Quale velocità ipotizza Google Maps per andare in bicicletta?

Valuta post

Mi sono chiesta molte volte quale velocità assume Google Maps quando vado in bicicletta. Questo articolo è stato scritto per affrontare l’argomento.

La funzione di Google Maps associata alla velocità di percorrenza e alla determinazione della durata del viaggio è il Tempo stimato di arrivo (ETA).

Google Maps ipotizza l’ETA in base a un paio di medie raccolte. Alcune di queste medie sono i limiti di velocità nella regione monitorata, le velocità relative in bicicletta dei pendolari, i dati in tempo reale sul traffico e altro ancora.

Tutti questi dati vengono messi insieme per determinare il tempo necessario per arrivare a destinazione e calcolare il tempo di percorrenza in bicicletta.

Come fa Google Maps a stimare i tempi di percorrenza in bicicletta?

Per i ciclisti che fanno riferimento all’ETA di Google Maps e che utilizzano Fitbit per tracciare il percorso in bicicletta o gli orologi Garmin, verrà fornita la durata proposta per l’intera distanza da percorrere.

Se avete utilizzato la stima del tempo di percorrenza in bicicletta di Google in diverse occasioni, potreste notare che il tempo suggerito era in realtà troppo lungo. I ciclisti più esperti di solito coprono la distanza da percorrere in un tempo inferiore a quello indicato dall’ETA.

Quindi, Google Maps ipotizza una velocità media di 10 miglia all’ora quando si va in bicicletta da pendolari.

Disponibilità di indicazioni stradali per ciclisti

Le indicazioni stradali per ciclisti di Google Maps non sono sempre state disponibili in Europa fino ad ora. I primi Paesi a disporre di questo servizio di Google sono stati gli Stati Uniti e il Canada.

Questo servizio non è stato ancora perfezionato e potrebbe essere un po’ difficile trovare la posizione in cui si sta andando. Nella maggior parte dei casi, è necessario affidarsi all’esperienza personale e all’intuito per utilizzare il servizio di indicazioni stradali in bicicletta.

I percorsi ciclabili e le indicazioni ciclabili di Google Maps non sono molto precisi: questi percorsi sono soggetti a frequenti cambiamenti. A causa di questo fattore, per Google non è stato facile calibrare le indicazioni per le biciclette per ottenere risultati accurati. Ci è voluto un po’ di tempo prima che Google ottenesse le informazioni necessarie per implementare un sistema di indicazioni ciclabili affidabile.

Dovevano raccogliere dati sui percorsi sicuri, sui percorsi ciclabili più brevi e molto altro ancora. Alla fine, l’azienda ha sviluppato un sistema di indicazioni ciclistiche affidabile, in grado di assistere efficacemente i ciclisti.

È possibile utilizzare il servizio fornito per rimanere su percorsi ciclabili sicuri, utilizzare le corsie meno congestionate, stimare il tempo di arrivo e molto altro ancora.

Percorsi ciclabili

Come ci si aspettava, non verranno fornite indicazioni lungo le principali strade a scorrimento veloce che normalmente scoraggiano il movimento di una bicicletta BMX da ragazzo. I percorsi che vi verranno forniti saranno suggerimenti sulle strade e sulle corsie meno congestionate.

È logico che il sistema di Google Maps si concentri sul fornire i percorsi ciclistici più veloci e sicuri, soprattutto se si va in bicicletta in gravidanza. Il sistema è implementato in modo tale che non è necessario conoscere molto della zona prima di poter arrivare in sicurezza alla meta. L’interfaccia su schermo consente inoltre di osservare da vicino i dettagli dell’area mappata.

Questa caratteristica vi permetterà di capire meglio i percorsi e di stare alla larga da fattori sfavorevoli. Una grande caratteristica del sistema di indicazioni stradali di Google Maps è che fornisce agli utenti più di un percorso che conduce alla loro destinazione. In questo modo è possibile scegliere altri percorsi in base alle proprie preferenze.

Nuove caratteristiche

È stato fatto molto per creare il sistema di indicazioni stradali di Google Maps di cui godiamo oggi. Sono stati spesi molti soldi, tempo e diverse risorse umane.

Il software è stato creato in modo tale che la sua interfaccia su schermo sia facile da usare e da navigare.

Ci sono percorsi e tracciati colorati che aiutano gli utenti a identificare le corsie congestionate, le corsie più veloci e così via. Sentitevi liberi di personalizzare un percorso per voi; è una delle caratteristiche più sorprendenti del software, quindi dovreste assolutamente provarlo.

Domande frequenti

Google Maps va bene per il ciclismo?

Sì, Google Maps va bene per il ciclismo. Il software è stato gradualmente sviluppato nel corso degli anni per fornire ai ciclisti dati utili sui percorsi migliori.

È possibile ottenere dettagli sui percorsi meno congestionati, sui percorsi ciclabili più sicuri e molto altro ancora. Google ha impiegato molto per raggiungere questo obiettivo.

A che velocità Google Maps pensa che tu vada in bicicletta?

Per i ciclisti che seguono l’ETA di Google Maps, viene proposta una durata per l’intera distanza da percorrere.

Se avete usato il tempo stimato di Google in diverse occasioni, potreste notare che il tempo suggerito era effettivamente troppo lungo.

I ciclisti abbastanza esperti di solito coprono la distanza di viaggio in un tempo più breve rispetto all’ETA, perché Google Maps calcola che si sta pedalando a 10 miglia/ora.

Come si usa Google Maps per andare in bicicletta?

Ecco cosa dovresti fare:

  1. Scegliete l’opzione “Ottieni indicazioni”.
  2. L’indirizzo del luogo di partenza va in A.
  3. La destinazione va in B.
  4. Scegliere Bicicletta.
  5. Ottieni indicazioni.
  6. Scegliere un percorso.
  7. Personalizzare il percorso.

Conclusione

Credo che ora sappiate quale velocità assume Google Maps per le attività in bicicletta. Google Maps è una grande applicazione che oggi aiuta le persone di tutto il mondo.

Il software può essere utilizzato dai ciclisti per ottenere informazioni sui percorsi migliori e più sicuri. L’implementazione di questo sistema non è stata così semplice. Google ha impiegato molto tempo e denaro per realizzarlo con successo.

Sentitevi liberi di personalizzare i percorsi e di scegliere quelli che preferite tra i vari link disponibili per raggiungere la vostra destinazione. Ma assicuratevi di utilizzare sempre uno specchietto per ciclisti quando andate in bicicletta in città per una maggiore sicurezza.

Martina Voletti

Appassionata di ciclismo su strada e mountain bike, scrivo articoli sul ciclismo (notizie, allenamento, attrezzature, consigli e opinioni) per i nostri lettori. Sono anche una fotografa in erba e ogni volta che esco in bici, cerco di catturare i migliori scatti... con la macchina fotografica.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *