Presentazione: Alex Morrice, l’ultima vincitrice femminile della Zwift Academy

Valuta post

Non appena ha avuto la sensazione che potesse essere la prossima vincitrice della Zwift Academy, Alex Morrice ha iniziato a preoccuparsi di come sarebbe stata la sua reazione sullo schermo.

“So che sembra sciocco”, mi dice tramite Zoom dopo essere tornata nel Regno Unito, da dove viene. “Ma stavo cercando di prepararmi a come avrei reagito se avessi vinto. Semplicemente non sai cosa dire, come la quantità di persone che ti guardano, le telecamere su di te e all’improvviso ti è stato offerto un contratto di ciclismo professionistico. Come pensi di reagire?”

Essere filmati è una nuova pressione che i finalisti dell’Academy hanno affrontato nelle ultime due edizioni dei suoi sei anni di storia. Oltre a competere per un contratto professionale sotto gli occhi attenti di team manager e corridori professionisti, i finalisti sono ora documentati anche in una serie in stile reality trasmessa ai 3,3 milioni di abbonati YouTube di GCN.

“Era pazzesco, come la quantità di telecamere, personale di produzione e team manager, non riuscivo davvero a immaginarmelo. Ma una volta terminati i primi due giorni di riprese, ti sei abituato molto di più al tipo di follia e hai cercato di concentrarti sul tuo vero ciclismo piuttosto che essere in un reality show.

Dimenticate le telecamere, Morrice è stata in grado di concentrarsi sul compito da svolgere: completare le sessioni e le gare quotidiane nel tentativo di vincere un contratto professionale con il Women’s WorldTeam, Canyon//SRAM.

Come mostrato nella serie, la settimana è iniziata in modo irregolare per i finalisti, con gli altri concorrenti Liz van Houweling e Will Lowden che sono stati rimandati a casa presto dopo essere risultati positivi al COVID-19.

“Ci è stato poi detto di stare molto attenti con il Covid e di fare i test ogni giorno. Quindi questo stava causando molta ansia perché condividevamo tutti le camere da letto. Dopo è stato tutto un po’ più teso”, dice Morrice.

“È stata una buona cosa per noi, perché avevamo un concorrente in meno, ma ovviamente ti spaventa un po’, come se potessi essere io.”

Ora 22 anni, Morrice è entrata nel ciclismo solo mentre studiava Scienze Naturali all’Università di Bath, sebbene fosse sempre stata sportiva. Ha raggiunto il livello regionale giocando a netball durante il liceo e ha continuato lo sport durante l’università. “E poi al secondo anno di università, mi stavo infortunando a causa del netball e mi annoiavo un po'”, ricorda.

Morrice ha continuato con il netball ma ha iniziato a praticare il triathlon fino al suo terzo anno. Quando è arrivato quel momento, stava completando un anno di tirocinio presso una banca che, a causa del blocco, ha dovuto completare interamente da casa.

“L’ho trovato un anno davvero, davvero difficile. Personalmente, a casa succedevano altre cose. E avevo bisogno di uno sfogo”, dice. “Così sono entrato a far parte del club ciclistico della banca, dove alcuni giorni fanno corse Zwift prima e dopo il lavoro.

“Tutti i ragazzi con cui stavo chiacchierando nel club di ciclismo sono stati davvero incoraggianti”, continua. E dopo un po’ si è “dedicata completamente al ciclismo” assumendo un allenatore consigliatole da un collega.

Morrice ha iniziato a correre solo all’inizio di quest’anno. La sua prima gara, un criterium locale “è durata circa 35 minuti e l’ho adorato. Ed è stato a gennaio nel Regno Unito.

Ha fatto rapidi progressi, vincendo la maggior parte delle sue gare da allora in poi.

“È stato divertente perché non credevo affatto in me stesso. In un certo senso pensavo che ogni gara, non andrò molto bene, come tutte queste altre persone hanno un bell’aspetto, sanno cosa stanno facendo, sanno come appuntare un numero di gara e mi sto solo presentando facendo tutte le domande stupide.

Scopri anche:   Simon Clarke si riprende dal COVID-19 per mantenere intatto il record del podio della Cadel Evans Race

Una volta che la bandiera è caduta, tuttavia: “In un certo senso vado in una mentalità completamente diversa e mi concentro completamente solo sul tentativo di vincere la gara”.

Non è stato fino a giugno, tuttavia, che Morrice ha iniziato a correre su strada e ha rapidamente iniziato a vincere. Si è classificata seconda nella sua prima gara della serie nazionale del Regno Unito prima di dirigersi in Irlanda per il Rás na mBan, una settimana “intensa” in cui “ha imparato molto” prima di iniziare la Zwift Academy non appena è tornata.

Morrice sapeva dopo la sua estate di corse che aveva il potenziale per andare lontano nella Zwift Academy. Aveva infatti iniziato il processo l’anno scorso prima di essere costretta a lasciare le prime fasi quando si è rotta la scapola in uno strano incidente da pendolare. Ma lei osservava da vicino.

“Ho visto tutto”, dice. “Stavo guardando Maud [Oudeman, 2021 winner] e guardando Imogene [Alton, 2021 finalist] e tutte le altre ragazze lì pensando che potrei essere io. Stavo iniziando a guardare la serie l’anno scorso e l’avevo davvero in mente: ‘Voglio davvero essere lì e quello lì potrei essere io’. Quindi, facendo gli allenamenti questa volta, ero decisamente impegnato a metterci tutto per arrivare alla finale.

Il suo atteggiamento ha funzionato e Morrice si è ritrovata sulla strada per la Spagna per le finali dove si è imbattuta in Cooper Sayers, il pilota australiano che ha raggiunto anche le finali dell’anno scorso: grande.”

Coloro che hanno visto la serie sapranno che i finalisti sono stati immediatamente sottoposti a una brutale sessione di test indoor, “e nessuno gode dei test indoor”, afferma Morrice. “È semplicemente brutale. C’erano 40 gradi o qualcosa del genere, siamo arrivati ​​a 40 gradi, la stanza era molto, molto calda, come se si sciogliesse. E tu sei lì dentro che vuoi solo essere fuori sulle strade spagnole, ma invece stai solo dando tutto dentro.

Fortunatamente, non ha dovuto aspettare molto per salire sulla bici del team Canyon e guidare insieme ai suoi colleghi finalisti e ai professionisti.

“Non sembrava davvero che stessimo gareggiando l’uno contro l’altro”, ricorda. “Mi sembrava di essere là fuori ad allenarmi con gli amici, con alcuni intervalli divertenti durante la giornata.

“Stavamo guidando con la squadra, il che è davvero fantastico. Chiacchierando con loro, con l’auto del team dietro di noi. E mi è sembrata un’esperienza così incredibile. Non lo dimenticherai.

Sebbene fosse fiduciosa di entrare nel processo dell’Accademia, Morrice non era convinta delle sue possibilità per tutta la settimana.

“Sapevo che anche se mi sono impegnato al 100% nella salita in salita, ero ancora terzo, quindi realisticamente, il secondo giorno, non pensavo di stare andando così bene. E poi il terzo giorno è stato diverso perché è stato un giro di abilità e poi una gara Zwift. Quindi questo ha interrotto molto la settimana, perché le abilità che mi piacevano fare e c’era meno pressione solo sulla pura potenza, era più una questione di fiducia nelle tue capacità tecniche.

Dopo la sessione di abilità è stata nominata pilota del giorno, “ma non me l’aspettavo del tutto. E così la mia fiducia dopo il terzo giorno era molto più alta di prima. Ero tipo ‘forse potrei vincere'”.

Poi è caduta durante una simulazione di gara, portando con sé la pro Canyon//SRAM Pauliena Rooijakkers: “Ho pensato, ‘nah, non va bene. Questo non mi aiuterà affatto’.

“[But] Penso che abbiano visto che c’era petrolio o diesel o qualcosa del genere all’angolo. C’erano prove video di tutto ciò che accadeva, sono sicuro che sarà nei programmi, adorerebbero quella clip e la renderebbero davvero drammatica.

Scopri anche:   Detroit Bikes rilascia un'eBike da 32 libbre prodotta negli Stati Uniti che sembra una bici normale!

Abbastanza sicuro, l’episodio mostra l’intera portata dell’incidente, con Morrice che perde la ruota anteriore e scivola proprio sotto le barriere mentre Rooijakkers si schianta contro di lei, andando oltre le sbarre. Si può sentire Morrice scusarsi abbondantemente e chiedere informazioni sulle condizioni di Rooijakkers.

Più tardi quel giorno, Morrice e gli altri due furono incaricati della loro ultima sfida: una salita in salita sul famoso Coll de Rates.

“A febbraio ho fatto uno sforzo in salita ed ero come settimo sul segmento Strava”, dice Morrice. “Quindi sapevo di essere abbastanza bravo in questo. Ma poi ho anche saputo che Chiara e Nele erano pazze, pazzesche in salita”. Inoltre, Morrice ha riportato le ferite dovute all’incidente: “Avevo la mano tutta sanguinante e aperta e ho semplicemente cercato di aggrapparmi. Non avevo intenzione di non guidare.

Alla fine, si è classificata terza dopo “lo sforzo più difficile che abbia mai dovuto fare”.

“Quando sono tornato da quel giro, ho pensato ‘quindi prenderanno una decisione dopo questo?’. Non avevo idea di cosa avrebbero pensato per quello che è successo quel giorno, sono successe così tante cose quel giorno. Non potevo davvero elaborare tutto in quel momento, ma sapevo solo di aver effettivamente completato le sfide, il che era qualcosa di cui ero davvero orgoglioso.

Alla fine, è stato più che sufficiente per impressionare i giudici, e Morrice è stato incoronato vincitore e ha offerto un contratto WorldTour con Canyon//SRAM per il 2023.

Quindi quali sono le sue speranze per la prossima stagione?

“Principalmente non vedo l’ora di avere il tempo di allenarmi con le ragazze e andare in questi campi di allenamento con loro e imparare così tanto da questo, e vedere come la mia forma fisica e la mia forza sulla bici migliorano solo essendo in grado di concentrarmi correttamente sulla formazione.

“Ovviamente, l’anno scorso, stavo cercando di bilanciare la mia laurea con l’allenamento, ma ora posso recuperare correttamente e concentrarmi su altre parti che ho trascurato l’anno scorso come la forza e il condizionamento. Lo farò correttamente con un allenatore ora, il che è davvero importante per me perché sono davvero entusiasta di potermi concentrare correttamente su come posso essere un ciclista migliore.

Nonostante il suo notevole potenziale, Morrice ha un approccio modesto alla sua imminente prima stagione da professionista: “Non ho molte aspettative sui risultati ad essere onesto. Penso che correre a questo livello sarà un’esperienza che non darò mai per scontata”.

Luca
Luca Sarletti

Sono un appassionato di bici che ha praticato quasi tutti i tipi di ciclismo. Ama il vento tra i capelli, il sole sulle spalle e forse anche gli insetti tra i denti. No, sto scherzando su quest'ultimo punto. Non vado matto nemmeno per le ustioni da strada, ma riconosco che per avere il meglio bisogna fare qualche occasionale capitombolo. Sento che la mia bici è il mezzo su cui può rilassarmi, lasciare i problemi sulla strada, incontrare nuove persone, andare in posti nuovi e vivere una vita avventurosa. Sono pronto a condividere il viaggio con voi.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *