Davide Rebellin

Camionista responsabile di morte in incidente e fuga accusato: richiesta di estradizione in Italia.

Valuta post

Un tribunale tedesco ha dato il via libera all’estradizione in Italia del camionista sospettato di aver causato la morte di Davide Rebellin in un incidente mordi e fuggi nei pressi di Vicenza il 30 novembre scorso. Secondo quanto riferito da Tuttobiciweb, un tribunale di Hamm ha accolto la richiesta dei magistrati vicentini di estradizione di Wolfgang Rieke per essere processato per omicidio stradale, anche se al momento non sono ancora stati stabiliti i tempi precisi del suo trasferimento in Italia. Rieke, dopo aver verificato le condizioni di Rebellin prima di tornare in Germania, si è allontanato dalla scena dell’incidente mortale a Montebello Vicentino. Sebbene sia stato rapidamente rintracciato dalle autorità tedesche, non è stato arrestato in quanto il reato non è contemplato dal codice penale tedesco. Successivamente, un esame del suo camion ha rivelato danni compatibili con la collisione, oltre a prove che era stato pulito con un detergente concentrato. Di conseguenza, è stato emesso un mandato d’arresto europeo e Rieke si è consegnato alla polizia il mese scorso. Sebbene sia rimasto in custodia per quattro giorni, è stato successivamente rilasciato, con l’obbligo di presentarsi alla polizia settimanalmente. I magistrati vicentini hanno richiesto l’arresto di Rieke in attesa del processo in Italia. Questo non è il primo coinvolgimento legale di Rieke nel nostro Paese: nel 2001, si è dichiarato colpevole di omissione di soccorso non mortale a Foggia, ma la sua condanna è stata annullata per prescrizione. Nel 2014 è stato invece accusato di guidare il suo camion sotto l’influenza dell’alcool a Chieti. La morte di Davide Rebellin è giunta poche settimane dopo la sua ultima gara come pilota professionista, segnando così la fine di una lunga carriera a 51 anni.

Scopri anche:   Sam Bennett non è stato incluso nella squadra Bora-Hansgrohe per il Tour de France
Simone
Simone Rogini

Appassionato di avventura e sport all'aria aperta. La sua bicicletta, una Graziella modificata e fatta in casa. Una bicicletta versatile che, come il suo proprietario, trascende ogni tipo di attività. Viaggiatore di lungo corso (Parigi-Città del Capo, Great Divide, tour delle Dolomiti...), Simone può anche essere visto sulle strade della pianura Padana con i panni dell'avventuriero urbano. Giornalista e autore, su questo blog condivide le sue esperienze e il suo punto di vista sulle molteplici sfaccettature della cultura ciclistica.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *