Cian Uijtdebroeks cresce tranquillamente all’ombra di Remco Evenepoel

Valuta post

Cian Uijtdebroeks cresce all’ombra di Remco Evenepoel, ma il 20enne belga proverà a stupire entro la fine dell’anno quando farà il suo debutto nel grande tour alla Vuelta a Espana.

Uijtdebroeks è diventato professionista al Bora-hansgrohe a 18 anni. Crescere lentamente e con attenzione era il motto, ma ora sembra che il belga si stia sviluppando alla velocità della luce.

“Finora è stato fantastico. Ok, Remco (Evenepoel) forse ha vinto a quell’età, ma sono stato molto contento di essere riuscito a entrare nella top 10 in Catalunya “, dice Uijtdebroeks.

“È bello che io possa già andare tra quei nomi e che possa sopravvivere a quelle lunghe salite. È stata una competizione di altissimo livello… Questo dice qualcosa per il futuro”.

“Se migliorerò, potrò davvero lottare per la vittoria in quelle gare. Raggiungerò mai il livello di Remco o Roglic? Questa è ancora la domanda, ma mi piacerebbe davvero se potessi fare qualche passo in più e andare in giro come un Joao Almeida, per esempio. Sarebbe fantastico”, dice il belga.

“È molto bello che mi stia muovendo nella direzione di un pilota di classifica generale. Questo è sempre stato il sogno, ed è bello poter lavorare in quella direzione”, ha detto Uijtdebroeks, che sa che anche il suo status all’interno della squadra cambierà. “Inizi ad avere una posizione leggermente migliore nella squadra. Anche questo è importante, avere un po’ più di supporto intorno a te”.

“Ma ci sono ancora ragazzi che hanno dimostrato molto di più, e rimarranno così per un po’. Dovrò vincere ancora qualche gara!”

Scopri anche:   Stay Hydrated in Style: Le migliori borracce da portare sempre con te!

Molti occhi saranno puntati sul debutto di Uijtdebroeks alla Vuelta questo autunno. Secondo lui, ciò non sarà paragonabile alle gare di una settimana che ha già corso.

“Certo che sono tre settimane… Dipende anche dal ruolo che ricoprirò all’interno del team. Ma in realtà mi piacerebbe farlo, se dipendesse da me “, dice.

“Se potessi scegliere me stesso, lo prenderei giorno per giorno, senza troppa pressione, ma proverei a fare un GC. So anche che la top 5 sarà terribilmente difficile. Ma se potessimo fare in tre settimane quello che abbiamo fatto in Catalogna in una settimana, sarebbe fantastico”.

Luca
Luca Sarletti

Sono un appassionato di bici che ha praticato quasi tutti i tipi di ciclismo. Ama il vento tra i capelli, il sole sulle spalle e forse anche gli insetti tra i denti. No, sto scherzando su quest'ultimo punto. Non vado matto nemmeno per le ustioni da strada, ma riconosco che per avere il meglio bisogna fare qualche occasionale capitombolo. Sento che la mia bici è il mezzo su cui può rilassarmi, lasciare i problemi sulla strada, incontrare nuove persone, andare in posti nuovi e vivere una vita avventurosa. Sono pronto a condividere il viaggio con voi.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *