Demi Vollering at the head of the bunch with Ashleigh Moolman-Pasio

Niewiadoma delusa dalla disorganizzazione nell’inseguimento del Tour de France Femmes

Valuta post

La straordinaria forza di Lotte Kopecky nell’ultima rampa finale le ha assicurato la vittoria nella prima tappa del Tour de France Femmes, ma ha lasciato i membri del gruppo di inseguitori a chiedersi se avrebbero potuto fare di più per impedire un’altra vittoria del team SD Worx.

“Mi sento frustrato con me stesso per come ho guidato nella parte finale”, ha detto Kasia Niewiadoma mentre si rinfrescava sull’allenatore dopo la sfida iniziale. La tappa si è conclusa con una salita di terza categoria sulla Côte de Durtol che ha raggiunto il culmine a 9 km dall’arrivo, seguita da una rapida discesa e un tratto pianeggiante fino a Clermont-Ferrand.

“Mi sentivo forte e in buona forma, e oggi ho dimostrato di non averlo sfruttato. Spero che cambierà perché è frustrante arrivare alle gare sentendosi bene e poi non fare nulla a riguardo.

“Penso di aver fatto un errore quando Lotte se ne è andata. Ho perso solo un paio di secondi. Stavo cercando di passare Ashleigh Moolman [Pasio] perché mi stava in qualche modo bloccando. È un peccato che sia andata così perché penso che avremmo potuto ottenere un risultato migliore”.

Kopecky ha attaccato a metà della salita finale e ha subito guadagnato un piccolo vantaggio, che si è ampliato durante la discesa e nel tratto finale, tagliando il traguardo con 41 secondi di vantaggio su uno sprint del gruppo vinto dalla sua compagna di squadra Lorena Wiebes.

Tra i membri del gruppo di inseguitori c’erano più corridori della FDJ-SUEZ: Marta Cavalli, Evita Muzic e Cecilie Uttrup Ludwig, della Canyon-SRAM: Niewiadoma, Ricarda Bauernfeind, Elise Chabbey e del Movistar con la campionessa in carica Annemiek van Vleuten e Liane Lippert. Erano anche presenti gli individualisti Demi Vollering (SD Worx), che non ha inseguendo la sua compagna di squadra Elisa Longo Borghini (Lidl-Trek), e Mavi Garcia (Liv Racing TeqFind).

Scopri anche:   L'UCI vieta alle donne transgender di competere nella categoria femminile

Nel gruppo di inseguitori dietro a Kopecky c’era poca organizzazione, con Cavalli che suggeriva che Vollering “interrompesse” i loro sforzi di inseguimento andando in testa e rallentando. Un secondo gruppo sulla strada che includeva Marlen Reusser e Wiebes (SD Worx) e Marianne Vos (Jumbo-Visma) si è ricongiunto a 2 km dalla fine, ma a quel punto Kopecky aveva guadagnato un vantaggio di ben 40 secondi verso la vittoria di tappa.

“Sicuramente non era organizzato. Tutti i gruppi dal fondo si sono riuniti, quindi questo dimostra che non stavamo davvero dando il massimo”, ha detto Niewiadoma, suggerendo che le squadre potrebbero aver scelto di non inseguire perché Kopecky non rappresenta una minaccia per la classifica generale dell’SD Worx.

“A volte sembra che nessuno voglia lavorare insieme perché ognuno ha in mente una tattica o una strategia diversa. Non stanno cercando di vincere il Tour de France, quindi l’impegno per inseguire è sempre minore”.

Anche Ashleigh Moolman-Pasio (AG Insurance-Soudal-QuickStep) ha espresso frustrazione per la mancanza di organizzazione all’interno del gruppo di inseguitori. Non avendo compagni di squadra nel gruppo, ha sentito che i corridori non dell’SD Worx avrebbero potuto lavorare insieme per riavvicinarsi a Kopecky.

“Kasia ed io eravamo molto vicine, ma poi, quando è iniziata la discesa, è stato molto frustrante. Non era compito mio inseguire perché c’erano altri corridori di altre squadre. Non volevo solo stare seduta, quindi ho cercato di andare avanti”, ha detto Moolman-Pasio.

“Non capisco la mentalità di attaccare e contrattaccare perché se lavorassimo insieme, potremmo riportarla indietro. Ad ogni modo, non è stata una grande sorpresa che sia andata così, ma mi sento bene e non vedo l’ora dei prossimi giorni”.

La squadra Lidl-Trek aveva un corridore nel gruppo di inseguitori, Elisa Longo Borghini. Tuttavia, il direttore della squadra Ina Teutenberg ha detto che non si sarebbe aspettata né avrebbe chiesto a Longo Borghini di inseguire in questa situazione.

Scopri anche:   Come seguire le tappe 13, 14 e 15 del Tour de France

“So quanto Lotte Kopecky sia forte, e mai dire mai, ma non penso che rappresenti una minaccia per la classifica generale. Non si sa mai, ci sono sei tappe classiche, e forse otterrà un vantaggio di 10 minuti entro la fine di esse, e allora non la prenderanno. Ma avevo solo una ciclista lì dentro, e non li avrei inseguisti”, ha detto Teutenberg.

“Lotte Kopecky è stata molto forte oggi. Devi avere le gambe per fare quello che ha fatto lei, e nessuno è stato in grado di risponderle. Complimenti a Lotte, ha vinto il premio per la miglior ciclista”.

Simone
Simone Rogini

Appassionato di avventura e sport all'aria aperta. La sua bicicletta, una Graziella modificata e fatta in casa. Una bicicletta versatile che, come il suo proprietario, trascende ogni tipo di attività. Viaggiatore di lungo corso (Parigi-Città del Capo, Great Divide, tour delle Dolomiti...), Simone può anche essere visto sulle strade della pianura Padana con i panni dell'avventuriero urbano. Giornalista e autore, su questo blog condivide le sue esperienze e il suo punto di vista sulle molteplici sfaccettature della cultura ciclistica.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *