Thibaut Pinot on the attack on his home roads

“Quasi più gratificante di una vittoria” – Thibaut Pinot si congeda dal Tour de France

Valuta post

Forse sarebbe stato meglio così. Sicuramente, una vittoria avrebbe rappresentato l’espulsione perfetta, ma la perfezione non è mai stata il biglietto da visita di Thibaut Pinot, soprattutto al Tour de France. Niente è andato mai liscio a luglio per lui. Ogni Tour sembrava solo intensificare la lotta tra le sue speranze e le sue paure, tra le sue convinzioni e i suoi dubbi.

Pinot è stato dotato del potenziale per vincere il Tour de France, ma è stato condannato a non farlo mai. In fondo, avrebbe potuto sospettarlo fin dall’inizio, ma non ha mai rifiutato quella responsabilità. In ogni occasione, il ciclista del Groupama-FDJ si è alzato per sfidare nuovamente il mulino a vento, diventando così il campione più riconoscibile del ciclismo. Bisogna andare avanti, non posso andare avanti, vado avanti.

Negli ultimi anni della sua carriera, segnata da un infortunio alla schiena nel 2020 e nel 2021, Pinot ha accettato pubblicamente di non avere alcuna possibilità di vincere il Tour, ma ciò non ha diminuito l’entusiasmo che la sua presenza in gara continuava ad ispirare, né ha mitigato le aspettative accumulate su di sé. Ora, a 33 anni e nella sua ultima stagione da professionista, Pinot è arrivato all’ultimo Tour senza piani per la vittoria assoluta, ma con la stessa determinazione di lasciare il segno.

Lo ha fatto ancora una volta sabato, quando la tappa 20 ha portato la gara nei Vosgi, la sua regione natale, attraverso montagne che aveva scalato centinaia di volte in solitarie sessioni di allenamento. Pinot era di nuovo solo contro la montagna e se stesso, ma questa volta c’erano migliaia di fan che urlavano il suo nome ai bordi della strada.

Erano stati lasciati fuori dall’autobus della squadra Groupama-FDJ prima della partenza da Belfort, e il coro familiare risuonava mentre scendeva le scale: “Sha-la-la-la-la-la, Thiiiiii-baut Pinot”. Erano lì lungo tutte e sei le salite della giornata, cantando la stessa canzone, con l’amico e ex compagno di squadra Arthur Vichot tra gli ultras accampati al ‘Virage Pinot’ al Petit Ballon.

Quando Pinot ha raggiunto quel punto del percorso, era da solo in testa alla corsa. Sulla terza salita del giorno, il Col de Grosse Pierre, ha guadagnato il terreno necessario per raggiungere il gruppo degli attaccanti, portandoli a circa un minuto di distanza dalla maglia gialla sul Col de la Schlucht.

Scopri anche:   Tour de France, tappa 11 in diretta: una sfida sprint a Moulins

Sulle pendici più basse del Petit Ballon, Pinot si è alzato dalla sella e ha accelerato lontano dalla fuga con i suoi tipici movimenti fluidi e aggraziati. Per alcuni momenti mozzafiato, sembrava persino che potesse compiere l’impossibile, aprendo la strada attraverso il muro di rumore dei tifosi per raggiungere la vetta da solo.

Ma la realtà ha mantenuto la sua narrazione fino alla fine. Pinot ha lottato coraggiosamente, guidando fino all’ultima salita di Platzerwasel, ma il leader della classifica generale, Jonas Vingegaard, e Tadej Pogacar lo hanno raggiunto. Dopo essere stato raggiunto di nuovo dagli altri fuggitivi, Warren Barguil e Tom Pidcock, Pinot è stato superato dai corridori che hanno dominato il Tour negli ultimi anni della sua carriera.

Pinot ha concluso la giornata al settimo posto e domenica arriverà a Parigi all’undicesimo posto assoluto, ma il risultato è solo una nota a piè di pagina, una semplice statistica. Come spesso accade, sono le emozioni che sono la vera storia. Quando Pinot ha tagliato il traguardo, ha trovato suo padre Régis in piedi con i soigneur del Groupama-FDJ. Con discrezione, suo padre ha accarezzato suo figlio prima di accompagnarlo sul podio per ricevere il premio come corridore più combattivo della giornata. Non c’era nessun altro contendente credibile per quel riconoscimento.

“Ho vissuto emozioni incredibili, ho avuto la pelle d’oca per tutta la tappa”, ha detto Pinot dopo. “Le emozioni del successo sono speciali, ma quello che ho provato va oltre lo sport. Ho lasciato un segno nei cuori delle persone ed è quasi più bello di una vittoria. Ci saranno emozioni a Parigi, ma il mio pubblico, la mia regione, il mio palcoscenico. Gli Champs-Élysées sono diversi, è il giorno della maglia gialla. Questa è stata la mia giornata e queste saranno le mie ultime immagini del Tour”.

Fuori dall’autobus della squadra Groupama-FDJ, il manager di Pinot, Marc Madiot, piangeva lacrime commosse, un’eco degli applausi tonanti accolsero le famose vittorie del suo atleta a Porrentruy nel 2012 e in cima al Tourmalet nel 2019. Tuttavia, la migliore descrizione dello stato d’animo prevalente e dell’intero fenomeno Pinot era stata già fornita dal più riservato direttore sportivo Philippe Mauduit alla vigilia dell’ultima tappa. “Dobbiamo solo essere grati alla vita per averci regalato queste emozioni”, ha sorriso il direttore sportivo.

Scopri anche:   Van Vleuten continua a dominare nella settima tappa del Giro Donne

Pinot ha detto qualcosa di simile sabato, ricordando il momento in cui stava scalando da solo il Petit Ballon, superando il punto in cui il suo amico Vichot guidava il coro degli ultras del Collettivo Pinot.

“Non posso credere che sia tutto per me”, ha detto Pinot. “Non avrei mai immaginato di essere da solo sul Petit Ballon e quando sono arrivato lì, mi sono chiesto se fosse davvero la realtà. La migliore uscita sarebbe stata una vittoria, ma non posso essere troppo avido. Succede solo nei libri o nelle serie televisive, anche se non ero lontano dal riuscirci”.

La carriera di Pinot al Tour de France si conclude con tre vittorie di tappa e un terzo posto assoluto nel 2014, dopo dieci partecipazioni. Il suo impatto su questa gara non può essere limitato ai numeri, si spiega meglio attraverso le emozioni che ha suscitato sulle distese dei Vosgi sabato.

Non importano i record, sono i ricordi e le emozioni che durano. O come direbbe il verso di Jacques Prévert, citato spesso da Gianni Mura nei suoi dispacci dal Tour: “Il giardino rimane aperto per coloro che l’amavano”.

Simone
Simone Rogini

Appassionato di avventura e sport all'aria aperta. La sua bicicletta, una Graziella modificata e fatta in casa. Una bicicletta versatile che, come il suo proprietario, trascende ogni tipo di attività. Viaggiatore di lungo corso (Parigi-Città del Capo, Great Divide, tour delle Dolomiti...), Simone può anche essere visto sulle strade della pianura Padana con i panni dell'avventuriero urbano. Giornalista e autore, su questo blog condivide le sue esperienze e il suo punto di vista sulle molteplici sfaccettature della cultura ciclistica.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *