Cinque fattori veloci: Trek Segafredo

Valuta post

Ed è qui che cerco di trovare cose entusiasmanti di cui parlare su squadre poco entusiasmanti! Bene, squadre che non sono state poi così entusiasmanti negli ultimi tempi. Forse il 2023 sarà un po’ più memorabile per Trek-Segafredo, la squadra leggermente italiana, ancor meno americana, che fa risalire la sua linea temporale ai giorni del Leopardo poco più di un decennio fa. Quella è stata un’era costellata di stelle per la squadra e hanno vinto monumenti e grandi giri allo stesso modo, e solo nel 2021 hanno avuto la vittoria MSR di Jasper Stuyven per festeggiare e hanno trascorso l’anno precedente (2020, blerg) difendendo la maglia iridata. Ma il 2022 è stato un disastro certificato. E sono a pochi anni dall’avere artisti del calibro di Porte e Nibali che danno loro un contendente credibile in un grande tour. La squadra è diventata piuttosto giovane ultimamente e avranno bisogno di vedere alcuni risultati tra non molto.

Ad ogni modo… rimanete in giro per le recensioni del kit!

77° Giro di Spagna 2022 - Tappa 21

Foto di Tim de Waele/Getty Images

1. Pazzi per i matti?

Quando decidi di chiamare un ragazzo una superstar? Questa è una domanda per Mads Pedersen, che ha conquistato la corsa ai punti della Vuelta a España semplicemente spazzando via la competizione, e sembrava pronto per qualcosa di più, solo per concludere la sua stagione prima di inseguire un titolo mondiale in cui sarebbe stato il favorito. Se suona come una critica, è stata una stagione molto lunga – ha finito anche il Tour de France – e un viaggio in Australia non sarebbe stato niente. Tutto per un tentativo di ottenere una maglia con cui aveva già trascorso un anno… Sono sicuro che sia stata la decisione giusta per lui o non l’avrebbe presa.

Oltre a un titolo mondiale nel 2019, Pedersen ha vinto nelle tappe Gent-Wevelgem, Tour e Vuelta, KBK, un quasi mancato nelle Fiandre e una produzione ad alto volume per un velocista non così puro, 27 vittorie al suo nome professionale. Quindi è una superstar? Sto andando con no, non ancora, ma questo è un grande anno per il danese. È saldamente al suo apice (27), quindi non è come ora o mai più, ma in precedenza ha dimostrato di essere una forza potenziale nelle Cobbled Classics e dopo una buona prestazione lo scorso anno, sembra che questa potrebbe essere un’occasione d’oro per lui per lucidare il suo curriculum in grande stile.

2. Qualcuno dei bambini crescerà?

In molti sport, avere un roster super giovane tende a generare più fumo che fuoco. Sognare il potenziale del prossimo grande giovane pilota è un segno distintivo di questo sport ora più che mai, ma questo è il nostro problema. Il compito di Trek è uscire e vincere. E i giovani elenchi hanno una comprovata esperienza nel non uscire subito. Fino a quando non saranno qualcosa di più, questi ragazzi sono biglietti della lotteria.

Trek ha MOLTI biglietti della lotteria, e se abbiamo imparato qualcosa sulle lotterie, è che se acquisti abbastanza biglietti sei sicuro di vincere! Questa è una buona notizia per Trek!

82° Skoda Tour Lussemburgo 2022 - Tappa 5

Skjelmose Jensen
Foto di Bas Czerwinski/Getty Images

Mattias Skjelmose Jensen è una buona scommessa per segnare punti nelle gare a tappe, grazie alle sue prove a cronometro, e ha sfoggiato una bontà incisiva che potrebbe trasformarsi in risultati classici molto presto mentre si prepara a cose da grande tour. Antonio Tiberi e Filippo Baroncini hanno un talento per un giorno. Quinn Simmons è il talento di ciottoli più in voga d’America e sta parlando delle sue motivazioni per la prossima stagione, la sua quarta, anche se mancano pochi mesi al suo 22esimo compleanno. Natnael Tesfatsion sale a bordo quest’anno per aggiungere un altro alpinista. Anche Thibau Nys è qui, pronto a vedere se il suo talento si traduce alla grande in trasferta.

Questo è un elenco di nomi e note su quanto siano talentuosi. Ogni inverno facciamo queste liste e poi aspettiamo di vedere se i veri umani a cui si fa riferimento qui possono trasformare le loro giovani carriere. Mi piace che Trek prenda diverse possibilità qui, una o più di queste potrebbero portarli alla loro prossima iterazione. Ma non ci sono garanzie.

106° Gran Piemonte 2022

Natnael Tesfatsion
Foto di Tim de Waele/Getty Images

3. Sono solo vittorie di tappa ai grandi giri? Tipo, per sempre?

Considerando che il team è stato fondato per dare ai fratelli Schleck un percorso verso la gloria senza Riis, la mancanza di grandi strade GC da parte di Trek è piuttosto evidente. Non li biasimo per essersi separati da Vincenzo Nibali o Richie Porte quando l’hanno fatto: Trek non ha il tipo di budget in cui possono pagare per le prestazioni passate. Ma questo li lascia con Bauke Mollema e Giulio Ciccone da qualche parte nelle vicinanze dei primi 25 in classifica generale. In altre parole, da nessuna parte.

Skjelmose Jensen rappresenta probabilmente la loro migliore speranza di cambiare le cose. Tesfatsion potrebbe essere più un puro scalatore che una vera minaccia GC, a seconda che il suo ITT possa svilupparsi. Non so se c’è qualcun altro che si adatta a quel conto, ma tra questi due forse riescono a fare qualcosa quest’anno? Altrimenti, beh, Pedersen nel maillot vert non è la cosa peggiore.

118a Parigi-Roubaix 2021 - Eilte maschile

Hardman Stuyven
Foto di Tim de Waele/Getty Images

4. Quale Jasper Stuyven possiamo aspettarci?

Buona domanda. Sto cercando di decifrare una qualche correlazione tra i suoi anni con i punteggi migliori e uno o l’altro programma o picco. Ha superato i 1000 punti cinque volte dal 2017, uscendo da un paio di anni in meno e con campagne relativamente tranquille nel 2020 e nel 2022. Ha gestito programmi abbastanza simili ogni anno, inclusa la partecipazione al Tour, che non gli ha impedito di essere davvero forte campagne autunnali. Quindi quali anni ci dicono cosa credere? Quando inizia forte o finisce alla grande?

La risposta è principalmente che è semplicemente quello che è, ed è più probabile che sia un ragazzo che non supererà di nuovo la barriera dei 1000 punti. Da quando si è davvero ambientato a Trek, i suoi unici veri anni negativi sono stati nel 2020, che è stato ovviamente un disastro, e nel 2022, quando si è ammalato intorno alla Milano-Sanremo, un brutto momento per un ragazzo di ciottoli che deve interrompere quello che sta facendo e riprendersi. Stuyven compie 32 anni ad aprile e ci sono state abbastanza notizie su quanto lui e Pedersen siano vicini come compagni di squadra. Aggiungi Toms Skuujins, Simmons ed Edward Theuns e avrai una solida squadra di ciottoli. Non credo sia una follia credere in questi ragazzi, se la loro preparazione va bene. Sì, la morsa Van Aert-van der Poel ci sarà, così come Pogacar, ma una squadra forte ha ancora un ruolo da svolgere, e dopo le due grandi stelle, questa potrebbe essere la prossima squadra più forte. Al momento non c’è nessun colosso di Quick Step da temere. Fatevi avanti, ragazzi.

5. Tempo di classifica kit!

OK, abbiamo 12 anni di voci e un tema generale che (post-Leopard) coinvolge rosso, bianco e nero. In quel periodo hanno riorganizzato i colori praticamente in ogni modo possibile, ma i risultati non sono mai stati poi così diversi.

2023: è un elemento di design???

23° Santos Tour Down Under 2023 - Schwalbe Classic Men's Elite

2023
Foto di Tim de Waele/Getty Images

Il loro ultimo ingresso è in realtà il primo a utilizzare qualcosa oltre a grandi campi quadrati pieni di colore. È come se avessero scoperto il concetto di stile. Proprio adesso!

2022: Abbastanza bianco per te?

82° Skoda Tour Lussemburgo 2022 - Tappa 5

Trekking 2022
Foto di Bas Czerwinski/Getty Images

Come ho detto, hanno provato tutte le combinazioni. Questo è stato l’anno in cui hanno rinunciato a enfatizzare il rosso e il nero.

2021: maniche nere

76° Giro di Spagna 2021 - Tappa 21

Trekking 2021
Foto di Stuart Franklin/Getty Images

È questo il loro aspetto “classico”? In un certo senso la penso in questo modo. Forse perché è stata la loro più grande campagna di classici, dove Jasper ha vinto l’Omloop e Mads Gent-Wevelgem.

2019: Non proprio tutto rosso

4° Tour de La Provence 2019 - Tappa 2

Foto di Luc Claessen/Getty Images

Probabilmente il loro sforzo più sorprendente prima di quest’anno. Più tardi, nel 2019, sono andati al loro primo quasi tutto bianco, che è sostanzialmente lo stesso del 2022.

2018: Che rosso è comunque?

Ciclismo: 101° Giro d'Italia 2018 / Tappa 13

2018
Foto di Tim de Waele/Getty Images

È un po’… brillante.

2017: spalle rosse, strisce verticali

53° Giro di Turchia 2017 - Tappa 6

Trekking 2017
Foto di Artur Widak/NurPhoto via Getty Images

Gli anni Cancellara presentavano alcune strisce verticali. Immagino sia stato un primo tentativo di stile? Questo non era il mio meno preferito.

2016: spalle bianche, righe verticali

CICLISMO-BEL-FIANDRE

Trekking 2016
Il credito fotografico dovrebbe essere DAVID STOCKMAN/AFP tramite Getty Images

Questo è stato il mio meno preferito.

2014: Trek Blacktory Racing

USA Pro Challenge - Fase 7

Edizione 2014 gambe zitte
Foto di Doug Pensinger/Getty Images

Sembra che ogni squadra sia diventata tutta nera ad un certo punto, no? Quick Step e INEOS di sicuro, anche Garmin (pre-EF). Israel Premier Tech, non ancora, ma sono diventati progressivamente più oscuri, quindi forse sarà l’anno prossimo. Nel deserto però??

2011 Wayback Time… con Leopardi!

Il Leopard Trek Team festeggia sul

Il viaggio del leopardo, 2011
Il credito fotografico dovrebbe essere JOSE JORDAN/AFP tramite Getty Images

Sospetto che molti di voi avranno un attaccamento sentimentale qui. Io no – è solo una striscia blu polvere, ma ehi, questa è una democrazia.

A proposito…

Sondaggio

Quand’è che Trek-Segafredo ha lanciato il suo miglior kit?

  • 0%

    2023: Modelli!

    (0 voti)

  • 33%

    2022: Tempo Bianco

    (1 voto)

  • 0%

    2021: look manica nera

    (0 voti)

  • 33%

    2019: rosso e nero

    (1 voto)

  • 0%

    2018: rosso brillante

    (0 voti)

  • 33%

    2017: rosso su nero

    (1 voto)

  • 0%

    2016: bianco su nero

    (0 voti)

  • 0%

    2014: Trek Blacktory Racing

    (0 voti)

  • 0%

    2011: Giornate di Layopard

    (0 voti)


3 voti totali

Vota adesso

Luca
Luca Sarletti

Sono un appassionato di bici che ha praticato quasi tutti i tipi di ciclismo. Ama il vento tra i capelli, il sole sulle spalle e forse anche gli insetti tra i denti. No, sto scherzando su quest'ultimo punto. Non vado matto nemmeno per le ustioni da strada, ma riconosco che per avere il meglio bisogna fare qualche occasionale capitombolo. Sento che la mia bici è il mezzo su cui può rilassarmi, lasciare i problemi sulla strada, incontrare nuove persone, andare in posti nuovi e vivere una vita avventurosa. Sono pronto a condividere il viaggio con voi.

Scopri anche:   Sette nuovi eventi tra i 17 del calendario 2023 per le Gravel World Series

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *