rapha impact report

Rapha pubblica un ampio “rapporto sull’impatto” ambientale

Valuta post

Rapha ha annunciato di aver raggiunto alcuni obiettivi a favore del pianeta e delle persone nel 2022, ma afferma che il suo lavoro non è ancora finito.

Spedizione 100% a emissioni zero, 9.000 capi recuperati dalla discarica grazie a riparazioni gratuite da parte dei clienti e utilizzo del 99% di cotone biologico in tutta la gamma 2022: questi sono i tre obiettivi di sostenibilità che l’azienda di abbigliamento londinese ha raggiunto nel 2022.

Ma il marchio ha una lista più lunga di quella. E a dicembre ha reso pubblico quell’elenco, insieme a più di alcuni particolari, nel suo “Rapporto sull’impatto”.

relazione sull'impatto rapha
Immagine: Raffa

Il rapporto si suddivide in tre segmenti: Persone, Pianeta e Prodotto. In ciascuno di essi, Rapha esegue un’autoverifica delle proprie pratiche commerciali relative a pratiche di assunzione inclusive, scelte materiali, ecc.

Se vuoi sapere cosa sta facendo Rapha sotto i titoli dei giornali, vale la pena approfondire. Ad esempio, la gamma di prodotti in cotone organico al 99% del marchio è impressionante in sé e per sé, tuttavia il cotone rappresenta solo il 12,5% dei materiali totali. D’altra parte, il poliestere vergine a base di petrolio e non rinnovabile costituisce il 36,5%.

relazione sull'impatto rapha
Immagine: Raffa

Altri obiettivi dovrebbero aiutare Rapha a tenere il passo con il gruppo nel lungo periodo. Il marchio mira a eliminare i PFC dalla sua intera gamma DWR (idrorepellente a lunga durata) entro il 2025 e lancia quest’anno i suoi primi prodotti resistenti all’acqua senza PFC. Questo è avvenuto dopo che il principale fornitore Polartec ha abbandonato del tutto i PFAS chimici correlati nel 2021, GORE-TEX ha lanciato il suo trattamento DWR senza PFC e Patagonia è salita a bordo.

Altrove, Rapha ha ammesso di essere in ritardo nel raggiungere alcuni obiettivi. Ha scoperto che la sua confezione include solo il 27% di “materiali ecologici preferiti” al momento. Ma vuole che tale cifra sia del 100% entro il 2024, quindi i progressi attuali “non corrispondono [its] ambizioni”.

Scopri anche:   Come guarire velocemente dalle piaghe da sella e come evitarle
relazione sull'impatto rapha
Immagine: Raffa

E Rapha sta usando il controverso indice Higg per misurare le condizioni di lavoro nella sua catena di approvvigionamento. Il grafico a barre introduttivo che delinea i progressi sugli obiettivi critici mostra la voce “Fornitori che rivelano prestazioni sociali” al 76%, con un intento del 90% entro quest’anno. Successivamente, il rapporto specifica che Higg’s Facility Social & Labour Module e Facility & Environmental Module sono strumenti di misurazione.

Higg ha subito un danno alla sua reputazione a luglio, quando un’indagine del New York Times ha concluso che i suoi audit di sostenibilità hanno consentito il fast fashion e promosso i materiali plastici rispetto alle fibre naturali. L’articolo non ha affrontato le sue pratiche di controllo per il lavoro e le condizioni di lavoro. Tuttavia, ha affermato che “[o]Gli altri studi incorporati nell’indice Higg a volte hanno una portata relativamente ristretta, sollevando dubbi sulla loro ampia applicabilità a livello di settore.

Il rapporto completo è disponibile gratuitamente sul sito Web di Rapha.

Luca
Luca Sarletti

Sono un appassionato di bici che ha praticato quasi tutti i tipi di ciclismo. Ama il vento tra i capelli, il sole sulle spalle e forse anche gli insetti tra i denti. No, sto scherzando su quest'ultimo punto. Non vado matto nemmeno per le ustioni da strada, ma riconosco che per avere il meglio bisogna fare qualche occasionale capitombolo. Sento che la mia bici è il mezzo su cui può rilassarmi, lasciare i problemi sulla strada, incontrare nuove persone, andare in posti nuovi e vivere una vita avventurosa. Sono pronto a condividere il viaggio con voi.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *