Wout van Aert su SRAM: Ci vuole un po’ di tempo per abituarsi

Valuta post

Wout van Aert ha corso la sua prima gara di ciclocross del 2023 martedì pomeriggio, ma la sua bici sembra diversa poiché Jumbo-Visma è passata da Shimano a SRAM per il 2023.

“Ci vuole un po’ di tempo per abituarsi”, ha detto Van Aert. Il pilota 28enne dovrà abituarsi al diverso cambio SRAM sulla sua bici da ciclocross a causa del cambio. “Normalmente corro con le automatiche (Di2). Quindi può certamente succedere che mi sposti male a Herentals. Ma presto mi abituerò a quel nuovo sistema di cambio”.

SRAM non è nuova a Van Aert. All’inizio della sua carriera con Vastgoedservice, ha corso anche con il sistema SRAM.

“La regolazione è più difficile per i meccanici che per i piloti. Conosco ancora il sistema, quindi la sensazione è tornata molto rapidamente per me “, ha detto Van Aert. “È solo un po’ un peccato dover passare da una croce all’altra in inverno, ma non è così difficile di per sé.”

Oltre al sistema di cambio sul Cervélo, ci sono alcuni cambiamenti nell’attrezzatura di Jumbo-Visma.

“Sulla loro bici da strada, i ciclisti dovranno anche abituarsi a nuove scarpe (Nimbl) e pedali (Speedplay)”, ha detto a Sporza Mathieu Heijboer, Head of Performance di Jumbo-Visma. “Sono molto diversi dall’anno scorso e offrono un grande vantaggio in termini di aerodinamica e peso”.

Nel ciclocross, invece, Van Aert correrà ancora sui suoi fidati pedali e scarpe per il momento.

Jumbo-Visma ha assunto esperti per aiutare i motociclisti con il cambio di materiale, afferma Heijboer.

Scopri anche:   Fabio Jakobsen brucia lo sprint finale per vincere la tappa 2 alla Vuelta a San Juan

“Durante l’ultimo ritiro di dicembre, siamo passati completamente ai nuovi componenti. Abbiamo già esplorato la Parigi-Roubaix con le nuove moto e abbiamo notato che stiamo facendo molti progressi in diverse aree. I piloti sono rimasti entusiasti delle nuove moto”.

Luca
Luca Sarletti

Sono un appassionato di bici che ha praticato quasi tutti i tipi di ciclismo. Ama il vento tra i capelli, il sole sulle spalle e forse anche gli insetti tra i denti. No, sto scherzando su quest'ultimo punto. Non vado matto nemmeno per le ustioni da strada, ma riconosco che per avere il meglio bisogna fare qualche occasionale capitombolo. Sento che la mia bici è il mezzo su cui può rilassarmi, lasciare i problemi sulla strada, incontrare nuove persone, andare in posti nuovi e vivere una vita avventurosa. Sono pronto a condividere il viaggio con voi.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *