5 portabiciclette che ci sono piaciuti al Sea Otter Classic 2023

Valuta post

“], “filter”: { “nextExceptions”: “img, blockquote, div”, “nextContainsExceptions”: “img, blockquote, a.btn, ao-button”} }”>

Numerosi portapacchi nuovi e aggiornati sono stati esposti al Sea Otter Classic 2023. La maggior parte di essi è stata reinventata per le e-bike, con limiti di peso necessariamente più elevati, luci posteriori e persino un sistema di sollevamento automatizzato per rendere più semplice il trasporto di una bici più pesante.

Quello con più clamore – e le persone intorno a esso – doveva essere un rack 1Up ancora inedito che può trasportare fino a 150 libbre (68 kg) per vassoio. La maggior parte degli altri rack sembrava passare sotto il radar. Il Saris Door County non è particolarmente nuovo, ma è unico in quanto è specifico per le bici elettriche, con un sollevatore elettrico integrato per salire sulla bici e ruote sotto ogni vassoio per facilitare anche lo spostamento del portapacchi. E il Kuat Piston Pro mantiene la facile sensazione on-off del appariscente portapacchi Piston Pro X, solo senza il Kashima e le luci dei freni.

Un nuovo portabiciclette non è particolarmente appariscente e, una volta che ne hai uno, non devi pensarci a meno che non sia assolutamente necessario. Ma considerando la diversità delle biciclette che la gente porta in giro in questi giorni, vale la pena verificare quali sono i nostri preferiti.

C’è stato un grande ronzio attorno al nuovo portapacchi 1Up XD. Il portapacchi XD può trasportare biciclette e persino motociclette fino a 150 libbre per vassoio. Ciò significa che la motocicletta elettrica Sur-ron nella parte posteriore si adatta facilmente alla parte posteriore, per non parlare delle bici elettriche e altro ancora. (Immagine: Alvin Holbrook/CyclingTips)

Bracci rinforzati 1up-HD-rack
Il rack 1Up XD è valutato per 150 libbre per vassoio per bici. I bracci della culla sono essenzialmente raddoppiati per una maggiore resistenza. (Immagine: Alvin Holbrook/CyclingTips)

1up-HD-hitch-rack-cricchetto-rinforzato
Il braccio a cricchetto di 1Up utilizza un pezzo di alluminio per mantenere la bici in posizione sul portapacchi. Questo processo metallo su metallo si traduce in una sensazione meccanica positiva, ma il pezzo di indicizzazione più grande del rack XD, quello che tradizionalmente chiamano il loro “braccio scorrevole”, qui sembra essere due volte più grande e ancora più soddisfacente da usare. (Immagine: Alvin Holbrook/CyclingTips)

1up-HD-hitch-rack-anodizzazione-viola-arancio-rosa
1Up ha anche mostrato nuovi colori anodizzati per le bobine e le maniglie dei rack per accentuare l’aspetto industriale in alluminio dei rack. (Immagine: Alvin Holbrook/CyclingTips)

Sari Porta Paese
Saris ha mostrato il suo nuovo portapacchi di Door County. Questo arriva direttamente dalla fabbrica con luci integrate anteriori e posteriori, e ottieni questo, un’opzione di sollevamento elettrico per rendere l’aggiunta e la rimozione di biciclette meno faticose. (Immagine: Alvin Holbrook/CyclingTips)

Saris-Porta-County-gancio-rack-morsetto-2
Il portapacchi Door County protegge le biciclette utilizzando questi due bracci. Stringere la cinghia attorno al tubo superiore della bici per fissarla in posizione. Entrambe le braccia includono un meccanismo di blocco, non una garanzia anche a questo prezzo. (Immagine: Alvin Holbrook/CyclingTips)

Sollevatore elettrico per portabici Saris Door County
Uno sguardo al Door County quando ripiegato. Il portapacchi è dotato di ruote per facilitare il trasporto del portapacchi. A destra c’è l’ascensore a pulsanti; i pulsanti verdi alzano e abbassano il rack. Il pulsante rosso centrale mette in pausa l’ascensore dove vuoi tu. (Immagine: Alvin Holbrook/CyclingTips)

Il nuovo portapacchi MHS (Modular Hitch System) di Saris separa il portabici dalla base. In questo modo è possibile utilizzare non solo vassoi per biciclette, ma cose come cestini per la conservazione e altro ancora. (Immagine: Alvin Holbrook/CyclingTips)

Saris-MH-3-plus-1-rack-con-meccanismo-morsetto-cestello
Uno sguardo a come ogni accessorio si collega al sistema MHS principale. Un paio di bulloni con morsetti serra ogni rack verso il basso. (Immagine: Alvin Holbrook/CyclingTips)

Yakima-StageTwo-rack-con-biciclette-elettriche
Il portapacchi Yakima Stage Two ha una serie di funzioni intelligenti. In primo luogo, si installa su un intoppo senza bisogno di attrezzi. Il portabiciclette può essere convertito per trasportare quattro biciclette, e così facendo anche la maniglia per la funzione di inclinazione si sposta all’estremità del portapacchi. (Immagine: Alvin Holbrook/CyclingTips)

Yakima-StageTwo-rack-con-rampa
Forse la mia parte preferita è ciò che Yakima chiama Stadium Seating, dove la base è inclinata ad angolo verticale non solo per migliorare notevolmente l’altezza libera, ma anche per scaglionare le bici in modo da avere molte meno probabilità di incontrare manubri e selle sovrapposti. (Immagine: Alvin Holbrook/CyclingTips)

Sistema Yakima-StageTwo-rack-ratchet
Le bici sono fissate da un braccio a gancio a cricchetto visto qui e una cinghia sul retro. Il braccio è robusto al tatto; è meglio considerare che questo rack è progettato per trasportare fino a una bicicletta da 70 libbre per vassoio. (Immagine: Alvin Holbrook/CyclingTips)
Yakima-StageTwo-rack-light-accessorio-dettagli
Il rack Yakima Stage Two ha l’opzione per le estensioni delle luci dei freni e una targa illuminata. Inoltre, le luci ruotano anche di 90 gradi, il che significa che le tue luci punteranno sempre nella direzione corretta, indipendentemente dal fatto che il rack sia piegato o in uso. L’accessorio per la luce del freno richiede solo una connessione elettrica a quattro pin, ma vorrei che questo cablaggio fosse integrato un po’ meglio. (Immagine: Alvin Holbrook/CyclingTips)

Portapacchi Kuat Piston Pro completo
Kuat ha mostrato il suo nuovo rack Piston Pro. Pensalo come il Piston Pro X senza eccessi. I bracci della culla collassabili sono assistiti idraulicamente per rendere l’apertura che avvolge la bici senza sforzo. Cosa perde rispetto al Piston Pro X? Le eleganti luci dei freni integrate e il rivestimento Kashima dorato sui montanti del portapacchi. Odi vederlo, gente. (Immagine: Troy Templin/CyclingTips)

Montante a cremagliera Kuat Piston Pro
Ogni braccio si apre e si chiude non con l’aiuto di un cricchetto ma con un puntone di bloccaggio su ciascun braccio. Premi per stringere la piccola leva e ogni braccio si stringe facilmente contro il pneumatico della bici per mantenerlo in posizione senza alcun contatto con il telaio. Schiaccialo di nuovo e il rack si riapre con il minimo sforzo. (Immagine: Troy Templin/CyclingTips)

Kuat Piston Pro dettaglio puntone cremagliera gancio di traino
Uno sguardo più da vicino alla leva che Kuat usa qui. I bracci idropneumatici sono forse i più facili da usare che abbiamo visto in una cremagliera. (Immagine: Troy Templin/CyclingTips)

Dettaglio del braccio della cremagliera Kuat Piston Pro
La regolazione delle dimensioni della ruota è senza attrezzi sul Piston Pro. Schiaccia un paio di linguette all’interno e puoi facilmente regolare tra le diverse dimensioni delle ruote. È tutto così facile, che è meglio che sia al prezzo consigliato di $ 1098. (Immagine: Troy Templin/CyclingTips)
Kuat stava anche sfoggiando il vassoio del tetto Piston SR. Hanno preso il Piston Pro X e essenzialmente hanno realizzato un vassoio per il tetto che racchiude tutta la stessa tecnologia. Allo spettacolo, l’hanno fatto montare sul nuovo pianale del camion IBEX che si rivolge alla folla via terra. (Immagine: Troy Templin/CyclingTips)

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *