Jay Vine (UAE Team Emirates) at the 2023 Tour Down Under

Jay Vine: C’è un’enorme differenza tra i migliori e gli ultimi team

Valuta post

Lo scorso ottobre, quando Jay Vine era ancora, almeno ufficialmente, un corridore Alpecin-Deceuninck, l’idea di mirare alla classifica generale in un Grand Tour sembrava fantasiosa. Due vittorie di tappa alla Vuelta a España avevano illustrato le sue doti in montagna, ma ha insistito sul fatto che le gare di tre settimane erano qualcosa di più del semplice talento nell’arrampicata.

“Penso che i Grand Tour siano un po’ fuori discussione, semplicemente non abbiamo la squadra per essere in grado di fare cose in montagna”, ha detto poi Vine, suggerendo che gli exploit una tantum rimarranno il vertice delle sue ambizioni in tre gare di una settimana nel 2023.

Simone Rogini

Appassionato di avventura e sport all'aria aperta. La sua bicicletta, una Graziella modificata e fatta in casa. Una bicicletta versatile che, come il suo proprietario, trascende ogni tipo di attività. Viaggiatore di lungo corso (Parigi-Città del Capo, Great Divide, tour delle Dolomiti...), Simone può anche essere visto sulle strade della pianura Padana con i panni dell'avventuriero urbano. Giornalista e autore, su questo blog condivide le sue esperienze e il suo punto di vista sulle molteplici sfaccettature della cultura ciclistica.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *