10 prodotti che ho amato nel 2022: Iain Treloar

Non so come comportarmi se ogni lista, negli ultimi anni, inizia con un mio tentativo di spiegare come a volte mi senta come se stessi girando intorno allo scarico. Forse è il punto in cui arriva l’anno: affaticato, pronto per una pausa, con le dita stanche per i mesi di battitura. Forse dice qualcosa sul contesto in cui sembra trovarsi il mondo, dove è facile essere bombardati da cattive notizie, in attesa di una vittoria che non sembra arrivare mai. Forse è semplicemente che ho fatto meno per prendermi cura di me stessa.

In cima alla lista: andare in bicicletta. Prima dei figli, prima della pandemia, percorrevo regolarmente tra gli 8.000 e i 10.000 km all’anno. Molti di questi erano chilometri di pendolarismo, ma c’erano anche molti giri lunghi. L’anno scorso ho fatto 200 corse, per un totale di 4.500 km. Quest’anno la somma è ancora meno lusinghiera: meno di cento corse, meno di 2.000 km. È un po’ come l’uovo e la gallina, credo, ma insieme a questo sono aumentati lo stress e i dolori ricorrenti alla schiena. Pedalo meno perché Vado meno in bici. Voglio pedalare di meno perché ho bisogno di pedalare di più.

Anche se è meno frequente, però, si è scatenata la gioia: prodotti che nella loro forma o funzione mi hanno fatto ricordare ciò che amo del ciclismo.

Spero di passare più tempo a ricordare questo fatto nel 2023.

Scalpello specializzato

Erano anni che non possedevo una mountain bike. Avendo una predilezione per i manubri, una gravel bike mi è sembrata subito più comoda per affrontare i singletrack e i sentieri vicino a casa. A volte non ero certo in grado di pedalare, ma non avevo nemmeno un termine di paragone. Quelle gravel bike, però, hanno subito un’ingiustizia assoluta: hanno trascorso i mesi invernali in uno stato di degrado fangoso. Ci sarà stato sicuramente un modo migliore?

C’era. Iniziai a guardare le mountain bike in modo un po’ casuale, senza sapere bene cosa volessi, ma sentendo un’urgenza che non capivo bene. Ho tempestato Caley e Dave ( 😔) di domande: quanta escursione voglio? Sospensione doppia? Ho bisogno di un contagocce? E poi c’erano questioni di disponibilità da risolvere.

Alla fine, mi sono spazientito nel dover affrontare gli aumenti di prezzo e le carenze di scorte e mi sono accaparrato una Specialized Chisel Expert 2019 di seconda mano. È stata un’ottima bici per i brevi e vivaci percorsi che ho utilizzato per lo più, con il doppio ruolo di bici per accompagnare mia figlia a scuola e ritorno. Sono sicuro che prima o poi farò un upgrade con la febbre del fuoristrada, ma per ora questa bici mi soddisfa dove sono.

Per saperne di più: vedi Specialized.com.

Prezzo: Questo modello non è più disponibile (ovviamente) ma veniva venduto a 2.600 dollari australiani. L’equivalente attuale più vicino è di 2.900 dollari australiani, con specifiche inferiori.

Reggisella OneUp V2

Ah, sì, i forcellini! Come si è scoperto, sì, Dave ne ha suggerito uno, sì, sono sono una buona cosa, e sì, è fa fa la differenza su quanto mi sento a mio agio a spingere lo scalpello.

Questo è un OneUp Dropper Post V2, con 120 mm di escursione. C’era un numero limitato di opzioni per un diametro di 27,2 mm, molte delle quali progettate con un’escursione più breve, e questo mi ha dato il massimo che potevo ottenere con un compromesso decente di peso, costo e durata. È stata anche sorprendentemente facile da montare, cosa inaspettata, visto che era la prima volta che giocavo con il routing interno. Dopo qualche mese, l’uso del contagocce ha iniziato a diventare una memoria muscolare e ora non vorrei più avere questa bici senza.

Per saperne di più: vedere OneUpComponents.com.

Prezzo: US$199,50

Biglietto Melburn-Roobaix

Questo biglietto per l’evento è stato in realtà un investimento in amicizia. Un’istituzione di Melbourne da 16 anni, la Melburn-Roobaix è un’alley-cat non competitiva in cui le persone si vestono in costume, guidano le loro migliori (o peggiori) biciclette, sferragliano lungo i vicoli acciottolati ed esplorano la nostra vasta città. L’edizione 2022 è stata, a causa del COVID, la prima dal 2019, e mi è sembrato che tutti quelli che conoscevo in bicicletta stessero facendo il conto alla rovescia per la maggior parte dell’anno. È stata la prima volta che ho pedalato con molti di questi amici dal ultimo Melburn-Roobaix, e quest’anno che ha portato sia gioia supplementare che commozione. Amici con figli che non ho mai conosciuto, nuove relazioni, relazioni interrotte. Piccole e grandi cose.

Ha piovuto a dirotto per tutto il giorno e tutti sembravano sporchi quando siamo arrivati al Velodromo di Brunswick per un giro celebrativo. Cambierei qualcosa? No, a parte il fatto di voler pedalare più spesso con i miei amici.

Per saperne di più: vedi Fyxo.co

PREZZO DI LISTINO: ~AU$95/senza prezzo

Barra Ritchey EvoMax

Con questo sono tre i cinque anni in cui inserisco un manubrio Ritchey nell’elenco, quindi mi scuso se la cosa sta diventando un po’ formulaica. Nel 2019 è stato il Ritchey EvoCurve, un manubrio da strada con una sezione superiore ampia e confortevole. Nel 2020 è stata la volta del Ritchey Butano: sezione superiore simile, flare di 12 gradi, attualmente su un paio di biciclette personali. Essendomi abituato a quella svasatura e all’angolo di cambio che offre, ero alla ricerca di qualcosa di nuovo quando ho ricostruito la mia Road Logic. Per gentile concessione di Facebook Marketplace, ho trovato queste barre Ritchey EvoMax Comp per 30 dollari. Sebbene non siano più in produzione da qualche anno, sono un predecessore leggermente più stradale del Butano, che unisce molte delle forme che mi piacciono in un manubrio molto confortevole.

Ritchey continua ad avere la meglio su di me in fatto di manubri, anche quando si tratta di manubri che non sono più in catalogo da quattro anni.

Per saperne di più: vedi RitcheyLogic.com

Prezzo: Questo modello non è più disponibile e non so quanto costasse; non molto, visto che fa parte della linea base Comp del marchio.

Chiavi esagonali Wera

Penso che nello staff di CyclingTips tutti impariamo qualcosa gli uni dagli altri, che si tratti di una fandom di Taylor Swift apparentemente diffusa in tutta l’azienda o di non riferirsi mai ad Alexander Kristoff come “lo stallone di Stavanger”. Da Dave ho imparato ad apprezzare gli strumenti migliori. Verso lo scorso Natale, frustrato, ho chiesto consiglio sul perché continuavo ad arrotondare le teste delle viti esagonali; pensavo che le mie chiavi esagonali Park Tool fossero a posto e che avessi imparato la lezione da quelle più economiche che avevo avuto prima di loro. Si è scoperto che non avevo sognato abbastanza.

Dave mi ha suggerito alcune marche che non avevo mai sentito nominare e alla fine ho scelto un set di chiavi Wera. Costano più di quanto pensassi di spendere per un set di chiavi esagonali, ma si ottiene quello per cui si paga: hanno un fissaggio sicuro e rassicurante, hanno un profilo che aumenta la superficie di contatto con la testa della vite e si ha la sensazione di lavorare su una bicicletta con strumenti di qualità anziché fare lentamente danni.

Per saperne di più: vedi Wera.de

Prezzo: AU$80 circa

Burgh bartape

In qualità di cronico fanatico dei nastri per manubri, il prezzo sempre più alto del nastro per manubri mi lascia un po’ interdetto. Dai tempi felici dei <$20 Fizik su Wiggle, ho provato una serie di opzioni all’estremità più economica dello spettro: da AliExpress, Bontrager e nastro di sughero di base di diversi marchi. Sono stati beneMa mi sentivo stravagante con la ricostruzione di Road Logic, così ho speso un bel set di nastri della ditta Burgh della Tasmania.

Purtroppo, è solo meglio. La grafica aggiunge un po’ di fascino, si avvolge bene, ha dei bei tappi finali espandibili in metallo e, per una volta, il nastro di finitura incluso non è completamente inutile. Come volare in business class, ha rovinato l’economia per me in futuro. Hai vinto, Burgh.

Per saperne di più: vedi Burgh.cc

Prezzo: AU$54.95

Una grande scatola di gesso

Se ho imparato qualcosa dall’essere papà di due figlie, è che è difficile essere una sorella maggiore. Tutte quelle attenzioni di prima, divise. Una sorellina nel tuo spazio, che afferra le cose, le rompe. Oltre a tutto l’amore e l’orgoglio di sorella e alla protezione che si prova, a volte ci si sente molto tristi e a volte molto arrabbiati.

Ora, voi – un’ipotetica bambina di sei anni – potreste sentirvi inclini a rilassarvi e a guardare la TV, ma ciò che davvero risolve le cose è andare a correre o a fare un giro, o fare qualcosa di creativo. L’altro giorno è stato un buon giorno: una grande corsa in bicicletta per comprare una grande scatola di gesso.

Questa scatola di gessetti non è un gessetto qualunque, caro lettore. Ci sono 64 colori. Alcuni sono marmorizzati. Alcuni hanno i brillantini. Tutti sono spessi e robusti, resistenti ai denti di un bambino di due anni. Costa 12 dollari o giù di lì da Bunnings e ha regalato ore di tranquillità domestica, collaborazione e connessione. Indipendentemente dalla vostra età o dall’età dei vostri figli – o anche dal fatto che ne abbiate – penso che la vita potrebbe essere un viaggio più consapevole se più persone andassero a comprare una grande scatola di gessetti.

Per saperne di più: presso il vostro amichevole commerciante di gesso di quartiere. Se puoi sognarlo, puoi realizzarlo.

Barretta di bambù Passchier Gump

Adoro il nostro trike da carico per la famiglia, ma dà priorità a cose diverse rispetto a tutte le altre mie biciclette. Questo va benissimo e non è un’offesa per i bravi ragazzi di TrioBike: quando si costruisce una macchina che può trasportare un paio di bambini e una settimana intera di spesa, si realizza qualcosa di robusto e affidabile. Ma se si prende una buca, la si sente.

Un sollievo per i polsi è arrivato con questo manubrio di fabbricazione neozelandese realizzato in bambù laminato. Offrono un incredibile comfort aggiuntivo, con una flessione percepibile quando si spinge forte, e sospetto che filtrino silenziosamente anche molte microvibrazioni. La larghezza di 760 mm offre anche un’ottima leva per affrontare le curve più strette. Dubito che esistano molte bici da carico al mondo con un manubrio da bikepacking in bambù e dubito che Passchier avesse in mente questa applicazione quando l’ha progettata, ma è una bella sinergia.

Si noti che non si tratta di un’esaltazione senza riserve: Dave ha riscontrato delle crepe sul suo esemplare, il che è degno di nota. Ma io non ho avuto problemi di questo tipo, e su un trike da carico si guida in modo piuttosto passivo – senza alzarsi dalla sella, senza brusche accelerazioni – quindi sono stato in grado di mettere da parte le mie preoccupazioni, e di conseguenza ho mani più felici.

Per saperne di più: passchier.co.nz

Prezzo: AU$295 / US$250

Gruppo Sensah SRX Pro

Per citare Conor Oberst, “Continuo a fare queste liste di cose da fare, ma niente viene cancellato”. Una di queste cose sulla mia lista di cose da fare è scrivere finalmente una recensione adeguata del gruppo Sensah SRX Pro. Nel frattempo, mostrerò la mia mano – è piuttosto buona!

Sensah è un produttore cinese che si colloca nella fascia di prezzo più bassa, vendendo prodotti (almeno in occidente) attraverso canali come AliExpress o ribattezzandoli per clienti OEM come State Bicycle Co. I loro cambi sono un ibrido brevettato di Shimano e SRAM – a doppio scatto, ma in una forma estremamente simile a Shimano di ultima generazione. Come azienda, non so molto di loro, né della loro copertura di garanzia o altro, e i tentativi di contattarli si sono rivelati infruttuosi. Quindi bisogna fare un po’ di tentativi al buio. Il motivo? È economico. Così economico.

Ora, ero pienamente preparato a pensare che questo prodotto fosse terribile. Dopotutto, costa 186 dollari – per il cambio, il deragliatore posteriore, la cassetta e la catena, compresa la spedizione. E, a dire il vero, la finitura e le prestazioni sono un po’ peggiori di quelle dei suoi grandi rivali (anche se non così tanto come si potrebbe pensare). Tuttavia, questo non significa che non ci sia un posto per questa bici: ci sono molti ciclisti al mondo che vogliono qualcosa di abbastanza competente che non distrugga il salvadanaio.

L’ho installato sul mio fidato CAADX (ancora a pezzi) più di 18 mesi fa, e da allora va alla grande. Senza riserve, è un buon gruppo. A questo prezzo, è un ottimo gruppo.

Per saperne di più: AliExpress.com

Prezzo: Varia a seconda della configurazione, della posizione e del venditore.

Cassandra Jenkins – Una panoramica sulla natura fenomenale

Foto: Ba Da Bing records

Ci sono album che sono compagni regolari, che diventano parte del tessuto della vostra vita per sempre. Altri sono più transitori: sono presenti come conforto quando se ne ha bisogno piuttosto che in rotazione regolare. Questo non sminuisce il loro valore, anzi, a volte sono più significativi proprio per questo. L’eccezionale ultimo album di Cassandra Jenkins, pubblicato all’inizio del 2021, è uno di questi.

È difficile classificarlo, ma “ambient folk” è probabilmente un buon descrittore. È stata la canzone “Hard Drive” ad attirarmi per prima: strofe con parole parlate e un ritornello cantato, una narrazione avvincente su chitarre e sassofono, con una meditazione alla fine. Inizialmente il mio punto di riferimento più vicino (non molto vicino) erano gli Arab Strap, ma è una bestia molto più speranzosa di quanto non siano mai stati loro – così calda e rasserenante che ogni volta che i miei nervi sono andati in tilt, è stato un punto di riferimento.

Si tratta di un album snello, più che altro un EP – sei canzoni straordinarie accompagnate da una strumentazione ambientale – ma per qualche settimana all’inizio dell’anno non ho ascoltato quasi nient’altro. Quando lo metto su, mi ritrovo a cavalcare tra le antiche colline della penisola di Fleurieu o a passeggiare d’estate lungo la spiaggia e i canyon. Un momento in cui mi stavo preparando a un dolore futuro, ma sentivo che con questo album sarebbe potuto andare tutto bene.

Per saperne di più: su CassandraJenkins.com.

Prezzo: Varia a seconda che si tratti di vinile, CD o streaming. Sostenete la musica dal vivo; acquistate il merch.

Come da tradizione (2021, 2020, 2019), e in ordine sparso, le band e gli artisti con cui ho passato più tempo quest’anno:

  • Tristezza
  • Messa di Blanck
  • Jóhann Jóhannson
  • The Weeknd
  • Olhava
  • Taylor Swift
  • Mostrami un dinosauro
  • Ben Frost
  • Cascate di Rauros
  • Gli anni delle meraviglie

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *