5 sfumature di Gravel

Dietro il nome “Gravel” si nascondono una moltitudine di pratiche e biciclette diverse. Una sola identità, molti volti! Siete confusi ? Per essere più chiari, vi presentiamo, in 5 ritratti, questo fenomeno che si adatta a tutti i terreni e seduce un numero crescente di ciclisti!

In origine, è il frutto di un “legame proibito” tra la mountain bike e il mondo della strada. Un curioso ibrido tra ciclocross e bici da viaggio. Progettata per correre sia su asfalto che su sterrato, la gravel ha la versatilità nel suo DNA. Pratica, robusta, sportiva nell’animo, per molti è addirittura l’incarnazione della bici multiuso. Grazie a questa nomea, quella che era solo una tendenza è diventata, nel giro di un decennio, un fenomeno che ha lasciato un segno duraturo nel mondo del ciclismo.

Oggi la gravel è ovunque. O, per meglio dire, le gravel. Perché questa bicicletta all-in-one ne ha fatti di tutti i tipi. I produttori hanno preso questo concetto entusiasmante e lo hanno trasformato in una moltitudine di mezzi sempre più specializzati. Dall’asfalto all’off-road, dal bikepacking all’elettrico, la gravel bike ha conquistato tutti i settori del mondo della bicicletta. Anche se questo crea un po’ di confusione. Per cercare di districare la matassa, abbiamo dipinto un ritratto di questa famiglia a tutto tondo in 5 atti.

La gravel da città

Un paradosso? Non proprio! Anche se è stata originariamente progettata per l’avventura e i grandi spazi aperti, la gravel bike si distingue soprattutto per la sua eccezionale capacità di adattamento. È a suo agio ovunque. Allora perché non nella giungla urbana? Ha, infatti, solide risorse per sedurre i seguaci del velotaf. Con la sua morfologia da corriere, è uno dei veicoli più agili e veloci della città! Efficiente, ma anche semplice e pratico.

La maggior parte dei modelli è dotata di occhielli per il montaggio di parafanghi per mantenere intatti gli abiti da lavoro. Il telaio può anche ospitare dei portapacchi per il trasporto di generi alimentari o attrezzature leggere. Il vostro tragitto verso il lavoro comprende alcuni attraversamenti di parchi e strade secondarie? Sarete nel vostro elemento su una bicicletta gravel. Un’argomentazione finale? Estetica! Cosa c’è di più bello sui boulevard di una Genesis Croix de Fer che sorpassa le auto!

Il suo DNA: 30% MTB/70% strada

La gravel da escursione

Pur essendo un efficiente strumento di trasporto urbano, la gravel bike è soprattutto un formidabile strumento per il tempo libero. Robusta e confortevole, è il compagno ideale per le gite di un giorno o per i viaggi più lunghi. I modelli più robusti sopportano il peso delle 4 borse laterali necessarie per un tour prolungato. Partire con la famiglia? È possibile fissare facilmente un rimorchio alla maggior parte delle gravel in alluminio o acciaio.

Generalmente dotate di pneumatici larghi (40 mm o più) e leggermente chiodati, queste biciclette si trovano a loro agio su tutti i tipi di terreno: asfalto, sentieri forestali, alzaie, sentieri agricoli, ecc.

Un altro vantaggio: i loro manubri. Il manubrio è curvo come quello di una bicicletta da strada, ma con una svasatura più pronunciata. Questo garantisce un’eccellente maneggevolezza. Questo tipo di manubrio consente inoltre di alleggerire mani, spalle e collo variando facilmente le posizioni. Utile nel tempo.

Una Genesis Croix de Fer, o il suo fratello minore, la Genesis CDA, ha tutte le caratteristiche necessarie per svolgere il ruolo di bici da turismo o da viaggio. Leggero, dinamico e divertente!

Il suo DNA: 50% mountain bike/50% strada

Gravel ad alte prestazioni

Lo spirito gravel è più legato all’avventura che alla competizione. Ma alcuni vogliono credere che i due approcci non siano incompatibili. Combinare le prestazioni fisiche con la scoperta di aree naturali eccezionali è il gioco di equilibri che un numero crescente di appassionati di gravel e cronometro sta compiendo. Sempre più eventi si sviluppano in questa direzione. La maggior parte di essi è aperta a tutti (Héraultaise, Gravel Trophy…), ma anche il livello più alto è coinvolto. L’anno scorso, l’Unione Ciclistica Internazionale (UCI) ha approvato l’organizzazione di una serie di gare su sterrato e persino l’organizzazione di un campionato mondiale della disciplina.

Nei peloton, i codici sono più vicini al mondo della strada. Maglie, pantaloncini e macchine in carbonio ultraleggere sono all’ordine del giorno. Si tratta di un segmento in rapida espansione, dato che la maggior parte dei produttori storici di biciclette da strada offre ora almeno un modello gravel orientato alle prestazioni.

Il suo DNA: 40% MTB/ 60% strada

La gravel ultra

Lo sviluppo della gravel è stato contemporaneo a quello degli eventi di ultra-ciclismo. Senza dubbio perché i due mondi sono fatti per andare d’accordo. Sebbene alcuni di questi eventi di lunga distanza siano vere e proprie gare, la maggior parte di essi assume la forma di sfide personali senza classifica. A causa delle loro dimensioni straordinarie (a volte diverse migliaia di chilometri), richiedono macchine affidabili, confortevoli e particolarmente resistenti. Queste sono le caratteristiche che possiedono le gravel. Per molti concorrenti, è la soluzione ideale per affrontare i chilometri nelle migliori condizioni. Su strada, perché no (es. Transcontinental Race), ma soprattutto su percorsi misti che mescolano asfalto, strade bianche e persino sentieri tecnici (es. Italy Divide). Generalmente dotate di numerosi punti di fissaggio, sul telaio o sulla forcella, le gravel facilitano anche il trasporto di bagagli minimalisti di tipo bikepacking.

Il suo DNA: varia a seconda del tipo di evento. Da 20% MTB/80% strada a 80% MTB/20% strada.

La gravel “pimpata”

Se lo sterrato è l’anello mancante tra la strada e la mountain bike, questa versione sovralimentata propende chiaramente per la seconda. Alcuni lo chiamano addirittura “gravel estremo” o “monstercross”. Soprannomi altisonanti che non hanno nulla a che fare con il caso. La caratteristica principale di questa moto da cross è rappresentata dai suoi pneumatici chiodati extra larghi, che a volte superano i 50 mm. Questa macchina, progettata per affrontare fango e sentieri, ha generalmente una geometria che la rende più facile da attraversare e guidare su terreni tecnici. Spesso ha anche una trasmissione monodisco con sviluppi che consentono di affrontare le salite più ripide su strada. Il Genesis Vagabond è il fiore all’occhiello di questa categoria.
A cosa sono destinati questi “mostri”? Un’avventura off-road, essenzialmente. Equipaggiati con borse da bikepacking, saranno i compagni perfetti per le spedizioni impegnative nei territori selvaggi.

Il suo DNA: 80% MTB/ 20% strada

Gravel sono disponibili anche in versione elettrica

Urban bike, cargo bike, mountain bike e persino bici da strada ultraleggere… L’intero mondo del ciclismo è sotto l’incantesimo della fata dell’elettricità. E la gravel non fa eccezione. Sono disponibili sul mercato modelli con assistenza elettrica. La soluzione ideale per chi desidera godersi le gioie dello sterrato tenendo “una mano in tasca”!

Di Luca Sarletti

Sono un appassionato di bici che ha praticato quasi tutti i tipi di ciclismo. Ama il vento tra i capelli, il sole sulle spalle e forse anche gli insetti tra i denti. No, sto scherzando su quest'ultimo punto. Non vado matto nemmeno per le ustioni da strada, ma riconosco che per avere il meglio bisogna fare qualche occasionale capitombolo. Sento che la mia bici è il mezzo su cui può rilassarmi, lasciare i problemi sulla strada, incontrare nuove persone, andare in posti nuovi e vivere una vita avventurosa. Sono pronto a condividere il viaggio con voi.

Un pensiero su “5 sfumature di Gravel: ritratto di una bicicletta polivalente”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *