Recensione del libro: La fabbrica delle medaglie, di Kenny Pryde (edizione in brossura)

Titolo: La fabbrica delle medaglie – Il ciclismo britannico e il costo dell’oro
Autore: Kenny Pryde
Editore: Pursuit Books
Anno: 2022 (edizione in brossura – originariamente pubblicata nel 2020)
Pagine: 291 (in origine era 308)
Ordine: Libri del profilo
Cos’è: L’edizione in brossura di un resoconto con Pryde della trasformazione del ciclismo britannico negli anni successivi all’arrivo dei finanziamenti della Lotteria.
Punti di forza: Offre una patina di equilibrio
Punti deboli: Sotto la sua lucentezza superficiale, questo è un resoconto selvaggiamente sbilanciato della storia recente del ciclismo britannico, aggravato dai cambiamenti imposti all’editore per questa edizione in brossura.

La fabbrica delle medaglie, di Kenny Pryde

A due anni e mezzo dall’uscita in edizione cartacea, il libro di Kenny Pryde La fabbrica delle medaglie è finalmente apparso in brossura, mancante di alcune pagine che comparivano nell’edizione originale.
fmk

Un tempo i libri di ciclismo si ingrandivano man mano che passavano dall’edizione cartonata iniziale a quella in brossura, prodotta l’anno successivo per i poveri che non potevano permettersi di acquistare un libro al prezzo gonfiato del cartonato. Autobiografie, biografie, storie assortite, venivano inserite sul retro con nuovi capitoli man mano che il libro passava da un’edizione all’altra. Alcuni editori arrivarono persino a cercare di vendere questi nuovi capitoli aggiunti come libri a sé stanti.

Raramente, se non mai, questi nuovi capitoli erano in linea con quelli precedenti. Il libro originale era stato plasmato per arrivare a un particolare finale, per poi sostituirlo con un nuovo finale un anno dopo. A differenza del Marvel Cinematic Universe, dove si hanno 15 minuti di titoli di coda prima che il film ricominci con una nuova scena finale, nei libri non è possibile fare una pausa così forzata tra un capitolo e l’altro e il lettore si ferma a malapena a respirare quando finisce il finale originale prima di iniziare quello nuovo.

La maggior parte delle volte questi nuovi finali erano, per riprendere il termine di Charlie Windsor, un carbuncolo sul volto di un amico.

A volte, questi capitoli aggiunti andavano oltre la semplice aggiunta di un appartamento per nonnine in fondo, alcuni libri crescevano e crescevano e crescevano ogni anno che passava. Con il passare del tempo cominciarono ad assomigliare al disordine tentacolare del castello di Gormenghast, il loro progetto originale si perse nell’ombra di estensioni sgraziate, molte delle quali mal progettate, altre mal realizzate.

Quindi chapeau, poi, a Kenny Pryde La fabbrica delle medaglie – Il ciclismo britannico e il costo dell’oro che, a due anni e mezzo dalla pubblicazione dell’edizione originale in brossura, è finalmente arrivato in brossura più piccolo di quanto non fosse prima, con una mezza dozzina di pagine dell’originale demolite senza tanti complimenti dai bulldozer.

Fran Millar, responsabile di Sky per i comportamenti vincenti, accompagna Kath Wiggins e i figli dei Wiggins

Fran Millar, Head of Winning Behaviours di Sky, accompagna Kath Wiggins e i figli Wiggins, Isabella e Ben, al termine del Tour de France 2012. Millar è solo una delle due donne che Kenny Pryde ha ringraziato in La fabbrica delle medaglieRiconoscimenti
Tim de Waele / Corbis / Getty

Sono passati due anni da quando ho recensito l’edizione cartonata di La fabbrica delle medaglie. Mi è piaciuto? Nemmeno fino a un certo punto, Lord Copper.

In quella recensione ho fatto notare lo squilibrio delle fonti accreditate da Pryde: solo due delle circa 70 persone citate nei ringraziamenti del libro erano donne, e quelle due erano l’assistente personale di Dave Brailsford e l’ex responsabile dei comportamenti vincenti di Sky/Ineos. Una diversità di voci che di certo non era tale.

Pryde non aveva dato credito a Jessica Varnish, la donna che secondo lui aveva messo “in ginocchio” il ciclismo britannico nel 2016 quando aveva denunciato la condotta di Shane Sutton. Pryde non ha dato credito a Nicole Cooke o a Victoria Pendleton, che hanno sostenuto Varnish quando altri hanno cercato di mettere a tacere le critiche di Varnish. Pryde non ha dato credito a personaggi come Emma Pooley, Rebecca Romero o Wendy Houvenaghel, tutte donne che hanno criticato pubblicamente il British Cycling durante il loro periodo di attività ciclistica. Non è stata citata nemmeno Lizzie Deignan, nonostante la sua opinione su alcune delle più evidenti mancanze del British Cycling.

Pryde non è riuscito nemmeno a citare il nome di Martha Kelner, una delle giornaliste in prima linea nel riportare le accuse di bullismo rivolte al British Cycling. I colleghi maschi della Kelner che hanno raccontato la storia sono stati ritenuti degni di credito. Ma anche se è stata la Kelner a raccontare la storia e ad aggiungere nuovi elementi, Pryde l’ha ignorata.

Non sono stati solo i critici del ciclismo britannico a essere ignorati da Pryde. Anche Shanaze Reade, Sarah Storey, Rachel Atherton, Helen Wyman, non erano considerate degne di essere interpellate, a prescindere dai braccialetti, dai baubles e dalle maglie assortite che avevano vinto per la Gran Bretagna.

C’era tempo per parlare con Dave Brailsford e con Brian Cookson e con Shane Sutton e con una serie di altri ragazzi, circa 70, in realtà. Ma nella frenetica agenda di Pryde si sono potute inserire solo due donne, l’assistente personale di Dave Brailsford e l’ex responsabile dei comportamenti vincenti di Sky/Ineos. Una diversità di voci critiche? Fino a un certo punto, Lord Copper.

Jess Varnish

Nonostante il ruolo strumentale che Pryde le attribuisce nell’avvio del British Cycling annus horribilis – la sua scelta di parole – Jess Varnish non è stato intervistato per La fabbrica delle medaglie. Nessuna delle cicliste che hanno criticato la Federazione è stata intervistata da Pryde. I libri sono stati sottoposti al Bechdel Test, La fabbrica delle medaglie avrebbe ottenuto un punteggio N, per Nessun Sforzo.
Bryn Lennon / Getty

Non era nemmeno la metà di La fabbrica delle medaglieproblemi. Secondo Pryde, le storie che hanno fatto la storia del British Cycling annus horriblis nel 2016 “si è svolto durante un’estate febbrile, quando diverse organizzazioni sportive britanniche facevano notizia per i motivi peggiori”.

Pryde ha poi continuato a elencare le altre storie che hanno riempito quella presunta estate crudele:

“Un allenatore della GB Canoa d’élite era indagato per molestie sessuali nei confronti degli atleti, così come un allenatore della GB Tiro con l’Arco, finanziata da UK Sport. Più o meno nello stesso periodo, la squadra di bob della GB era indagata per razzismo e i suoi finanziamenti erano gestiti direttamente da UK Sport piuttosto che dalla sua federazione nazionale. E, a proposito di razzismo, il manager della nazionale inglese di calcio femminile è stato accusato dello stesso reato e ha perso il lavoro”.

Il fatto è che nessuna di queste storie è emersa nel 2016. Sono tutte scoppiate l’anno successivo. Il che è un po’ un peccato quando si cerca di suggerire che le critiche mosse al British Cycling erano il prodotto di un sogno di febbre.

L’edizione in brossura di La fabbrica delle medaglie non può certo compensare la mancanza di donne che Pryde ha ritenuto degne di essere consultate durante le ricerche del libro. Ma almeno ha dato ai suoi editori l’opportunità di correggere un errore così grave come il tentativo di liquidare le accuse mosse al ciclismo britannico nel 2016 come isteria di massa. Dopotutto, mezza dozzina di pagine sono state eliminate dall’edizione originale in cartonato di questo libro. Sono state apportate delle modifiche. Purtroppo, la pagina in cui Pryde – sulla base di un errore dovuto al fatto che non si è preoccupato di controllare i fatti – ha cercato di liquidare i critici del British Cycling come deliranti, è ancora presente e non è corretta.

Pensateci un attimo. La fabbrica delle medaglieGli editori hanno tempo e denaro a sufficienza per tagliare sei pagine dalla versione originale del libro, ma hanno deciso di lasciare non corretto un errore come questo.

Nessuno degli altri errori segnalati nella mia recensione originale di La fabbrica delle medaglie sono stati corretti. Nemmeno i refusi più evidenti. Ecco quanto rispetto hanno gli editori di La fabbrica delle medaglie hanno per voi, gli stupidi idioti nei posti economici che si aspettano di sborsare bei soldi per un libro scadente. Sanno che il libro che stanno pubblicando contiene errori, errori gravi, ma non si preoccupano di correggerli. Non si preoccupano nemmeno di aggiungere una nota di correzione. Ecco quanto rispetto hanno gli editori di La fabbrica delle medaglie hanno per voi, gli stupidi idioti nei posti economici che chiedono di sprecare 10,99 sterline per questo pessimo libro.

E poi ci sono le sei pagine mancanti.

Nicole Cooke scala il Mont Ventoux nel 2006

Nicole Cooke scala il Mont Ventoux nel 2006 sul percorso alla vittoria nella Grande Boucle Féminine, che vinse nuovamente l’anno successivo. Una sezione di sei pagine su Cooke è stata rimossa dall’edizione in brossura di La fabbrica delle medaglie.
Jean-Luc Lamaere / AFP / Getty

Nonostante il silenzio degli editori sulla questione – nell’edizione in brossura non c’è nulla che faccia pensare che siano state apportate delle modifiche – identificare le pagine mancanti non è una grande sfida. Mi è bastato confrontare una copia dell’edizione in brossura con l’originale in cartonato. Quindi, vi starete chiedendo, cosa c’era di così problematico nell’edizione cartonata di La fabbrica delle medaglie che non si poteva permettere che apparisse nell’edizione in brossura?

Una sezione di sei pagine su Nicole Cooke. Una sezione che iniziava come segue:

“Tra i critici più accesi del ciclismo britannico, di Sutton e di Brailsford c’è stata l’ex pluricampionessa mondiale e medaglia d’oro a Pechino Nicole Cooke, con i suoi articoli e le sue interviste, nonché con le sue testimonianze scritte al Comitato ristretto del DCMS”.

In sei pagine, la Pryde ha attaccato la Cooke con una certa durezza. Era “furiosamente, insistentemente critica”. Quando parlava, “molte persone ascoltavano, soprattutto quando ciò che diceva si adattava alla narrazione dominante dei media”.

Il padre di Cooke, Tony, fu descritto come “implacabilmente esigente”, un uomo che “si inimicò molti all’interno dell’organizzazione”. Pryde si è rivolto a una fonte anonima che ha detto di Cooke che “ha litigato con tutte le squadre per cui ha corso”. Queste sono caratteristiche che, in corridori come Bradley Wiggins, Mark Cavendish e Chris Froome, sono sostenute come segni di quanto siano motivati, quanto siano disposti a lottare per vincere. Ma in una persona come la Cooke? Donna, conosci il tuo posto?

La Cooke è stata accusata da un’altra fonte di Pryde (al 98% maschile) di aver trascurato di riconoscere il sostegno ricevuto dal British Cycling. Lo stesso Pryde ha aggiunto che Cooke non ha riconosciuto il sostegno ricevuto nel 2008 dal Team Halfords Bikehut, una squadra femminile su strada costruita grazie a una sponsorizzazione di 250.000 sterline che Brailsford si era assicurato dal più grande rivenditore di ricambi per auto del Regno Unito. Secondo Pryde, “Cooke ha rifiutato di scrivere della squadra nella sua autobiografia del 2014”.

Pryde ha persino chiesto a Brendan Gallagher, l’autore del famigerato libro sul Giro d’Italia, di cui è stata fatta una ricerca scadente, Corsa Rosa, un libro così brutto che persino la rivista satirica di attualità Private Eye ne ha parlato – sostenendolo, dicendo di aver notato che “non c’era alcun accenno alla squadra” quando ha letto una bozza del libro di Cooke e di aver cercato di convincerla a parlarne nel libro, ma che “lei si è assolutamente rifiutata di menzionare una parola a riguardo”.

Quando ho recensito l’edizione cartonata di La fabbrica delle medaglie Avevo cambiato casa da poco e la maggior parte dei miei libri di ciclismo era bloccata in magazzino, con un blocco che ne ritardava il recupero. Forse qualcosa di simile ha impedito a Pryde di controllare la sua copia di La fuga prima di mettere nero su bianco questa accusa. Se avesse controllato, avrebbe visto che si sbagliava. Non avrebbe nemmeno avuto bisogno di leggere il libro: c’è un indice in fondo che dice che la squadra Halfords è discussa alle pagine 334-339.

Si potrebbe definire ironia il fatto che sei pagine che secondo Pryde non comparivano nel libro di Cooke abbiano portato a sei pagine da eliminare dal suo? O si tratta di karma?

Comunque sia, è quello che è successo.

Rob Hayles

Conosciuto oggi soprattutto per essere compagno di Mark Cavendish, Rob Hayles è stato uno dei due uomini che hanno corso per la squadra femminile del Team Halfords Bikehut nel 2008, al fine di aumentare l’attenzione della stampa sulla squadra. Poco dopo il lancio della squadra, Hayles ha avuto un incontro ravvicinato con le autorità antidoping, che ha prodotto molti titoli per Halfords.
Bryn Lennon / Getty

L’attacco di Pryde a Cooke è andato oltre. Ha citato Rob Hayles, uno dei due uomini che hanno corso per la squadra femminile del Team Halfords Bikehut (e pensare che il ciclismo britannico oggi è confuso su come trattare i corridori trans), che ha detto qualcosa che Pryde descrive come impronunciabile su Cooke (curiosamente, Pryde non ha avuto né il tempo né l’inclinazione di considerare l’impatto che l’incontro ravvicinato di Hayles con le autorità antidoping ha avuto su Brailsford, che sostiene di essere stato spinto a considerare l’idea di smettere).

Pryde ha anche criticato la Cooke per il modo in cui ha corso ai Mondiali del 2011, finendo davanti a Lizzie Deignan. Non menziona la Deignan (nata Armistead) che ha dato filo da torcere a Emma Pooley ai Giochi del Commonwealth del 2014. Ciò che è buono per l’oca non è certamente buono per il papero, non quando il papero si chiama Cooke.

L’attacco di Pryde a Cooke si conclude a pagina 230 dell’edizione cartacea con questo: “Il risultato netto di [Cooke’s] è stato quello di consolidare l’idea che il ciclismo britannico fosse un’organizzazione sistematicamente sessista”. Un’affermazione che un uomo come Pryde è più che qualificato a contestare.

Tutto questo ora non c’è più. Il Medagliere. Per questo gli editori del libro meritano un applauso. Hanno riconosciuto che il libro aveva un problema – beh, hanno riconosciuto uno dei tanti problemi che affliggono il libro di Pryde – e lo hanno affrontato.

Se non fosse che gli editori non sono stati proattivi nell’affrontare il problema.

Sono stati costretti a tagliare quelle sei pagine dall’edizione tascabile di La fabbrica delle medaglie.

Costretto non una, ma due volte.

Quando Cooke è venuto a conoscenza di La fabbrica delle medaglie all’inizio del 2020 e leggendo ciò che Pryde aveva scritto su di lei ha contattato Andrew Franklin, l’amministratore delegato di Profile Books, che aveva pubblicato La fabbrica delle medaglie sotto il marchio Pursuit Books. Dopo molti tira e molla, alla fine si decise che la soluzione migliore era la rimozione completa delle sei pagine in cui Pryde aveva scritto di Cooke. Nel gennaio del 2021 – un anno dopo la pubblicazione originale del libro – Franklin scrisse a Cooke scusandosi per il disagio e il turbamento causati. Confermò che: qualsiasi ristampa del libro cartaceo (ritenuta molto improbabile) avrebbe incorporato le modifiche concordate; che l’edizione e-book avrebbe incorporato le modifiche concordate il prima possibile; e che anche qualsiasi edizione in brossura avrebbe incorporato le modifiche concordate.

Poco dopo aver raggiunto l’accordo, l’edizione e-book è stata aggiornata. Ma invece di rimuovere ciò che era stato scritto su Cooke, Pryde aveva riscritto la sezione su Cooke. Non aveva avuto il tempo – o la voglia? – di rielaborare le altre sezioni che contenevano errori, ma solo quella di cui Cooke si era lamentato e che gli editori avevano accettato di rimuovere. Dopo aver contattato la Profile in merito al mancato rispetto di quanto concordato, la Cooke si rivolse all’Alta Corte. A quel punto Profile, dopo aver negato di aver violato il contratto, ha improvvisamente accettato di non aver rispettato quanto concordato, ha apportato le modifiche concordate e ha pagato le spese legali di Cooke.

Quindi ci sono stati mesi in cui ci si è lentamente convinti a fare la cosa giusta nel 2020, seguiti da mesi in cui ci si è convinti a rispettare l’accordo nel 2021, prima che l’edizione tascabile di La fabbrica delle medaglie potrebbe apparire senza l’attacco di Pryde a una donna che ha definito una delle principali critiche del ciclismo britannico. Dopo aver trascinato la questione in questo modo, gli editori non meritano un applauso.

Christelle Ferrier-Bruneau (L) e Nicole Cooke (R)

GP Plouay, 2009. Christelle Ferrier-Bruneau (a sinistra) e Nicole Cooke (a destra) sulla linea di partenza con i colori Vision 1.
Fred Tanneau / AFP / Getty

La storia di Halfords che ha sconvolto Pryde deve essere vista insieme a quella di Vision 1 Racing, una squadra creata dalla stessa Cooke nel 2009 dopo il fallimento della squadra di Halfords. Vision 1 è fallita in parte a causa di un tempismo sfortunato: il mercato delle sponsorizzazioni è crollato dopo che un gruppo di banchieri ha fatto crollare l’economia globale giocando con i nostri futuri. Ma ha sofferto anche per la mancanza di sostegno da parte di British Cycling.

Altri hanno sottolineato come il British Cycling convogli le potenziali opportunità di sponsorizzazione verso corridori favoriti. La Cooke non era favorita: aveva fatto arrabbiare Brailsford chiedendo di essere trattata in modo equo e aveva fatto arrabbiare la responsabile dei comportamenti vincenti di Brailsford, Fran Millar, denigrando suo fratello, il santo David. Millar, come suo fratello prima di lei, potrebbe aver avuto una conversione di Damasco, quando si tratta di finanziamenti per le donne. All’epoca era lei a convogliare le richieste di marketing, oggi non riesce a convogliarle verso la Cooke e la sua nuova squadra femminile.

Ma non si trattava solo di non passare a potenziali sponsor. Cooke ha notato in La fuga che “un punto critico era la notizia di un agente professionista la cui opinione era che Dave Brailsford non ci avrebbe raccomandato a nessuno sponsor se questi si fossero rivolti a British Cycling”. È sempre stato probabile che qualsiasi potenziale sponsor di Vision 1 volesse parlare con British Cycling prima di impegnare denaro nella squadra di Cooke. Almeno uno sponsor potenziale ha parlato con Brailsford. E poi ha deciso di non sponsorizzare Vision 1.

Il modo in cui Cooke è stata maltrattata mentre era in sella è ormai una storia nota e pochi possono dubitare della sua veridicità. Ma la Cooke è ancora vittima dell’astio del British Cycling. All’epoca in cui si presentò davanti al DCMS nel 2017 e presentò la sua testimonianza Il Podcast Ciclismo FémininOrla Chennaoui ha osservato come Dave Brailsford abbia spesso fatto dichiarazioni ufficiali e non, sostenendo che la Cooke non riconosce il sostegno ricevuto dal Team Halfords Bikehut. Chiaramente, questo è un aspetto che urta la pelle sottile di Brailsford, anche quando Cooke riconosce il sostegno ricevuto tramite il Team Halfords Bikehut.

Davie Brailsford

Secondo Il Podcast Ciclismo FémininDave Brailsford è noto per aver detto, in via ufficiale e non, che Nicole Cooke non riconosce il sostegno ricevuto da British Cycling sotto forma di Team Halfords Bikhut. In La fabbrica delle medaglie Pryde ha fatto eco alle lamentele di Brailsford.
Peter Byrne / PA / Getty Images

Capisco che ad alcuni fan non piaccia Nicole Cooke, non è mai piaciuta Nicole Cooke. È la natura del gioco, alcuni tifosi sono così. Capisco che ci siano giornalisti britannici di ciclismo che ritengono che la Cooke non sia stata abbastanza riconoscente per le poche volte che si sono disturbati a scrivere di lei. È la natura del gioco, alcuni giornalisti sono così.

Che ad alcuni non piaccia la Cooke è una cosa. Che il ciclismo britannico abbia, nella migliore delle ipotesi, un punto cieco e, nella peggiore, stia ancora sminuendo attivamente i suoi risultati, è un’altra cosa. Ma quello che fa davvero specie è che Pryde sia così impegnato a creare una falsa narrazione – che riecheggia in modo inquietante i commenti di Brailsford – da non prendersi il tempo di verificare la semplice affermazione centrale: la Cooke ha menzionato o meno la squadra Halfords nel suo libro?

Insieme all’incredibile tentativo di Pryde di liquidare come isterici Varnish e gli altri che hanno parlato contro il ciclismo britannico nel 2016, si potrebbe quasi pensare che Pryde sia un uomo in missione, una missione che non ha alcun riguardo per la verità.

Rimuovere l’attacco di Pryde a Cooke è una sorta di soluzione a La fabbrica di medaglieI problemi manifesti di Cooke. Ma elimina anche Cooke da questa edizione di La fabbrica delle medaglie, che rappresenta una soluzione inadeguata ai veri problemi del libro, eliminando il contributo di Cooke alla storia che Pryde racconta del successo del ciclismo britannico. Ciò che serviva davvero agli editori era un tentativo di affrontare adeguatamente gli errori e gli squilibri del libro. Ma non si sono preoccupati di farlo.

Gli editori non si sono preoccupati perché l’unica cosa di cui si preoccupano è la cifra di 10,99 sterline che ti viene chiesta per un libro che sanno contenere errori di fatto non corretti, un libro che sanno contenere refusi non corretti, un libro che sanno essere semplicemente non molto buono.

Questa è l’editoria per voi.

La fabbrica delle medaglie di Kenny Pryde

L’edizione in brossura del La fabbrica delle medaglie, di Kenny Pryde (2022, 291 pagine), è pubblicato nel Regno Unito da Pursuit Books, una divisione di Profile Books.

NB: Gli editori non hanno risposto quando sono stati contattati in più occasioni per chiedere un commento sulle modifiche apportate e non apportate in questa edizione di La fabbrica delle medaglie. Non si sono preoccupati?

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *