Cinque fattori veloci con… UAE Team Emirates

Valuta post

I Figli di Mauro Gianetti sembrano incredibilmente carichi quest’anno. È tutto quello di cui parlare? Non così in fretta…

109° Tour de France 2022 - Tappa 18Foto di Tim de Waele/Getty Images

1. Qual è il significato attuale della carriera di Pogačar?

Guarda, non ha senso parlare se Tadej Pogačar vincerà il Tour. Per me, ciò che sarà interessante in questa stagione è, qualunque cosa faccia, cosa significherà per il ciclismo andare avanti? Eh? Ok, resta qui con me. Diciamo che fa la robusta campagna delle classiche primaverili che intende fare, e poi vince il Tour. Significa che i migliori ragazzi del Tour sono tutti liberi di correre dove vogliono? O se perde il Tour, è un momento di svolta per il ciclismo a tutto tondo, in senso negativo? Proprio quando pensavamo ai nostri eroi di ampliare i loro orizzonti, ora devono pensarci due volte?

Pogs sarà di nuovo sotto forte pressione da parte di Jonas Vingegaard, che fa parte di questa stessa conversazione perché mira a fare un programma incentrato sul Tour come puoi avere, fino a luglio. Se funziona… non so, forse cambia qualcosa. Forse siamo tornati ai vecchi tempi dell’iperspecializzazione. O forse riconosciamo solo che Vingegaard è un talento speciale nelle gare di tre settimane e Pogs è solo un ragazzo diverso. Probabilmente reagiamo in modo eccessivo e insistiamo affinché i contendenti del Tour gareggino non più di cinque giorni prima di luglio. Inoltre non dovrebbero mangiare, beh, niente.

77° Giro di Spagna 2022 - Tappa 15Foto di Tim de Waele/Getty Images

2. Jay Vine è la firma dell’inverno?

Dolce luv-a-Christ… cosa è successo a Vine?!? C’è la tentazione di vederlo saltare giù dal suo Zwift e andare dritto in fuga alla Vuelta… il che non è abbastanza com’è andata la sua carriera, anche se non è così lontana: è salito alla ribalta grazie alla Zwift Academy nel 2020 e ha ottenuto un contratto, ma poi ha vinto anche il titolo mondiale di eSport nel 2022, e non molto tempo dopo… fuga alla Vuelta. Ad ogni modo, ha 27 anni, quindi fiorisce tardi e si alza velocemente. È caduto da quella gara in ritardo, togliendo un titolo KOM dal tavolo, ma aveva già terminato la Vuelta nel 2021, è arrivato secondo al Giro di Norvegia, e poi ha vinto due tappe in Spagna, diventando un protagonista quotidiano in le montagne. Quel brusio gli ha fatto ottenere un contratto con gli Emirati Arabi Uniti e ha già aggiunto un titolo Aussie Nats ITT al suo curriculum.

Scopri anche:   Finale di carriera da sogno per Brenton Jones, vince la fase finale e la classifica generale dei Bay Crits

Quindi è questa la mossa migliore che una grande squadra abbia fatto dall’ultima stagione di trasferimento? Per i grandi contendenti del Tour, penso di sì. INEOS ha portato Thymen Arensman (aspetta, non l’ho menzionato la scorsa settimana?) E Jumbo ha aggiunto Wilco Kelderman, che potrebbe essere una versione veterana più stabile di Vine. Anche Jumbo che ottiene Dylan van Baarle è piuttosto grande, ma evitando le cose dalle mele alle arance, dirò che Vine ed EF che portano Richard Carapaz sono probabilmente le due mosse che mi fanno davvero apprezzare le possibilità delle loro squadre nel Tour, con Arensman forse una firma ancora più grande alla fine, anche se non quest’anno. Si chiama muovere l’ago.

77° Giro di Spagna 2022 - Tappa 21Foto di Tim de Waele/Getty Images

3. Sono la migliore squadra del mondo?

Bene bene… ora ci stiamo arrivando. Iniziamo con le prestazioni passate. Erano al quarto posto assoluto nella recente classifica UCI (ai fini della retrocessione) che copriva tre stagioni – Jumbo era il numero 1 lì. Proprio la scorsa stagione CQ aveva gli Emirati Arabi Uniti al terzo posto, circa 500 punti dietro INEOS e Jumbo quasi in parità. Quick Step ha vinto, uno davanti a UAE e INEOS. Con il sistema di punteggio Podium Cafe/FSA DS (di gran lunga superiore), gli Emirati Arabi Uniti sono passati dal quinto nel 2019 al terzo per un paio di anni fino al primo assoluto nel 2022. Ogni sistema li fa salire al livello più alto.

Se guardi i primi tre (esclusi Soudal Quick Step, che sono ancora eccellenti ma non così profondi come Jumbo o INEOS), dirò che gli Emirati Arabi Uniti sono la migliore squadra in due discipline – grandi tour e altre cose di arrampicata – ma sono così lontano nei ciottoli e nei classici più piatti che non credo di poter prevedere che saranno i numeri 1 quest’anno. Se Pogačar impazzisce in primavera, forse solo lui può tenerli nel campo da baseball. Penso che la loro squadra del Tour de France sarà incredibile a un certo punto. Abbiamo già visto cosa può fare Pogs con Brandon McNulty. Aggiungi sicuramente João Almeida, Majka e Adam Yates, e forse Vine e/o Ayuso ad un certo punto, e questa è solo una squadra in pila. Le loro possibilità classiche si riducono di nuovo a Pogs, più Marc Hirschi (che in realtà ha appena iniziato), e veterani come Ulissi, Trentin e Tim Wellens, e li fai flettere i muscoli dappertutto. È incredibile quanto siano carichi. In alcune gare. Ma non tutti.

Scopri anche:   Justine Ghekiere: "non è mai troppo tardi per iniziare"
75° Giro di Romandia 2022 - Tappa 2
Ayuso e McNulty
Foto di Dario Belingheri/Getty Images

4. Adesso sono il Capitano

Dio… La fame di vittorie di Pogačar è qualcosa, ma in una squadra con così tante stelle in erba, c’è abbastanza da mangiare per tutti? Nulla nel comportamento di Pogs suggerisce che sia il prossimo Hinault, disposto a frustrare le ambizioni dei suoi stessi compagni di squadra se ha qualche messaggio che pensa di dover inviare. No, mi aspetto che quando Almeida, Ayuso, McNulty o Yates saranno pronti a vincere una gara in cui c’è Pogačar, otterranno i loro colpi. O tutta questa faccenda del colosso non durerà a lungo.

Avere troppi leader in una singola squadra è stato a lungo un problema nel ciclismo, forse da quando è stato uno sport di squadra, ma un modo per rilassare un po’ le cose è avere un ragazzo numero 1 super fantastico che tutti rispettano, e se non è così che parlano di Pogačar alle sue spalle, devono diventare reali. La mia aspettativa è che questa stagione si svolga perfettamente con calma, poiché tutti si avvicinano al nuovo accordo con un po’ di pazienza, in particolare McNulty e Ayuso, che sanno di avere così tanto tempo davanti a loro e spazio per migliorare. Anche Almeida è piuttosto giovane, e probabilmente Yates ormai sa qual è il suo tetto. Che qualcuno abbia pazienza per questo sistema ancora nel 2024 è un’altra questione. Ma penso che i ragazzi compreranno quest’anno, per quanto affollato possa sembrare il cassero.

5. Revisione e sondaggio della storia del kit!

Non molto con cui lavorare dagli anni degli Emirati Arabi Uniti, che hanno caratterizzato in gran parte gli stessi colori e lo stesso logo, ma prima erano una… diciamo, una squadra colorata? Quindi tuffiamoci dentro.

2023: maniche nere immagino?

23° Santos Tour Down Under 2023 - Schwalbe Classic Men's Elite

Ultimo kit
Foto di Tim de Waele/Getty Images

Se riesci a individuare le differenze qui rispetto a quelle in basso…

2022: oh! ascelle rosse!

82° Skoda Tour Lussemburgo 2022 - Fase 2

Emirati Arabi Uniti 2022
Foto di Bas Czerwinski/Getty Images

Kit alternativi 2020-21:

CICLISMO-FRA-TDF2021-STAGE9

Foto di THOMAS SAMSON/AFP tramite Getty Images

Hm, un po’ appariscente.

CICLISMO-FRA-TDF2021-STAGE7

Foto di ANNE-CHRISTINE POUJOULAT/AFP via Getty Images

Ooh, molto di buon gusto, per non parlare dell’ideale in una giornata calda. Tutte scelte eccezionali.

2020: Bandiera Moar, meno nera

CICLISMO-AUS-TDU

Versione 2020 con bandiera
Foto di BRENTON EDWARDS/AFP via Getty Images

Da allora la bandiera degli Emirati Arabi Uniti è stata ridotta a sottili campioni di vernice di questa prima versione che la caratterizzano in modo più prominente, nel caso in cui non credessi ancora che Lampre si sia trasferita nella penisola arabica. Anche le spalle bianche alleggeriscono un po’ le cose, rispetto a quasi tutte le altre maglie degli Emirati Arabi Uniti.

Versione iniziale 2017-18: Emirates! Emirati! Emirati!

54esimo giro ciclistico presidenziale della Turchia - Fase sei

Versione 2018
Foto di Artur Widak/NurPhoto via Getty Images

Perché allora avevi davvero bisogno di sapere chi pagava le bollette.

Gli anni della Lampre… Ecco i momenti salienti. L’ultima Lampre:

Giro di Turchia 2016 - Tappa 8

Tardo Lampre
Foto di Artur Widak/NurPhoto via Getty Images

Gli accenti verde lime mi ricordano le camicie Izod e le cinture di balene degli anni ’80. Non i migliori ricordi.

2013: il rosa più rosa!

CICLISMO-JPN

2013 Lampre
Il credito fotografico dovrebbe essere YOSHIKAZU TSUNO/AFP tramite Getty Images

Sigh… Italia.

2010 Lampre Classico

Le Tour 2010 - Fase quattro

2010 Classico
Foto di Bryn Lennon/Getty Images

Difficile da odiare. Una versione leggermente swishy dell’originale (sotto)

2005: Tempo di Gibo!

ProTour Paris - Nizza, tappa 5...

Gibbo! 2005
Foto di Lars Ronbog/FrontzoneSport via Getty Images

Una volta che i tuoi occhi si sono abituati a tutto il rosa, questo sembra piuttosto poco eccitante. Voglio il mio colpo di dopamina rosa!

2004: Come possiamo mai dimenticare?

Italiano Damiano Cunego del tè Lampre

Giorni di gloria, 2004
Il credito fotografico dovrebbe essere DAMIEN MEYER/AFP tramite Getty Images

L’originale. Cavaliere e uniforme.

Purtroppo i sondaggi sono molto severi e non ti permettono di spuntare tutte le caselle che ti piacciono. Devi sceglierne uno, anche se questo significa scegliere tra una versione UAE che ti piace e una Lampre che ricordi con affetto. Elaborazione accolta nei commenti. Sicuramente sceglierò dalla selezione Lampre, non tanto per nostalgia quanto per noia con il flusso costante di offerte noiose degli Emirati Arabi Uniti.

Sondaggio

Il miglior kit UAE o Lampre è…

  • 17%
    2023: maniche nere

    (3 voti)

  • 0%
    2022: ascelle rosse

    (0 voti)

  • 0%
    Kit alternativi del Tour de France 2020-21

    (0 voti)

  • 17%
    2020: Più bianco, più flaggato

    (3 voti)

  • 5%
    2018: Emirati Arabi Uniti Emirati!

    (1 voto)

  • 5%
    Lampre tardo lime

    (1 voto)

  • 0%
    2013: Pinkiest Lampre

    (0 voti)

  • 29%
    2010: Classica Lampre frusciante

    (5 voti)

  • 5%
    2005: Lampre Blu

    (1 voto)

  • 17%
    2004: l’originale

    (3 voti)

 

17 voti totali

Vota adesso

Luca
Luca Sarletti

Sono un appassionato di bici che ha praticato quasi tutti i tipi di ciclismo. Ama il vento tra i capelli, il sole sulle spalle e forse anche gli insetti tra i denti. No, sto scherzando su quest'ultimo punto. Non vado matto nemmeno per le ustioni da strada, ma riconosco che per avere il meglio bisogna fare qualche occasionale capitombolo. Sento che la mia bici è il mezzo su cui può rilassarmi, lasciare i problemi sulla strada, incontrare nuove persone, andare in posti nuovi e vivere una vita avventurosa. Sono pronto a condividere il viaggio con voi.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *