Anteprima 2023: Cinque fattori veloci! E Israel Premier Tech

Valuta post

OK, è ora di superare qualche dramma familiare – niente di troppo estremo, tranne nel suo consumo di tempo – e tornare al blog! Devo dire che le batterie si sono ricaricate e, nel caso avessi qualche domanda in mente, sono bastati pochi giri della gara Gavere UCI CX per chiarire le cose. Mathieu van der Poel, Wout Van Aert e Tom Pidcock sono tutti nello stesso posto nello stesso momento? Se è così, iscrivimi fino in fondo.

Ogni anno è un altro passo nell’infinita ricerca per mantenere le cose fresche da queste parti, soprattutto per quanto riguarda le anteprime dei team. Nei primi giorni del Café, potevamo contare sui media ciclistici inglesi per fare un lavoro abbastanza sciatto nel coprire le cose che avrebbero a malapena pubblicato qualcosa di informativo. Poi hanno iniziato a farlo (e spesso sembrava stranamente familiare), e ora in realtà non sono male nello sforzo. Ma la vecchiaia è sempre un nemico, soprattutto su queste pagine. Quindi ecco una nuova virata: Five Fast Factors.

Per ogni squadra del World Tour, mi verranno in mente cinque cose da dire di cui vale la pena parlare per qualche motivo. Sì, i trasferimenti arriveranno e sì, sarà difficile ignorare le infusioni di giovani per la maggior parte del tempo. Inoltre ho un preciso elemento ricorrente: uno sguardo longitudinale alle divise della squadra. Trattiamo il design di ogni anno come un referendum sullo stato dello sport o dell’umanità o qualsiasi altra cosa… beh, perché non guardiamo indietro di qualche anno e vediamo se ci sono messaggi nascosti lì? Vale la pena provare.

Proverò questo tema con una squadra decisamente non WT, Israel Premier Tech, di seguito. Probabilmente sarò in grado di eliminarne tre a settimana fino a quando non saranno finiti, ma sentiti libero di prendere le redini nei post dei fan per la tua squadra preferita, o almeno quella preferita di cui parlare. Posso sempre usare l’aiuto! Puoi persino espandere le squadre Pro Conti, se lo desideri. Inviami un messaggio tramite e-mail/twitter DM/ecc. per avvisarmi prima di entrare nella tua squadra. Eccoci qui!

62° Gran Premio di Vallonia 2022Dylan Teans

Foto di Luc Claessen/Getty Images

Cinque fattori veloci: Israel Premier Tech

1. Quanto era reale il Teunaissance?

Per tutti i problemi dell’IPT, e arriveremo a quelli, quanto è stato importante l’arrivo in ritardo di Dylan Teuns e il rinvigorimento della sua carriera? In un certo senso discutere di Israel-Premier Tech è facile perché ci sono così pochi ragazzi da coprire, e di gran lunga il loro capocannoniere, il più grande vincitore e il quasi salvatore è stato il 31enne puncheur belga per eccellenza. È arrivato all’IPT solo ad agosto – un raro trasferimento di “metà stagione” – quando Bahrain-Victorious ha segnalato che era libero di andarsene prima della scadenza dell’ultimo anno del suo contratto, se lo desiderava, ma a quel punto aveva conquistato un posto sul podio a La Flèche Wallonne più altri discreti risultati. Con IPT ha continuato il lavoro solido, ottenendo il quinto posto al Tour of Britain e il quarto nel GP de Wallonie. Finale abbastanza solido per cercare di mantenere la squadra nel World Tour. Quindi non abbastanza ragazzi si sono fatti avanti e l’IPT ha mancato comunque il taglio. Ma non puoi incolpare Dylan Teuns.

Riuscirà Teuns a tenere a galla la squadra per un altro anno mentre cercano, non so, di tornare al World Tour? La risposta è no, in parte perché non credo che l’improvviso ritorno di Peak Teuns sia qualcosa che ripeti ogni anno, e in parte perché non so che qualunque sia la fortuna della squadra ricadrà comunque su Teuns. Molti ragazzi potrebbero riprendersi dal proprio 2022 affamato di punti e se una licenza diventa disponibile in meno di tre anni prima che il processo di retrocessione / promozione sia attualmente programmato, IPT potrebbe mettere insieme un caso credibile in tutto il suo elenco. Per quanto riguarda Teuns, è stato incredibilmente stabile, uno dei primi 100 dal 2017, e la preoccupazione più grande – la sua casa è stata perquisita come parte di un’indagine su Bahrain-Victorious – sembra non puntare direttamente a ulteriori problemi.

2. Aspetta, altri ragazzi potrebbero farsi avanti?

Il fatto che questi ragazzi fossero la diciannovesima squadra in una competizione a 18 squadre è un po’ strano. Li avresti scelti per finire dietro Arkea-Samsic? Forse avresti scelto Astana prima dell’IPT, e avresti avuto ragione, di circa 100 punti. Il vero problema era che quantità note come Michael Woods, Ben Hermans, Giacomo Nizzolo e Alessandro De Marchi hanno subito grossi cali nella produzione di punti. Anche molti altri grandi nomi come Chris Froome (!), Simon Clarke, Jakob Fuglsang e Sep Vanmarcke non hanno invertito drasticamente le loro fortune.

L’unico filo conduttore di tutta questa delusione sono gli anni ’80. Capelli brutti, vestiti peggiori, troppo sintetizzatore… quegli anni ’80. Fu allora che nacquero tutti i ragazzi che ho appena nominato. Mentre il resto del ciclismo va verso la giovinezza, questi ragazzi si sono diretti verso, non so, la saggezza? Chiaramente l’IPT è andato controcorrente ei risultati dicono quello che dicono. Tuttavia, sembra un po’ veloce cancellare Fuglsang, Woods, Nizzolo, forse anche qualche fruttuoso risultato primaverile di Vanmarcke. Diamo loro un altro giro.

25° BEMER Cyclassics - Amburgo 2022Foto di Stuart Franklin/Getty Images,

3. Esiste un piano?

Immagino che tu debba chiedere, perché sono esattamente così vecchi? Secondo i miei calcoli, l’età media della squadra lo scorso anno era di 42 anni, ben al di sopra della media di 23 anni del resto dello sport. Non riesco davvero a diagnosticare i loro problemi istituzionali: sono i soldi che mancano o il prestigio, la storia, il coaching, le connessioni con gli agenti? Hanno cercato di attirare giovani talenti a Tel Aviv per la festa di compleanno costellata di stelle di Gal Gadot, solo per fallire? In ogni caso, il mio tentativo di ottimismo del paragrafo precedente non si scontra tanto con il roster quanto forse hanno appena afferrato ragazzi famosi che sono invecchiati fuori dal cestino “ricercato” e in quello “molto disponibile”.

Lo vedi spesso con gli sport con la palla e di solito non funziona. Le squadre appena formate firmano un grande nome per attirare l’interesse dei propri fan, il che è un obiettivo perfettamente comprensibile, ma finisce per essere calorie vuote. Le squadre che costruiscono più velocemente spesso iniziano più lentamente, mettendo insieme una base che aiuterà la squadra a lasciare il segno quando sarà veramente pronta in seguito. A volte devi andare piano per andare veloce. IPT non ha seguito quella strada, ed eccoli qui.

36a Settimana Internazionale Coppi e Bartali 2022 - Tappa 3
Massone Hollyman
Foto di Dario Belingheri/Getty Images

4. Sono almeno nell’ondata di giovani talenti?

Forse! Tra due anni, supponendo che rimangano una squadra funzionante e il proprietario Sylvan Adams (e i suoi soldi) sporgano la retrocessione, IPT avrà un aspetto molto diverso. Probabilmente otto ragazzi dell’attuale elenco saranno pronti per la pensione o per ruoli minori. Altri sei (incluso Teuns) raggiungeranno la metà degli anni ’30 e saranno soggetti a sostituzione. C’è l’opportunità per un grande movimento di ripopolamento e di giovani.

Resta da vedere cosa ne farà l’IPT, ma hanno aggiunto del sangue nuovo che potrebbe essere promettente. In testa alla classe c’è l’italiano Marco Frigo (nessun legame con Dario), che ha trascorso le ultime due stagioni con l’Israel Cycling Academy, la squadra di sviluppo dell’IPT, collezionando alcune prestazioni impressionanti a livello under 23, tra cui un titolo nazionale under 23 e stage della Ronde de l’Isard e del Circuit des Ardennes. Frigo sembra avere capacità a tutto tondo fino a questo punto, anche se il team è interessato anche al suo potenziale GC.

44a Vuelta a Burgos 2022- Tappa 1
Marco Frigo
Foto di Gonzalo Arroyo Moreno/Getty Images

Il prossimo nella lista dei laureati dell’Academy è il britannico Mason Hollyman, uno scalatore che ha ottenuto alcuni risultati U23 davvero impressionanti, come quinto in LBL Espoirs, vittorie di tappa alla Volta a Portugal e Giro della Valle d’Aosta Mont Blanc. Hollyman è pronto a partecipare a gare a tappe ed è considerato uno dei migliori giovani talenti britannici.

Poi c’è Corbin Strong, un velocista neozelandese che ha appena conquistato il secondo posto alla Coppa Bernocchi, ha vinto una tappa del Tour of Britain (e si è classificato 6 ° in classifica generale dopo due giorni in testa), e ha ottenuto diversi altri risultati nella top ten nel suo primo anno a il livello senior. A soli 22 anni, Strong non dovrebbe avere problemi ad accumulare punti a livello sub-WT e probabilmente quest’anno otterrà anche qualche morso alle mele più grandi. Aggiungi il giovane arizona Matthew Riccitello, un pilota GC di 20 anni, e il canadese Derek Gee, che ha eccelso nelle prove a cronometro, e IPT ha una base molto buona di giovani talenti su cui costruire.

Naturalmente, lo stesso vale per molte altre squadre e, man mano che il roster cambia, l’IPT avrà difficoltà a competere per i migliori talenti senza una licenza World Tour, ma abbiamo visto molti corridori salire attraverso squadre più piccole verso un grande successo, quindi incrociamo le dita per questi ragazzi.

5. Quando hanno perfezionato il loro kit?

IPT 2023
8° Tour de France Saitama Criterium 2022 - Cronometro a squadre
IPT 2022
Foto di Kenta Harada/Getty Images
73a Volta A La Comunitat Valenciana 2022 - Tappa 1
IPT 2022 prima versione
Foto di Dario Belingheri/Getty Images
51a Étoile de Bessèges - Tour du Gard 2021 - Tappa 4
ISN 2021
Foto di Luc Claessen/Getty Images
22° Santos Tour Down Under 2020 - Fase 1
ISN 2020
Foto di Tim de Waele/Getty Images
16° Tour of Britain 2019 - Fase 1
ICA 2019
Foto di Stephen Pond/Getty Images

OK, quindi con IPT relativamente nuovo, abbiamo cinque vere iterazioni delle maglie della squadra, con due versioni della cosa con le spalle bianche, per un totale di sei kit. Qual’è il migliore? Darò alcuni commenti nell’ordine mostrato sopra, ma sentiti libero di intervenire e votare!

  1. Il più recente Israel Premier Tech. Sembra una specie di cibo che include molti mirtilli. Mi piacciono i mirtilli.
  2. Il kit della fine del 2022 rilasciato per il Tour de France, che hanno chiamato il loro kit Field of Dreams che ha a che fare con progetti di supporto in Ruanda. La chiamo la loro versione di Van Gogh perché sembra un campione della mostra interattiva su Van Gogh a cui sono andato l’anno scorso.
  3. 2022, la versione successiva del look con spalle bianche, che include un bel design anni ’70 nello spazio blu attorno alla gabbia toracica.
  4. 2021, la prima versione del look spalla bianca. Il blu scuro e il bianco mi ricordano sempre un tailleur. Non è un complimento.
  5. Kit azzurro/bianco 2020 Israel Start-up Nation. Un look estivo molto piacevole, anche se qualcosa che avrebbe potuto inventare un designer di club locali.
  6. I primi kit della Israel Cycling Academy, risalenti al 2019 e precedenti. Per qualche motivo c’è un 7 bianco sotto il campo blu. Non ricordare perché.

Ok, è ora di votare!

Luca Sarletti

Sono un appassionato di bici che ha praticato quasi tutti i tipi di ciclismo. Ama il vento tra i capelli, il sole sulle spalle e forse anche gli insetti tra i denti. No, sto scherzando su quest'ultimo punto. Non vado matto nemmeno per le ustioni da strada, ma riconosco che per avere il meglio bisogna fare qualche occasionale capitombolo. Sento che la mia bici è il mezzo su cui può rilassarmi, lasciare i problemi sulla strada, incontrare nuove persone, andare in posti nuovi e vivere una vita avventurosa. Sono pronto a condividere il viaggio con voi.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *