Shimano Di2 patent floating impact-resistant electronic-shift derailleur prototype concept diagram

Il brevetto Shimano Di2 fa galleggiare il deragliatore resistendo agli urti

Valuta post

Supportaci!
Bikerumor può guadagnare una piccola commissione dai link di affiliazione in questo articolo. Per saperne di più

Pubblicato proprio oggi, l’ultimo brevetto di trasmissione Di2 di Shimano descrive in dettaglio un meccanismo di cambio elettronico completamente nuovo e un po’ più semplice che riesce a far fluttuare il suo motore del cambio in modo isolato per proteggerlo meglio dagli impatti. Una volta montato sulla bici, ti sarà difficile individuare le differenze funzionali nascoste all’interno. Ma impiegando una seconda molla di richiamo e un paio di bracci di leva che si infilano all’interno del suo parallelogramma, questo prototipo di deragliatore Di2 è in grado di gestire i colpi esterni diretti e gli impatti di oggetti che fuoriescono dalla ruota senza danneggiare il sensibile motore e il cambio all’interno…

Brevetto del concetto di deragliatore Shimano Di2 a cambio flottante

Diagrammi del brevetto Shimano Di2 del deragliatore posteriore flottante resistente agli urti con cambio elettronico

Vorrei solo iniziare dicendo che le 42 pagine di legalese vagamente descrittivo e concettuale in questo deposito di brevetto sono dense. E le sue 31 illustrazioni schematiche sono certamente utili, ma non sono affatto chiare di per sé. Se potessi leggerlo e capire tutto al primo passaggio, saresti molto meglio di me.

meccanica Shimano Ultegra Di2 esistente

Ma ho inserito un’attuale trasmissione Ultegra Di2 accanto al mio monitor e mi sono addentrato nelle erbacce per capire cosa c’è di diverso e perché è importante.

Allora che c’è di nuovo?

Concetto di prototipo di deragliatore a cambio elettronico galleggiante resistente agli urti con brevetto Shimano Di2, meccanismo posteriore esteso

Dalla descrizione di base del brevetto, la chiave di questo nuovo concetto di deragliatore Shimano Di2 è la sua capacità di spostarsi elettronicamente proprio come ci si aspetta, ma di utilizzare due molle all’interno del suo sistema di collegamento che consentono al deragliatore di spostarsi ogni volta che viene colpito da entrambi i lati. In questo modo si proteggono le punte più costose e precise del sistema Di2, il suo attuatore motorizzato e il cambio interno, consentendo al tempo stesso di tornare al centro e spostarsi con precisione dopo l’impatto.

Scopri anche:   Come aumentare la velocità in bicicletta

L’attuale design Di2 raggiunge una protezione dagli impatti in qualche modo simile e un ritorno automatico da un impatto esterno guidando il cambio tramite un collegamento interno e una molla esposta che può scivolare oltre un piccolo arresto. Ma se qualcosa si incastra tra la cassetta/ruota e il deragliatore, è necessario un ripristino manuale.

Concetto di prototipo di deragliatore a cambio elettronico galleggiante resistente agli urti con brevetto Shimano Di2

La nuova dinamica è più automatica e compatta, consentendo a Shimano di inserire tutta la meccanica all’interno del parallelogramma del cambio. Spostamento verso l’alto e una nuova leva tira fuoribordo il collegamento del deragliatore per allinearlo con un ingranaggio più piccolo tramite la prima molla. Scalare la marcia e quella leva spinge la seconda leva “di risparmio” per tirare il lato opposto del collegamento del deragliatore all’interno tramite una seconda molla. Poiché le forze della molla sono molto più forti della forza necessaria per azionare il cambio, tutto si muove in modo rapido e preciso.

Concetto di prototipo di deragliatore a cambio elettronico galleggiante resistente agli urti con brevetto Shimano Di2,

Ma poiché il collegamento a parallelogramma è essenzialmente fluttuante tra le due molle, qualsiasi forza più forte da entrambi i lati sposterà semplicemente il deragliatore senza danneggiare il cambio o il motore.

Concetto di prototipo di deragliatore a cambio elettronico galleggiante resistente agli urti con brevetto Shimano Di2, deragliatore anteriore

È interessante notare che la stessa identica soluzione funziona anche per il deragliatore anteriore.

Perchè importa?

Concetto di prototipo di deragliatore a cambio elettronico galleggiante resistente agli urti con brevetto Shimano Di2, deragliatore posteriore

Sappiamo tutti che non vuoi dover sostituire un costoso deragliatore elettronico, quindi è sempre stato bello che si sgancino praticamente tutti quando subiscono un grande impatto. Questo sembra solo rendere più fluido quel meccanismo di disinnesto, aggiungendo al contempo il ricentramento automatico in entrambe le direzioni. Ci siamo grattati la testa per chiederci perché hai davvero bisogno di protezione dagli impatti da entrambi i lati. ma è certamente concepibile che un sasso che vola via dalla ruota posteriore possa colpire l’interno del tuo deragliatore, o che qualcosa possa incastrarsi tra la cassetta e il corpo del deragliatore durante la guida su ghiaia o fuoristrada.

Scopri anche:   Dove trovare l'abbigliamento ideale per il ciclismo

In ogni caso, il design flottante intrinseco consente movimento e protezione dagli impatti in entrambe le direzioni.

Ora, la domanda rimane…

Quando potremmo vederlo in produzione?

È passato solo un anno e mezzo da quando sia Dura-Ace che Ultegra hanno ricevuto il loro ultimo aggiornamento Di2 (e solo sei mesi da 105 Di2), quindi non ci aspettiamo presto un nuovo gruppo Di2 su strada. Tuttavia, sono passati quasi 4 anni dal debutto di GRX Di2 di gravel. Abbiamo atteso con ansia un nuovo gruppo XTR Di2 da quando XT ha ottenuto un Di2 solo per ebike la scorsa estate. Sono passati quasi 9 anni da quando è stato rivelato l’attuale gruppo XTR Di2 M9050!

Se questo nuovo design del brevetto del deragliatore Shimano Di2 resistente agli urti arriverà presto, sarà probabilmente fuoristrada!

Bike.Shimano.com

Luca
Luca Sarletti

Sono un appassionato di bici che ha praticato quasi tutti i tipi di ciclismo. Ama il vento tra i capelli, il sole sulle spalle e forse anche gli insetti tra i denti. No, sto scherzando su quest'ultimo punto. Non vado matto nemmeno per le ustioni da strada, ma riconosco che per avere il meglio bisogna fare qualche occasionale capitombolo. Sento che la mia bici è il mezzo su cui può rilassarmi, lasciare i problemi sulla strada, incontrare nuove persone, andare in posti nuovi e vivere una vita avventurosa. Sono pronto a condividere il viaggio con voi.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *