Fondazione Bahati: Rahsaan, corse e razzismo

Valuta post

Tre anni fa, in a VeloNews intervista, il campione di ciclismo afroamericano Rahsaan Bahati, in risposta a una domanda sull’affrontare l’ingiustizia razziale nello sport, ha dichiarato: “È tempo che la nostra comunità sostenga la Fondazione Bahati… e tutte le altre organizzazioni là fuori. Non possiamo farcela da soli. Molte persone dicono: “Non vedo il colore”. Chiamo [that] Cavolo. Il problema è che devi capirlo. Dico: ‘Cerchiamo di capirlo.’ Più storie ci sono, meglio è”. Bene, questa è un’altra storia che ha a che fare con il razzismo nel ciclismo, ed è quella in cui Bahati, all’età di 40 anni, afferma di essere ancora vittima delle corse ciclistiche americane.

Bahati è cresciuto a Compton, appena a sud del centro di Los Angeles, che è una delle 10 città più pericolose d’America e nota per la violenza armata e il gangsta rap. “Ho visto qualcuno ucciso quando avevo 7 anni”, ha detto Bahati. Aveva 10 anni nel 1992 quando scoppiarono disordini in seguito all’assoluzione di quattro agenti bianchi della polizia di Los Angeles per l’uso eccessivo della forza, picchiando un uomo di colore disarmato, Rodney King, nonostante il video di un cittadino che mostrava la brutalità dell’attacco. Quando ho chiesto al padre di Rahsaan, Rashid Bahati, se quei disordini hanno influenzato la prospettiva di suo figlio su quanto andassero male le cose a Los Angeles in quel momento, ha risposto: “Sono sicuro che ha aumentato la sua consapevolezza a un certo livello di certe cose, sulla dinamica sociale in una comunità prevalentemente nera, ma in realtà non ne abbiamo mai discusso.

Quindi, ho chiesto a Rahsaan cosa ricorda di quei disordini (che hanno visto 63 morti, danni a più di 3.000 aziende e circa 7.000 incendi) e come hanno influenzato la sua vita. “L’unica cosa che ricordo davvero è vedere fisicamente la nostra città in un modo e poi nei giorni successivi vederla in un altro modo, e non sapere davvero perché”, ha detto. “Inoltre, in una situazione sfortunata, mio ​​zio era un opportunista, e in realtà mi portò con sé a scatenare una rivolta, cosa che ovviamente non andò molto d’accordo con i miei genitori, perché all’epoca erano fuori a lavorare. Per fortuna eravamo entrambi al sicuro… ma non ricordo molto. Ricordo i poliziotti che hanno picchiato Rodney King, ma non so se mi ha colpito, dato che ero così giovane.

Per quanto riguarda Rashid Bahati, mi ha detto: “So solo che essere suo padre, stare con lui dall’inizio del suo coinvolgimento nel ciclismo e in qualsiasi attività atletica, perché ha giocato a baseball a 7, 8 anni e poi ha giocato a Pop Warner calcio prima che fosse introdotto al ciclismo: ho visto un livello della sua consapevolezza e crescita, come l’ha guardato e quali cose sono accadute con lui come afroamericano in uno sport prevalentemente bianco.

Rahsaan Bahati è cresciuto a Compton e aiuta i bambini nell’area di Los Angeles attraverso la sua Fondazione Bahati.

Ho suggerito a Rahsaan che dove è cresciuto, non c’erano molte possibilità che i bambini neri andassero in bicicletta. “Non proprio”, ha risposto, “ma c’era questo programma in cui sono stato coinvolto al Cal State Dominguez Hills, sponsorizzato dalla Amateur Athletic Foundation. L’AAF è nata dopo le Olimpiadi di Los Angeles dell’84; hanno raccolto molti soldi e si è formata questa organizzazione no profit. Ho iniziato nel ’94. Il programma in cui partecipavo, dopo la scuola due volte a settimana, era pieno di ragazzi neri e ragazzi marroni. Ma man mano che progredivo nello sport quel numero è appena diminuito e quando sono diventato professionista non c’era nessuno “.

Quindi, gli ho poi chiesto che quando è andato in Europa, come unico ragazzo nero a correre, se avesse avuto problemi a causa della sua etnia. “Non da giovane”, ha detto. “Forse ne ero ignaro, ma non ricordo di aver avuto problemi seri nelle gare ciclistiche. C’era una certa ignoranza al di fuori delle corse in bicicletta, come spettatori che volevano toccarmi la pelle, cose del genere. Ma quando ero più grande, nelle corse under 23 e da professionista, non credo che le cose siano cambiate, ma penso di essere stato più consapevole”.

Rahsaan ha poi aggiunto: “Quando correvo in Europa e non vedevo nessuno [like me], quello è stato l’ultimo momento… il motivo per cui ho iniziato la fondazione. Volevo solo avere più bambini che mi somigliassero in bici.

Per quanto riguarda la sua esperienza nelle corse europee, ha detto: “Si potrebbe dire che c’era una certa aggressività posizionale nei miei confronti… una mancanza di ciò che si potrebbe chiamare ‘sportività’ nei miei confronti. So che queste cose a volte accadono, ma in una gara in Francia sono stato spinto fuori strada di proposito e non ho raggiunto lo scaglione. Non l’ho mai capito. Ma ad essere onesto con te, ho avuto più problemi quando si trattava di correre qui in America che in Europa”.

Quindi, quando ho chiesto a Rashaan se pensava che ci fosse qualche miglioramento nello sport in questo paese quando si trattava di correre, ha risposto. “Non proprio.” Ha poi rivelato di aver avuto “un problema” solo lo scorso agosto alla serie critica di 10 giorni dell’Intelligentsia Cup vicino a Chicago. “Non l’ho mai detto pubblicamente prima”, ha detto, “ma ho avuto un problema con questi due fratelli, Ryan e Rob White, e si è intensificato al punto in cui sono stati lanciati insulti razzisti contro di me l’ultimo giorno, il Sunday . Ed è successo davanti a circa 10 dello staff di gara, e nessuno è venuto in mia difesa. Tutti hanno fatto finta di non averli sentiti e ho dovuto prendere in mano la situazione”.

Leggi anche: Trova il tuo bene

Alla domanda su cosa stessero dicendo, Rahsaan ha detto: “Non hanno usato la parola N… ma mi hanno chiamato con ogni sorta di nomi… per esempio, ‘Sei uno stronzo. Sei uno stronzo perché sei nero.’ Roba del genere. E poi mi piace anche insinuare che rubo dalla mia fondazione. Tutti i tipi di cose. Era così strano.

“Non ho mai presentato un reclamo formale a USA Cycling per nulla, ma l’ho fatto con questo. Alla fine della giornata, è stato piuttosto divertente: mi hanno dato una multa di $ 100 per aver usato un linguaggio osceno nei loro confronti, dicendo sai cosa nei loro confronti, ma tutto ciò che hanno ottenuto è stata una sospensione di 15 giorni. Volevo solo mostrarti quanto sia disconnesso USA Cycling e le persone che hanno, che prendono decisioni.

Forse l’organo di governo dovrebbe punire i trasgressori più duramente per scoraggiare insulti razzisti e comportamenti simili. USA Cycling ha una regola etica intitolata Fan Code of Conduct, sebbene si applichi a tutti i partecipanti agli eventi sanzionati dalla federazione, inclusi gli atleti, non solo i fan. E anche quando lo scopri nel regolamento, devi scorrere fino al settimo dei 10 elementi proibiti prima di arrivare a questo, e anche allora “corsa” è il 20th parola nell’elemento.

  • Mostrare segni, simboli, immagini, usare un linguaggio o compiere gesti minacciosi, offensivi o discriminatori sulla base di razza, etnia, origine nazionale, religione, sesso, identità di genere, abilità o orientamento sessuale.

Essendo sepolto nel codice di condotta dei fan, l’impatto dell’articolo è indebolito, rendendo il divieto di “discriminazione razziale” quasi come un ripensamento. Questo è stato un argomento che è emerso nella nostra intervista con il padre di Rahsaan, Rashid Bahati, direttore esecutivo della fondazione, che ha dichiarato: “L’iniquità coinvolta nello sport è molto evidente… al punto che è una delle cose che ci motiva in questo momento . Abbiamo un programma chiamato Be Smart. Ciclo. E quel programma è progettato per trovare il prossimo Rahsaan. Prendo giovani in età da scuola elementare, perché è lì che ha iniziato, a 11 anni, e li portiamo in pista. Abbiamo un coach professionale, hanno accesso alle bici da pista, quindi è un concetto molto stimolante.

“Abbiamo avuto conversazioni con USA Cycling. Ho parlato con le loro persone per l’inclusione e la diversità e per quanto mi riguarda—sia che tu lo voglia registrato o non registrato—penso davvero che sia un calcio politico. Perché penso che si potrebbe fare di più per incoraggiare i giovani di colore a farsi coinvolgere nello sport; ma la volontà non c’è davvero. Penso che ci sia molto, sai, ciò che chiamano diversità, inclusione, ma è solo un termine politico perché non ho ancora visto l’impegno. Se sta accadendo, non l’ho visto e sono circondato da un bel po’ di persone influenti che stanno servendo, sai, quelle che chiameresti comunità sottoservite o sottorappresentate. E semplicemente non vedo la coerenza dall’alto verso il basso, dove USA Cycling o altre risorse vengono pompate in queste aree sottoservite e sottorappresentate dove possiamo sviluppare il talento “.

Oltre al suo lavoro per la fondazione, Rashid Bahati ha un’attività di produzione cinematografica che lo porta spesso in Africa occidentale. In un recente viaggio è stato a Ouagadougou, la capitale del Burkina Faso. “Ho un paio di progetti su cui sto lavorando che stanno occupando molto del mio tempo”, ha spiegato. “Fammi parlare di quello legato al ciclismo. Hanno un festival cinematografico in Burkina Faso chiamato FESPACO. Il cinema è un grosso problema lì. Ho saputo che hanno anche una gara ciclistica, il Tour du Faso. Non sono mai stato in grado di entrare in contatto con nessuno della gara. Durante il mio precedente viaggio ho incontrato un membro della Confederazione ciclistica africana che mi ha presentato alcune persone, e quando sono andato lì questa volta, ho incontrato alcuni capi della federazione ciclistica.

“L’Università di Ouagadougou ha una squadra di ciclismo e ora sono in contatto diretto con loro. Sto cercando di vedere come possiamo sostenerli. Ad esempio, sono interessati a percorrere la pista, ma non c’è nessuna pista disponibile per loro. E la loro attrezzatura non è davvero aggiornata, quindi spero di riuscire a convincere Giant o un altro produttore di biciclette ad essere interessato a supportarli. Forse possiamo anche aiutarli con il loro kit e ottenere alcune attrezzature accessorie per la bici come caschi e simili, tutti abbinati.

Aiutare i ciclisti neri in Africa può sembrare una forzatura rispetto all’incoraggiare i ragazzi di colore dei centri urbani a competere in America, ma sono persone come Rashid e Rahsaan Bahati che possono aiutare a cambiare la disparità razziale nelle corse in bicicletta. È solo negli ultimi anni che i neri africani hanno iniziato a fare passi da gigante nelle alte sfere del ciclismo professionistico, in parte grazie agli sforzi compiuti dall’Union Cycliste Internationale e dai suoi campi di addestramento e con gare a tappe come il Tour du Faso e l’imminente La Tropicale Amissa Bongo in Gabon. Sono state quelle due entità che hanno curato il campione nazionale eritreo Biniam Girmay sulla strada per la sua svolta nel 2022 come primo nero africano a vincere una classica di primavera (Gand-Wevelgem) e una tappa di un grande giro (il Giro d’Italia).

Quando ho chiesto a Rahsaan Bahati se il successo di Girmay potesse ispirare altri ciclisti neri a ottenere tali vittorie, era scettico. “Se guardi la traiettoria”, ha detto, “quello per arrivare anche a lui è stato solo un paio di ragazzi ogni cinque anni. In questo paese, se guardi indietro dal maggiore Taylor a Nelson [Vails]- e sono sicuro che ci fossero alcuni nomi in mezzo – da allora ci sono stati essenzialmente solo piloti come Tony Cruz; So che è latino, ma è anche un ragazzo nero. Poi c’ero io e ora Justin [Williams]. Quindi puoi contare sulle dita di una mano quanti ciclisti afroamericani sono diventati professionisti”.

Ma Rahsaan non ha scartato questa proposta: con i ragazzi neri che arrivano attraverso fondazioni come la sua e con tali programmi che si diffondono in altre parti del paese (forse con l’aiuto di USA Cycling), questo è l’unico modo per ottenere di più di loro che competono e quindi hanno successo, giusto? “Sì, certo,” disse, non senza una punta di ironia.

Ulteriori informazioni sulla Fondazione Bahati.

Luca Sarletti

Sono un appassionato di bici che ha praticato quasi tutti i tipi di ciclismo. Ama il vento tra i capelli, il sole sulle spalle e forse anche gli insetti tra i denti. No, sto scherzando su quest'ultimo punto. Non vado matto nemmeno per le ustioni da strada, ma riconosco che per avere il meglio bisogna fare qualche occasionale capitombolo. Sento che la mia bici è il mezzo su cui può rilassarmi, lasciare i problemi sulla strada, incontrare nuove persone, andare in posti nuovi e vivere una vita avventurosa. Sono pronto a condividere il viaggio con voi.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *