5 modi per rendere più piacevole il pendolarismo invernale

1. Pianificare il percorso più asciutto possibile

La Kona single speed commuter del nostro responsabile del Bikeshop Shad.

Il pendolarismo in inverno può essere un compito ingrato e con l’aumento del prezzo del carburante sempre più persone si rivolgono alla bicicletta come mezzo di trasporto mattutino. Apportare piccoli cambiamenti e investimenti nel modo di spostarsi può contribuire in modo massiccio alla vostra felicità durante la giornata lavorativa.

Se riuscite a modificare il vostro percorso per evitare il traffico intenso, passerete meno tempo fermi sotto la pioggia, subirete meno gli spruzzi di camion e auto e probabilmente sarete più sicuri! Anche se il percorso è più lungo, arrivare al lavoro caldi e asciutti farà la differenza in inverno. In estate si può fare a meno di questo accorgimento, perché il kit e l’attrezzatura si asciugano rapidamente, ma una volta che le giornate invernali sono fredde e umide, lo stato in cui il vostro kit da ciclista arriva al lavoro è spesso lo stesso in cui parte dal lavoro, a meno che non riusciate a trovare un radiatore libero su cui farlo asciugare. Naturalmente, il più grande vantaggio di scegliere il percorso più asciutto possibile è quello di evitare alla vostra bicicletta l’eccesso di sporcizia della strada e la conseguente usura. Proprio per questo motivo molti pendolari scelgono un’impostazione a velocità singola per la mancanza di parti in movimento e la scarsa manutenzione.

ACQUISTA I SUPPORTI GARMIN

2. Stratificare

Giacca a vento Shimano Evolve

Aggiungere altri strati è sempre una buona opzione. Nella maggior parte delle uscite, non esco senza uno strato di base a maniche corte, indipendentemente dalla temperatura dell’aria: in piena estate o in pieno inverno, le proprietà di traspirazione di un buon strato di base garantiscono la traspirazione della pelle e l’asciutto. Per l’inverno consigliamo una maglia a maniche lunghe isolata o uno strato antivento, come la Shimano Evolve Wind Jacket. Questa giacca è dotata di un isolamento frontale rimovibile per mantenere il cuore caldo nelle giornate ventose, pur rimanendo adeguatamente traspirante. Inoltre, è dotata di numerosi scomparti sui lati e sul retro e utilizza un resistente tessuto idrorepellente per allontanare le piogge leggere e gli spruzzi stradali.

Guanti antivento Endura Pro SL 2

I guanti sono il prossimo passo, con l’obiettivo principale di proteggere dal vento. Nel settore dell’antivento ci sono molte offerte di marche diverse, ma in base alla nostra esperienza Endura produce alcuni dei migliori guanti che si possano acquistare. Progettati e testati nei rigidi inverni scozzesi, ne sanno qualcosa di freddo! I guanti Endura Pro SL Windproof Gloves 2 si collocano in una fascia di prezzo più alta, ma il loro basso ingombro e la completa protezione dal vento li rendono la nostra opzione preferita.

Le calzamaglie termiche sono disponibili in tutte le forme, colori e dimensioni, ma non si può sbagliare con un set foderato in pile ad alta visibilità per tenervi caldi e relativamente asciutti. Pearl Izumi è il marchio ideale per questo tipo di calzamaglia: i suoi Amfib Thermal Tights sono ideali. Il fondello è molto confortevole e i materiali utilizzati garantiscono un’ottima traspirazione per evitare la sensazione di soffocamento durante la corsa. Gli elementi riflettenti sul retro delle gambe offrono una maggiore tranquillità quando gli orologi tornano indietro e si torna a casa al buio.

Endura MT500 Plus Sovrascarpe 2

La ciliegina sulla torta che renderà la vostra vita da pendolari drasticamente più calda è un affidabile paio di sovrascarpe. Tenere lontano il freddo dalle estremità è la chiave per stare al caldo, mantenere la destrezza (che è importante in bicicletta!) e godersi il viaggio. Non c’è molto che possa andare storto con le soprascarpe, tuttavia è bene cercarne un paio che siano isolate o foderate in pile, impermeabili e adatte al vostro modello specifico di scarpa. Se si pedala su pedali piatti, le Endura MT500 Plus Overshoes 2 sono un’ottima soluzione. Per i ciclisti su strada, ci piace usare le Endura Road Waterproof Overshoes. Non sono le sovrascarpe più isolate, ma la loro vestibilità è perfetta per un’ampia gamma di scarpe da strada e il fatto che siano correttamente impermeabili significa che non dovrete mai temere di attraversare le pozzanghere – nel Regno Unito sembra che a volte ci siano più pozzanghere che asfalto!

3. Parafanghi

Unità Kona di JC per pendolari a velocità singola

Mettere una barriera fisica tra voi e le vostre ruote farà una differenza molto evidente nel vostro divertimento durante il tragitto. Anche un semplice parafango anteriore pieghevole (come il Burgtec BMG) impedirà a spruzzi, fango e sporcizia di finire negli occhi. A fronte di una leggera penalizzazione aerodinamica, un set di parafanghi completi vi garantirà la massima protezione dagli elementi. SKS è uno dei nomi più importanti nel settore dei parafanghi e il set di parafanghi SKS Bluemels è una soluzione di altissima qualità, a copertura totale e facilissima da montare. Per quanto riguarda le mountain bike, è diventato un po’ fuori moda montare un parafango posteriore se si è piloti o corridori seri, e per una buona ragione: l’ultima cosa che si desidera è un grande lembo di plastica che colpisce la parte posteriore delle gambe nei tratti ripidi o che rimbalza durante le asperità. Tuttavia, se il commuting è all’ordine del giorno, il semplice parafango RRP è sufficiente a impedire che il flusso d’acqua che si solleva dalla ruota posteriore vi inondi. Per quanto riguarda la parte anteriore, sono disponibili molti parafanghi OEM di produttori come Fox e Rockshox, ma se volete la massima copertura, il Topeak Defender XC1/XC11 è la scelta migliore.

Nel complesso, i parafanghi sono soluzioni semplicemente insostituibili per la più grande fonte di sofferenza nel viaggio di un ciclista, quindi investire in un buon set vi garantirà di arrivare a destinazione con un camoscio asciutto e un sorriso sul viso!

4. Pensare al futuro

Non c’è niente di più demoralizzante che doversi alzare presto, correre per cercare di mettere insieme il kit da ciclismo, preparare il pranzo e uscire dalla porta per poi rendersi conto di aver dimenticato un pezzo fondamentale del kit, come il telefono o le chiavi. Se pensate in anticipo e pianificate tutto la sera prima, vi risparmierete un sacco di stress al mattino. Preparate il vostro kit da ciclismo, preparate il pranzo, lasciate tutti i vostri oggetti vitali vicino alla porta d’ingresso in modo che sia impossibile dimenticarli e fate il controllo “M” della bicicletta.

Quando arriva il mattino, avrete un po’ di tempo in più a letto e prepararvi sarà un gioco da ragazzi. Non resta che godersi il viaggio!

NEGOZIO MULTIUTENSILI

5. Configurazione della bicicletta

Nei mesi più freddi le condizioni delle strade possono cambiare drasticamente, soprattutto nel Regno Unito, per cui dovete assicurarvi che la vostra bicicletta sia regolata in modo da poter affrontare le strade che vi si presentano. Una pressione degli pneumatici più bassa del solito vi consentirà di avere un’area di contatto più ampia, il che significa che avrete più aderenza quando le strade diventano bagnate o ghiacciate. Inoltre, i pneumatici più morbidi renderanno la guida più confortevole: in fin dei conti, il pendolarismo non è una gara, quindi non c’è bisogno di far salire la pressione della catena!

Vittoria Terreno Dry G2.0

I pneumatici gravel di maggior volume, come quelli di Vittoria, utilizzano tecnologie come il grafene per migliorare la durata e la resistenza alle forature dei loro pneumatici, rendendoli la scelta perfetta per i pendolari che cercano una gomma invernale adatta e dimenticabile. Il Terreno Dry G2.0 è un’ottima scelta. Sebbene sia uno pneumatico per condizioni “asciutte”, eccelle sulle strade bagnate grazie alla maggiore profondità del battistrada rispetto a un normale pneumatico per bici da strada. Se montato tubeless, i robusti fianchi con cintura antipiega vi daranno la massima sicurezza sulle strade britanniche piene di buche.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *