Recensione di ciclismo Bkool

Valuta post

Con oltre 500.000 percorsi in tutto il mondo, Bkool porta il ciclismo nella realtà virtuale a un livello piuttosto interessante.

Hai voglia di andare in giro per Copenaghen, in Danimarca? Ce la puoi fare. Che ne dici di un po’ di ciclismo a New York? Non è un problema.

Hai una serie di ambienti in cui puoi percorrere percorsi preimpostati e puoi persino definire i tuoi percorsi.

Ne vengono persino caricati di nuovi in ​​continuazione e non devi guidare durante il giorno, poiché esiste un’impostazione “modalità notturna” che ti consente di goderti il ​​tuo scenario preferito in un ambiente serale.

Oltre a scenari diversi, ottieni anche condizioni meteorologiche diverse. Sebbene il tempo non influisca sul tuo allenamento al di là dell’estetica, è una funzione divertente e aiuta a ravvivare un po’ i tuoi allenamenti per mantenerti interessato. Il terreno entra in gioco, quindi con l’app che funziona con il tuo trainer puoi percorrere percorsi pianeggianti, colline e altro ancora.

Simone
Simone Rogini

Appassionato di avventura e sport all'aria aperta. La sua bicicletta, una Graziella modificata e fatta in casa. Una bicicletta versatile che, come il suo proprietario, trascende ogni tipo di attività. Viaggiatore di lungo corso (Parigi-Città del Capo, Great Divide, tour delle Dolomiti...), Simone può anche essere visto sulle strade della pianura Padana con i panni dell'avventuriero urbano. Giornalista e autore, su questo blog condivide le sue esperienze e il suo punto di vista sulle molteplici sfaccettature della cultura ciclistica.

Scopri anche:   Ciclismo indoor vs corsa

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *