l’obbligo di combattere il furto di biciclette

Valuta post

Dal 1 gennaio 2021, il governo francese ha emanato un provvedimento che prevede la marcatura obbligatoria delle nuove biciclette vendute. Questa legge nasce dal fatto che molti ciclisti sono vittime di furti di biciclette, soprattutto quelli che vivono in città. Successivamente, a luglio, tale obbligo viene imposto alle biciclette usate rivendute dai rivenditori di biciclette. Cos’è esattamente questa legge? Cos’è la marcatura della bicicletta? Come incidere la tua bici? Vi diamo tutti i dettagli in questo articolo.

Qual è il contrassegno di una bicicletta?

La marcatura delle biciclette è un processo previsto dalla legge sull’orientamento alla mobilità (LOM) al fine di contrastare l’occultamento, la rivendita illecita e soprattutto il furto delle biciclette. Usati o nuovi, questi veicoli a due ruote devono essere contrassegnati prima di essere venduti. Grazie alla marcatura della bicicletta, ha un numero univoco registrato nel database degli operatori autorizzati e nel fascicolo nazionale.

Per informazione, l’obbligo di incidere la tua bici non si applica ai privati. Inoltre, non è obbligatorio contrassegnare le biciclette messe in circolazione prima del 1 gennaio 2021. Tuttavia, per facilitare la restituzione ai proprietari in caso di furto della bicicletta, si consiglia vivamente di incidere la propria bicicletta.

Come contrassegnare una bicicletta?

Quando si contrassegna una bicicletta, a ciascuna bicicletta contrassegnata viene assegnato un numero di identificazione univoco. È composto da 10 caratteri alfanumerici. Posto sul telaio, detto numero deve essere ben leggibile in posizione di parcheggio, ma soprattutto inalterabile, come previsto dalla legge. Al momento dell’acquisto, tale numero viene quindi inserito in fattura mentre i recapiti del titolare vengono registrati nella banca dati nazionale.

Scopri anche:   Nukeproof Mega: La bicicletta che sta rivoluzionando il mondo del ciclismo

In effetti, la marcatura delle biciclette può essere effettuata in diversi modi:

– Applicazione di un’etichetta adesiva o di un adesivo resistente;

– Saldatura chimica con iniezione di resina;

– Incisione a micropercussione;

– Incapsulamento…

Come specificato sopra, è del tutto possibile contrassegnare una bicicletta messa in circolazione prima del 1 gennaio 2021. Pertanto, per incidere la tua bicicletta, devi rivolgerti a un operatore autorizzato. A lui spetterà la fissazione del numero identificativo e la registrazione nella FNUCI o schedario unico nazionale dei cicli individuati. Ti darà quindi una prova di identificazione. Dovrai quindi solo confermare i tuoi dati personali accedendo al tuo spazio personale. Il costo della marcatura della bicicletta è a carico del cliente, quindi fatturato in aggiunta al prezzo della bicicletta. Il suo importo è molto variabile (tra 10€ e 30€) a seconda del processo tecnico svolto.

Chi è autorizzato a contrassegnare una bicicletta?

L’incisione della tua bicicletta deve essere eseguita in buona e dovuta forma secondo i requisiti di legge e in conformità con il decreto del 25 novembre 2020 e il decreto del 31 dicembre 2020. Come l’APIC (Association de Promotion et d’ Identifications des Cycles) è incaricata della gestione della FNUCI, la marcatura delle biciclette è di competenza degli operatori di identificazione riconosciuti dallo Stato.

Intermediari tra il commerciante e la FNUCI, forniscono soluzioni di identificazione affidabili per incidere la tua bici e avere un database sicuro che comunica con la pratica nazionale. Convalidati dall’APIC e testati secondo le specifiche che regolano tutte le soluzioni di marcatura, tutti i loro processi garantiscono permanenza e inalterabilità.

Ad oggi, ci sono meno di una dozzina di operatori di identificazione del ciclo approvati dallo stato:

Operatori di identificazione Processi utilizzati Prezzi
Codice bicicletta — Marcatura a punti
— Marcatura dell’etichetta
Tra 5€ e 20€
Recobike — Marcatura mediante saldatura chimica brevettata € 26,90 con rimborso in caso di furto
ombrello Codice QR su un adesivo inciso al laser € 12,90
Fabbricazione Française du Cycle o MFC Processo non divulgato € 9,90
Auray Security — Bruciore al polso
— marcatura con etichette antimanomissione
€ 21,90 inclusa 1 anno di assicurazione contro il furto
Decathlon Etichetta permanente su vernice con QR Code — Gratuito per biciclette nuove
— 10€ per le bici usate
starway Marcatura colpendo Prezzo non comunicato

Quali biciclette sono interessate dalla marcatura di una bicicletta?

La marcatura della bicicletta è un dispositivo obbligatorio dal 1° gennaio 2021. Sono quindi interessati dalla suddetta marcatura:

Scopri anche:   Come pedalare in sicurezza: i migliori consigli per il ciclismo urbano

– Biciclette nuove acquistate da questa data, comprese sia bici elettriche che muscle bike;

– Biciclette usate acquistate dal 1 luglio 2021.

Non sono interessati da questo obbligo di contrassegno della bicicletta:

– biciclette per bambini con diametro della ruota inferiore o uguale a 16 pollici;

– Rimorchi per biciclette;

– Biciclette usate vendute tra privati;

– EDP o dispositivi di trasporto personale.

Il sistema è efficace?

È chiaro che in Francia il furto di biciclette è una piaga che spaventa i ciclisti urbani e riduce l’uso della bicicletta. Molte famiglie sono vittime, ma solo il 2-3% delle biciclette rubate viene restituito ai proprietari per mancanza di identificazione. Questo dispositivo di contrassegno per biciclette vuole quindi essere rassicurante per i consumatori e, naturalmente, per i ciclisti. Ma la presenza di questo numero identificativo inalterabile può davvero dissuadere i ladri dall’agire? Difficile rispondere per il momento, ma la situazione è piuttosto incoraggiante. D’altronde una cosa è certa, la restituzione delle biciclette rubate al proprietario è efficiente e molto più veloce.

Simone
Simone Rogini

Appassionato di avventura e sport all'aria aperta. La sua bicicletta, una Graziella modificata e fatta in casa. Una bicicletta versatile che, come il suo proprietario, trascende ogni tipo di attività. Viaggiatore di lungo corso (Parigi-Città del Capo, Great Divide, tour delle Dolomiti...), Simone può anche essere visto sulle strade della pianura Padana con i panni dell'avventuriero urbano. Giornalista e autore, su questo blog condivide le sue esperienze e il suo punto di vista sulle molteplici sfaccettature della cultura ciclistica.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *