Il nuovo casco da strada Giro Aries Spherical è in cima alla lista di sicurezza Virginia Tech

5/5 - (1 vote)

“Tutto ciò che facciamo, vogliamo che scompaia.”

È così che Peter Nicholson, brand manager di Giro, ha descritto l’intento progettuale generale dell’ultimo casco da strada di punta dell’azienda, l’Aries Spherical, che si suppone sia così ben ventilato e comodo che praticamente ti dimentichi di indossarlo.

Abbiamo già sentito aziende descrivere caschi da bicicletta del genere, anche se di solito si riferisce a un peso estremamente ridotto. Per essere chiari, l’Ariete Sferico (d’ora in poi lo chiamerò semplicemente Ariete per semplicità) è leggero, ma non quello leggero. Il mio campione medio approvato da CPSC punta la bilancia a 280 g buoni ma non sorprendenti, circa 40 g più pesanti di un POC Ventral Lite simile, o circa 30 g più pesanti di un Kask Valegro.

Tuttavia, rendere leggero un casco è una cosa; crearne uno che offra un’eccellente protezione è un altro. Ma realizzarne uno che sia leggero, sicuro e anche dotato di caratteristiche sportive che ti facciano davvero desiderare di indossarlo è una partita completamente diversa.

Il linguaggio generale del design del nuovo Aries Spherical è simile ad altre recenti introduzioni Giro.

Forse la cosa più importante è che l’Ariete ha battuto lo Specialized Tactic 4 come il casco da bicicletta con il punteggio più alto che Virginia Tech abbia mai testato. Ciò è particolarmente degno di nota dato che Tactic 4 è un casco da trail a copertura profonda, non un modello da strada leggero. A proposito, solo un altro casco da strada, lo Specialized Prevail 3, si trova tra i primi cinque in assoluto. E che dire del Giro Aether che questo Ariete andrà a sostituire? Ha comunque ottenuto una valutazione a cinque stelle, ma si trova al 70° posto nell’ultima classifica.

Simile a molti degli altri recenti modelli di casco di Giro (come l’Eclipse Spherical più aerodinamico), l’Aries presenta un’architettura a due strati, casco all’interno di un casco, sviluppata in collaborazione con MIPS, ciascuno con il proprio rivestimento in schiuma EPS e scocca in policarbonato stampato. Ciascuno di questi strati ottiene la propria densità di schiuma EPS, con quello più interno che utilizza una forma più morbida per attenuare meglio gli eventi a bassa velocità e quello esterno che utilizza una schiuma più densa per affrontare gli impatti ad alta energia.

Tra questi strati c’è un’interfaccia perfettamente emisferica (da cui il nome), che consente ai due strati di ruotare facilmente l’uno contro l’altro durante un impatto. Questo layout presumibilmente fornisce una migliore protezione contro le forze di impatto rotazionali rispetto ai rivestimenti MIPS a basso attrito più convenzionali, eliminando anche l’influenza del cuoio capelluto del ciclista per prestazioni di impatto più costanti. Come bel bonus, quei piccoli bilancieri in gomma siliconica gialla che vengono normalmente utilizzati per fissare uno strato MIPS a basso attrito sono ora riposizionati all’interno del casco in modo da non dover più affrontare i tuoi capelli che rimangono intrappolati nelle cose.

Scopri anche:   Come accorciare la catena di una bicicletta con e senza attrezzo per catena
Giro si è chiaramente appoggiato pesantemente al concetto MIPS Spherical data la sua ampia integrazione nella sua gamma premium di caschi.

Ad aiutare a tenere tutto insieme è una struttura di rinforzo in policarbonato traslucido che Giro ha soprannominato AURA II (Aerodynamic Ultimate Reinforcing Arch – sì, davvero). Rispetto al design AURA di prima generazione utilizzato nell’etere e nel vecchio Synthe, AURA II presenta campate più sottili che collegano insieme le varie sezioni di EPS e nessun ponte sul rivestimento interno in EPS. Secondo Giro, ciò consente una ventilazione più lunga e ininterrotta.

A parte le valutazioni Virginia Tech, l’Ariete non è poi così diverso dall’Etere guardando rigorosamente i numeri. Giro afferma che l’Aries offre un’efficienza di raffreddamento migliore del 2,3%, una resistenza aerodinamica inferiore del 4%, un peso inferiore del 5% e un profilo inferiore del 7%: miglioramenti modesti, tutto sommato. Tuttavia, quest’ultima cifra potrebbe rivelarsi il più grande fattore di differenziazione per i motociclisti, poiché l’Ariete ha un profilo notevolmente più basso sulla tua testa.

Un altro aggiornamento chiave è un nuovo sopracciglio DryCore, che incorpora una striscia di gomma siliconica flessibile incorporata all’interno della schiuma. Giro afferma che questo aiuta a deviare il sudore verso i lati del pad dove può gocciolare in modo innocuo lungo i lati della testa invece che negli occhiali da sole, e presumibilmente funzionerà in modo più coerente rispetto al design a schede attualmente in uso.

La striscia di gomma siliconica non è visibile poiché è all’interno del pad, ma puoi sentirla con le dita.

Altre caratteristiche includono cuscinetti in gomma antiscivolo per aiutare a riporre gli occhiali, l’ultimo sistema di ritenzione regolabile Roc Loc 5+ di Giro, fettuccia a profilo sottile con fibbia convenzionale (scusate, non si trova Fidlock qui) e una grande decalcomania riflettente sul retro.

Giro offre l’Ariete in sei colori e tre taglie in tutto il mondo. I colori specifici varieranno in base alla regione e al distributore, e l’anno prossimo arriveranno tagli più arrotondati specifici per l’Asia. Il prezzo al dettaglio è di US $ 300 / AU $ 500 / £ 290 / € 320.

Prime impressioni

Ricordi cosa ha detto prima Nicholson sul volere che i caschi Giro “scomparissero” sulla tua testa? Beh, a dire il vero, ho indossato questo nuovo Ariete per tutto il tempo in cui sono stato seduto al computer a scrivere questo articolo, e me ne sono davvero dimenticato fino a quando mia moglie è scesa al piano di sotto e mi ha chiesto perché indossavo una bicicletta casco a tavola.

Il punto è che l’Ariete è davvero molto comodo. Non c’è molta imbottitura, ma quello che c’è è posizionato logicamente e le plastiche utilizzate nel sistema di ritenzione sono piacevolmente morbide e flessibili. Anche se si abbassa troppo il quadrante, non sembra mai che qualcosa stia scavando nel cuoio capelluto.

Scopri anche:   POC introduce nuovi occhiali da sole aerodinamici?
L’abbondante canalizzazione interna favorisce la circolazione dell’aria all’interno dell’Ariete.

Come promesso, l’Ariete è anche ammirevolmente di basso profilo. Quella cifra del 7% lanciata da Giro non suona molto (e non sono sicuro di come Giro abbia ottenuto quel numero), ma sembra più significativa nella pratica. Ci sono anche alcuni trucchi visivi con il design qui (pensa alle strisce verticali rispetto a quelle orizzontali su una maglietta), ma confrontando i due schiena contro schiena davanti a uno specchio, l’Ariete sembra sicuramente molto più elegante con meno del temuto fungo effetto che ti fa sembrare un potenziamento di Super Mario Brothers.

Purtroppo non posso commentare le prestazioni di ventilazione dell’Aries visto che il mio casco campione è arrivato solo pochi giorni fa nel bel mezzo di un inverno particolarmente invernale qui in Colorado. Sulla stessa linea, non sono stato nemmeno in grado di testare correttamente quella cosa DryCore dal suono promettente.

Potrei avere una faccia per i podcast, ma anche sulla mia testa stretta, l’Ariete è incredibilmente di basso profilo.

Detto questo, l’Aries è stato uno dei peggiori caschi in assoluto per il freddo che ho usato negli ultimi tempi. Ho anche una buona padronanza di quanto bene un certo cappello manterrà calda la mia testa rasata in un dato giorno, e da allora ho imparato a sollevare uno strato quando indosso questa cosa. Nessuna di queste cose è terribilmente conclusiva, ma sono comunque di buon auspicio per come l’Ariete potrebbe comportarsi in condizioni estive.

Ad ogni modo, anche se l’Aries è alla pari con l’Aether in termini di ventilazione e aerodinamica, il profilo più basso e il punteggio di sicurezza migliorato sono entrambi solidi passi nella giusta direzione.

Maggiori informazioni sono disponibili su www.giro.com.

Luca
Luca Sarletti

Sono un appassionato di bici che ha praticato quasi tutti i tipi di ciclismo. Ama il vento tra i capelli, il sole sulle spalle e forse anche gli insetti tra i denti. No, sto scherzando su quest'ultimo punto. Non vado matto nemmeno per le ustioni da strada, ma riconosco che per avere il meglio bisogna fare qualche occasionale capitombolo. Sento che la mia bici è il mezzo su cui può rilassarmi, lasciare i problemi sulla strada, incontrare nuove persone, andare in posti nuovi e vivere una vita avventurosa. Sono pronto a condividere il viaggio con voi.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *