Cicloturismo quale bici

Il cicloturismo va a gonfie vele. Con decine di migliaia di chilometri di piste ciclabili in Italia, i percorsi vanno dalla riviera romagnola, le rive del lago di Garda fino ad arrivare alle dolci colline toscane. Una bici da corsa ti porterà rapidamente in cima allo Stelvio, ma non molto lontano sulle strade di campagna. I cestini delle city bike, così pratici per il andare al lavoro, non ti permettono di trasportare una tenda. Quindi, come scegliere la tua bici da viaggio?

Conosci le tue esigenze per scegliere la bici giusta

Prima di studiare mappe e guide, prima di chiederti se devi portare con te uno o due libri, devi scegliere la tua compagna di viaggio: la tua bicicletta.

Quindi, telaio in alluminio o in acciaio? Freni a disco o a pattini? Bicicletta da strada o mountain bike? Per il tuo primo viaggio in bicicletta, non c’è bisogno di rompersi la testa. Qualsiasi bicicletta standard va bene, a patto che sia stata sottoposta a una corretta manutenzione. Ma ci sono ancora alcune cose imponderabili:

Quando viaggi in bicicletta, devi portare con te i tuoi effetti personali ovunque. La tua bici dovrà essere in grado di attraversare città e campi, di adattarsi a diversi fondi stradali (strade principali, strade di campagna, strade incassate o piste preparate) e di sostenere il peso dei tuoi bagagli.

I bagagli devono essere ben distribuiti tra la parte anteriore e quella posteriore e per questo devi poter installare dei solidi portabagagli.

Inoltre, anche su percorsi con poco dislivello, una bici carica è difficile da trasportare e una buona trasmissione con un’ampia gamma di marce è essenziale. Come si fa a trovare una bici affidabile, resistente e versatile che resista alle buche e riesca a superare le piccole strade?

Pensa in modo pratico

Se stai per partire per il tuo primo weekend e vuoi provare una vacanza in roaming, non c’è bisogno di indebitarsi. La soluzione più semplice è controllare la bici in garage (cambio, condizioni delle ruote, freni e posizione), oppure evitare la logistica del viaggio e noleggiare una bici sul posto.

Il noleggio di biciclette è un’attività in crescita e gli uffici turistici spesso elencano le agenzie che offrono questo tipo di servizio e altri ancora: noleggio di borse, consigli sui percorsi, ecc.

Se parti per una o due settimane, probabilmente avrai più cose da trasportare e borse più piene. Una bici da città sarà meno adatta per le lunghe distanze e meno confortevole nel lungo periodo. Forse è arrivato il momento di investire, dopotutto il ciclismo è il futuro. Per te, la compagna ideale sarebbe una mountain bike o una bici da fondo.

Se stai per partire per diversi mesi, probabilmente hai già un’idea della moto dei tuoi sogni…
Ma non dimenticare che partire per un viaggio in bicicletta significa anche pensare agli imprevisti. Quindi assicurati di conoscere un paio di consigli da meccanico prima di partire. Ad esempio, sai tutto sulle camere d’aria?

I diversi tipi di bici da viaggio

Le biciclette più versatili, come le VTC e le mountain bike, sono spesso le più diffuse (in rotolamento!) sulle piste ciclabili di Francia e Navarra. La ghiaia è molto di moda e la VAE sta guadagnando terreno.

La citybike

Questa è la bicicletta ideale per iniziare a pedalare. È il compromesso perfetto per essere a proprio agio su strade asfaltate e sentieri sterrati, senza doversi preoccupare troppo del manto stradale. Ci piace perché ti permette di pedalare con il petto più sollevato rispetto a una bici da corsa, una posizione più comoda per le lunghe uscite. Per quanto riguarda la distribuzione del peso nelle borse, siamo soddisfatti dei portapacchi anteriore e posteriore, che offrono un buon equilibrio. Sulle strade fangose e tra le pozzanghere, apprezziamo i suoi parafanghi. In poche parole, è la bicicletta del coltellino svizzero.

La citybike è una bicicletta diventata molto comune, alcuni modelli sono più adatti a un ambiente urbano, altri sono più sportivi, a seconda della larghezza degli pneumatici, della geometria del telaio (ma anche della presenza di una forcella telescopica, dell’escursione del deragliatore, ecc). È possibile trovare una citybike a prezzi accessibili – da 300 a 400 euro per l’entry level, e spesso si trovano buoni modelli di seconda mano per iniziare.

Nel mondo delle citybike, spicca un modello di stella: la randonneuse. Questa è una bici che viene venduta come se dovesse essere in strada… domani. I portapacchi e/o gli occhielli per agganciarli, così come i mozzi della dinamo, sono già installati. Senza dubbio uno dei migliori compromessi per un viaggio in bicicletta. Per una bici da turismo completamente equipaggiata, conta circa 1000 euro, più o meno a seconda degli accessori integrati o della marca (Fahrrad manufaktur, Ridge Back, Trek 500…).

D’altra parte, se hai in programma un percorso più impegnativo fuori dai sentieri battuti, che potrebbe scuoterti un po’, è meglio prendere una mountain bike.

La mountain bike

Con i suoi pneumatici più larghi e i ramponi, la mountain bike non è certo altrettanto veloce sulle strade asfaltate. D’altra parte, si adatta ai terreni sconnessi: non noterai più la ghiaia, i sassi e le radici degli alberi che traumatizzano la tua bici da corsa. Se prevedi di pedalare nella foresta o su strade impervie, come ad esempio una settimana sulla Grande Traversée du Massif Central, la mountain bike sospesa, che assorbe gli urti e le vibrazioni, è più comoda della VTC – è addirittura necessaria… Attenzione, prima di organizzare le borse, devi verificare se ci sono gli occhielli del portapacchi o se prevedi di fare bikepacking (borse che possono essere fissate direttamente al telaio, al manubrio e alla sella).

La bici da corsa

La bici da strada può essere adattata a un viaggio in bicicletta, spesso installando delle borse da bikepacking se non è possibile installare un portapacchi. Non è la bici più adatta per trasportare molte cose e il telaio non è fatto per i pneumatici larghi, ma puoi arrivarci prima. Come suggerisce il nome, la bici da strada è più adatta ai sentieri battuti – è meno appariscente sullo sterrato.

La gravel

La gravel bike è la bici da viaggio più trendy, puoi prenderla in giro, ma ha preso il meglio di tutte le bici… In origine, lo sterrato era una forma di ciclismo: in una sola pedalata, passa dalla strada alla strada secondaria a un buon ritmo. Come funziona? Con una sorta di bici da strada all-road, il cui manubrio è adattato ai terreni accidentati e i cui pneumatici sono un po’ più larghi, con tacchetti a cui aggrapparsi nelle curve ghiaiose e una striscia liscia al centro del pneumatico per tracciare l’asfalto. È una bici che si attiene allo spirito pionieristico dei ciclisti, ma nulla ti impedisce di montare dei portapacchi.

La eBike – Bicicletta ad assistenza elettrica

L’eBike è un argomento a sé stante. Adorato da alcuni, odiato da altri… pensa a introdurre il dibattito durante un pranzo in famiglia, il successo è garantito. L’eBike ha molti punti di forza. In primo luogo, motiva alcune persone che sono riluttanti ad andare in bicicletta. In secondo luogo, ci permette di pianificare viaggi più lunghi, con maggiori dislivelli: in breve, decuplica le nostre capacità. E ammettiamolo, l’accelerazione è esaltante. Quando si viaggia in bicicletta, il principale svantaggio dell’eBike è la gestione della batteria. È assolutamente necessario pianificare le tappe per essere sicuri di non rimanere senza corrente, e le pause devono essere abbastanza lunghe e in luoghi dotati di elettricità per poter ricaricare il tuo cuoricino. Pedalare con una batteria pesante e scarica è frustrante e difficile.

La nostra scelta sarebbe quindi la citybike o la gravel.

Adattare la tua bicicletta per i viaggi a lunga distanza

I modelli di bici hanno preso il sopravvento nelle discussioni al banco e i ciclisti esperti ne parlano con affetto, come i motociclisti parlano delle loro bici. La leggenda vuole che alcune persone diano un nome alle loro moto, o che addirittura parlino con loro nei momenti di difficoltà. Senza arrivare a tanto, una bicicletta può essere addomesticata. Impari a conoscere il suono dei suoi freni, lo sferragliare della sua ruota libera, ti abitui alla sua musichetta. Questa familiarità con la tua moto ti porta a voler capire l’origine del più piccolo rumore irregolare. Prima o poi vorrai smanettare, armeggiare, capire come funziona l’oggetto.

La scelta del telaio è la base: dopo tutto, è il telaio che ti sosterrà. Il telaio è la spina dorsale della tua bicicletta, l’anello di congiunzione tra la parte anteriore e quella posteriore, tutto poggia su di esso. Sebbene le cornici in bambù siano fiorite nelle vetrine dei caffè, la cornice classica è ancora un assemblaggio saldato di tubi metallici.

I telai in titanio o le forcelle in carbonio sono in voga, ma la maggior parte delle biciclette è costruita in acciaio o alluminio. Si tratta di materiali affidabili e durevoli. L’acciaio è considerato più pesante ma più resistente e assorbe meglio le vibrazioni rispetto all’alluminio.

È importante scegliere un telaio della misura giusta per il ciclista, altrimenti si rischia di assumere una posizione scorretta. I produttori possono avere standard diversi, quindi è importante controllare le tabelle delle taglie. Molte montature sono unisex, ma è possibile trovarne di specifiche per donne o uomini, quasi sempre indicate nel nome del modello.

Il telaio può assumere diverse “geometrie”, che determinano (in parte) l’utilizzo della bicicletta. Il telaio più classico è quello a diamante, utilizzato nel Tour de France. Un telaio aperto è quello in cui il tubo orizzontale è abbassato per facilitare la guida, come nelle mountain bike. Le mountain bike a volte hanno un telaio sospeso (maggiore flessibilità per la ruota posteriore, utile per i terreni accidentati). A seconda della scelta del telaio, sarà possibile installare una borsa per il telaio, una borsa per i tubi o un portaborraccia.

La forcella viene spesso venduta insieme al telaio, ma è possibile scegliere una forcella più leggera (carbonio, titanio) o una forcella a sospensione. Il manubrio della bicicletta è la tua sala di controllo: è composto da un manubrio e da un attacco manubrio. L’attacco manubrio collega il manubrio al telaio e la sua lunghezza e angolazione possono essere scelte per offrirti una posizione più comoda, variando l’altezza del manubrio. Il manubrio, la parte del manubrio su cui si appoggiano le mani, può assumere diverse forme.

Il flatbar è il più comune e consente un controllo preciso ed efficiente della bicicletta. Esistono diverse varianti, come il manubrio piatto curvo, che consente di assumere posizioni più rilassate, pratiche per il turismo. Per un maggiore comfort, il manubrio può essere dotato di impugnature ergonomiche, che non sono un lusso quando si fa turismo. I ciclisti da turismo che cercano il comfort amano i manubri multiposizione, spesso chiamati “manubri a farfalla” per la loro forma a 8 orizzontale. Quando si pedala per 50 km per diversi giorni di fila, è bene variare la posizione del manubrio per evitare formicolii alle mani o crampi. Non è raro trovare appendici da strada (se vuoi essere informato) sulle bici da viaggio, soprattutto con l’espansione del gravel riding (lo stile di tendenza, ricordi?). Il meglio se vuoi andare veloce e vuoi una posizione da gara, quindi flatbar o dropbar?

Scegli bene le ruote:

Contrariamente a quanto pensavo, quando ho una foratura non ho bisogno di “cambiare la ruota”. Posso almeno rattoppare la mia camera d’aria… Le ruote delle biciclette sono costituite da un mozzo, collegato al cerchio da raggi (di solito 36 raggi, ma alcune ruote molto solide ne hanno solo 24). A questa struttura vengono aggiunti una camera d’aria e degli pneumatici. Le ruote delle biciclette sono di varie dimensioni. In passato la misura standard era la ruota da 26 pollici, ma ora le ruote da 27,5, 28 e 29 pollici sono sempre più comuni. Quando diventi un fanatico della bicicletta, inizi a considerare le prestazioni delle ruote: più grande è la ruota, migliori sono le prestazioni. Più grande è la ruota, migliori sono le sue prestazioni. Le ruote da 29″ offrono le migliori prestazioni, quelle da 27,5″ sono le più versatili e quelle da 26″ sono le più leggere. Se questa non è la priorità per un primo viaggio in bicicletta, può essere un buon adattamento per un viaggio successivo.

Scegliere gli pneumatici giusti:

Quando si pedala per qualche giorno, il problema più comune è la foratura. È una seccatura doversi fermare, pulire l’interno del pneumatico, la parte inferiore del cerchio, cercare il piccolo foro, attaccare la toppa… Equipaggiandoti con pneumatici solidi o aggiungendo strisce antiforatura, puoi partire in tutta tranquillità. Si tratta di un piccolo investimento (la gamma Marathon di Schwalbe costa circa 40 euro per due pneumatici, ad esempio), ma vale il suo peso in noccioline. La scelta degli pneumatici: un modo semplice ed efficace per adattare la tua bicicletta. Con pneumatici più morbidi e stretti, una mountain bike può essere adattata per pedalare lungo la Loira. Pneumatici più larghi con tacchetti piccoli permettono alla mountain bike di avventurarsi fuori dai sentieri battuti. Dopotutto, gli pneumatici da ghiaia sono tutte queste cose…

Scegliere i freni:

Non tutte le bici hanno i freni (si pensi alle bici a scatto fisso), ma sono comunque necessari per il ciclista medio. Qualunque siano i tuoi freni, l’intensità della frenata dipende dalle condizioni della strada, dal tempo (pioggia, umidità) e dal peso del tuo carico! In passato, la maggior parte delle biciclette era dotata di freni a disco. Ma con la diversificazione del settore, molte biciclette sono ora vendute con freni a disco. I freni possono essere meccanici o idraulici e vengono attivati dalle leve dei freni sul manubrio. I freni a pattino frenano la ruota esercitando una pressione sul cerchio. In linea di massima, sono i più facili da regolare ed è facile cambiare i cuscinetti se sono usurati. Si tratta di una buona opzione per viaggiare in bicicletta: un sistema frenante efficiente, leggero, economico e di facile manutenzione. I freni a disco sono sicuramente i più efficienti, ma anche i più complessi: un disco di metallo è posizionato sul mozzo della ruota; quando si azionano le leve del freno, le pastiglie della pinza esercitano una pressione sul disco, rallentando la ruota. Sono freni più difficili da regolare e meno ovvi da riparare, ma ne vale la pena per la sensazione di frenata soddisfacente…

Non tutte le biciclette sono fatte per accogliere il sistema di freni a disco. La forcella e il telaio devono essere costruiti per accogliere le pinze e le ruote devono ospitare i dischi. Quindi, se sei tentato dalla frenata a disco, considera di controllare questi parametri. Sia per le pastiglie che per le ganasce dei freni, puoi adattare il materiale alle tue esigenze (pastiglie organiche, metalliche) – chiedi al tuo negozio di bici questi dettagli.Quando si azionano le leve di un freno meccanico, si tende un cavo che aziona il meccanismo della pinza e sfrega contro il cerchio o il disco.

I freni idraulici contengono olio nei tubi: premendo le leve dei freni, l’olio viene spinto nelle pinze, facendo sfregare le pastiglie contro il disco. Questo crea un effetto frenante molto potente. I freni meccanici sono molto più facili da mantenere rispetto ai freni idraulici, che devono essere azionati ad alta pressione e controllati regolarmente. Per un primo viaggio in bicicletta, i freni a ganascia meccanici sono una buona opzione in termini di costo, peso e manutenzione. Per una frenata più precisa e reattiva, non c’è altro che il freno a disco…

Una volta scelta la tua bici, devi organizzarti e per questo abbiamo la soluzione perfetta con il nostro articolo ricco di consigli su come organizzare i bagagli in bici!

Di Luca Sarletti

Sono un appassionato di bici che ha praticato quasi tutti i tipi di ciclismo. Ama il vento tra i capelli, il sole sulle spalle e forse anche gli insetti tra i denti. No, sto scherzando su quest'ultimo punto. Non vado matto nemmeno per le ustioni da strada, ma riconosco che per avere il meglio bisogna fare qualche occasionale capitombolo. Sento che la mia bici è il mezzo su cui può rilassarmi, lasciare i problemi sulla strada, incontrare nuove persone, andare in posti nuovi e vivere una vita avventurosa. Sono pronto a condividere il viaggio con voi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *