Cinque fattori veloci: EF Education EasyPost

Valuta post

Sempre divertente, e non è necessaria alcuna introduzione sul motivo per cui sono pronto ad arrivare a questi ragazzi. EF ha sempre qualcosa da raccontare. Di solito si tratta più di sopravvivenza che di grandi vittorie, ma non puoi contarle. La passata stagione li ha visti perdere un discreto numero di punti a causa di infortuni e malattie, principalmente a causa di Magnus Cort Nielsen e Michael Valgren, con quest’ultimo che è tornato nel team di sviluppo quest’anno dopo essersi ripreso da una caduta. Ma con più fortuna e un afflusso di star power, il 2023 non sarà noioso.

1. Qual è la direzione?

Non sto facendo il furbo qui, sto solo chiedendo se EF Education ha una direzione? Penso che la risposta sia sì: sono per sempre i Tampa Bay Rays del ciclismo. Sembra che non disponiamo mai di dati affidabili, ma alcune stime indicano EF verso il fondo del World Tour in termini di dimensioni del budget, forse solo un quarto di ciò con cui INEOS deve lavorare. Il ciclismo non ha un tetto salariale, ma alcune squadre sì, e per loro si tratta solo di sfruttare le inefficienze del mercato.

Scopri anche:   La bici di Elisa Balsamo: qual'è quella dell'ex iridata che corre nel 2023?

Vaughters è altrettanto entusiasta di portare giovani talenti caldi come il prossimo Directeur Sportif, ma è un modo piuttosto inefficiente per spendere un budget limitato. Nel frattempo, l’enfasi sui giovani significa che il numero di motociclisti veterani più anziani disponibili supera la domanda. Negli ultimi anni i loro maggiori acquisti sono stati Magnus Cort Nielsen, Michael Valgren, Stevie Chaves e ora Richard Carapaz. Hanno comprato a basso prezzo i loro classici ragazzi come Alberto Bettiol, Sep Vanmarcke e Thor Hushovd. Non è un piano sexy, ma è realistico ed è risaputo che funziona.

75° Giro di Spagna 2020 - Tappa quattordicesima

Carapaz e Amador
Foto di David Ramos/Getty Images

2. Possono sfondare ovunque?

La parte strana dell’essere opportunisti è che richiede alla tua squadra di evolvere la propria identità molto più frequentemente di quanto dovrebbe fare una squadra di ciclismo. Ti piacciono i classici? Fantastico, ma se vuoi vincere hai bisogno di 4-5 ragazzi, che lavorino insieme e sviluppino relazioni, fiducia, ecc. Di solito ci vogliono alcuni anni. Squadre focalizzate sul grande tour, ancora di più. Come al solito, le squadre ricche hanno più difficoltà a costruire questo tipo di forza interiore. È costoso essere poveri.

Ma è anche il ciclismo, e il vantaggio di aggiungere stelle più vecchie è che sanno cosa stanno facendo, non importa chi altro è in giro. Carapaz, quindi, si unisce a un nuovo gruppo di ragazzi, insieme al suo compagno di squadra di lunga data Andrey Amador, come parte di una squadra che può vincere un grande giro, perché lo ha già fatto. Amador era al fianco di Carapaz al Movistar durante la sua vittoria al Giro 2019, e forse se INEOS avesse mandato Amador in Italia la scorsa primavera, Carapaz avrebbe aggirato Jai Hindley per un’altra vittoria. Va bene, forse no, ma quest’anno l’Ecuadoriano avrà un vero connazionale, Jonathan Caicedo, oltre ad altri scalatori e l’asso del TT Stefan Bissegger per il supporto del grande tour – presumibilmente il Tour de France e la Vuelta a España sono nel menu. È un po’ difficile lo slittino, ma Vaughters non è mai stato timido con gli obiettivi di squadra.

[OK, it might actually wreck their whole plan for bringing in Carapaz, if he’s like 7th at the Tour and just generating zero buzz. But I don’t dislike his chances at the Vuelta, and he’s probably ready to move on from the Giro.]

3. Sono ancora la squadra americana?

Questo è discutibile. Prima di tutto, come decidiamo su questo? Registrazione negli Stati Uniti e numero di vittorie, o sono i corridori statunitensi a far pendere la bilancia? Nel primo caso, Trek-Segafredo detiene chiaramente questo ambito titolo, ma nel secondo caso, è una battaglia tra Quinn Simmons e Neilson Powless per consegnare gli onori alle rispettive squadre.

Powless offre a EF un grande vantaggio, secondo me. Ha due classici al suo attivo, l’assolo in casa alla Japan Cup lo scorso autunno e l’incredibile vittoria di San Sebastian due stagioni fa. Ha fatto rumore alla Liegi-Bastogne-Liegi, conquistando l’8° posto, e ancora più forte al Tour de France, dove nelle tappe 5 e 6 ha minacciato di strappare la Maglia Gialla. Simmons ha cinque anni in meno, un talento enorme, e ha appena iniziato, quindi almeno per ora, andrò con Powless e il suo fiuto per la battuta. Inoltre, per quanto tempo i Simmons siano stati in America, almeno un ramo della famiglia Powless ha battuto di 10.000 anni. Deve contare qualcosa qui, giusto?

116° Il Lombardia 2022

Foto di Tim de Waele/Getty Images

Quindi… EF lo manda nelle Fiandre? Powless si è sempre inserito nelle gare degli scalatori e con il suo traguardo LBL probabilmente vorranno mantenere la rotta. Ma a un certo punto appartiene a De Ronde. Due delle sue corse più importanti che non si sono concluse con una vittoria sono state il suo quinto posto ai Mondiali di Vlaamse e il quarto nel giorno del Tour sui ciottoli di Arenberg. Sul sito web del team parla di voler guidare di più in fuoristrada (ghiaia?). È un naturale per le pietre! Dai una possibilità all’uomo!

4. Seriamente, possiamo semplicemente passare ai kit?

No. Prima dobbiamo parlare di giovani talenti. I ventidue anni Sean Quinn, un velocista americano, e Ben Healy, un irlandese a tutto tondo con un grande TT su di lui, saranno ragazzi da tenere d’occhio, ma il corridore più giovane dell’intera squadra è probabilmente la più grande attrazione in arrivo .

103a Coppa Bernocchi - GP BPM 2022

Quinn e Piccolo
Foto di Dario Belingheri/Getty Images

Oh aspetta, Georg Steinhauser è di qualche mese più giovane di Andrea Piccolo? Bene, ha battuto il suo nuovo compagno di squadra nel Piccolo Giro di Lombardia 2021, quindi forse è lui il vero affare. Ma Piccolo è arrivato 11° nella cresciuta Lombardia, più secondo nella Japan Cup dietro a Powless, terzo nella Coppa Agostini, 10° nella Bretagne Classic, e per il resto ha trascorso l’estate a raccogliere punti, dopo un trasferimento presumibilmente tortuoso dall’Astana, poi Gazprom-Rusvelo, poi Androni, tutto nell’arco di poco più di un anno. Continuare a vincere in quel modo è impressionante. A 21 anni? Che cazzo!!

5. OK, bene, ecco i kit

EF Education ha pubblicato per 15 anni kit che non riflettono esattamente le stesse vecchie mode del ciclismo. Tutto tranne… la maggior parte delle volte. Ricordiamo, hanno iniziato come Team Slipstream, senza sponsor principale e privi di input esterni del tipo che potrebbero chiedere: “siamo noi Sicuro vogliamo usare l’argyle?” Questo e alcune cose sul doping li hanno aiutati a lasciare il segno. Poi sono stati Garmin per un po’, ma man mano che lo sport cresceva hanno dovuto fare alcune mosse per stare al passo, fondendosi con il team Cervélo Test e poi con Drapac, entrambi hanno portato i propri designer. Il loro aspetto è variato probabilmente più di qualsiasi altra squadra con 15 anni di kit.

2023: I quattro rosa

Kit EF Education 2023

Oh! Uhh… L’idea mi piace comunque, dopo diverse edizioni con una sola sfumatura di rosa. Se hai mai fissato i dipinti di Ad Reinhardt abbastanza a lungo, questo genere di cose ha perfettamente senso. Non so perché il Giro non ci abbia pensato, visto il suo secolo di sperimentazione con le sfumature del rosa. Questo è nuovo ma sta rapidamente crescendo su di me.

2022: Più rosa e animali dei cartoni animati

109° Tour de France 2022 - Tappa 21

“Amico, WTF indossi?”
Foto di Tim de Waele/Getty Images

C’è una linea sottile tra la spensieratezza e una disperata richiesta di aiuto. Basta chiedere al tizio che ha dipinto la sfortunata Ferrari di Tom Boonen.

2021

76° Giro di Spagna 2021 - Tappa 19

Maglia 2021
Foto di Tim de Waele/Getty Images

E poi per diversi anni solo tanto rosa. Ecco il 2018, un valore anomalo relativo nel suo uso giudizioso del colore.

2018: Rosa e Verde, finalmente insieme?

2° giro ciclistico del Guangxi - Quarta tappa

FE 2018
Foto di Artur Widak/NurPhoto via Getty Images

Dove ho già visto questo look?

Mah, forse…

Oh giusto! Gli anni ’80! Fallo smettere… È ora di tornare alle combinazioni di colori precedenti.

2017: Il verde Drapac

5° Le Tour de France Saitama Criterium 2017 - Media Day

Cannondale-Drapac, 2017
Foto di Artur Widak/NurPhoto via Getty Images

Penso che il verde sia migrato da Drapac nella fusione avvenuta nel 2016? Ma conoscendo Vaughters, cercava sempre una scusa per andarci. Se guardi da vicino puoi vedere che questo è quando hanno riportato lo stile argyle, dopo un anno di noioso verde lime ovunque.

2014: Garmin Sharp Blue

Corsa ciclistica Scheldeprijs

Garmin Sharp 2014
Foto di Bryn Lennon – Velo/Getty Images

Pre-Drapac, l’ultimo dei kit Garmin e forse il più conservatore. Era questo l’anno che mi piaceva 34 delle squadre del gruppo avevano solo divise blu e bianche?

2011: ti vesti di nero?

Tour della California 2011 - Fase otto

Garmin-Cervelo, 2011
Foto di Jeff Gross/Getty Images

Ancora un’altra fusione, in realtà la prima grande se stai andando in ordine cronologico. Il Cervélo Test Team ha portato con sé il Dio del Tuono e un po’ di brillante fortuna. E molto nero. Probabilmente hai risparmiato qualche soldo con la stampa in scala di grigi, amirite?

2010: Il classico Garmin

L'americano Tyler Farrar del team Garmin cel

Transizioni Garmin, 2010
Il credito fotografico dovrebbe essere YORICK JANSENS/AFP tramite Getty Images

Non cercare di mettere un pollice troppo grande sulla bilancia; Di seguito ho inserito un paio di altre versioni di questo tema. Ma questo è andato molto in TV. Sono super prevenuto a favore di tutto nel 2010, in particolare quella volta in cui un americano ha vinto un classico acciottolato proprio davanti alla mia faccia. Ma tu lo fai.

2008: Chipotle Garmin più bianco

I quattro uomini (da L) il francese Romain Feil

Garmin Chipotl 2008
Il credito fotografico dovrebbe essere PATRICK HERTZOG/AFP tramite Getty Images

Se vuoi una versione più leggera delle cose, questo è molto ben bilanciato.

2007: Ciao Slipstream

AMGEN Tour della California - Tappa 5

Slipstream 2007
Foto di Doug Pensinger/Getty Images

Debutto in baby blue argyle. Inoltre, se sai perché Danny Pate aveva le strisce arcobaleno, sono tutt’orecchi.

VOTA QUI!

Sondaggio

Slipstream Fashions ha raggiunto il picco con…

  • 20%

    2023: Tutti i rosa!

    (2 voti)

  • 20%

    2022: rosa e amici

    (2 voti)

  • 0%

    2021: Rosa ma non impazziamo

    (0 voti)

  • 10%

    2018: Il cocktail preppy

    (1 voto)

  • 0%

    2017: Verde Drapac

    (0 voti)

  • 10%

    2014: Edizione più blu

    (1 voto)

  • 0%

    2011: Il nero è tornato

    (0 voti)

  • 40%

    2010 Argyle classico

    (4 voti)

  • 0%

    2008: argyle più bianco

    (0 voti)

  • 0%

    2007: La nascita di Argyle

    (0 voti)


10 voti totali

Vota adesso

Luca
Luca Sarletti

Sono un appassionato di bici che ha praticato quasi tutti i tipi di ciclismo. Ama il vento tra i capelli, il sole sulle spalle e forse anche gli insetti tra i denti. No, sto scherzando su quest'ultimo punto. Non vado matto nemmeno per le ustioni da strada, ma riconosco che per avere il meglio bisogna fare qualche occasionale capitombolo. Sento che la mia bici è il mezzo su cui può rilassarmi, lasciare i problemi sulla strada, incontrare nuove persone, andare in posti nuovi e vivere una vita avventurosa. Sono pronto a condividere il viaggio con voi.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *