Manubrio Aerocoach Ornix 32cm: Non è una questione di barre

Valuta post

Il marchio britannico Aerocoach ha presentato i suoi nuovi manubri aerodinamici da strada e, cosa sorprendente, gran parte del clamore non riguarda i manubri. In un periodo in cui i guadagni aerodinamici sono più che mai marginali e molti progetti aerodinamici offrono al massimo un risparmio di potenza a una sola cifra, Aerocoach sostiene che non è importante quanto siano aerodinamiche le sue barre, ma piuttosto come le usa il ciclista.

Secondo la maggior parte delle stime, il contributo del ciclista alla resistenza aerodinamica totale si aggira intorno all’80%. Di conseguenza, qualsiasi miglioramento marginale della moto è ancora più marginale se considerato come percentuale del sistema completo. Questo non significa che i componenti aerodinamici non offrano alcun vantaggio, anzi, e Aerocoach ha fornito alcuni dati sul confronto tra i suoi nuovi manubri e gli altri manubri aerodinamici, ma il marchio tiene a sottolineare che il maggior vantaggio dei manubri sta nella posizione aerodinamica che aiutano il ciclista ad assumere.

Parlando con CyclingTips, Xavier Disley di Aerocoach ha sottolineato che tutti i test aerodinamici condotti dal marchio sulle biciclette da strada sono stati fondamentali per capire quali sono le esigenze dei ciclisti in un manubrio. “Sebbene il manubrio sia aerodinamico e abbia dei bei profili aerodinamici”, ha spiegato Disley, “è quello che fa alla posizione del corpo che dà il vantaggio maggiore”.

Non si tratta tanto del manubrio, quanto della posizione del ciclista rispetto al manubrio.

Dr. Xavier Disley, Aerocoach

I manubri sono certamente stretti, ma con una larghezza di 325 mm in corrispondenza dei cappucci e una leggera svasatura a 375 mm (c-c) in corrispondenza delle gocce, superano la regola dell’UCI che prevede una larghezza minima del manubrio di 350 mm. Tenendo conto di questo requisito UCI, Aerocoach offre l’Ornix in una sola misura, il che ha senso, dato che se fosse più stretto sarebbe illegale e se fosse più largo potrebbe vanificare lo scopo. Ma la larghezza del manubrio è solo una parte del quadro dell’Ornix.

Disley descrive i manubri in carbonio come “manubri puramente da corsa”, “senza compromessi per le lunghe escursioni”. In primo luogo, i progettisti hanno esteso il raggio d’azione a 91 mm rispetto ai tipici 80 mm di molti manubri. Questo è stato possibile spostando la parte superiore in avanti, con l’ulteriore vantaggio di fornire maggiore spazio per i polsi dei ciclisti in posizione di sprint.

Questa maggiore distanza è fondamentale con un manubrio stretto. Come spiega Disley, se la barra è più stretta senza aumentare il raggio d’azione, il ciclista si siederà più eretto e potrebbe diventare più lento.

C’è anche un rinforzo sulla parte anteriore per migliorare la rigidità complessiva, un aspetto che secondo Disley è fondamentale per la gestione delle bici da sprint ad alta velocità.

Volevamo offrire alle persone un manubrio che permettesse loro di fare tutte le cose che normalmente fanno in uno scenario di gara.

Ma Aerocoach non si è concentrata solo sui guadagni aerodinamici e sui numeri di rigidità: i manubri sono stati progettati pensando anche alla facilità d’uso e alla funzionalità. Disley spiega che il design più stretto dovrebbe eliminare la necessità per i ciclisti di angolare aggressivamente le leve verso l’interno per favorire l’adozione di una posizione aerodinamica. Sebbene i ciclisti possano ottenere una posizione più aerodinamica con le leve inclinate in questo modo, egli ritiene che tali configurazioni siano estremamente pericolose in quanto limitano l’accesso e il controllo delle leve dei freni. Il team Aerocoach ha progettato specificamente la sezione superiore delle gocce Ornix per nascondere le leve dei freni nella posizione più tradizionale e diritta. Allo stesso tempo, la larghezza ridotta consente ai ciclisti di ottenere gli stessi vantaggi aerodinamici.

Scopri anche:   Le ruote leggere Miche K1 Evo per mountain bike XC diventano larghe
Aerocoach ha optato per un manubrio indipendente piuttosto che per un design integrato di manubrio e attacco manubrio, in quanto una configurazione in un unico pezzo compatibile con la vasta gamma di configurazioni integrate per il passaggio dei cavi dei produttori di telai sarebbe stata “quasi impossibile”.

Il manubrio aiuta i ciclisti ad adottare e mantenere una posizione di stacco a braccia parallele per periodi prolungati. Anche la parte anteriore superiore del manubrio presenta una curva progettata per facilitare l’accesso ai pulsanti dell’unità principale Garmin.

Parlando con Disley, appare chiaro quanto sia stato pensato ogni aspetto del manubrio, un livello di design dettagliato che, ha spiegato, è possibile solo grazie al gruppo di ciclisti con una mentalità simile a quella dei corridori che lavorano in Aerocoach.

Ma visto che ultimamente si parla tanto di scia e di generatori di vortici, ho voluto chiedere a Disley perché, almeno nella pagina web dei manubri Ornix, Aerocoach non ha fatto affermazioni simili. In modo piuttosto rinfrescante, Disley ha spiegato che, sebbene le barre siano specificamente sagomate e strutturate per aiutare a manipolare il flusso d’aria, e nonostante i vantaggi che questo offre, Aerocoach ha deciso di non fare alcuna affermazione di questo tipo in questo momento. “Preferiamo che la gente capisca che il ciclista è la parte più importante della resistenza aerodinamica piuttosto che aggiungere cavilli su mezzo watt qui e un watt là”, ha spiegato Disley prima di continuare, “i miglioramenti principali derivano dal fatto che il ciclista si trova in una posizione migliore e più comoda. Vi parleremo più avanti dell’aerodinamica”.

Anche se qualcuno usa i nostri dati sul sito web per andare a comprare un manubrio per bambini a basso costo per renderlo più aerodinamico in una posizione più lunga e stretta, allora abbiamo fatto il nostro lavoro.

Ho chiesto a Disley se, per tutta la riflessione e la progettazione che è stata fatta sui manubri, Aerocoach avesse sacrificato qualche guadagno mantenendo una caduta così profonda e rotonda. La sua risposta è un’altra indicazione della filosofia di progettazione pratica e completa. Egli sottolinea innanzitutto la capacità delle leve dei freni di nascondere le gocce, come già detto, suggerendo che la penalizzazione aerodinamica è minore di quanto possa sembrare. Ma ammette anche che, mentre una forma aerodinamica migliorata come quella presente sul manubrio da pista Lann del marchio potrebbe essere più veloce, i compromessi per trovare una soluzione per il fissaggio dei cambi da strada a un design del genere sono solo più fastidiosi e potenzialmente problematici per l’utente finale.

Scopri anche:   Il miglior portabici per SUV

Se c’è un’altra cosa che l’Ornix non è, oltre ai manubri da turismo, è la leggerezza. Come dice lo stesso Disley, non si tratta di manubri per scalatori, con un peso dichiarato di 355 grammi. Alla domanda se i manubri potessero essere più leggeri, un’ipotesi naturale visto che le barre strette sono meno, Disley ha spiegato che rendere i manubri più leggeri avrebbe compromesso la rigidità e potenzialmente la sicurezza, visto il rinforzo necessario per l’intricato design lungo la parte superiore.

Dato che di recente sono venuto a conoscenza dei manubri stampati in 3D che Chris Froome ha utilizzato al Tour de France nel 2018, ho chiesto a Disley se la stampa 3D potesse garantire gli stessi vantaggi in termini di aerodinamicità e rigidità in un pacchetto leggero e sicuro. La risposta è stata “assolutamente”, ma a un prezzo sei volte superiore, l’Ornix stampato in 3D rimarrà al massimo un’offerta su ordinazione.

Per quanto riguarda il prezzo, Disley suggerisce che a 350 sterline l’Ornix, pur non essendo economico, offre maggiori risparmi aerodinamici rispetto a ruote e componenti aerodinamici più costosi. Disley suggerisce che anche l’Ornix stampato in 3D da duemila sterline o più potrebbe offrire un rapporto migliore di risparmio di sterline e watt rispetto ad alcune offerte, ma dato il piccolo risparmio di peso, non vede il vantaggio di spendere il denaro extra per la maggior parte dei ciclisti.

Infine, l’elefante nella stanza: come si comportano effettivamente i manubri lunghi e stretti? Non abbiamo ancora messo le mani sull’Ornix, quindi non possiamo ancora rispondere a questa domanda. Aerocoach ne sta inviando un paio per la recensione, ma Disley spiega che, nonostante l’aspetto diverso dei manubri, “non è qualcosa a cui bisogna abituarsi per mesi. Dopo qualche giro, ci si sente normali”, e la mia esperienza con altri manubri stretti è in linea con le affermazioni di Disley.

Aerocoach offre anche un supporto regolabile per l’unità anteriore.
Luca
Luca Sarletti

Sono un appassionato di bici che ha praticato quasi tutti i tipi di ciclismo. Ama il vento tra i capelli, il sole sulle spalle e forse anche gli insetti tra i denti. No, sto scherzando su quest'ultimo punto. Non vado matto nemmeno per le ustioni da strada, ma riconosco che per avere il meglio bisogna fare qualche occasionale capitombolo. Sento che la mia bici è il mezzo su cui può rilassarmi, lasciare i problemi sulla strada, incontrare nuove persone, andare in posti nuovi e vivere una vita avventurosa. Sono pronto a condividere il viaggio con voi.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *