Mathieu van der Poel works for Alpecin-Deceuninck teammate Jasper Philipsen during the final stage of the Tour de France

Mathieu van der Poel volta pagina dopo la malattia al Tour de France e si concentra sui Campionati del mondo

Valuta post

Il Tour de France è appena terminato, ma Mathieu van der Poel sta già guardando avanti ai Campionati del mondo su strada che si terranno tra poco meno di due settimane. L’atleta olandese ha concluso una buona performance nella sua squadra Alpecin-Deceuninck, aiutando il velocista Jasper Philipsen a conquistare quattro tappe e la maglia a punti. Tuttavia, a causa di una malattia che lo ha colpito durante la gara, van der Poel non ha ottenuto i risultati sperati.

Nonostante ciò, van der Poel non vede l’ora di recarsi a Glasgow, dove si svolgerà la gara su strada il 6 agosto. Si è ripreso dalla malattia e sta già pianificando il suo futuro, come ha dichiarato in un’intervista. “Mi sento molto meglio adesso. Spero che sia un buon segnale per i Mondiali. Personalmente non sono soddisfatto dei risultati ottenuti, ma ho una spiegazione per questo”.

Quando gli è stato chiesto cosa farà adesso, van der Poel ha risposto: “Prima di tutto, prenderò qualcosa da mangiare e da bere, parteciperò a due criterium e poi mi rilasserò in vista dei Mondiali. Forse farò qualche allenamento più intenso per mantenere il fisico attivo”.

Il percorso collinare di 271,1 km intorno a Glasgow sembra adatto a van der Poel, che cercherà la sua prima maglia arcobaleno su strada da aggiungere alle cinque che ha già vinto nella sua carriera nel ciclocross. È pronto ad affrontare avversari di calibro come Wout van Aert e Mads Pedersen in una giornata che dovrebbe favorire i velocisti più forti del gruppo.

Durante l’ultima tappa del Tour de France, van der Poel ha di nuovo lavorato per favorire il velocista più forte della sua squadra, Jasper Philipsen. Nonostante Philipsen non sia riuscito a ottenere la sua quinta vittoria di tappa sugli Champs-Elysées, van der Poel ha dichiarato che lui e la sua squadra non avrebbero potuto chiedere di più da questa edizione del Tour.

Scopri anche:   Il Cube Nuroad ti farà divertire su un'ampia gamma di terreni e condizioni di guida.

“Penso che abbiamo lavorato perfettamente come squadra”, ha detto dopo la tappa. “È stato molto frenetico, ma credo di aver fatto un buon lavoro per permettergli di vincere. Forse gli mancavano un po’ di energie, ma ha fatto comunque un Tour fantastico. Quattro vittorie di tappa, la maglia verde, non possiamo chiedere di più”.

Sebbene la gara di van der Poel non abbia avuto il successo personale desiderato, il ciclista di 28 anni ha partecipato a quattro fughe senza però riuscire ad aggiungere una vittoria di tappa alla sua precedente vittoria di due anni fa. Ha spiegato che, a causa della malattia, non è stato in grado di raggiungere il suo massimo livello nelle poche occasioni in cui ha avuto possibilità di vincere tappe.

“Come ciclisti per le classiche, non abbiamo molte opportunità. Inoltre, ero malato nella seconda settimana”, ha detto. “Durante le due occasioni che ho avuto, non ero al mio massimo livello”.

Nonostante questo, van der Poel si è rallegrato di essere migliorato e si è ripreso nella terza settimana del Tour. “Sono contento di come mi sento oggi. È un peccato, ma sono soddisfatto del mio progresso nel corso del Tour”.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *