Miguel Ángel López licenziato dall’Astana, “Non sono mai risultato positivo”, ribatte

L’Astana-Qazaqstan ha licenziato Miguel Ángel López dopo aver scoperto nuove prove che mostrano una “probabile connessione” con il dottor Marcos Maynar, un medico accusato di traffico di droga e riciclaggio di denaro in un’importante indagine intrapresa dalla polizia spagnola.

“L’Astana Qazaqstan Team ha scoperto nuovi elementi che mostrano la probabile connessione di Miguel Angel Lopez con il dottor Marcos Maynar”, ha detto il team in una nota. “Di conseguenza, il team non aveva altra soluzione che risolvere il contratto tra squadra e pilota, sulla base di violazioni di detto contratto e regole interne del team, con effetto immediato”.

López era già stato sospeso dal team a causa di un presunto coinvolgimento con il caso Maynar a luglio, ma è stato reintegrato dopo che non è stata trovata alcuna prova, tornando a correre in tempo per la Vuelta a España, dove è arrivato quarto assoluto.

Questi “nuovi elementi” menzionati dall’Astana Qazaqstan sono, secondo l’emittente spagnola ABC, documenti della Guardia Civil che dimostrano che a López è stata somministrata Menotropina, un ormone della crescita, prima dell’inizio del Giro d’Italia di quest’anno. La sostanza può avere un effetto di miglioramento delle prestazioni, ma in questo caso si sospetta che abbia causato il ritiro anticipato del colombiano dalla gara nella tappa 4. All’epoca, la linea ufficiale del pilota e della squadra era un infortunio all’anca che lo ha costretto al ritiro ma l’indagine antidoping sostiene che López abbia subito un’infiammazione alla gamba.

Secondo i documenti della polizia, il Menotropin è stato ricevuto alla partenza del Giro in Ungheria da Vicente Belda García, un massaggiatore dell’Astana che è anche figlio di Vincente Belda, ex ciclista e caposquadra e uno dei principali sospettati nel caso Maynar. Entrambi i Belda sono stati chiamati a testimoniare nel caso nel nuovo anno.

Maynar è già stato arrestato dalla polizia spagnola. Nel corso di diverse perquisizioni domiciliari sono stati sequestrati medicinali vietati dalla Wada, che avrebbe anche decifrato messaggi in codice e scoperto varie transazioni bancarie, nonché costi e ricavi specifici per medicinali.

In una dichiarazione, presumibilmente scritta dal punto di vista dei suoi avvocati, Miguel Ángel López ha negato tutte le accuse e ha anche pronunciato la famigerata frase secondo cui “non è mai risultato positivo alla droga o al doping”.

“Il corridore afferma di non vedere alcun motivo per la scelta di Astana Qazaqstan e che non ci sono nuovi fatti che giustifichino una tale decisione. Non ci sono nuovi fatti che non fossero ancora noti o segnalati prima del novembre 2022″, si legge nella dichiarazione.

“Il corridore respinge tutte le accuse che potrebbero danneggiare il suo nome e il suo onore come professionista del ciclismo. Precisa di non essere mai risultato positivo agli stupefacenti per doping, e di non essere mai stato indagato da nessuna autorità.

“Sig. Miguel Angel Lopez informa che si difenderà davanti ai tribunali competenti, in un caso che considera un caso evidente di risoluzione illecita del contratto senza giusta causa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *