Quest’uomo vive in bicicletta a New York alla ricerca dell’eco-minimalismo

Valuta post

Girando un angolo a New York (e ce ne sono molti) si può vedere di tutto. Per esempio, sulla 63esima strada ovest, a pochi passi da Central Park, si trovava Ethan Schneider. Era una fredda mattina di metà novembre, con l’inverno finalmente in arrivo sulla East Coast, e Schneider era avvolto al caldo. Ne aveva ben donde, visto che si trovava accanto alla sua casa, a una mountain bike e a un rimorchio con i suoi effetti personali che pendevano da quasi ogni centimetro.

“Quando cammino per la città, la cosa che noto è che è molto rumorosa, molto sporca e l’aria non è molto pulita, quindi mi piacerebbe vivere uno stile di vita che sia in linea con il miglioramento di queste condizioni e con l’aumento della qualità della vita di tutti”, ha esordito Schneider dopo che sono tornato indietro per chiedergli di spiegare cosa sta succedendo esattamente.

Vive una versione di questa vita che ha creato per se stesso da circa otto anni, incorporando la bicicletta solo circa cinque anni fa.

“Stavo cercando di farlo con meno”, spiega Schneider, “ero ancora più minimalista prima di avere la moto, ma mi sono reso conto che, soprattutto se si vive in un clima più freddo, è necessario poter trasportare una certa quantità di attrezzatura di sopravvivenza. E penso che un furgone o un’auto siano troppo, ho già vissuto nella mia auto, e in più devi avere a che fare con i combustibili fossili e la combustione, cosa che non mi piace. Quindi sto lavorando a questa e-bike elettrica e solare e voglio vedere… sto esplorando i limiti di questa soluzione all’interno di una serie di parametri che ho stabilito per me stesso. Non l’ho scritto in modo seriamente coerente, ma ne ho parlato con alcune persone e ho delle idee piuttosto chiare su ciò che spero di realizzare e su come penso di volerlo sviluppare nei prossimi anni”.

Il messaggio principale di Schneider, continua, è quello di vivere uno stile di vita a zero gas di scarico, zero rumore e zero rifiuti, perché questi sono i tre miglioramenti alla città che secondo lui aumenterebbero notevolmente il benessere di tutti.

“Voglio scoprire cosa è possibile fare per me e poi spero che anche altre persone sappiano cosa è possibile fare”, dice. “Per quanto riguarda il dare l’esempio e l’essere il cambiamento che si vuole vedere nel mondo”.

In estate Schneider si ferma spesso in campeggio, perché il caos in città aumenta e tutti escono a godersi il bel tempo. A piedi nudi, spesso cammina il più possibile per assicurarsi di avere spazio sufficiente per sé e per tutti gli altri e anche per “tenersi fuori dai guai”.

Scopri anche:   Bianchi entra nel 2023 con Nico Rosberg e nuove colorazioni per e-Omnia

Ma ora non è più estate, un freddo pungente si abbatte sul suo set-up all’aperto, dove ammette di voler camminare volentieri sulla linea dell’essere un senzatetto.

“In inverno di solito trovo un posto dove rintanarmi e fare altre ricerche e studi. Così, da circa una settimana, frequento questo atrio pubblico, è uno spazio pubblico”, indica alle sue spalle. “Ci sono prese di corrente per ricaricare le batterie, posso guardare YouTube, ascoltare musica, parlare con le persone, cucire. Ho appena finito di riparare una copertura per il rimorchio della mia bicicletta”.

È bello sapere che anche chi vive una vita così estrema non riesce a resistere al tasto rosso di YouTube. Mentre siamo all’angolo della strada, Schneider sembra visibilmente freddo, la sua immobilità tradisce un freddo interiore che non si dissolve da solo. In effetti, a volte cerca anche di ridurre al minimo l’apporto calorico per perseguire i suoi ambiziosi obiettivi di sostenibilità, non andando troppo in bicicletta. Davvero, sembra una vita impossibilmente difficile.

“È davvero dura, è la cosa più difficile che mi venga in mente di fare”, dice Schneider a proposito dello stile di vita che ha scelto. “Solo in termini di… non per il fatto che sia difficile, perché penso che sia una cosa significativa da fare. Ho molte ragioni che considero importanti per farlo e le metto alla prova ogni giorno. Per me è come una filosofia esistenziale. La mia generazione è stata cresciuta con molte informazioni e influenze sull’ecologia, sulla consapevolezza ambientale e sulla sostenibilità, quindi ho preso la cosa sul serio e sto cercando di capire come si fa a vivere una vita che non crei inquinamento. Come si fa a vivere una vita che non distrugga il pianeta e le condizioni di vita in cui ci troviamo?”.

Consapevole del suo bisogno di rientrare in casa e di riscaldarsi, ci sono ancora un paio di domande su chi sia Ethan Schneider al di fuori della sua missione ambientalista.

“Sono nato nel Missouri, ho vissuto lì per quattro anni e poi io e la mia famiglia ci siamo trasferiti nella Carolina del Sud, ho vissuto lì per 16 anni, sono cresciuto lì, andava bene, non ho mai sentito di appartenere al Sud, ma non ho mai avuto una vera scelta perché non ero ancora un adulto. Appena ho avuto l’età per andarmene me ne sono andato, credo a 20 o 21 anni. Ho messo tutto in macchina e sono andato in California perché ho visto molte cose interessanti nelle città più grandi e volevo esplorarle da solo, così sono andato a farlo e mi ha portato fino a New York. Mi piace stare qui a New York, è così varia e mi sfida continuamente a migliorare e a crescere, a trovare modi per sviluppare nuove relazioni con persone interessanti e a fare cose innovative. Una volta che la bici elettrica sarà in funzione, potrei viaggiare di più. Ho raccolto batterie, un motore elettrico e pannelli solari, ma ho ancora bisogno di un controller di ricarica, di un cablaggio di ricarica, devo fare ulteriori ricerche su questo e vedere se riesco a farlo quest’inverno”.

Scopri anche:   Congratulazioni ai vincitori della FSA Directeur Sportif!

E, se posso chiederlo, cosa fai per soldi? Per provvedere a te stesso?

“La gente mi dà dei soldi qua e là, ho un GoFundMe, ma per lo più cerco di vivere senza soldi il più possibile e di scambiare e barattare e riciclare, recuperare materiali dalla spazzatura è davvero importante. La maggior parte delle cose che ho qui le ho trovate nella spazzatura o me le hanno regalate le persone o le ho costruite con le cianfrusaglie. Penso che riparare sia importante, riutilizzare è importante, ma in definitiva ridurre è il motivo per cui vivo uno stile di vita così minimale”.

In una città di milioni di persone che sognano il possibile, i sogni di Ethan Schneider si stagliano sullo skyline.

“Come posso soddisfare i miei bisogni minimi fisiologici, emotivi e psicologici senza tutti i materiali, senza gli edifici?”. Si chiede Schneider. “Trascorro la maggior parte del mio tempo all’aperto per la maggior parte dell’anno, quindi esploro sempre i limiti di questo per scoprire cosa è possibile”.

Luca
Luca Sarletti

Sono un appassionato di bici che ha praticato quasi tutti i tipi di ciclismo. Ama il vento tra i capelli, il sole sulle spalle e forse anche gli insetti tra i denti. No, sto scherzando su quest'ultimo punto. Non vado matto nemmeno per le ustioni da strada, ma riconosco che per avere il meglio bisogna fare qualche occasionale capitombolo. Sento che la mia bici è il mezzo su cui può rilassarmi, lasciare i problemi sulla strada, incontrare nuove persone, andare in posti nuovi e vivere una vita avventurosa. Sono pronto a condividere il viaggio con voi.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *