Quali sono i benefici e i rischi?

Valuta post

Il metodo di allenamento del ciclismo a digiuno è principalmente un metodo che dovrai adattare al tuo metabolismo. Ogni ciclista reagirà in modo diverso durante una pedalata a digiuno, per questo bisogna sempre saper ascoltare il proprio corpo. Pedalare a stomaco vuoto è un tipo di allenamento che presenta benefici, ma anche rischi di cui dovresti essere pienamente consapevole. Inoltre non tutte le uscite o le tipologie di allenamento sono compatibili con la pedalata a stomaco vuoto.

Cos’è pedalare a stomaco vuoto?

Il digiuno si riferisce al non mangiare cibo durante la notte e al saltare i pasti prima della corsa, spesso la colazione. Durante questo lungo periodo, il corpo ha bassi livelli di glicogeno e attiva la perdita di grasso sfruttando potentemente le sue risorse.

Si prega di notare che il ciclismo a stomaco vuoto non deve essere confuso con il ciclismo mentre si è disidratati. Cibi liquidi come acqua, caffè o tè possono essere consumati durante il periodo di digiuno.

Quali sessioni di ciclismo fare a stomaco vuoto?

Pedalare a stomaco vuoto è sconsigliato a ciclisti nuovi o inesperti. Si consiglia inoltre vivamente di allenarsi a stomaco vuoto su home trainer per vedere le reazioni del corpo.

Lo scopo principale del ciclismo a digiuno è costringere il corpo a utilizzare le riserve di grasso. È quindi più difficile pedalare a stomaco vuoto perché il tuo corpo trarrà energia dalle tue riserve di grasso. Le sessioni di allenamento a stomaco vuoto devono quindi essere a bassa intensità e soprattutto in una durata limitata da 1h a 1h30 massimo. È importante non mettere troppa intensità, perché il tuo livello di glicogeno sarà molto basso e il corpo avrà difficoltà a fornire l’energia necessaria al corpo. La sessione ideale sarà un’uscita di resistenza di 1 ora su un circuito facile per lavorare sulla velocità senza forzare i watt.

Scopri anche:   Bola Cycling: la nuova frontiera del ciclismo su strada

Quali sono i vantaggi di pedalare a stomaco vuoto?

Ci sono molti vantaggi nel pedalare a stomaco vuoto. Innanzitutto, ci sono sessioni di ciclismo che ti permetteranno di perdere grasso, perché il corpo trarrà la sua energia direttamente da esso. È anche un ottimo modo per stimolare il metabolismo al mattino presto e favorire il recupero con una sessione a misura di corpo. Pedalare a stomaco vuoto aiuta anche ad abbassare i livelli di insulina e gli alti livelli di zucchero nel sangue. Questo migliorerà le tue prestazioni atletiche.

Quali sono i rischi di pedalare a stomaco vuoto?

Pedalare a stomaco vuoto non è privo di rischi, motivo per cui bisogna stare molto attenti con questo tipo di allenamento e non abusarne. Innanzitutto, potresti sperimentare una perdita di massa muscolare se non rispetti una bassa intensità durante l’allenamento. Se il corpo non può più ottenere energia dal tuo glicogeno o dalle tue riserve di grasso, utilizzerà direttamente la tua massa muscolare. Potresti quindi subire una perdita di potenza e dover guidare costantemente a bassa intensità con un ritmo di pedalata molto elevato. Infine, fai attenzione all’ipoglicemia, nota come desiderio di cibo, che potrebbe terminare il tuo giro in bicicletta a digiuno prima del previsto.

Andare in bicicletta a stomaco vuoto, come avrete capito, non si improvvisa e richiede un’ottima conoscenza del proprio corpo. Sebbene tu possa essere attratto dai suoi effetti brucia grassi, allenarti a stomaco vuoto può anche influire sulla tua potenza. Si tratta di una sessione da produrre entro scadenze abbastanza limitate per un ciclista amatoriale in modo da non incidere troppo sulla sua potenza e sui suoi livelli di intensità durante una sessione.

Scopri anche:   Pedalare o correre: quale attività fisica fa per te?
Simone
Simone Rogini

Appassionato di avventura e sport all'aria aperta. La sua bicicletta, una Graziella modificata e fatta in casa. Una bicicletta versatile che, come il suo proprietario, trascende ogni tipo di attività. Viaggiatore di lungo corso (Parigi-Città del Capo, Great Divide, tour delle Dolomiti...), Simone può anche essere visto sulle strade della pianura Padana con i panni dell'avventuriero urbano. Giornalista e autore, su questo blog condivide le sue esperienze e il suo punto di vista sulle molteplici sfaccettature della cultura ciclistica.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *