di tutte le articolazioni della parte inferiore del corpo. Ma Froome è stato in salute, pensiamo, e ora sembra un po’ in là con gli anni, scavalcato dalle giovani generazioni come se fosse fermo. Il suo terzo posto all’Alpe d’Huez la scorsa estate è stato un indizio che non tutto è perduto, tuttavia, e nel sistema del sumo questo tipo di prestazioni dovrebbe fargli guadagnare un altro anno al vertice prima che gli appelli al ritiro arrivino forti e chiari.

CICLISMO-JPN-CRITERIUMOh, e anche se ora è fuori dal banzuke, sicuramente parleremo della cerimonia di taglio del ciuffo/ritiro dello Yokozuna uscente Vincenzo Nibali. Anche questa è una scelta facile. Nibali sarebbe salito al più alto grado dello sport non più tardi della vittoria del Tour de France nel 2014. Nel 2010, Nibali si è classificato terzo al Giro e ha vinto la Vuelta, il che lo avrebbe fatto entrare nel sanyaku, ma non proprio nel livello Ozeki, data la mancanza di risultati eclatanti prima di allora. Da lì ha ottenuto un secondo posto al Giro 2011 e un terzo posto al Tour 2012, che gli avrebbero sicuramente fatto guadagnare la promozione a Ozeki. A ciò è seguita una vittoria dominante al Giro e una mancata vittoria alla Vuelta nel 2013… vicino allo Yokozuna ma non del tutto. Il Tour del 2014 sarebbe stato un caso di Yokozuna senza ombra di dubbio. Certo, ci sarebbe stato da ridire sul fatto che Nibali fosse arrivato in classifica prima di Froome, ma questo è un buon esempio di quanto sia diverso il banzuke: Nibali aveva semplicemente un paio d’anni di vantaggio su Froome come vincitore d’élite. Per scalare le classifiche ci vuole tempo.

La carriera di Nibali dopo la promozione sarebbe stata un classico Yokozuna. La varietà di vittorie, spesso ottenute grazie a furbizia e perseveranza, sarebbe stata divorata dai fan del ciclismo orientati al sumo. La popolarità conta, così come gli svantaggi percepiti e superati: nel sumo, i fan amano tutti un combattente sottodimensionato, specialmente se raggiunge uno dei due gradi più alti. La percezione pubblica di Nibali, insieme a una dieta costante di vittorie memorabili, lo avrebbe reso lo Yokozuna più amato dell’ultimo decennio.

Ultimo ma non meno importante… Penso che ci sarebbe stato un ultimo, quarto, forse uscente Yokozuna Mark Cavendish, e penso che il momento in cui sarebbe stato promosso sarebbe stato sulla scia del suo titolo mondiale nel 2011. Nel 2009 e nel 2010 ha vinto cinque tappe del Tour ciascuna, più tre tappe della Vuelta nel 2010 e un titolo a punti. Credo che questo lo porti a Ozeki, e la sua corsa alla grande nel 2011 – il titolo a punti al Tour e le vittorie di tappa, le tre vittorie consecutive agli Champs-Élysées, le 20 vittorie totali accumulate, poi il colpo ai Mondiali – sembra una campagna da Yokozuna dei velocisti. A differenza di Nibali, Cavendish avrebbe potuto subire critiche per il suo comportamento e pressioni per il ritiro negli anni di magra, che avrebbe messo a tacere con la sua straordinaria rimonta del 2021. Quindi, se da un lato potremmo ridurci a un solo Yokozuna veramente attivo, dall’altro avremmo iniziato la stagione con un classico campione del Tour, un esperto di tutti i mestieri, un velocista e un giovane fenomeno: una formazione meravigliosa per questa esaltante classifica.

74° Criterium du Dauphine 2022 - 8a tappa

Ozeki

Questa è la parte più interessante della discussione, credo? Ecco i miei Ozeki: Wout Van Aert, Jonas Vingegaard, Primož Roglič, Mathieu van der Poel e Remco Evenepoel. L’inclusione dei ragazzi delle classiche solleva la domanda: potete dimostrare la qualità convincente e costante che può farvi superare la soglia degli Ozeki con i risultati di un giorno? Sì, ma non è facile e, se lo paragoniamo al sumo, una serie di prestazioni costantemente forti nelle classiche sarebbe più o meno come il numero di vittorie consecutive di cui un Ozeki ha bisogno nel sumo.

Van Aert

Perché è un Ozeki: Prestazioni incredibilmente costanti. Van Aert è l’uomo che continua a scalare il banzuke, senza mai retrocedere e salendo al livello dei campioni con un mix di vittorie e un lavoro di squadra eccezionale. Van Aert avrebbe ottenuto la promozione a Ozeki nel 2021 con la vittoria all’Amstel Gold Race o, più probabilmente, con la serie di vittorie di tappa al Tour de France, tra cui uno sprint, una tappa di montagna e una cronometro. Ognuna di queste avrebbe prolungato la sua serie di prestazioni di alto livello e le sue qualità intangibili non avrebbero dato motivo di esitazione al consiglio di promozione dell’Ozeki. E non avrebbe fatto nulla che potesse costargli il grado da allora.

Scopri anche:   Come mettere l'aria nei copertoni delle biciclette - Per tutti i tipi di valvola

Perché non è Yokozuna: Ha una sola vittoria in un monumento. Come Matej Mohorič, Dylan van Baarle, Kasper Asgreen, Bob Jungels e pochi altri. Ed è la Milano-Sanremo. Il miglior corridore da classiche in questo momento è probabilmente van der Poel, con due vittorie alla Ronde van Vlaanderen. Yokozuna è un’asticella abbastanza alta per i corridori delle classiche di qualsiasi livello, figuriamoci per quelli che non sono i migliori.

Vingegaard

Perché è un Ozeki: La vittoria al Tour de France, arrivata dopo il secondo posto dell’anno precedente, gli è valsa la promozione. Vingegaard sarebbe arrivato al Joi nella primavera del 2021, promettente scalatore in ascesa grazie a una serie di vittorie e piazzamenti di rilievo nelle corse a tappe più brevi. Il secondo posto al Tour lo avrebbe portato a Sekiwake. Un’altra primavera di alto livello quest’anno lo avrebbe mantenuto in una posizione privilegiata per l’Ozeki, conquistata con successo al Tour di quest’estate.

Perché non è lo Yokozuna: Non è stato abbastanza a lungo, né ha battuto i migliori abbastanza spesso perché il consiglio per le deliberazioni sullo Yokozuna iniziasse a occuparsi del suo caso. Una seconda serie di dominazioni nel 2023 sarebbe probabilmente sufficiente, dato lo status esaltato del Tour.

Roglič

Perché è un Ozeki: Progressi costanti, a partire da alcuni risultati di altissimo livello nel 2017, poi un tour de force nel 2018, tra cui il quarto posto al Tour, che lo ha inserito agevolmente nel sanyaku. Infine, il terzo posto al Giro e la vittoria alla Vuelta – oltre a tante altre vittorie – sarebbero state qualità e costanza più che sufficienti per la promozione a Ozeki.

Perché non è lo Yokozuna: Anche questo è molto chiaro: la scioccante sconfitta al Tour del 2020, seguita da due DNF. Per due volte si è ripreso e ha vinto la Vuelta, rimettendosi in linea con lo Yokozuna, per poi fallire l’ultimo passo. Secondo la classifica del sumo, Rogs sarebbe un Ozeki di alto livello, ma allo stesso tempo i due DNF consecutivi al Tour e alla Vuelta lo renderebbero un candidato alla retrocessione se il 2023 si rivelasse negativo. La sua carriera dovrebbe essere celebrata per i suoi successi più che criticata per gli insuccessi, ma a volte è così che vanno le cose.

CICLISMO PAESI BASSI AMSTEL GOLD RACE

Van der Poel

Perché è un Ozeki: La seconda vittoria alla Ronde sarebbe stata sufficiente. Prima di allora, vdP si stava appena affacciando nel 2019 al massimo livello, visto che i successi nel Brabantse Pijl e nell’Amstel Gold lo avevano relegato tra i sanyaku inferiori. Una volta vinta la Ronde nel 2020, sarebbe passato direttamente alla sekiwake, a un passo dalla promozione. Ma la sua campagna 2021, primo alla Strade Bianche e poi secondo al Fiandre, avrebbe reso il caso Ozeki traballante e il suo rapido avanzamento avrebbe reso nervosa la commissione. Solo quando la sua grandezza si fosse nuovamente manifestata al Fiandre 2022 (dopo il 3° posto nella MSR e il 1° nella Dwars), la commissione si sarebbe sentita sicura di promuoverlo.

Perché non è lo Yokozuna: L’asticella è alta per un ragazzo che non si arrampica troppo. Inoltre ha subito alcune interruzioni, in particolare l’infortunio alla schiena alle Olimpiadi del 2021, che gli avrebbero tolto ogni slancio da Yokozuna. Ma la qualità delle sue vittorie, spesso dominanti, farebbe sì che l’YDC si occupi di lui in vista del 2023.

Evenepoel

Perché è un Ozeki: La corsa del 2022. Le precedenti vittorie al World Tour nel 2019 a San Sebastian e nel 2020 a Pologne, unite alla sua abituale padronanza delle corse a tappe minori, avrebbero fatto salire Evenepoel costantemente in classifica. Le continue vittorie lo avrebbero portato a non essere peggiore di Maegashira 1 all’inizio della stagione.

Da lì, sappiamo cosa è successo: altre corse a tappe, poi una Monumento, poi ancora San Sebastian, seguita dalla vittoria alla Vuelta. Questo è il massimo per l’Ozeki. Aggiungendo un Campionato del Mondo, Evenepoel si trova sull’orlo del baratro di Yokozuna.

Perché non è Yokozuna: La repentinità della sua ascesa, a solo un anno da una campagna che ha messo in dubbio il suo coraggio, lascerebbe il consiglio più che titubante nel fare qualcosa di affrettato. Inoltre, la Vuelta non è il Giro, che non è il Tour. LBL è in cima alla catena alimentare, il che aiuta molto, insieme al titolo mondiale. Ma gli manca un altro mega-risultato per una promozione lampo. O, in alternativa, altri due anni di quello che sta facendo. Raggiungere un livello più alto, o cuocere ancora un po’ in quello attuale, dovrebbe essere tutto ciò che serve.

Il resto della Joi

Sekiwake: Jai Hindley, Alexander Vlasov, Mads Pedersen

Komusubi: Richard Carapaz, Jasper Philipsen, Pello Bilbao, Fabio Jakobsen

Maegashira 1: Dylan van Baarle, Arnaud De Lie

Maegashira 2: Simon Yates, Pello Bilbao

Maegashira 3: Matej Mohorič, Ethan Hayter

Maegashira 4: Arnaud Démare, Stefan Küng

Come ho detto, tutte queste classifiche si basano su risultati recenti di corridori che, nel corso degli anni, si sono portati ai vertici di questo sport. Alcune note:

  • Hindley, un vincitore di grandi giri piuttosto convincente, ha iniziato la sua campagna Ozeki, ma lo slancio si sta esaurendo, proprio come nel 2020. È un personaggio da tenere d’occhio, ma come per il sumo, il vertice della piramide ciclistica è piuttosto affollato.
  • Egan Bernal è un altro corridore di cui vale la pena parlare. Per me è un ex Ozeki che è stato retrocesso dal Joi… per ora. Con una vittoria al Tour de France e al Giro d’Italia, non c’è dubbio che abbia le qualità per arrivare al livello di Ozeki, il che suggerisce quasi sempre almeno un certo potenziale da Yokozuna se le cose dovessero andare avanti. In ogni caso, sarebbe diventato Ozeki dopo la vittoria del Giro d’Italia nel 2021. La sua vittoria al Tour del 2019 lo avrebbe fatto entrare di diritto nel Joi e avrebbe dato il via a una corsa da Ozeki, che avrebbe poi subito un rallentamento… ma senza mai fermarsi veramente. Bernal è stato alle prese con un dolore alla schiena che ha incasinato il suo 2020, che comunque è stato incasinato per tutti. Poi una partenza forte nel 2021 avrebbe rilanciato tutto, con la vittoria al Giro più che convincente. Ma dopo di ciò, l’aver cancellato tutto il 2022 significa che a un certo punto il consiglio sarebbe stato costretto a retrocedere Bernal. Le regole sono regole, e in ogni caso un Ozeki retrocesso per infortunio può riprendersi quando è di nuovo sano e vincente, quindi non bisogna piangere troppo per Bernal.
  • Infine, ci sono gli altri vecchietti. Alejandro Valverde sarebbe salito a Ozeki non più tardi della sua vittoria alla Vuelta del 2009, ma poi è stato retrocesso nel 2011 quando è stato sospeso per il suo legame con l’Operacion Puerto, e probabilmente è stato tenuto lontano da una nuova promozione per il resto della sua storica, costante, ma assolutamente non amata carriera. Non è il mio argomento preferito e la cosa parla da sé. Andiamo avanti…
CICLISMO PARIGI ROUBAIX 2019
  • … a Philippe Gilbert, l’ultimo corridore di cui vale la pena parlare. Come Valverde e Nibali, si sarebbe tagliato il ciuffo nelle ultime due settimane, una volta che la fine della stagione si fosse spenta e avesse avuto il tempo di organizzare un taglio cerimoniale adeguato. Ma da quale grado si sarebbe dimesso? Secondo me, l’ex Ozeki. Gilbert è stato un corridore forte e vincente fin dal 2006, ma non in grande quantità fino alla sua straordinaria campagna autunnale del 2009, quando ha vinto Parigi-Tours e Lombardia (oltre al Piemonte) in rapida successione. Non è una corsa da Ozeki, ma è sicuramente materiale da sanyaku. Poi, nel 2011, la sua promozione a Ozeki sarebbe stata conquistata, dopo aver mantenuto una certa qualità nel 2010 e poi aver dato di matto nel 2011 con il quadruplo successo Brabantse Pijl-Amstel-Flèche-Liège, mai raggiunto prima. Sarebbe rimasto un Ozeki molto amato per il suo titolo mondiale nel 2012 e ci sarebbe stato qualche dibattito sullo Yokozuna nel 2017 dopo la coppia Flanders/Amstel. Ho l’impressione che gli sarebbe stato negato in modo controverso a causa dell’avanzare dell’età – non è un buon candidato per difendere il rango a tempo indeterminato – e lo YDC avrebbe avuto un po’ più di calore dopo la sua vittoria alla Parigi-Roubaix nel 2019. Ma per conquistare il primo posto, credo che Gilbert avrebbe avuto bisogno di un’altra campagna di grandezza più grande e prolungata, non di questi occasionali picchi di forma. Avrebbe suscitato molte discussioni, più di chiunque altro in questa lista. Dopo il 2019 sarebbe uscito dalla classifica, anche se forse non prima della tranquilla fine di quest’anno.

*****

È stato utile? Penso che ci sia qualcosa di più profondo in questo stile di classifica a lungo termine rispetto a quello che usiamo nel ciclismo, e spero che questo si sia capito e che non ci si sia impantanati in tutta la terminologia straniera. Se funziona, forse farò un banzuke annuale.

Konishiki in gara

Foto di Dimitri Iundt/Corbis/VCG via Getty Images

Luca
Luca Sarletti

Sono un appassionato di bici che ha praticato quasi tutti i tipi di ciclismo. Ama il vento tra i capelli, il sole sulle spalle e forse anche gli insetti tra i denti. No, sto scherzando su quest'ultimo punto. Non vado matto nemmeno per le ustioni da strada, ma riconosco che per avere il meglio bisogna fare qualche occasionale capitombolo. Sento che la mia bici è il mezzo su cui può rilassarmi, lasciare i problemi sulla strada, incontrare nuove persone, andare in posti nuovi e vivere una vita avventurosa. Sono pronto a condividere il viaggio con voi.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *