Pedala sul più antico dei classici

Valuta post

Vuoi confrontarti con la più antica delle classiche: Liegi-Bastogne-Liegi? Per un giorno, puoi percorrere la stessa distanza dei professionisti per scoprire la costa delle Ardenne! Di ritorno in una giornata nel cuore del cicloturismo Liegi-Bastogne-Liegi 155 km.

La Liège-Bastogne-Liège Challenge attira ciclisti di tutti i livelli, dai principianti ai ciclisti più esperti. Questa è un’opportunità unica per partecipare a una rinomata gara professionistica, scoprendo i magnifici paesaggi delle Ardenne belghe. Ogni anno si iscrivono non meno di 10.000 ciclisti ai 3 format offerti: la 250km; la 155km e la 80km. Le partenze sono libere entro fasce orarie definite in base alla tua distanza. Non c’è nessun problema di classificazione perché la strada non è chiusa al traffico e devi quindi garantire la tua sicurezza ma anche quella degli altri partecipanti o utenti della strada.

Il percorso di 155 km

La partenza è a Banneux, una cittadina belga alla periferia di Liegi. In realtà sulla sfida non vedrai mai Liegi che è riservata alle corse professionistiche. Tuttavia, questo punto di partenza è molto più facile da raggiungere senza traffico, il che è molto pratico.

Dalle 6.45 vengono date le prime partenze e ci sono ondate continue di ciclisti in partenza ogni 5 minuti in modo da rendere la strada più fluida. L’inizio del percorso è in discesa per poi salire per una decina di chilometri su percentuali facili tra il 2% e il 6%.

Con l’euforia della partenza, si parte velocissimi e la prima ora di corsa passa velocissima. Proprio come l’arrivo del primo ravito al chilometro 40. Sul percorso non sono ancora arrivate grosse difficoltà ma si intravedono già alcuni corridori che rimpiangono una partenza così veloce. Il resto del percorso diventa solo più impegnativo con le prime salite elencate che permettono di capire rapidamente la fama delle pareti delle Ardenne.

Nella versione da 155 km ecco l’elenco dei lati elencati:

  • Costa degli Awan
  • Lato Stockeu con una percentuale massima del 24%
  • lato dell’ascensore alto
  • Col du Rosier, lungo 4,4 km ma con una pendenza media del 5,8%
  • Costa di Desnie
  • Côte de la Redoute nel mezzo del trambusto dei camper
  • Costa dell’Hornay
  • Costa di Roche-aux-Faucons
  • Côte de Cortil 3,6 km al 6,4% per finire bene la sfida
Scopri anche:   Come pulire i dischi dei freni?

Ogni percorso passa ovviamente attraverso l’emblematica Côte de la Redoute e le sue percentuali estreme di circa il 19% su determinati passaggi. Tuttavia, è quello di Roche-Aux-Faucons in cui abbiamo potuto osservare i danni maggiori. La sua prima parte molto ripida intervallata da una piccola discesa per ripartire sul 6% e 8% fa male ai corpi dei vari partecipanti. La fine del percorso è abbastanza semplice con sequenze di discese e dossi ma senza grosse difficoltà prima di raggiungere Banneux per essere il traguardo ufficiale della Liegi-Bastogne-Liegi.

Scarica il file: Liegi_Bastogne_Liegi_Challenge155_.gpx

Ci piaceva

La qualità dell’organizzazione : Riteniamo la meccanica ben consolidata con partner e sponsor di prima scelta che permettono una perfetta organizzazione dell’evento! Tutte le informazioni necessarie per l’organizzazione della tua visita vengono inviate esplicitamente a ciascun partecipante prima della gara e lasciano pochissimo spazio alle zone grigie che potremmo conoscere su altre gare.

Il percorso : Anche se quest’ultimo non è l’esatta riproduzione di quello preso in prestito dai professionisti il ​​giorno successivo, l’organizzazione si assicura di riprodurre con la massima somiglianza per farvi davvero provare i brividi della Decana dei classici. Avrai diritto alle salite più leggendarie ma anche e soprattutto ai gruppi di tifosi già presenti il ​​giorno prima a bordo strada per incoraggiarti.

Il villaggio di partenza/arrivo: Aperto da venerdì, questa è l’area da cui iniziare il sabato. Puoi trovare tutto ciò di cui hai bisogno lì, dagli armadietti ai meccanici per la manutenzione della tua bici in caso di un problema dell’ultimo minuto. Il flusso dei partecipanti è gestito molto bene e non ti senti bloccato in un’area che non è così grande per 10.000 ciclisti.

L’atmosfera tra i partecipanti: Questa giornata rimane una festa ciclistica per i partecipanti e c’è un clima di fratellanza tra i partecipanti che non esiteranno a incoraggiarvi in ​​caso di passaggi difficili. L’atmosfera è molto calda e potrai trovare facilmente compagni di uscita per pedalare al tuo ritmo o magari sfidare te stesso. Nessun problema sui passaggi a staffetta, ovviamente sei un ciclista!

Scopri anche:   Pedalando all'estate: i migliori consigli per il ciclismo estivo

Ci è piaciuto di meno

La qualità delle strade belghe: È un’osservazione terribile scoprire la qualità molto mediocre e persino pericolosa delle strade belghe lungo tutto il percorso… C’è persino da chiedersi come la strada di un monumento del ciclismo possa essere così degradata e non rifatta più frequentemente. Aspettati un sacco di buche, solchi, differenze di superficie lungo il percorso. Queste strade diventano davvero pericolose nelle discese dove puoi prendere rapidamente velocità…

Mancanza di segnalatori agli incroci: Poiché la strada non è chiusa al traffico, abbiamo riscontrato che gli incroci potrebbero essere più sicuri per i ciclisti ma anche per gli automobilisti. Difficile da ingaggiare quando un flusso di ciclisti non si ferma mai e purtroppo alcuni automobilisti si fanno strada un po’ per il fastidio. Più segnalatori renderebbero più agevole il traffico e renderebbero più sicure queste aree di attraversamento.

Il flusso costante di ciclisti: Aspettatevi di vedere ciclisti tutto il tempo! E se non ci sei abituato, può diventare rapidamente stressante e innervosirti… A volte è anche problematico sorpassare partecipanti che non sono necessariamente abituati a tirare a destra o quando i gruppi più veloci ti sorpassano all’ultimo minuto.

Simone
Simone Rogini

Appassionato di avventura e sport all'aria aperta. La sua bicicletta, una Graziella modificata e fatta in casa. Una bicicletta versatile che, come il suo proprietario, trascende ogni tipo di attività. Viaggiatore di lungo corso (Parigi-Città del Capo, Great Divide, tour delle Dolomiti...), Simone può anche essere visto sulle strade della pianura Padana con i panni dell'avventuriero urbano. Giornalista e autore, su questo blog condivide le sue esperienze e il suo punto di vista sulle molteplici sfaccettature della cultura ciclistica.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *