Tour de France: Tadej Pogacar on the podium of best young rider after stage 18

L’incredibile prestazione di Pogacar al Tour de France è considerata “enorme” dall’allenatore, nonostante l’infortunio primaverile

Valuta post

L’allenatore delle prestazioni dell’UAE Team Emirates, Iñigo San Millán, ha spiegato che il motivo principale del crollo di Tadej Pogačar sul Col de la Loze è dovuto a un grave compromesso del suo programma di allenamento a seguito dell’incidente e della frattura del polso durante Liegi-Bastogne-Liegi.

In un’intervista con L’Equipe, il medico basco e responsabile delle prestazioni ha affermato che l’infortunio di Pogačar durante Liegi-Bastogne-Liegi ha impedito al ciclista di completare il suo secondo blocco chiave di allenamento.

Dopo aver perso oltre 90 secondi dal leader della corsa, Jonas Vingegaard, nella cronometro di martedì, Pogačar è poi caduto durante il lungo Col de la Loze mercoledì, perdendo quasi sei minuti e dichiarando alla radio della gara durante la salita: “Sono esausto, non ce la faccio più”.

Tuttavia, San Millán ha anche sottolineato che il secondo posto assoluto di Pogačar al Tour de France, in un solo blocco di allenamento completo, è un grande successo. Ha anche sostenuto che il picco di forma di Pogačar durante le classiche di primavera, che hanno portato alle vittorie al Giro delle Fiandre, all’Amstel Gold Race e alla La Flèche Wallonne, non ha avuto un effetto negativo sulla sua prestazione al Tour de France.

Quando è stato chiesto se le conseguenze dell’infortunio al polso sul programma di allenamento di Pogačar fossero sufficienti a spiegare il suo grave calo di prestazioni, San Millán ha risposto a L’Équipe: “Stiamo ancora valutando questo. Non so se sia l’unico motivo, ma di sicuro è il motivo principale”.

“Pogačar ha fatto due grandi blocchi di allenamento prima del Tour, il primo all’inizio della stagione e il secondo in primavera. Ma la sua caduta a Liegi gli ha impedito di completare il secondo blocco”.

“Si è fratturato il polso il 23 aprile e non è potuto tornare in bicicletta fino al 25 maggio”.

“Un allenatore a casa può andar bene, ma non è sufficiente. Ha perso tre settimane di allenamento a maggio e ha potuto fare solo tre settimane di allenamento adeguato a giugno, tenendo conto dei giorni di riposo, solo 15 giorni”.

“Sapevamo che avrebbe spinto le cose all’estremo. Non credo che nessun ciclista abbia mai vinto il Tour con meno di un mese di allenamento”.

San Millán ha detto che la squadra ha deciso di far partecipare Pogačar al Tour nonostante queste difficoltà perché “è il miglior ciclista del mondo. Ma aveva bisogno di un secondo blocco di allenamento per resistere per tre settimane”.

L’allenatore dell’UAE Team Emirates ha anche affermato di non ritenere che la condizione ottimale di Pogačar per il Giro delle Fiandre abbia danneggiato la sua prestazione al Tour. Ha detto: “I suoi numeri migliori di sempre sono arrivati dopo le Fiandre, erano così impressionanti che a malapena ci credevo, pensavo che avesse fatto troppo allenamento”.

Ma San Millán ha passato una settimana a testare il lattato su Pogačar e ha scoperto che i dati erano corretti. Il ciclista era migliorato fisicamente, qualcosa che ha continuato a dimostrare anche alle Ardenne Classics. Tuttavia, l’incidente a Liegi “ha significato un nuovo punto di partenza”.

San Millán non ha escluso che Pogačar abbia tentato la vittoria di tappa sabato sui Vosgi, ma ha sostenuto che arrivare secondo al Tour in quello che riteneva essere un blocco di allenamento era già una prestazione impressionante.

“Un ciclista normale sarebbe al massimo quindicesimo. Può sembrare una grande sconfitta, ma in realtà è un risultato enorme”.

Simone Rogini

Appassionato di avventura e sport all'aria aperta. La sua bicicletta, una Graziella modificata e fatta in casa. Una bicicletta versatile che, come il suo proprietario, trascende ogni tipo di attività. Viaggiatore di lungo corso (Parigi-Città del Capo, Great Divide, tour delle Dolomiti...), Simone può anche essere visto sulle strade della pianura Padana con i panni dell'avventuriero urbano. Giornalista e autore, su questo blog condivide le sue esperienze e il suo punto di vista sulle molteplici sfaccettature della cultura ciclistica.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *