Un altro dei Big Boys… Si è già scritto così tanto su questa squadra che, per renderlo divertente, ho dovuto cercare di uscire un po’ dal solito copione. Funziona? Non lo so, ma la revisione del design del kit dovrebbe rimediare a eventuali carenze. Andiamo!

CICLISMO-FRA-TDF2022-STAGE18

Foto di THOMAS SAMSON/AFP tramite Getty Images

1. Wow, Jumbo ha davvero fatto il salto!

O lo hanno fatto? Con The Leap, intendo ascendere drammaticamente al di sopra della loro posizione precedente verso un luogo più esaltato. E … a seconda di chi credi, i Jumbo erano quasi esattamente la stessa squadra che erano nel 2021.

Ho difficoltà a confermare l’attuale classifica del World Tour degli ultimi due anni, perché non c’è niente di così semplice che l’UCI non possa fare un casino completo. Al massimo, puoi trovare i dati triennali utilizzati dall’UCI per determinare le licenze, che hanno classificato Jumbo al primo posto. Ma ci sono molti sistemi di punti là fuori, e alla fine del 2022 hanno per lo più Jumbo vicino ma appena dietro INEOS e forse Emirati Arabi Uniti – più o meno una ripetizione della classifica del 2021, anche se più vicina in punti effettivi. Nella classifica più inclusiva del Podium Cafe, lo scorso anno gli Emirati Arabi Uniti sono stati i primi, seguiti da INEOS e Jumbo. A CQRanking, INEOS ha visto ridursi il gap del 2021, ma ha comunque resistito. In termini di vittorie totali, il comando di Quick Step in quella categoria è scivolato ma non è scomparso, con Jumbo ancora una vittoria in meno nel ’22. Se guardi le prestazioni individuali, chi oltre a Olav Kooij (nelle gare minori) ha davvero fatto saltare le loro statistiche dal ’21 al ’22?

Solo un ragazzo, Jonas Vingegaard. Non ho bisogno di dirti dell’anno che ha avuto. Il punto è che questa squadra era quasi identica a quella del 2021, fino a quando Primož Roglič, che ora gode della distinzione di Google suggerendo di aggiungere “crash” alla ricerca del suo nome, ha fatto esattamente questo alla Vuelta. Se Rogla avesse vinto la Vuelta o fosse salito sul podio, i parallelismi con l’anno precedente sarebbero stati ancora più inquietanti. Tranne al Tour, che è tutto ciò che conta, e che probabilmente la dice lunga su come hanno gestito i loro affari lo scorso anno. Molto risoluto.

Questo è un po’ insolito, no? I team mirano alla coerenza, ma è sfuggente, in particolare quando è coinvolta la salute. Jumbo ha avuto una corsa decente lì, a parte Roglič, e un terzo anno consecutivo potrebbe essere difficile da consegnare. Ma davvero, penso che dobbiamo apprezzare come si sono avvicinati così tanto alla massima gloria nel 2021 e sono appena tornati indietro, un po’ meglio questa volta, per raggiungere la cima della montagna. Nessun colpo di fortuna, nessun rivale in via di estinzione, solo un’esecuzione fenomenale. Forse non hanno fatto il salto letterale sul foglio delle statistiche, ma dove conta, sicuramente l’hanno fatto.

65° E3 Saxo Bank Classic 2022

Foto di Tim de Waele/Getty Images

2. Gli stepper più veloci?

Quindi sì, il 2023 probabilmente non avrà lo stesso aspetto, ma piuttosto che scendere nella tana del coniglio dell’handicap del Tour, penso che Jumbo Visma sarà diverso sotto un aspetto importante: potrebbero essere succeduti a Quick Step come squadra dominante per il Classici.

Non che l’anno scorso sia stato un disastro per loro: Wout Van Aert ha vinto l’E3 Harelbeke, poi si è ammalato e in sua assenza Christophe Laporte si è fatto avanti e ha quasi vinto Gent-Wevelgem, conquistando anche la top 10 nelle Fiandre. A Roubaix Van Aert è tornato per un altro secondo posto. Non è affatto una brutta campagna, anche se probabilmente la considerano una grande delusione vedere la malattia derubare Van Aert della sua forma migliore, costringendolo a rinunciare completamente a de Ronde. Quindi non tutto ciò che riguarda la salute è andato per il verso giusto l’anno scorso.

119a Parigi-Roubaix 2022 - Elite maschile

Foto di Bas Czerwinski/Getty Images

Per il momento, però, il calendario delle gare 2023 e la formazione di corridori e squadre per le classiche acciottolate sono tornate alla normalità. Matti e Wout sono bloccati nel loro solito fangoso battle royale invernale. La Parigi-Roubaix torna al suo posto una settimana dopo le Fiandre. Un milione di altri ragazzi saranno lì carichi per la vittoria quest’anno. Ma dovranno tutti fare i conti con una squadra Jumbo-Visma che, se sana, sembra una squadra classica dominante nello stampo di una delle squadre Quick Step di Boonen.

Hanno un vero e intimidatorio leader numero uno in Van Aert. Hanno un numero 2 molto credibile in ogni gara, che si tratti di Laporte all’inizio o forse di Tiesj Benoot o persino del neo-arruolato Dylan van Baarle che difende il suo titolo Parigi-Roubaix. Hanno perso Mike Teunissen ma lo hanno sostituito con Jan Tratnik (12° nelle Fiandre) per innervosire ulteriormente i rivali. Hanno cavalieri di supporto ovunque tu guardi. Farò i confronti completi squadra per squadra più tardi – non ti preoccupare – ma a una rapida occhiata questa squadra potrebbe prendere il sopravvento sui ciottoli in un modo che supera anche il loro lavoro al Tour.

Le Tour de France 2013 - Caratteristica dei fan

Foto di Charlie Crowhurst/Getty Images

3. È giusto?

Voglio dire, ancora una volta, non proprio. La struttura finanziaria gratuita del ciclismo non fa alcun favore allo sport quando si tratta di massimizzare la concorrenza, e Jumbo è dove sono in parte a causa di un budget tra i primi tre. Per fortuna il boom del talento è una marea in aumento sufficiente per sollevare molte barche, i budget sono dannati e anche se il potere è concentrato in poche squadre, il ciclismo brillante è ancora uno spettacolo da vedere.

Ma – se mi permettete di entrare un po’ nelle identità nazionali delle squadre, che di solito penso sia esagerato, ma forse non qui – non è giunto il momento per una squadra olandese di dare il suo peso? Negli ultimi decenni abbiamo assistito a svolte dominanti di Quick Step, Sky/Ineos, Columbia-HTC, CSC, Mapei e Telekom… belgi, anglosassoni, americani, danesi, italiani e tedeschi.

TDF-FRANCE-CICLISMO

Il credito fotografico dovrebbe essere PASCAL PAVANI/AFP tramite Getty Images

L’ultima volta che un team olandese è arrivato al primo posto assoluto è stato nel 1990, quando Sean Kelly ed Erik Breukink hanno portato il Team PDM al vertice, dopo un decennio di mega-team olandesi (in particolare Panasonic, oltre a PDM, Skil e Ti-Raleigh) in cima alla classifica grafici. È stato tanto tempo fa, ma l’influenza olandese sullo sport continua ad essere enorme. I corridori olandesi sono ovunque e mentre le vittorie del Tour de France sono state sfuggenti, molte altre gare importanti sono andate per la loro strada. E niente sorpresa, i Paesi Bassi sono un paese ipermoderno pieno di ingegneri, scienziati sportivi e persone attive. Un sondaggio ha affermato che hanno il più alto tasso di proprietà di biciclette al mondo, oltre il 99%. Possiedono persino un angolo dell’Alpe d’Huez. Prendono lo sport, più di quasi tutti gli altri paesi.

Non sto dicendo che il ciclismo olandese abbia sempre diritto al massimo della classifica, ma perdere trent’anni interi sembra piuttosto fuori di testa. E sì, l’era Rabobank era un occhio nero, ma anche lì, non so perché il ciclismo olandese dovrebbe pagare un prezzo maggiore rispetto al sistema di qualsiasi altro paese. Quindi goditi il ​​tuo piccolo giro vicino o vicino ai migliori Jumbo e agli appassionati di ciclismo olandesi. E su Mathieu! [Oh, the irony…]

Joop Zoetmelk

Gioop
Foto di Keystone/Getty Images

4. Quella sensazione di vuoto

Dietro tutte queste grandi notizie per Jumbo e i suoi vicini c’è il ritiro dell’ultima grande speranza dei Paesi Bassi per un ciclista olandese di vincere il Tour de France. Tom Dumoulin, le cui crescenti speranze di diventare il primo olandese dai tempi di Joop a prendere effettivamente il maglia gialla furono in qualche modo portati via da Geraint Thomas, pedalarono verso il proverbiale tramonto, lasciando all’orizzonte scarse prospettive di una vittoria rivoluzionaria. Dal secondo posto di Doom nel 2018, abbiamo visto Steven Kruijswijk salire al terzo posto assoluto, ma ora che ha 35 anni, è improbabile che il quasi vincitore del Giro superi quel risultato. I migliori risultati dell’anno scorso sono stati Bauke Mollema a fine carriera al 25° posto assoluto e lo specialista delle classiche van Baarle al 32° posto. Gijs Leemreize ha fatto un bel Giro per un 22enne, quindi c’è almeno un corridore da tenere d’occhio. E ovviamente i fan olandesi possono fare il tifo per Jumbo mentre si meravigliano anche di ragazzi come van der Poel e razionalizzano così la mancanza di un vincitore del Tour. O potrebbe, se un belga non avesse appena vinto la Vuelta. Parla di una nuvola scura in una giornata altrimenti soleggiata…

105° Giro d'Italia 2022 - Tappa 11

Foto di Tim de Waele/Getty Images

5. Classifica kit!

Come puoi vedere dalla voce del Bahrain, alcuni di questi sono più divertenti da risolvere rispetto ad altri, e la storia di Jumbo è colorata come viene, se sei letterale. Questo è, dopotutto, il team di Rabo, Blanco e anche squadre precedenti come Kwantum e Superconfex, un lignaggio di modelli di kit che abbraccia lo spettro dei colori. Lo limiterò agli anni 2000, per correttezza verso le altre squadre, ma anche in questo periodo c’è molto da amare.

In ordine inverso, come al solito…

2022-23: Non Mellow Yellow

RONDE VAN VLAANDEREN CICLISMO GARA UOMINI

2022 regolare
Foto di POOL TIM DE WAELE/BELGA MAG/AFP via Getty Images

Questa foto del 2022 mostra com’era allora la loro divisa e, ad eccezione dello sponsor nell’ovale verde, è visivamente la stessa per questa stagione. Sono sicuro che il loro team di pubbliche relazioni indicherebbe molte sottili differenze, ma sentiti libero di provare a individuarle.

Edizione Capolavoro 2022

109° Tour de France 2022 - Tappa 2

Kit capolavoro 2022
Foto di Stuart Franklin/Getty Images

Questo passerà alla storia come uno dei kit Tour de France speciali più distintivi della storia. Anche se potrei guardare questo video mille volte e ancora non comprendere appieno come il prodotto finale celebri le opere di Rembrant, Van Gogh e Vermeer, non mi interessa. Alcuni giochi di potere culturale, per quanto spudorati, atterrano e basta, e se pensi che discuterò con la distillazione digitale delle pennellate di questi tre geni in una maglia da bici, non mi conosci molto bene.

2021: Jumbo classico?

RONDE VAN VLAANDEREN DI CICLISMO 2021

Versione normale 2021
Foto di DIRK WAEM/BELGA MAG/AFP tramite Getty Images

Immagino si possa dire che questo è il loro numero standard, un po’ più con accento nero rispetto a quello attuale sopra.

Edizione del tour 2021 “Rapid Rebel”

108° Tour de France 2021 - Tappa 21

Speciali del tour 2021
Foto di Tim de Waele/Getty Images

Non sono del tutto sicuro di cosa dovremmo fare con il loro kit del Tour 2021: si chiama “ribelle rapido” (inserisci il roteare gli occhi estremo) ma potrebbe passare per una celebrazione della produzione tessile? In ogni caso, è stato piuttosto brillante. Anche l’offerta alternativa belga non è troppo difficile per gli occhi.

2019-20: giallo maculato

Formazione della squadra di pattinaggio di velocità Jumbo Visma

JumboVisma 2019
Foto di Douwe Bijlsma/Agenzia BSR/Getty Images

Nella foto c’è Antoinette de Jongh, pattinatrice di velocità olimpica, che sfoggia il primo abbinamento Jumbo-Visma, identico al kit da ciclismo, o dovrei dire, quello è il kit da ciclismo. E un promemoria che lo sponsor è nell’altra ossessione sportiva non legata al calcio dei Paesi Bassi.

2018: Trash bicolore

Ovo Energy Tour of Britain 2018 - Fase cinque - Da Cockermouth a Whinlatter Pass

Lotto 2018
Foto di Martin Rickett/PA Immagini via Getty Images

Ispirato dall’apprezzamento del reparto contabilità per l’utilizzo del minor numero possibile di colori.

2017: spalle bianche

CICLISMO-ESP-TOUR-VUELTA

Lotto più luminoso
Il credito fotografico dovrebbe essere JOSE JORDAN/AFP tramite Getty Images

Già… spalle bianche. E powerball. L’edizione precedente è fondamentalmente la stessa con un po’ meno bianco.

Ciclismo: 10 ° Amgen Tour Of California / Presentazione della squadra

Lotto arriva!
Foto di Tim De Waele/Getty Images

2014: Accecato dal Belkin

Le Tour de France 2014 - Tappa venti

Belkin 2014
Foto di Doug Pensinger/Getty Images

Capisco come non avere un nome per un anno li abbia fatti desiderare di diventare così luminosi da poter essere individuati dalle immagini satellitari.

2013: Bianco

CICLISMO-BEL-TOUR

Bianco 2013
Il credito fotografico dovrebbe essere DAVID STOCKMAN/AFP tramite Getty Images

Ogni produttore di abbigliamento da ciclismo generico ha una maglia senza nome che assomiglia molto a questa.

Gli anni di Rabo!

Ciclismo: Giro d'allenamento delle Fiandre 2010

2010 Rabbo
Foto di Tim de Waele/Corbis via Getty Images

Solo un’offerta classica qui, piuttosto che analizzare tutte le versioni di Rabo, ma di solito seguivano lo stesso set di colori e non si scatenavano troppo con i motivi. Anche il loro veicolo d’assalto si è allineato.

Veicolo d'assalto Rabo

Amo ancora questa cosa

È ora di votare!

Sondaggio

Quando hanno raggiunto il picco i kit Jumbo/Rabo/Belkin?

  • 0%

    2022-23: Compagno Giallo

    (0 voti)

  • 100%

    2022 Capolavoro

    (2 voti)

  • 0%

    2021 Un po’ più nero

    (0 voti)

  • 0%

    2021 Tour Rapid Rebel

    (0 voti)

  • 0%

    2019-20: giallo maculato

    (0 voti)

  • 0%

    2018: spazzatura a 2 toni

    (0 voti)

  • 0%

    2017: spalle più bianche

    (0 voti)

  • 0%

    2014: Accecato dal Belkin

    (0 voti)


2 voti totali

Vota adesso

Di Luca Sarletti

Sono un appassionato di bici che ha praticato quasi tutti i tipi di ciclismo. Ama il vento tra i capelli, il sole sulle spalle e forse anche gli insetti tra i denti. No, sto scherzando su quest'ultimo punto. Non vado matto nemmeno per le ustioni da strada, ma riconosco che per avere il meglio bisogna fare qualche occasionale capitombolo. Sento che la mia bici è il mezzo su cui può rilassarmi, lasciare i problemi sulla strada, incontrare nuove persone, andare in posti nuovi e vivere una vita avventurosa. Sono pronto a condividere il viaggio con voi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *