Come correggere una mancata corrispondenza delle dimensioni delle gambe durante il ciclismo?

Il ciclismo è uno sport simmetrico, in quanto la posizione sulla bici incoraggia a pedalare con la stessa forza su entrambi i pedali. Con una buona coordinazione è possibile raggiungere un perfetto equilibrio tra la gamba sinistra e la gamba destra, distribuendo la forza per un movimento ottimale. Ma come si ottiene questo equilibrio perfetto se si ha una gamba più corta dell’altra? Questa è l’osservazione che ho fatto di recente quando ho scoperto questa patologia di cui soffro, e per la quale le soluzioni nel ciclismo non sono così facili da trovare…

È a livello delle prese che succede

Qualsiasi buon podologo che scopre di avere una gamba più corta dell’altra prescriverà plantari ortopedici per camminare o correre. Ma per il ciclismo queste suole ad altezza variabile non hanno assolutamente alcun interesse. In effetti, il collegamento tra le tue gambe e la tua bici passa attraverso la coppia pedale/tacchetta, che è l’unico punto in grado di correggere uno squilibrio della lunghezza delle gambe.

Essendo abituato da molto tempo ai pedali e alle tacchette Look, ho concentrato la mia ricerca sulla ricerca di un riser che avesse esattamente la stessa forma delle tacchette Look Keo, e ricavato da un materiale abbastanza rigido da non schiacciarsi. Essendo un tuttofare molto scarso e non sicuro del mio trasloco, ho contattato direttamente l’azienda Look, la quale mi ha detto che commercializza prolunghe di spessori con diversi spessori, da 1 mm a 5 mm.

L'estensione della tacchetta commercializzata da Look
L’estensione della tacchetta commercializzata da Look

Cercando un po’ su internet, è difficile trovare queste prolunghe per tacchette, che io stesso ho preso dal mio rivenditore di bici, ovviamente su ordinazione.
Per altri marchi, tra cui Shimano e Speedplay, i riser sono abbastanza facili da trovare sui siti dei commercianti di biciclette. Per Time, altro grande produttore di pedali, invece, non ho trovato nulla di convincente…

Se trovi quello che cerchi a seconda della marca dei tuoi pedali, fai attenzione allo spessore del riser che scegli. Generalmente il cuneo va alzato solo della metà dell’altezza da recuperare per pareggiare le due gambe. In altre parole, se si ha uno spazio di 5 mm in altezza tra le due gambe, è meglio alzare il cuneo solo di 2 o 3 mm.

Per il resto non mi avventuro in un resoconto in relazione ai miei sentimenti, perché questo è un sentimento molto personale. Tutto dipende dalla patologia e dalla causa dello spostamento delle gambe. Da parte mia, l’estensione del cuneo alla fine sarà stata inutile, sarà necessario passare attraverso la cabina della sala operatoria!

Ti piacerà anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *