Fulcrum Speed 57/42 wheelset

Fulcrum rinnova il marchio con le nuove ruote Speed ​​57 e 42, più profonde e leggere

Valuta post

Il produttore italiano di ruote Fulcrum ha annunciato oggi un aggiornamento delle sue migliori ruote per bici da strada, revisionando le sue ruote da corsa “Speed” di media profondità con il lancio dei modelli Speed ​​57 e Speed ​​42.

Sostituendo rispettivamente le esistenti Speed ​​55 e Speed ​​40, questa nuova coppia di ruote è più profonda di 2 mm rispetto ai rispettivi predecessori, a 57 mm e 42 mm, come si evince dai nomi dei modelli. Sono anche 4 mm più larghe internamente e 2,8 mm più larghe esternamente, e Fulcrum afferma che sono più leggere, più reattive e anche con una migliore maneggevolezza.

Sono stati anche trattati con un restyling visivo, con il grande marchio Fulcrum sostituito con un sottile logo inciso al laser e gli accenti rossi sostituiti con un’unica piccola linguetta argentata cromata sul mozzo, che li rende molto meno propensi a scontrarsi con il tuo verniciatura del telaio.

Un primo piano del mozzo Fulcrum Speed ​​57 e 42

(Credito immagine: Fulcro)

Il calo di peso vede il set di ruote da 42 mm puntare la bilancia a 1.410 ge il 57 mm pesa 1.495 g. Ciò è aiutato – se non del tutto facilitato – da una riprogettazione dei mozzi, che secondo Fulcrum ora hanno un corpo centrale più piccolo del 10%, flange più piccole del 40%, nonché una nuova trasmissione a cricchetto a 36 denti con un pick up di 10 gradi .

La manovrabilità, che secondo Fulcrum è migliorata del 7% per la Speed ​​42 e del 17% per la Speed ​​55, è quantificata sulla base di una misura dell’energia dissipata quando si cambia la direzione della ruota su una maschera di prova. Maggiore è l’energia impiegata per girare la ruota, più lenta o dura è, cosa che secondo Fulcrum è correlata alla manovrabilità sulla bici.

Fulcro

Ora c’è un sottile logo Fulcrum argentato inciso al laser (Credito immagine: Fulcrum)

Un test simile, che misurava l’energia impiegata per far girare la ruota partendo da fermo, ne calcolava la reattività. Ancora una volta, meno è meglio, con lo Speed ​​42 che consuma il 3% in meno di energia rispetto al suo predecessore e lo Speed ​​57 il 10% in meno.

Appoggiandosi in qualche modo alla tecnologia esistente di Fulcrum, le nuove ruote utilizzano la “tecnologia a due vie”, il che significa che possono gestire sia pneumatici tubeless che copertoncino. Il loro tallone è agganciato, quindi non dovrebbe avere problemi di compatibilità con gli pneumatici, mentre il letto del cerchio completamente sigillato sostituisce la comodità del foro dei raggi con una migliore ritenzione dell’aria e una maggiore resistenza. Aggirare la mancanza di fori per i raggi è un’altra delle tecnologie di Fulcrum; MoMag, che consente ai costruttori di ruote di utilizzare un magnete per trascinare il nipplo interno attorno al cerchio e in posizione all’interno del supporto in plastica che aiuta a evitare la corrosione.

Loghi Fulcrum Speed ​​42

Le informazioni chiave, inclusa la pressione massima dei pneumatici, sono disponibili sul lato del cerchio (Credito immagine: Fulcrum)

I mozzi sono costruiti utilizzando cuscinetti a cono e coppa in ceramica “USB” (Ultra Smooth Bearings), in quello che è un allontanamento dal passaggio di molti marchi ai cuscinetti a cartuccia negli ultimi anni. Sono allacciati al cerchio tramite raggi a lama, 24 dei quali anteriori e posteriori, progettati per non toccarsi tra loro per migliorare la resistenza ed eliminare la possibilità di fastidiosi scricchiolii.

Simone Rogini

Appassionato di avventura e sport all'aria aperta. La sua bicicletta, una Graziella modificata e fatta in casa. Una bicicletta versatile che, come il suo proprietario, trascende ogni tipo di attività. Viaggiatore di lungo corso (Parigi-Città del Capo, Great Divide, tour delle Dolomiti...), Simone può anche essere visto sulle strade della pianura Padana con i panni dell'avventuriero urbano. Giornalista e autore, su questo blog condivide le sue esperienze e il suo punto di vista sulle molteplici sfaccettature della cultura ciclistica.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *