Pedalare

5 consigli per pedalare agevolmente su terreni ripidi con una city bike

Valuta post

Come suggerisce il nome, una city bike è pensata per la guida in città. Naturalmente, il suo uso non è limitato solo all’uso urbano poiché è del tutto possibile praticarlo in altre circostanze. Che si tratti di una strada o di una strada di campagna, queste biciclette sono fatte anche per. A patto di evitare superfici eccessivamente aderenti come ad esempio il fango. Anche la city bike non è una fan dei cosiddetti terreni ripidi. L’assenza di sospensioni o anche le ruote sottili sono qui simili agli handicap che possono rallentarti nella migliore delle ipotesi, nel peggiore causare forature o addirittura cadute. Anche se la city bike sarà la tua alleata perfetta per i tuoi viaggi in un ambiente meno ostile, rimane fondamentale adattare una guida attenta su strade più eterogenee. Ecco cinque consigli da applicare in questo caso.

1. Rimani concentrato sulla strada

Una city bike non è in grado di gestire terreni accidentati come un ciclocross o una mountain bike. Dovrete quindi evitare buche, grossi sassi e ghiaia. Il modo migliore per farlo è tenere d’occhio la strada per trovare la direzione più sicura possibile. Ricorda un principio chiave, i binari più trafficati sono generalmente i più sicuri.

2. Resta seduto

La scelta di stare in piedi o stare seduti su una city bike spetta a te. Tuttavia, quando la strada diventa sterrata, uscire di sella è molto più pericoloso. Per mantenere l’equilibrio, mantieni il peso sulla ruota posteriore il più possibile rimanendo seduto. Ciò renderà la tua bici più facile da maneggiare e impedirà alle ruote di slittare su tratti di strada sconnessi.

Scopri anche:   Esplorare la natura con i migliori alleati: i materiali indispensabili per l'outdoor education

3. Fai attenzione in discesa e in curva

Per stare dritti, devi prestare particolare attenzione in curva e in discesa. Ecco alcuni suggerimenti che dovresti sempre seguire:

    • Prendi sempre la direzione meno pericolosa
    • Non inclinare la moto (non siamo su un circuito di Moto GP)
    • Soprattutto, non usare il freno anteriore se devi frenare
    • Anticipa l’arrivo della curva riducendo la velocità prima di affrontarla e non durante

4. Controlla la tua velocità

Mentre mantenere un buon ritmo è consigliato per l’inerzia, le marce basse possono aiutarti a controllare meglio la bici e impedirti di sobbalzare sulla sella quando guidi su dossi o ghiaia.

5. Rilassa la parte superiore del corpo

La reazione normale quando senti che le ruote scivolano su superfici sconnesse è quella di stringere la presa sul manubrio. Tuttavia, ti renderà più probabile che tu cada. Invece, mantieni una presa libera sul manubrio e rilassa i muscoli delle braccia, delle spalle e del viso il più possibile. Questo ti impedirà di correggerti troppo in caso di problemi e non ti stancherai man mano che l’escursione procede.

Simone
Simone Rogini

Appassionato di avventura e sport all'aria aperta. La sua bicicletta, una Graziella modificata e fatta in casa. Una bicicletta versatile che, come il suo proprietario, trascende ogni tipo di attività. Viaggiatore di lungo corso (Parigi-Città del Capo, Great Divide, tour delle Dolomiti...), Simone può anche essere visto sulle strade della pianura Padana con i panni dell'avventuriero urbano. Giornalista e autore, su questo blog condivide le sue esperienze e il suo punto di vista sulle molteplici sfaccettature della cultura ciclistica.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *