Restauro di biciclette d’epoca: Una guida completa con passi utili

Valuta post

Cosa ti viene in mente quando pensi a una bici d’epoca? Ruggine, vernice graffiata e componenti danneggiati?

Beh, una bici d’epoca è molto di più dei graffi e dei danni che vedi per la prima volta. Può essere una vecchia bicicletta, ma può essere restaurata in modo da far girare la testa ovunque la si porti a fare un giro.

Il segreto del restauro di una bicicletta d’epoca è concentrarsi su come riparare i danni, dare una nuova mano di vernice alla bicicletta e riportarla in vita.

Restauro bici d’epoca fai da te

Stai cercando consigli per il restauro di biciclette? In questa guida al restauro di biciclette d’epoca, ti mostrerò come è facile restaurare una bicicletta d’epoca per trasformarla in una splendida bicicletta unica e funzionale.

Non dovrai nemmeno smontare completamente la bicicletta da ciclocross economica e ricominciare da capo. Tutto ciò che ti serve è tempo, un po’ di olio di gomito e un piccolo budget per sostituire le parti usurate o danneggiate.

Strumenti e attrezzature necessarie

Prima di iniziare il tuo progetto di restauro di una bicicletta d’epoca devi ovviamente avere a disposizione la vecchia bicicletta e gli strumenti necessari, tra cui i seguenti:

  • Un kit per la riparazione e la manutenzione della bicicletta che dovrebbe contenere almeno chiavi a cono, frusta per catena, chiave per pedali, un grande cambio per le cuffie, un estrattore per pedivelle, una leva per pneumatici e una chiave per raggi tra gli altri strumenti utili.
  • Dovresti anche avere a portata di mano delle chiavi inglesi
  • Tagliacavi per tagliare i cavi del cambio e del freno, se necessario.
  • Pinze a becchi d’ago
  • Un set di cacciaviti di diverse dimensioni
  • Chiavi a brugola per la regolazione di cavi del cambio, deragliatori e freni
  • Un martello per rimuovere le parti incastrate con un colpetto morbido
  • Lana d’acciaio, carta vetrata umida e asciutta e spazzole d’acciaio per pulire e rimuovere la ruggine
  • Sgrassatore come il cherosene
  • Lubrificanti o strumenti per la pulizia delle catene
  • Vernice spray e nastro da pittore
  • Parti che devono essere sostituite, come pneumatici, tubi, cavi dei freni, cavi del cambio e una sella se usurata e danneggiata.

Ecco i passi da seguire:

1. Pulisci e smonta la bicicletta

Stai restaurando una bicicletta d’epoca e vuoi sapere come pulire una bicicletta d’epoca? Il primo passo da compiere in qualsiasi progetto di restauro di una bicicletta d’epoca è quello di pulire a fondo l’intera bicicletta. Puoi farlo con acqua e sapone per avere un quadro chiaro del livello di deterioramento.

Una volta rimosso tutto il fango e la sporcizia dalla bicicletta, puoi fare una rapida valutazione. In questo modo potrai determinare quali parti devono essere sostituite in base all’entità dell’usura e dei danni.

Il passo successivo è quello di smontare la bicicletta e pulire ogni singola parte per rimuovere ruggine, grasso e sporco. Prenditi il tempo necessario per riportare ogni parte alle sue condizioni originali.

Se ti imbatti in parti incastrate che sono difficili da smontare, usa uno spray come il WD40/RP7 per facilitare l’allentamento delle parti con una chiave o un cambio.

Una volta smontata la moto, metti le piccole parti in una vaschetta di cherosene. Puoi usare uno spazzolino da denti per eliminare la ruggine e la sporcizia.

2. Ripara il telaio

Ecco cosa devi sapere sul restauro delle biciclette d’epoca. La maggior parte delle biciclette d’epoca ha un telaio in acciaio che è soggetto a ruggine.

Dovrai lavorare per rimuovere la ruggine, quindi armati di un paio di guanti, di protezioni per gli occhi e di qualsiasi altro dispositivo di protezione.

La sicurezza viene prima di tutto anche nel restauro di biciclette d’epoca. Una spazzola metallica sarà utile per rimuovere la ruggine dai punti più grandi.

Usa uno sverniciatore per rimuovere la vecchia vernice dal telaio. Questo prima di dare una bella finitura superficiale con carta vetrata umida e asciutta. Questo passaggio richiederà un po’ di tempo, ma è bene eseguirlo accuratamente prima di verniciare o verniciare a polvere il telaio.

Se puoi permettertelo, puoi semplicemente sabbiare e verniciare a polvere il telaio della bici vintage. È molto più semplice ma un po’ costoso.

In alternativa, puoi verniciare manualmente il telaio, ma assicurati di preparare l’area di verniciatura con giornali e coprendo tutte le entrate dei cuscinetti.

Questo include il cuscinetto inferiore, il tubo di sostegno e il copricapo prima di iniziare a verniciare. Per ottenere i migliori risultati, dai diverse mani di vernice al telaio.

3. Riassemblare la bicicletta

Tutte le parti che hai lasciato in ammollo nel cherosene dovrebbero essere pulite. Inizia a riassemblare i pezzi uno per uno nell’ordine in cui li hai rimossi dal telaio nella prima parte.

Ricordati di applicare del lubrificante o del grasso su ogni parte per assicurarti che la tua bici d’epoca funzioni finalmente senza problemi. Potresti incontrare alcune difficoltà durante il riassemblaggio della bicicletta, a seconda del tipo di bicicletta su cui stai lavorando.

Puoi sempre iniziare dal poggiatesta, che è la parte più facile. Poi procedi con il movimento centrale, l’ingranaggio, le pedivelle, la ruota posteriore, la catena, la cassetta, i deragliatori e i cavi del cambio. Assicurati che il manubrio e le ruote siano fissati correttamente.

Durante il riassemblaggio della bici d’epoca, assicurati di sostituire tutte le parti usurate, come i punti di contatto e le parti in gomma. Questo include i cavi e i pattini dei freni.

Controlla le condizioni della catena e sostituiscila se è danneggiata. L’ultima cosa che vuoi è che la catena della tua bici d’epoca si strappi nel bel mezzo del tuo viaggio di piacere.

Dovresti anche sostituire i cuscinetti usurati e revisionare le sospensioni per assicurarti che funzionino perfettamente. Se la bicicletta è rimasta a lungo in magazzino, è probabile che anche la gomma degli pneumatici e delle camere d’aria sia usurata. Sostituiscili con altri nuovi.

4. Messa a punto e test drive della bicicletta

Il passo finale del tuo progetto di restauro di una bici da corsa d’epoca consiste nell’effettuare la messa a punto finale presso il tuo negozio di biciclette o a casa se disponi dell’attrezzatura necessaria per la regolazione.

Assicurati che le ruote siano allineate correttamente e non traballino. Controlla che l’asse sia ben fissato al telaio. Anche i freni dovrebbero funzionare correttamente.

Puoi verificare il funzionamento dei freni ed effettuare le regolazioni necessarie capovolgendo la bicicletta e ruotando i pedali prima di azionare i freni.

Un cavalletto per bici può essere molto utile per testare i freni. Altre parti importanti da controllare e mettere a punto sono la catena, il cambio e l’allineamento delle ruote.

Una volta che sarai soddisfatto del restauro, potrai fare un giro di prova per vedere come si comporta su strada.

Martina Voletti

Appassionata di ciclismo su strada e mountain bike, scrivo articoli sul ciclismo (notizie, allenamento, attrezzature, consigli e opinioni) per i nostri lettori. Sono anche una fotografa in erba e ogni volta che esco in bici, cerco di catturare i migliori scatti... con la macchina fotografica.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *