Recensione dei pedali Favero Assioma Power

Valuta post

Favero ha creato un set di pedali di potenza che ti aiuteranno davvero a ottenere il massimo dal tuo ciclismo, sia per uso interno che esterno.

Puoi ottenere questi pedali con un sensore (uno) o 2 sensori (duo) e devo dire che sono davvero all’altezza del gioco nel settore dei misuratori di potenza. Sono visti per essere ancora di più superiore ai loro pedali precedenti, il BePro.

Ora, come ho detto, i pedali Favero Assioma possono essere acquistati sia con un sensore (situato all’interno del pedale sinistro) o con 2 sensori in ogni pedale.

Il sensore di cadenza è totalmente protetto e integrato all’interno del proprio involucro, il che è ottimo per garantire che rimanga privo di polvere, sporco o qualsiasi elemento esterno.

Un giroscopio è anche integrato nei pedali e sono persino compatibili con l’anello ovale della catena.

La cosa sorprendente di questi pedali è che fanno uso della tecnologia dinamica del ciclismo chiamata IAV (Velocità angolare istantanea) Potenza.

Questa è fondamentalmente una tecnologia rivoluzionaria nella misurazione completa accurata prestazioni e letture del ciclo all’interno di a Gamma ±1%.

È incredibile!

Sarai in grado di visualizzare tutti i tuoi dati di ciclismo sulla maggior parte Computer GPS e vari smartphone anche tramite Bluetooth e ANT+.

La durata della batteria dei pedali è a dir poco sorprendente.

È una batteria al litio ricaricabile e con una carica completa avrai circa 50 ore di autonomia.

Posso dirtelo ora però, quando ho preso il mio. Ero troppo entusiasta di usarli, quindi l’ho collegato per circa 20 minuti e lo sto ancora usando con quella singola carica e devo aver accumulato circa 10 ore finora!

Scopri anche:   Andare in bicicletta fa bene alle ginocchia malate
Simone
Simone Rogini

Appassionato di avventura e sport all'aria aperta. La sua bicicletta, una Graziella modificata e fatta in casa. Una bicicletta versatile che, come il suo proprietario, trascende ogni tipo di attività. Viaggiatore di lungo corso (Parigi-Città del Capo, Great Divide, tour delle Dolomiti...), Simone può anche essere visto sulle strade della pianura Padana con i panni dell'avventuriero urbano. Giornalista e autore, su questo blog condivide le sue esperienze e il suo punto di vista sulle molteplici sfaccettature della cultura ciclistica.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *