British Cycling “rispetta il diritto di protestare” mentre i ciclisti manifestano presso la sede centrale

Non sono ancora finite le reazioni all’accordo di sponsorizzazione di British Cycling con Shell, che ha coinciso con le brusche dimissioni dell’amministratore delegato Brian Facer. Ora, Extinction Rebellion ha protestato sul tetto del National Cycling Centre dell’organizzazione a Manchester.

I ciclisti del movimento ambientalista globale sono stati raggiunti da membri di un’altra organizzazione, Friends of the Earth, e da altri gruppi ciclistici locali. Hanno srotolato striscioni con la richiesta di “Eliminare la Shell dal ciclismo britannico” e hanno lanciato razzi fumogeni mentre una band di samba suonava.

La manifestazione si è tenuta a Manchester lo stesso giorno in cui il British Cycling avrebbe dovuto tenere la sua assemblea generale annuale a Birmingham, ma l’evento è stato spostato online.

“Tutta la scienza dice che i combustibili fossili hanno causato la crisi climatica. La Shell finge di essere un’azienda verde, ma ha speso più soldi in pubblicità che in energie rinnovabili”, ha dichiarato Mark Steven, 34 anni, ingegnere informatico, che ha pedalato per 30 miglia per partecipare alla protesta. “E British Cycling li sta aiutando a sembrare ecologici quando invece continuano a causare la crisi. Sono davvero arrabbiato”.

“La Shell vuole solo apparire ecologica, ma i ciclisti riescono a capire il loro gioco”, ha aggiunto Jo Blackman, 59 anni, insegnante di educazione per adulti, che ha partecipato alla protesta e si è dimesso dalla British Cycling. “Il British Cycling è così ingenuo da essere caduto nell’inganno della Shell. Le dimissioni dell’amministratore delegato non sono sufficienti, perché continuano a prendere i soldi. C’è una petizione da firmare per chiedere a British Cycling di abbandonare l’accordo di sponsorizzazione”.

Contattato per un commento da CyclingTips, l’amministratore delegato ad interim di British Cycling, Dani Every, ha ribadito l’affermazione iniziale dell’organo di governo secondo cui la partnership a lungo termine con Shell aiuterà l’organizzazione nel suo percorso verso l’azzeramento delle emissioni. La dichiarazione è stata comunicata via e-mail, quindi non sappiamo se l’affermazione sia stata pronunciata a viso aperto.

“Rispettiamo il diritto del pubblico a protestare e abbiamo lavorato per coinvolgere e ascoltare coloro che sono all’interno del nostro sport e più ampiamente sui benefici che la nostra partnership con Shell UK porterà”, ha detto Every.

“La partnership, della durata di otto anni, vedrà un impegno condiviso e a lungo termine per: sostenere i ciclisti e i paraciclisti della Gran Bretagna attraverso la condivisione di innovazioni e competenze di livello mondiale; accelerare il percorso di British Cycling verso l’azzeramento delle emissioni; realizzare soluzioni per rendere il ciclismo più accessibile ai disabili”.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *